Segui i nostri social

Sport

Pantelleria, regata di “San Fortunato” e Trofeo “Sora Luna” chiudono la stagione 2021 del Circolo Velico

Giuliana Raffaelli

Pubblicato

il

Due intense giornate di avvincenti competizioni sportive

Si è conclusa questo fine settimana, con due avvincenti regate di lance pantesche, la stagione velica 2021 organizzata dal Circolo Velico Isola di Pantelleria (CVIP). Una conclusione perfetta per una stagione velica vissuta intensamente da equipaggi e pubblico, che ha visto il suo inizio il 18 giugno con il Vela day. Tantissime le regate con protagonisti assoluti i giovani velisti dell’isola, su optimist e 420, che si sono confrontati, per la prima volta, con i coetanei siciliani al Campionato zonale “Trofeo del Comitato” di Favignana. E poi il varo di “nuove” lance (come Josephine e Valentina) e il restyling di “vecchie conoscenze” (come Vento d’Estate) che hanno arricchito la flotta delle storiche imbarcazioni annunciando una stagione velica ricca di emozioni e competizione. E così è stato. Una stagione lunga ed emozionante che ha visto il suo momento clou lo scorso fine settimana, in concomitanza delle celebrazioni del Santo Patrono dell’isola, San Fortunato.

La regata di San Fortunato.

Si è svolta sabato pomeriggio a largo di Bue Marino in un campo di regata di forma triangolare. Unica prova, come da bando, caratterizzata da vento leggero che ha messo in luce le capacità veliche delle flotte. E soprattutto ha nuovamente mostrato la forte conoscenza tecnica dell’equipaggio di Fico d’India.

La partenza è stata agguerrita. Uno spettacolo poterla osservare a bordo della barca comitato.

Nonostante il poco vento la gara si è svolta nei tempi limiti imposti dal bando, è stata regolare e in linea con le aspettative della stagione.

La lancia Fico d’India ha nuovamente vinto, arrivando alle 17.12 (dopo un’ora dallo start), seguita da Claire di Mirò, Valentina e Alba (arrivata alle 17.31).

A conclusione della regata le lance si sono avvicinate all’imboccatura del porto in attesa che la vedetta della Capitaneria uscisse a deporre in mare la corona di fiori in onore del Santo Patrono.

Il Trofeo “Sora Luna”.

Si è disputata ieri mattina nello specchio d’acqua di fronte all’Arenella. Visto il numero dispari di lance iscritte alla competizione, non è stato possibile disputare la prevista regata a squadre, che il Comitato di Giuria ha trasformato in un circuito di punteggio tradizionale, cioè a punteggio singolo.

La manifestazione prevedeva una sola prova ma date le ottima condizioni meteorologiche ne è stata proposta una seconda, accolta da tutti gli equipaggi con entusiasmo e spirito agonistico.

Il campo di regata, stavolta, è stato piuttosto tecnico: un percorso a trapezio con tre boline, due traversi e due poppe. Un percorso che ha creato un po’ di confusione all’inizio e messo sotto esame le capacità tecniche degli equipaggi, sia dal punto di vista della lettura del campo che della capacità di svolgimento dei percorsi nei modi previsti. Durante il primo giro della prima prova tutta la flotta, seguendo la barca in testa (Fico d’India), ha sbagliato percorso e si è diretta verso una boa errata. L’equivoco è stato fortunatamente recuperato e il percorso ripreso in modo regolare. Se così non fosse stato sarebbe stata violata la regola 28 del regolamento FIV  e la regata annullata.

La seconda prova si è svolta in modo regolare e senza errori.

Il Trofeo si è concluso con i punteggi che riportiamo di seguito.

Prima prova: Fico d’India 42 minuti, Samuele 43, Valentina sempre 43 a pochi metri di distanza, Claire de Mirò 44, Tucanae 45.

Seconda prova: Fico d’India 41 minuti, Claire de Mirò 42 (protesta contro Fico d’India), Samuele 43, Valentina 43 e Tucanae 49.

Discussione della protesta. Una volta riportate le lance a terra si è proceduto con la discussione della protesta presentata da Claire de Mirò nei confronti di Fico d’India. Domenico Giacalone, in qualità di comandante della lancia protestante, afferma “Protesto la lancia Fico d’India in quanto a circa un minuto dalla partenza questa ultima si trovava sopravento a Claire de Mirò e ci costringeva, in prossimità della barca giuria, a una poggiata penalizzandoci.” La risposta di Vito Ferreri, comandante di Fico d’India, è stata “Lui era dietro di me e quindi non ho visto che era ingaggiato sottovento.

I due regatanti hanno, quindi, riferito versioni discordanti dell’incidente, ma nessuno dei due ha potuto portare testimoni a favore. È obbligo del Giudice di gara considerare l’onore della prova e della dimostrazione alla barca protestante. Visto che non sono state presentate prove certe dell’ingaggio o del non ingaggio e date le informazioni contraddittorie, Marco Pantaleoni ha considerato le barche non ingaggiate. Secondo le regole 10 e 11 chi era dietro si doveva tenere discostato. La protesta non è stata quindi considerata valida e perciò respinta.

Tutto si è concluso con una stretta di mano tra Domenico e Vito.

La classifica finale del Trofeo “Sora Luna”, sponsorizzato dalla Cantina Basile, è quindi la seguente:

primo in classifica Fico d’India, seguito da Samuele, Claire de Mirò, Valentina e Tucanae.

La premiazione di entrambe le gare si è svolta ieri alla presenza dei membri del direttivo del CVIP e del giudice di gara Marco Pantaleoni, che ha “diretto” in modo impeccabile entrambe le regate. A lui va il sentito ringraziamento del presidente del CVIP Daniele Alongi. Nell’esprimere gratitudine verso tutti coloro che hanno sostenuto il Circolo in questo primo anno e mezzo di vita (tra cui le istituzioni dell’isola, purtroppo non presenti alla premiazione) Alongi ha detto “Ringraziamo tutti coloro che ci hanno aiutato quest’anno, armatori, equipaggi e tutti quelli che, instancabilmente, hanno lavorato e si sono prodigati per la riuscita di tutte le iniziative del Circolo. Ognuno di loro rappresenta un pezzettino molto importante dell’ingranaggio. Ringraziamo i collaboratori, la Giuria permanente locale, e Marco Pantaleoni. E le Istituzioni, dal Comune alla Guardia Costiera, che ci hanno supportato per tutta la stagione. Menzione speciale all’equipaggio di Tucanae, sempre presente con costanza e determinazione, grande gesto di sportività, un esempio per tutti”.

 

Anche noi salutiamo e ringraziamo il CVIP, gli armatori, gli equipaggi, tutti i nostri lettori e amici appassionati di vela. Ci mancheranno le calde domeniche estive di regata perché anche per noi, come afferma Giovanni Soldini, “La vela è la più bella avventura della vita”.

Ci rivediamo l’anno prossimo!

(Credit immagine: Giuliana Raffaelli)

Giuliana Raffaelli

Disclaimer

Questo contenuto è proprietà intellettuale della Nous Editore srls, senza tacito consenso ne è vietata ogni riproduzione, totale e parziale di testi e immagini, anche in forma di link

Laureata in Scienze Geologiche, ha acquisito il dottorato in Scienze della Terra all’Università di Urbino “Carlo Bo” con una tesi sui materiali lapidei utilizzati in architettura e sui loro problemi di conservazione. Si è poi specializzata nell’analisi dei materiali policristallini mediante tecniche di diffrazione di raggi X. Nel febbraio 2021 ha conseguito il Master in Giornalismo Scientifico all'Università Sapienza di Roma con lode e premio per la migliore tesi. La vocazione per la comunicazione della Scienza l’ha portata a partecipare a moltissime attività di divulgazione. Fino a quando è approdata sull’isola di Pantelleria. Per amore. Ed è stata una passione travolgente… per il blu del suo mare, per l’energia delle sue rocce, per l’ardore delle sue genti.

Cronaca

Dario Ferrante, “il vento di Pantelleria”: ottima prova anche alla mezza maratona Stramilano

Direttore

Pubblicato

il

Altra grande prova quella di stamattina per Dario Ferrante alla Stramilano: 21 km in un’ora e venti.

Davvero un grande risultato se si pensa, soprattutto, che quella di oggi segue alla stessa di ieri in quel del Lago Maggiore.

Due mezze maratone in due giorni.

Ferrante pensava alla Stramilano come una corsa da defaticamento e invece, nonostante il caldo micidiale dei 30° odierni nella capitale lombarda, è riuscita a portarla a compimento in una sola ora e 20 minuti e 30 secondi, con un passo che gli ha consentito di avanzare con un tempo di 4 minuti al chilometro.

Dopo il record di ieri che lo ha visto salire sul podio per il 2° posto per categoria e 7° assoluto, pensava di andare più adagio e invece è andato forte.

Lo abbiamo sentito felice e soddisfatto per la grande performance in due giorni che il suo giovane fisico gli ha consentito.

Sarà che sente la spinta del vento di Pantelleria, ma Dario Ferrante sta manifestando grandi doti atletiche in questa disciplina.

 

Leggi la notizia

Cronaca

Aggiornamenti – Pantelleria, Ferrante sul podio: 2° per categoria maratona Lago Maggiore – Video

Direttore

Pubblicato

il

Ieri sera, alle ore 21,00 circa, il podista di Pantelleria, Dario Ferrante si è aggiudicato il secondo posto nella sua categoria Seniores under 35.

Dopo la conquista del settimo posto assoluto anche questo risultato e la sua soddisfazione nell’annunciarlo era davvero tanta e coinvolgente.

In questo momento, il giovane atleta, classe ’99, sta riscaldando i muscoli delle gambe per affrontare la Stramilano, la mezza maratona meneghina, che lui vede come “defaticamento” dalla prova di ieri.

Infatti, la gara che ha visto come arena lo spettacolare Lago Maggiore, è stata molto sentita da Ferrante che ha dato il massimo, percorrendo l’itinerario in un’ora e 17 minuti, superando il suo record personale.

Seguiremo il ventiduenne maratoneta nella competizione Stramilano.

 

Leggi la notizia

Cronaca

Pantelleria, arriva 7° assoluto Ferrante alla mezza maratona a Lago Maggiore: superato record personale. Domani a Milano

Direttore

Pubblicato

il

Intervista 

Grande risultato per Dario Ferrante: settimo assoluto alla mezza maratona di Lago Maggiore.

Lo abbiamo intervistato per conoscere come si è svolta la gara e lui ancora con il fiatone e un filo di voce ci ha risposto: “Ho terminato il percorso con il tempo di un’ora e 17 minuti. Era veloce, molto bello, con qualche sali e scendi lieve. Il fisico era in forma e le gambe andavano: ho superato il record personale quindi sono contentissimo!

Saluto tutti gli amici di Pantelleria!”

Domani mattina alle ore 10, Dario gareggerà nella Stramilano, la mezza maratona meneghina, che userà come defaticamento, perchè oggi ha dato tutto e il suo corpo deve recuperare.

Ad majora

 

 

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza

© 2021 Il Giornale di Pantelleria - Un prodotto Noùs Editore Srls | Progettazione sito: Ferrigno Web Agency