Segui i nostri social

Cronaca

Pantelleria- Gadir, “Il Caldo si poteva aprire un mese fa” le parole del Parrinello – F O T O

Direttore

Pubblicato

-

A poche ore dalla riapertura della zona termale del Gadir, abbiamo svolto un sopralluogo fotografico, in compagnia del direttore uscente del Parco di Pantelleria, Dr. Antonio Parrinello.

Era atteso da tutti, anche turisti ignari, il momento di poter usufruire delle vasche del Caldo e da oggi possiamo tornare a godere di uno dei luoghi più ameni e suggestivi di tutta l’itera isola.

 

“Si poteva riaprire un mese fa, forse anche più” è il commento a bruciapelo del direttore.

“Con questo evento abbiamo assistito a qualcosa che non dovrebbe accadere e invece è accaduta. Bisognava mettere in sicurezza una zona tra le più belle dell’isola e che vi fosse questa necessità lo ha testimoniato una foto che è stata esposta sui social e recante un cartella con la scritta “Caduta massi”! Questo posto è stato molto pericoloso negli anni. Se è vero che finora non è mai accaduto nulla, non è detto che l’incidente non possa avvenire e non dobbiamo aspettare l’evento fatale per intervenire.

“Ieri sera, insieme alla strada del Lago è stato aperto Il Caldo del Gadir e questa riapertura si poteva fare tranquillamente, almeno un mese fa se non di più, se non fossero intervenute le denunce, chiusure di cantieri. Tutte cose che si risolveranno come bolle di sapone visto il lavoro dei nostri tecnici a partire dal direttore dei lavori Gaspare Inglese.

“Ora finalmente possiamo fruire del Gadir in tutto il suo splendore. Il pericolo sicuramente è stato eliminato sebbene mi risulti che si debba fare qualche piccolo intervento a monte, ma non si tratta di pericoli.”

“Una cosa normale l’abbiamo portata su tutta la stampa nazionale, segnalando lo stesso Ente Parco che non faceva il proprio mestiere di tutela dell’isola. Ma noi abbiamo dimostrato non solo di tutelare Pantelleria, ma anche rendere fruibile in sicurezza le acque calde del Gadir.”

 

Marina Cozzo è nata a Latina il 27 maggio 1967, per ovvietà logistico/sanitarie, da genitori provenienti da Pantelleria, contrada Khamma. Nel 2007 inizia il suo percorso di pubblicista presso la testata giornalistica cartacea L'Apriliano - direttore Adriano Panzironi, redattore Stefano Mengozzi. Nel 2014 le viene proposto di curarsi di Aprilia per Il Corriere della Città – direttore Maria Corrao, testata online e intraprende una collaborazione anche con Essere Donna Magazine – direttore Alga Madia. Il 27 gennaio 2017 l'iscrizione al Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti nel Lazio. Ma il sangue isolano audace ed energico caratterizza ogni sua iniziativa la induce nel 2018 ad aprire Il Giornale di Pantelleria.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

Paceco, seconda denuncia per ricettazione in pochi giorni per un diciannovenne

Marilu Giacalone

Pubblicato

il

I Carabinieri della Stazione di Paceco hanno denunciato, per ricettazione, un pregiudicato di 19anni trovato in possesso di un ciclomotore risultato rubato. L’uomo, già denunciato pochi giorni fa dai Carabinieri di Custonaci in quanto fermato a bordo di ciclomotore rubato con un passamontagna in tasca, è stato sottoposto a perquisizione personale e domiciliare volta a verificare la presenza in casa di materiale oggetto di furto.

All’esito della predetta attività, mentre il giovane mostrava alcune foto sul suo cellulare, i Carabinieri si sono accorti di un filmato che lo ritraeva a bordo di un ciclomotore. Dagli accertamenti sul numero di targa appuravano che il mezzo risultava oggetto di furto denunciato pochi giorni prima.

Alla richiesta di spiegazioni in merito da parte dei militari il 19enne li conduceva in un casolare abbandonato, poco distante, dove era custodito il ciclomotore rubato. Dopo aver ispezionato il casolare i Carabinieri rinvenivano il ciclomotore rubato e, dopo aver denunciato il giovane, lo riconsegnavano al legittimo proprietario.

Leggi la notizia

Politica

Ragusa, si è concluso con successo il convegno del PSI “Essere socialista oggi”

Redazione

Pubblicato

il

Ieri 27 gennaio 2023, in una sala gremita di amici, simpatizzanti e compagni, si è svolto il predetto convegno del Partito Socialista Italiano, introdotto dal Segretario Provinciale Carmelo Diquattro. Di seguito, sono intervenuti il Segretario cittadino di Ragusa, Salvatore Battaglia, ed il Vice Presidente servizi culturali della città di Ragusa, Pippo Di Noto.

Terminati gli interventi prefissati, si è aperto un vivace e partecipato dibattito che ha coinvolto molti compagne e compagni. Infine, il Segretario Nazionale del Partito Socialista Italiano, Enzo Maraio, ha concluso il Convegno.

L’obiettivo del “bell’incontro” di ieri era quello di fornire alcune risposte e di lanciare qualche input riguardo a ciò che significa essere Socialisti oggi. In particolare, ci si è chiesti cosa vuol dire essere socialisti nel 2023, in virtù della lunga storia che questo partito ha conosciuto nel nostro Paese in ben 138 anni. Una cosa però è certa: la bussola del socialismo è sempre stata quella di cercare di ridurre le diseguaglianze attraverso il miglioramento sociale e materiale dei lavoratori.

Noi Pensiamo che sia arrivato il momento di un nuovo inizio, una nuova storia. Un socialismo capace di collocare in un’unica prospettiva lavoro, giustizia sociale ed ecologia, con una visione aperta al futuro, di guidare i necessari processi di trasformazione della nostra società in un ambito internazionale, senza dimenticare le radici del socialismo. Un nuovo socialismo in Italia è possibile.

Il Convegno mirava a due obiettivi principali: l’attualità del pensiero Socialista nel nostro presente e il volere richiamare l’attenzione della cittadinanza ragusana sull’esistenza nel capoluogo di provincia di una realtà socialista viva ed operante.

Totò Battaglia (Segretario sezione Ragusa PSI)

Leggi la notizia

Ambiente

Forte terremoto registrato nello sciame sismico a sud di Malta

Direttore

Pubblicato

il

No dà tregua lo sciame sismico che interessa il Mediterraneo da giorni: oggi terremoto di magnitudo 4.2 a sud di Malta.
L’isola dei Cavalieri dista a soli 247 chilometri da Pantelleria e 172 chilometri da Lampedusa.

La  forte scossa di terremoto si è verificata alle 18:38 di oggi, venerdì 27 gennaio, nell’ambito dello sciame sismico in corso da giorni a sud di Malta. 

Immagine di copertina da Meteoweb.eu

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza