Segui i nostri social

Salute

Primo Piano – Sicilia, Lazio, Lombardia e Piemonte in zona gialla da lunedì

Redazione

Pubblicato

-

La Sicilia, assieme a Lombardia, Piemonte e Lazio, da lunedì passerà in zona gialla. E’ quanto prevede un’ordinanza del ministro della Salute, Roberto Speranza, per il passaggio di fascia comunicata al presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, “Anche la Sicilia, come ho anticipato nei giorni scorsi – afferma il governatore all’Ansa – entra in fascia gialla. Rispetto a un anno fa e nonostante la massa enorme di contagi, potrebbe apparire una minima restrizione. Ma io voglio fare ancora appello a tutti i siciliani: è tempo di rispettare le regole che conosciamo da due anni. I nostri cittadini hanno mostrato di essere responsabili, lo conferma l’aumento delle vaccinazioni in questi ultimi giorni. Attenzione – chiosa il presidente Musumeci – quindi, alla serata di oggi. Possiamo vivere la nostra socialità serenamente: basta farlo con accortezza”.

Cosa cambia in zona gialla

Rispetto alla prima fase della pandemia, il passaggio di colore in questo momento non comporterà stravolgimenti nella vita di tutti i giorni. Di fatto sarà soltanto il primo passo verso altre eventuali restrizioni che potrebbero arrivare con la zona arancione. Le regole in zona gialla, infatti, sono praticamente le stesse di quelle in fascia bianca. Quel che cambia è l’obbligo di mascherina all’aperto anche se fino alla Befana il Governo lo ha imposto in tutta Italia indipendentemente dal colore delle zone.

Tra il 2 gennaio, ultimo giorno di zona bianca, e il 3 gennaio, primo giorno di zona gialla, in sostanza in Sicilia non ci saranno cambiamenti se non nella convinzione di aver varcato un limite e che occorrerà maggiore prudenza se si vorrà arrestare la corsa del Covid e scongiurare restrizioni che per spostamenti e attività commerciali al momento non ci saranno.

Sulle attività, infatti, il consiglio dei ministri ha esteso l’utilizzo del Super Green pass, un provvedimento che consente di superare le vecchie differenze fra zona bianca e zona gialla.

Tutti i negozi restano aperti, né ci saranno cambiamenti nell’attività di bar, e ristoranti. Nessun limite agli spostamenti, nessun coprifuoco previsto. Ecco in sintesi tutte le regole della zona gialla.

Le regole della zona gialla mascherine In zona gialla è obbligatorio l’uso delle mascherine pure all’aperto anche dove non ci sono assembramenti.

Le regole della zona gialla – spostamenti Consentiti tutti gli spostamenti in zona gialla, sia all’interno del proprio Comune, che tra Comuni diversi e anche tra Regioni. Non c’è coprifuoco, né autocertificazione, la circolazione è libera a tutte le ore.

Le regole della zona gialla – negozi, ristoranti e bar In zona gialla tutti i negozi sono aperti e anche nei centri commerciali non ci sono limitazioni legate agli orari o ai giorni della settimana. Aperti anche ristoranti e bar, stessa cosa per ciò che riguarda le sale al chiuso. Restano sempre consentiti il servizio di asporto e la consegna a domicilio.

Le regole della zona gialla – scuola Per quanto riguarda la scuola, al momento non ci sono cambiamenti. Dunque, così come previsto per la zona gialla, la didattica sarà in presenza al 100 per cento per le scuole primarie e secondarie di primo grado, mentre per le scuole superiori la didattica in presenza comprenderà dal 70 al 100% delle ore di lezione.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Salute

Asp Trapani, Lunedì 15 aprile Open Day Donazione Organi e Tessuti

Redazione

Pubblicato

il

L’Asp di Trapani aderisce alla Giornata Nazionale per la Donazione di Organi e Tessuti 2024 che si terrà domenica 14 aprile con il tema “Donare è una scelta naturale”, promossa dal Ministero della Salute e dal Centro Nazionale Trapianti con iniziative finalizzate a fare chiarezza e sensibilizzare su un argomento ancora avvolto da pregiudizi e paure.

Nell’occasione, lunedì 15, la direzione generale aziendale, ha disposto un Open day negli ospedali Vittorio Emanuele II (Castelvetrano), Paolo Borsellino (Marsala), Sant’Antonio Abate (Trapani), dove saranno allestiti punti informativi nelle aree presso l’ingresso principale dei presidi ospedalieri.

I desk, aperti dalle 9 alle 20, saranno presidiati dai medici componenti del Coordinamento locale Trapianti aziendale (anestesisti e rianimatori), che forniranno informazioni sulla pratica della donazione. Sarà inoltre, disponibile materiale esplicativo e sarà possibile esprimere il proprio parere in vita, il consenso alla donazione, che verrà poi registrato secondo la normativa vigente.

“ Donare è una scelta naturale è un messaggio a quanti non si sono ancora espressi sulla donazione, un invito a compiere una scelta importante e un gesto di grande solidarietà sociale. L’Asp di Trapani è in prima linea nel supportare la campagna di sensibilizzazione e lo straordinario sforzo organizzativo messo in campo a livello nazionale e territoriale”, ha detto il commissario straordinario dell’Asp di Trapani, Ferdinando Croce.

Leggi la notizia

Salute

Dormire poco e male è un rischio: tante malattie in agguato

Redazione

Pubblicato

il

“Il sonno è un momento di riadattamento del nostro sistema cardiovascolare, un momento fondamentale”
di Francesca Zavettieri da Meteoweb.eu
10 Apr 2024 | 17:28
 

 
 
Diabete, ipertensione, obesità, calo delle difese immunitarie e della memoria fino al Parkinson e all’Alzheimer: dormire poco e male è un allarme, qualcosa nel nostro organismo non va, e se non si corre ai ripari nel modo giusto i rischi sono seri. Diagnosi e terapia sono essenziali ma essenziale è anche lo stile di vita.

 
  

Insonnia e disturbi del sonno

Spesso si riduce il tutto con il termine improprio di “insonnia” ma non è esattamente così. I ritmi di vita contemporanei (soprattutto per chi vive e lavora in città) non aiutano ma trovare un equilibrio tra lavoro, vita privata e sociale può già essere una cura.

“L’insonnia è uno dei tanti disturbi del sonno – spiega il professor Giuseppe Plazzi, responsabile della ricerca “Disturbi del sonno e ritmi biologici” presso l’Istituto di scienze neurologiche di Bologna (Irccs) e dal novembre 2022 presidente dell’European narcolepsy network (Eunn) -. Sono sei le categorie fondamentali di disturbi del sonno, l’insonnia è certamente una di queste ed è anche la più frequente, quindi quella con la più alta prevalenza ed incidenza. Gli altri disturbi sono quelli del respiro legati al sonno, i disturbi da ipersonnia diurna quindi l’ipersonnia di origine centrale, i disturbi del ritmo circadiano, le parasonnie e i disturbi del movimento durante il sonno.”

L’insonnia, in particolare, può essere cronica o di breve durata e si caratterizza da un sonno di scarsa qualità, di breve o insufficiente durata.

Cosa fare se si ha un disturbo del sonno?

Qual è la prima cosa che deve fare chi accusa disturbi del sonno? “Ci sono due cose può fare in parallelo – consiglia Plazzi -. La prima è parlare con il proprio medico perché l’insonnia può essere, oltre ad una patologia che va comunque trattata, anche un segnale di allarme di qualcosa che non va quindi di altre patologie del nostro corpo. La seconda, fare una sorta di esame con sé stesso per capire quali sono le cose sbagliate del proprio stile di vita che possono anche influenzare il sonno“.

I ritmi di vita contemporanea, soprattutto per chi vive e lavora nelle città, incidono in modo importante sulla qualità e quantità del sonno, ed è un elemento che bisogna tenere in grande considerazione. “All’interno della popolazione lavorativa a livello europeo – rileva Plazzi – circa il 30% delle persone attive fanno i turni. Il lavoro da turnista si sa che incide in modo deleterio sulla qualità del sonno e anche sulla possibilità di causare delle patologie del sonno croniche. Circa il 25%-30% delle persone lavorano come turnisti sviluppano una patologia cronica del sonno: un dato estremamente elevato. Poi ci sono tutte le forme di alterazione dei nostri bioritmi e dei ritmi circadiani causate anche dall’inquinamento luminoso e di quello acustico con l’eccessiva stimolazione sensoriale. Sono tutti elementi che possono provocare dei disturbi del sonno e che possono incidere moltissimo sulla qualità e anche sulla quantità del sonno tanto che registriamo un’alta percentuale sia di adolescenti che di adulti che presentano ormai una privazione del sonno cronica“.

Cosa si rischia se non si dorme bene?

Cosa rischia al livello fisico e mentale chi non si prende cura della propria qualità del sonno? “Il sonno – risponde il professor Plazzi che è anche responsabile scientifico e coordinatore dell’ambulatorio per la narcolessia e le ipersonnie dell’Irccs di Bologna – non è soltanto un momento di riposo e di ristoro che peraltro è la sua funzione fondamentale, ma è anche un momento di attivazione dei sistemi che archiviano i nostri ricordi, quindi per la memoria, e un momento fondamentale per il riassetto dei ritmi endocrinologici a partire dall’insulina ma anche del cortisolo.

Il sonno è un momento di riadattamento del nostro sistema cardiovascolare, momento fondamentale, e quindi con la sua privazione rischiamo disturbi dell’umore, della memoria, dell’attenzione, disturbi metabolici a partire da un aumento della resistenza insulinica e quindi di contrarre il diabete, disturbi del metabolismo dei grassi e quindi un aumento del peso corporeo, disturbi legati al nostro sistema cardiovascolare con una tendenza all’aumento della pressione, all’ipertensione, e infine al sistema immunitario e alla memoria che, si sa, sono strettamente legati.

In ultima analisi, un buon sonno è una garanzia per una buona difesa immunitaria. Un altro elemento è poi quello delle malattie neurodegenerative provocate da una scarsa qualità del sonno. Ci sono tanti studi oggi che dimostrano come la qualità del sonno e una giusta quantità del sonno siano fondamentali per evitare la riposizione di proteine anomale, si chiamano proteine mal ripiegate (misfolded), che sono responsabili di tutte le forme fondamentali di disturbi neurodegenerativi che affliggono l’uomo come la malattia dell’Alzheimer e tutte le patologie ad essa simili ovvero le taupatie legate all’accumulo di proteina tau nel cervello, e la malattia del Parkinson in tutte le sue differenziazioni. Quindi la pulizia del nostro cervello, durante il sonno protegge da queste patologie.“

 
 

Leggi la notizia

Salute

Migrante sbarca con 5 chihuahua a Pantelleria. Trasferiti a Trapani per quarantena

Direttore

Pubblicato

il

E’ partito alla ricerca di un nuovo destino ma non ha voluto abbandonare i suoi cani. E’ successo a un migrante approdato a Pantelleria insieme ai suoi cinque Chihuahua per i quali, appena trasferito a Trapani, la prefettura ne ha segnalato la presenza al Dipartimento di Prevenzione veterinaria dell’ASP Trapani.  
I veterinari dell’ASP sono intervenuti, prendendoli in carico nell’ambulatorio veterinario della Cittadella della Salute, dove resteranno in blocco sanitario per 10 giorni. I veterinari hanno visitato i cani, non microchippati, e al termine, effettueranno la titolazione per la rabbia.
Quindi saranno riaffidati al proprietario e seguiranno il migrante nel suo percorso. 

Nella foto, da sinistra, il capo dipartimento Roberto Messineo, il responsabile dell’ambulatorio Ugo Azzaro e il veterinario Martino Trapani

La foto è dal profilo facebook ©ASPTP

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza