Segui i nostri social

Cultura

L’affondamento del brigantino Aosta a sud di Pantelleria

Redazione

Pubblicato

-

 

Era stato requisito nel porto di Genova in data 8 giugno 1940, due giorni prima dell’entrata in guerra dell’Italia, dalla Regia Marina ed iscritto nel ruolo del naviglio ausiliario (matricola V87) dello Stato italiano come vedetta foranea. Si trattava del motoveliero da carico (brigantino goletta) Aosta, dalla linea elegante e fascinosa come solo la cantieristica italiana d’anteguerra era in grado di produrre.

La costruzione del motoveliero Aosta

Questo motoveliero era stato costruito nei Cantieri Officine Savoia di Cornigliano Ligure (Genova) ed aveva 340 tonnellate di stazza netta, 494,45 di stazza lorda e 700 tonnellate di portata lorda, inoltre era lungo 55,80 metri, largo 8,80 e un’immersione di 3,70 metri. Fin dall’inizio del conflitto l’Aosta, armato di una sola mitragliera da 20/70 Oerlikon, fu adibito al trasporto veloce di carichi bellici strategici verso il nostro teatro di guerra dell’Africa Settentrionale. Per ben due volte riuscì a sfuggire ai siluri dei sommergibili britannici. La prima volta, il 22 dicembre 1940, quando fu oggetto di lancio di siluri da parte del sommergibile HMS Regent (N41) del comandante Hugh Christopher Browne. La seconda, in data 16 maggio 1941, quando evitò i siluri dell’HMS Unbeaten (N93) del tenente di vascello Edward Arthur Woodward.

L’Aosta caricava materiale bellico

Dall’inverno 1941/1942 l’Aosta operò, sempre con carichi di materiale bellico, sulla rotta più defilata (si fa per dire) Pantelleria/Tripoli. In quel tempo ne era comandante il nocchiere di prima classe (militarizzato, matricola 2265) Sesto Franceschi fu Giuseppe e fu Maria Coccoluto, nato a Porto Santo Stefano (Grosseto) il 30 dicembre 1888, quindi di anni 53. Aveva ai suoi ordini un equipaggio di 34 uomini.

 

Il Franceschi era un tipo risoluto e determinato, tanto da aver ricevuto in precedenza la croce di guerra con la seguente lusinghiera motivazione: “Imbarcato su motoveliero requisito, durante un violento attacco di bombardieri nemici, apriva prontamente con spirito aggressivo e noncuranza del pericolo il fuoco c. a. con le armi di bordo, riuscendo a colpire ed abbattere un aereo attaccante” (Determinazione del 1° novembre 1942-XX1). Nell’occasione erano stati insigniti della croce di guerra anche il Sotto Capo Cannoniere Carlo Torriello da Bossoli (Genova) e il Sotto Capo Cannoniere Giovanni De Maria da Acireale (Catania). Il 21 dicembre 1941, alle ore 21:30, il brigantino Aosta, carico di munizioni, salpò da Pantelleria con destinazione Tripoli, dove giunse alle 10:00 circa del mattino del 25 dicembre 1941, dopo aver

effettuato un sosta a Zuara. Terminata questa missione l’Aosta rientrò a Pantelleria per ulteriori carichi da trasportare in Tripolitania.

Alle ore 19:00 circa della sera del 7 febbraio 1942 l’Aosta, sempre al comando di Franceschi, lasciò il porto di Pantelleria alla volta della Libia. Trasportava un prezioso e grosso carico di munizioni per Rommel. Il comandante Franceschi faceva affidamento nel buio dell’incombente notte per sfuggire all’occhiuta sorveglianza inglese nel Canale di Sicilia. Nel frattempo erano salpati dal porto di Malta i cacciatorpediniere HMS Zulu (F18, capo sezione) e HMS Lively (G40, sezionario) in caccia (sempre bene informati i britannici!) della motonave Monviso, che rientrava da Tripoli verso l’Italia.

Quella notte nel Canale di Sicilia

Ma quella notte il Canale di Sicilia era decisamente movimentato, infatti in quelle stesse ore aveva lasciato gli ormeggi del porto di Lampedusa, con rotta su Pantelleria, il motopeschereccio militarizzato Grongo (F37), che era solito trasportare uomini e materiali tra le guarnigioni delle due isole. Intanto la caccia dello Zulu e del Lively si stava rivelando infruttuosa. Della motonave Monviso nessuna traccia. Alle ore 22:16 del 7 febbraio, a 45 miglia nautiche a sud di Pantelleria, da bordo dei cacciatorpediniere inglesi fu individuata la sagoma di un piccolo naviglio. Si trattava dell’indifeso Grongo, che in men che non si dica fu attaccato e affondato. Dieci marinai dell’equipaggio restarono uccisi sotto le cannonate nemiche, mentre gli altri sette trovarono scampo in mare, aggrappandosi a relitti galleggianti. Più tardi questi superstiti furono tutti tratti in salvo dal MAS 577.

Già perché in quella notte era in mare anche l’intera XVII Squadriglia MAS (560, 563 e 577) di stanza a Pantelleria. Solo che per la buona sorte dei caccia inglesi gli stessi non furono mai intercettati dalle motosiluranti italiane, mentre per la malasorte degli italiani il nemico, indisturbato, intercettò e affondò prima il Grongo e poi, come vedremo, l’Aosta.

Proseguendo nel loro rastrellamento in quel tratto di mare lo Zulu e il Lively, alle ore 01:30 dell’8 febbraio, intercettarono anche il brigantino Aosta, che procedeva verso sud a tutta velocità. Lo scontro era, come per il Grongo, impari e già scontato. Solo che questa volta, come era suo costume, il comandante Sesto Franceschi decise di vendere cara la pelle e diede ordine di controbattere alla continua gragnuola dei proiettili avversari con la mitragliera da 20/70 Oerlikon. “To the enemy fire the Aosta reacted valorously with its only 20 mm. cannon and succeeded also to put some hits, but it was set afire and therefore exploded because it was loaded with ammunitions” (Al fuoco nemico l’Aosta reagì valorosamente con il suo solo cannone da 20 mm e riuscì anche a mettere dei colpi a segno, ma fu dato alle fiamme e quindi esplose perché carico di munizioni), così una fonte inglese.

Le fiamme già avvolgevano tutto lo scafo ligneo dell’Aosta, con l’imminente rischio da un momento all’altro dell’esplosine del carico di munizioni, quando il comandante Franceschi ordinò all’equipaggio l’abbandono nave. Lui restò a bordo, volendo seguire l’antica, bella e tragica tradizione marinara per cui il comandante di una nave, che affonda, deve seguire quest’ultima anche negli abissi marini. E così accadde.

 

L’eroico nocchiere Sesto Franceschi

Alla memoria dell’eroico nocchiere di prima classe Sesto Franceschi da Porto Santo Stefano, di anni 53, comandante del brigantino Aosta, fu conferita la medaglia d’argento al valor militare sul campo con la seguente bella motivazione: “Comandante di motoveliero requisito, destinato al rifornimento munizioni del fronte libico, attaccato nottetempo da siluranti nemiche, reagiva decisamente con elevato spirito combattivo, incurante delle fiamme che alte si levavano dal locale macchine colpito minacciando di estendersi rapidamente. Resosi vano ogni tentativo di salvare la nave, si dedicava con vivo senso di abnegazione al salvataggio del personale, dirigendo le operazioni dal ponte di comando, fermo e sereno di fronte al pericolo sempre più incombente. Rimaneva al suo posto con incrollabile saldezza d’animo e incondizionato attaccamento al dovere anche quando, respinta l’offesa nemica ma irrimediabilmente compromessa l’unità, avrebbe potuto mettersi in salvo, preferendo scomparire con la sua nave, che di lì a poco esplodeva col carico, nella suprema dedizione alla consegna. Mediterraneo Centrale, notte sull’8 febbraio 1942”. (Determinazione del 9 agosto 1942).

 

Le vittime dell’affondamento

Oltre al Franceschi, nell’attacco e affondamento dell’Aosta persero la vita altri 8 uomini dell’equipaggio. Se ne salvarono 25, di cui molti feriti, raccolti successivamente in mare dai MAS di Pantelleria 560, 563 e 577, giunti anche questa volta in ritardo sul luogo dello scontro. Tutti gli 8 caduti riceverono la croce di guerra al valore, tra essi i valorosi serventi della mitragliera da 20 mm. Così recita, tra l’altro, la motivazione della concessione della croce di guerra alla memoria ai cannonieri Salvatore Caroli da Carovigno (Brindisi), Raffaele Vitale da Napoli, Luigi Bolpagni da Ghedi (Brescia), Gerlando Ferlini da Agrigento e Guido Colzi da Signa (Firenze) “Imbarcato su motoveliero, attaccato nottetempo e incendiato da siluranti nemiche, assolveva il proprio compito con serenità e noncuranza del pericolo, contribuendo a ribattere l’offesa nemica” (Determinazione del 9 agosto 1942-XX).

 

Gli affondamenti dei quasi indifesi Grongo e Aosta non dovevano portare bene ai cacciatorpediniere britannici Zulu e Lively, che non dovevano vedere la fine dell’anno 1942 e sprofondarono anch’essi negli abissi del Mediterraneo per mano delle forze dell’Asse. Per primo

toccò all’HMS Lively che fu affondato l’11 maggio 1942 a 100 miglia nord-est di Tobruk, perdendo ben 77 membri del suo equipaggio. Poi toccò all’HMS Zulu affondato il 14 settembre 1942 durante l’Operazione Agreement nei pressi di Tobruk, con 39 perdite tra il suo equipaggio.

Orazio Ferrara

Foto: L’elegante motoveliero al momento del varo

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura

Innovazione in cucina: come la gastronomia di Pantelleria ispira i chef moderni

Redazione

Pubblicato

il

Benvenuto nel mondo saporito di Pantelleria, dove l’innovazione in cucina prende spunto dalla tradizione. Grazie alla gentile collaborazione della testata ilgiornaledipantelleria.it, siamo in grado di offrirvi una panoramica sulle ricette millenarie e i prodotti unici di questa isola incantata che stanno diventando fonte di ispirazione per i chef moderni. Preparati a un viaggio gustoso che unisce creatività e tradizione!

Un patrimonio culinario inesplorato: la cucina di Pantelleria

Nell’arcipelago siciliano, la gastronomia di Pantelleria rappresenta un tesoro inesplorato che sta emergendo come una vera musa per i chef contemporanei. Con le sue radici profondamente ancorate in una storia di conquiste e scambi culturali, Pantelleria offre una cucina ricca di sapori intensi e autentici.

Ingredienti come il cappero di Pantelleria IGP, il passito e l’origano selvatico sono solo alcuni esempi di come i prodotti locali possano elevare un piatto semplice a un’opera d’arte culinaria. Grazie alla loro qualità e versatilità, questi ingredienti stanno diventando protagonisti nelle cucine più innovative, dove la tradizione incontra la creatività per creare esperienze gastronomiche indimenticabili. L’essenza di Pantelleria: ingredienti e piatti che ispirano

L’eccezionale qualità degli ingredienti

La gastronomia di Pantelleria si distingue per l’uso di ingredienti di eccezionale qualità, capaci di infondere nei piatti contemporanei quel tocco di autenticità e innovazione tanto ricercato dai chef moderni.
Ecco alcuni degli elementi più emblematici della cucina pantesca che stanno conquistando le tavole gourmet:

  •  Cappero di Pantelleria IGP: Questo piccolo bocciolo, noto per il suo sapore intenso e leggermente piccante, è una vera e propria delizia che arricchisce salse, pizze e piatti a base di pesce.
  •  Passito di Pantelleria: Un vino dolce da dessert, ottenuto dall’appassimento delle uve zibibbo, che trova utilizzo sia nella preparazione di ricette dolci che per accompagnare formaggi erborinati o foie gras.
  • Origano selvatico: Raccolto direttamente dall’isola, quest’aromatica spezia è molto più intensa di quella coltivata e dona un profumo e un gusto inconfondibile a carni grigliate e insalate. 
  • Pesto pantesco: Una variante locale del più noto pesto genovese, realizzato con capperi, mandorle, pomodori secchi, aglio, basilico e, ovviamente, olio extravergine d’oliva di Pantelleria.
  • Cucina delle conserve: Dalle melanzane sott’olio ai pomodori essiccati al sole, le conserve sono un tesoro di sapori intensi e metodi conservativi che riflettono la saggezza della tradizione isolana.

Questi prodotti non solo arricchiscono il repertorio degli chef, ma raccontano anche una storia di passione per la terra e per la cucina, ispirando continuamente nuove creazioni culinarie. Tecniche innovative e tradizione: un connubio perfetto in cucina Mentre la gastronomia di Pantelleria continua a influenzare i chef di tutto il mondo, è l’innovativa fusione di tecniche moderne e tradizionali a fare la differenza.

L’uso di metodi di cottura all’avanguardia, come il sous-vide o la cottura a bassa temperatura, può esaltare gli ingredienti tipici di Pantelleria, preservandone i sapori e le qualità nutritive. Allo stesso tempo, la riscoperta di antichi metodi, come la fermentazione e l’essiccazione al sole, permette di dare nuova vita a ricette storiche, proponendole in chiave moderna. Gli chef che sperimentano con questi approcci non solo mantengono viva la cultura culinaria dell’isola, ma contribuiscono anche a una cucina più sostenibile e consapevole, valorizzando i prodotti locali e le stagioni.

La creatività in cucina

La creatività in cucina, pertanto, si nutre di questo dialogo tra passato e presente, generando piatti che sono al contempo innovativi e intrisi di storia.

L’influenza di Pantelleria sulla scena gastronomica internazionale L’isola di Pantelleria, oltre ad essere un gioiello nel cuore del Mediterraneo, sta giocando un ruolo sempre più rilevante nella scena gastronomica internazionale. Chef di fama mondiale guardano a quest’isola non solo per i suoi prodotti d’eccellenza, ma anche per la sua filosofia culinaria, che pone al centro la qualità e la semplicità.

Ecco come Pantelleria sta ispirando le cucine di tutto il mondo

  • Accostamenti audaci: L’abbinamento di ingredienti tradizionali panteschi con tecniche innovative crea contrasti sorprendenti e gustosi.
  •  Menu stagionali: L’impegno nell’utilizzo di prodotti stagionali e locali di Pantelleria incoraggia gli chef a rivedere i loro menu seguendo il ritmo della natura.
  • Sostenibilità: L’approccio di Pantelleria alla produzione alimentare, basato sul rispetto dell’ambiente e sulla biodiversità, è un esempio per i ristoranti che vogliono ridurre l’impatto ecologico. 
  • Eventi culinari: Festival e eventi gastronomici dedicati alla cucina di Pantelleria stanno diventando un appuntamento fisso per gli appassionati di cucina e viaggi enogastronomici.
  • Collaborazioni creative: Chef internazionali spesso visitano l’isola per collaborare con i locali, scambiando idee e tecniche che arricchiscono entrambe le parti. Con la sua capacità di ispirare innovazione mantenendo un legame profondo con la terra e la cultura, Pantelleria si sta affermando come una musa ispiratrice per la cucina contemporanea. In conclusione, l’isola di Pantelleria è una fonte inesauribile di ispirazione per i chef moderni che cercano di unire innovazione e tradizione.

Con i suoi prodotti unici e la sua storia culinaria, Pantelleria non smette di affascinare e influenzare la gastronomia mondiale.

Leggi la notizia

Spettacolo

Cinema, Festival di Berlino: due film sponsorizzati dalla Regione tra i protagonisti

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

Presidenza della Regione
La Regione Siciliana tra i protagonisti della 74ª edizione del Festival internazionale del cinema di Berlino, inaugurata il 15 febbraio scorso. Nella ristretta rosa dei titoli italiani presenti alla “Berlinale” figurano, infatti, due opere realizzate con il contributo dell’Assessorato regionale del Turismo, sport e spettacolo – Sicilia film commission: il film documentario della palermitana Costanza Quatriglio “Il cassetto segreto” e il lungometraggio di Carlo Sironi “Quell’estate con Iréne”, girato nell’Isola.

Nell’anno in cui l’Italia è stata scelta come “country in focus” nell’ambito dell’European film market del Festival, la Sicilia si presenta come uno dei territori maggiormente rappresentativi nel panorama audiovisivo internazionale, puntando a mantenere, anche per i prossimi anni, la propria attrattività nei confronti delle produzioni cinematografiche di qualità.

«La costante presenza di film sostenuti dalla Regione Siciliana nei principali festival cinematografici internazionali – dice l’assessore regionale al Turismo, Elvira Amata – conferma l’efficacia delle scelte del governo Schifani in materia di sostegno al settore audiovisivo nella nostra Isola, sia sotto il profilo dello sviluppo economico dello specifico comparto, sia nell’ottica di promozione cine-turistica del nostro territorio».

Leggi la notizia

Spettacolo

Ragusa anni Sessanta. Quelle sere d’estate al “Cinema estivo”

Redazione

Pubblicato

il

Entrare in una sala quando si voleva, a film iniziato.

Fumare in galleria mentre sullo schermo lo faceva Humprhey Bogart. Baciare la tua ragazza come baciavano Marilyn Monroe. Rivivere il piacere della sala cinematografica nella Ragusa degli anni ’60….

Il racconto di Salvatore Battaglia

All’inizio degli anni Sessanta, ma già dall’immediato dopoguerra, l’americana fabbrica di sogni, Hollywood, spediva a pieno carico tutta la sua cinematografia in Europa, libera ormai dagli eventi bellici. A Ragusa giungevano a ritmo serrato quei meravigliosi film a colori che narravano della sfavillante e opulenta società americana. Nelle fresche serate d’estate, i favolosi film americani si potevano godere al Cinema estivo. Lungo la strada di Viale Sicilia, vicino l’ospedale Civile (ex ospedale Mussolini), dove vi erano il famoso Caffe Sicilia e un prestigioso albergo denominato “Jonio Hotel”, una rapida discesa conduceva proprio di fronte ad una piccola nicchia che era il botteghino del Cinema estivo (Arena La Licata). Attraversato l’ingresso, pavimentato a basole bianche e sinuose, si accedeva alle varie zone della platea che, vasta e compatta di sedili in ferro di colore azzurro e a listelli in legno, si disponeva davanti ad un grande schermo bianco. Nella luce incerta di prima sera partivano le immagini fortemente cromatiche che, nel vortice delle sigle musicali, avviavano le vicende del film in programmazione.

Scorrevano le immagini della società americana, le città dai grattacieli alti, altissimi, le strade larghe, le auto lunghe dalle preziose finiture cromate; immagini che narravano dell’America, che era per noi il sogno del dopoguerra, un’America tutta cinematografica. Volevamo sapere tutto di quella società, e tutto si presentava bello e gradevole: gli attori, agili ed eleganti, con i cappelli a falde larghe alla James Stewart e Cary Grant, i vestiti di seta di Hedy Lamarr e quelli leggeri come una nuvola di Ginger Rogers che danzava con Fred Astaire in smoking bianco o nero. Anche il nuovo cinema italiano del dopoguerra (il neorealismo scarno ed essenziale di Zavattini e De Sica) è passato dagli schermi del Cinema Estivo, alternandosi con la cinematografia americana. Inoltre il Cinema estivo è uno dei più bei ricordi della mia città negli anni Sessanta.

In seguito il Cinema è stato chiuso e sostituito da un supermercato con parcheggio (bisognava dare spazio al nuovo che avanzava il “Consumismo”). La scomparsa del Cinema estivo ha lasciato una ferita nel cuore della città perché sono venuti meno tutte quelle attività culturali e ricreative che costituivano un apporto formativo per le nuove e le vecchie generazioni.

L’Arena è stata anche un luogo di bellezza, di fantasia e di sogno, si presentava come una terrazza distesa nella frescura della sera estiva appena rischiarata, a tratti, da quel singolare chiaroscuro baluginante della pellicola che ronzava nel proiettore rumoroso come una trebbiatrice. Luogo di bellezza immaginata, dinamica, ricca di quel fascino e mistero che solo la finzione cinematografica può dare e che svanisce all’improvviso quando sullo schermo, al termine del racconto cinematografico, compare la parola FINE o THE END.

Come funzionavano i cinema di Ragusa nel periodo non estivo

Il giorno preferito per andare al cinema era di solito la domenica pomeriggio, perché normalmente si lavorava anche di sabato. Il biglietto si acquistava al botteghino e non aveva importanza se il film era già cominciato o era già al secondo tempo, a volte! Si entrava senza aspettare e poi si rimaneva fino a quando si era già visto: capitava così di vedere prima la parte finale e poi l’inizio del film, oppure, gente alzarsi nel bel mezzo della proiezione e andare via. Non esistevano limiti di capienza, per cui esauriti i posti a sedere, si continuavano a vendere i biglietti. Ricordo che nei film di successo, i cosiddetti Kolossal, come “I dieci comandamenti” o “Ben Hur “, per esempio, il cinema era così pieno che accoglieva anche la gente in piedi: schierata lungo il perimetro dei muri ed a volte pigiata nel corridoio centrale. Consuetudine che facilitava “strusciamenti” di vario genere. Anche da seduti bisognava stare molto attenti a chi ti sedeva accanto, perché a volte, per evitare “allungamenti di mani” indesiderate, l’unica soluzione era cambiare posto! Per lo stesso motivo, era sconsigliatissimo andare in bagno! Meglio tenersela! Anche perché il cattivo odore che emanavano i gabinetti, si sentiva già nell’antisala.

Una consuetudine curiosa era che una volta al cinema si fumava, ed era caratteristico il grande cono di luce fluttuante di fumo che grazie al proiettore raggiungeva lo schermo. Oggi sembra impensabile, eppure allora era normale, come fumare in tutti i luoghi pubblici, autobus compresi! Oggi sembra strano, ma i cinema all’epoca erano frequentati per lo più persone di sesso maschile, per lo meno in certi cinematografi: non tanto per il genere di film che veniva proiettato (non esisteva il genere a “luci rosse” fino agli anni ’80) ma per la mentalità di quella generazione. I ragazzini si mettevano sempre nelle prime file e ricordo, che da piccolo, nel cinema Trionfale in Via Roma, il custode vigilava che non facessero troppi schiamazzi: con una lunga canna bacchettava in testa il piccolo malcapitato che osava parlare ad alta voce. Botta che arrivava inaspettata ed improvvisa ed a volte ingiustamente. E controllava che i bambini non rimanessero a rivedere il film a ripetizione; alla fine della proiezione passava in rassegna i volti dei piccoli, intimando ai sospetti di uscire “perché già lo avevano visto”! Magari non era vero, ma provare a dimostrarlo era impossibile!

Seguivano polemiche, frigne e rimproveri

Molti cinema avevano la platea e la galleria e, in alcuni, non era consigliato stare seduti nella parte in basso al limite del bordo della galleria perché giù arrivava di tutto! Un mio brutto ricordo al cinema nel 1968… attenuato da uno gradevole La pellicola scorreva sul grande schermo ma la magia del cinema era inquinata dalla nicotina che, come una nebbia nefasta, calava su di noi piccoli spettatori inermi. In sala, i fumatori erano liberi

di incenerire l’aria come e quando volevano: nessuna legge impediva loro di accendere e spegnere le sigarette nei locali chiusi.

Anche il sottoscritto ricorda queste scene di ordinaria follia quando, da ragazzino, tra l’emozione dei “Quattro dell’Ave Maria “-1968 di G. Colizzi, con T. Hill e B. Spencer e le risate con” Il Medico della mutua” – 1968 fi L. Zampa, con A. Sordi e B. Valori, il cinema si trasformava ben presto in una cappa di fumo passivo… era la cosa che detestavamo di più… e proprio a farlo apposta c’era sempre qualcuno vicino a noi che fumava ininterrottamente… l’unica cosa buona che in parte attenuava il fumo delle sigarette era il bere a sorsi con i miei amici la nostra bevanda preferita… la Gassosa con la liquirizia immersa nella bottiglietta… perché lo facevamo…? Perché alla fine della bevuta degustavamo la liquirizia impregnata di gassosa… per noi era il massimo della goduria.

Oggi, a distanza di qualche anno, è inconcepibile vedere qualcuno fumare in un locale pubblico… (Tempi che furono).

Salvatore Battaglia
Presidente Accademia delle Prefi

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza