Segui i nostri social

Cultura

Tesori archeologici di Pantelleria esposti all’aeroporto Italo d’Amico e al Museo vulcanologico

Redazione

Pubblicato

il

 

L’assessore Samonà:

“Questa iniziativa ci dà la possibilità di far conoscere importanti testimonianze

del patrimonio archeologico che offre Pantelleria, isola ricca di storia e custode di luoghi unici al mondo”

I tesori archeologici dell’Isola di Pantelleria, recuperati durante gli scavi nell’Acropoli di San Marco, da sabato 6 agosto saranno esposti nell’Aeroporto di Pantelleria, all’interno di un’ampia Sala già dedicata ai tesori sommersi recuperati dalla Soprintendenza del Mare della Regione Siciliana.

 

Una seconda esposizione verrà allestita nei locali del Museo Vulcanologico di Punta Spadillo

con i reperti provenienti dal sito preistorico di Mursia.

Le due esposizioni verranno inaugurate sabato 6 agosto, alla presenza dell’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana Alberto Samonà, con una cerimonia che si svolgerà alle ore 10.30 all’aeroporto, per proseguire nei locali del Museo vulcanologico. All’inaugurazione saranno presenti il Dirigente generale del Dipartimento dei Beni Culturali, Franco Fazio, il Direttore del Parco Archeologico di Selinunte Cave di Cusa e Pantelleria, Felice Crescente, il Soprintendente del Mare Ferdinando Maurici, il Presidente del Parco Nazionale di Pantelleria Salvatore Gabriele e la Direttrice Sonia Anelli, il Sindaco di Pantelleria Vincenzo Campo.

L’allestimento nelle due strutture consente di esporre importanti reperti, liberando i locali del Castello Medievale di Pantelleria che saranno interessati da lavori di messa in sicurezza e di manutenzione straordinaria, offrendo ai turisti in visita nell’Isola e a tutti quanti l’opportunità di entrare immediatamente in contatto con il patrimonio culturale proveniente dal territorio. Un modo per stimolare la conoscenza dei luoghi da cui i reperti provengono. “I reperti che esponiamo in questi due nuovi allestimenti – sottolinea l'assessore dei Beni Culturali e dell'Identità Siciliana, Alberto Samonà – ci danno la possibilità di far conoscere importanti testimonianze del patrimonio archeologico che offre Pantelleria, isola ricca di storia e custode di luoghi unici al mondo. Il Parco archeologico di Selinunte, Cave di Cusa e Pantelleria e la Soprintendenza del Mare intendono valorizzare al massimo l’Isola e l’iniziativa che presentiamo è un tassello di questo lavoro che stiamo portando avanti”.

L’iniziativa è stata possibile anche grazie anche alla preziosa collaborazione dei responsabili delle missioni archeologiche presenti sull’isola, Proff.ri Maurizio Cattani e Thomas

Schaeffer, che, con la loro attività e competenza hanno contribuito ad offrire, attraverso l’esposizione, la possibilità di mostrare al pubblico, in una sede temporanea, testimonianza dei reperti più rappresentativi provenienti dagli scavi, nell’attesa di vederli nuovamente collocati nei locali del Castello Medievale, sede elettiva della loro esposizione. Tra i reperti di maggiore interesse spiccano le Teste di Pantelleria, tre teste in marmo del I secolo d.C. rinvenute durante gli scavi nell’Isola, l’antica Cossyra, "ritratti imperiali" che raffigurano Giulio Cesare, l’imperatore Tito e Agrippina.

Importante sottolineare l’azione congiunta svolta dalle istituzioni dell’isola, in particolare l’Aeronautica Militare per il supporto tecnico-logistico, la Marina Militare per l’ospitalità offerta ai reperti da tenere in deposito, all’Enac che ha offerto la disponibilità di un locale di grande visibilità per l’esposizione dei reperti più significativi della Soprintendenza del Mare di provenienza subacquea e del Parco archeologico di Selinunte, Cave di Cusa e Pantelleria provenienti dall’Acropoli di San Marco, nonché al Parco Nazionale con il quale è operativo già dallo scorso anno un protocollo di collaborazione e con il quale si è condiviso un percorso che ha portato alla musealizzazione temporanea nei locali del Museo Vulcanologico di Punta Spadillo. Un prezioso contributo è stato fornito dal Commissario del Parco archeologico di Selinunte Cave di Cusa e Pantelleria, l’archeologo Roberto La Rocca.

Disclaimer

Questo contenuto è proprietà intellettuale della Nous Editore srls, senza tacito consenso ne è vietata ogni riproduzione, totale e parziale di testi e immagini, anche in forma di link

Spettacolo

Segesta, al Parco Archeologico si va in scena anche all’alba

Redazione

Pubblicato

il

Nell’emozionante scenario del Parco Archeologico di Segesta la prima edizione del

SEGESTA TEATRO FESTIVAL 

2 agosto – 4 settembre 2022

con la direzione artistica di Claudio Collovà

*****

PROGRAMMA DEL 19 AGOSTO

All’alba FILIPPO LUNA COLAPESCE. DEDICATO A BUTTITTA Prima Nazionale ore 05.00 Teatro Antico – Parco Archeologico di Segesta

Al tramonto AURELIO GATTI PPP. PRESENTE, PASSATO, PASOLINI… ore 19.30 Teatro Antico – Parco Archeologico di Segesta

Ma soprattutto rimane la lingua. E le parole di Ignazio Buttitta nel loro incedere epico e drammatico, con la loro capacità di entrare nelle nostre viscere e riportare fuori quel senso di appartenenza che spesso dimentichiamo. Facciamo teatro perché l’emozione resti viva. 

Filippo Luna

Dobbiamo conoscere e amare il nostro passato, contro la ferocia speculativa del nuovo capitalismo, che non ama nulla, non rispetta nulla, non conosce nulla. Pier Paolo Pasolini

L’alba e il tramonto, il teatro e la danza. La leggenda, il mito, la storia. 

Sono ben due spettacoli, di cui uno in prima nazionale, gli appuntamenti che si alterneranno il 19 agosto al Segesta Teatro Festival, il programma di arti performative con la direzione artistica di Claudio Collovà, che si svolgerà fino al 4 settembre al Parco Archeologico di Segesta, diretto da Luigi Biondo, e i comuni limitrofi, Calatafimi Segesta, Contessa Entellina, Custonaci, Poggioreale e Salemi. 

Al sorgere del sole (ore 5.00) al Teatro Antico il pubblico potrà assistere a Colapesce. Dedicato a Buttitta,  prima nazionale, adattamento e regia di Filippo Luna, che mette in scena l’affascinante leggenda, risalente al XII secolo, di Colapesce, attraverso le parole del celebre poeta di Bagheria. 

«Una favola dai profondi contenuti, immensamente eterna e senza connotazione temporale» come la descrive lo stesso Luna. 

Cola era un giovane messinese, figlio di una lavandaia e di un pescatore. Il ragazzo venne soprannominato Colapesce per la sua grande abilità nel muoversi in acqua sin da quando era molto piccolo. Un pesce di mare che, di ritorno dalle sue numerose immersioni, si soffermava spesso a raccontare le meraviglie scorte in quegli abissi, alle volte riportando persino sulla terra ferma alcuni di quei tesori. La sua fama fu tale da giungere sino alle orecchie del Re di Sicilia, l’Imperatore Federico di Svevia, che decise di metterlo alla prova. Il Re e la sua corte si recarono a bordo di un’imbarcazione proprio fino alle acque frequentate da Cola, e lo fecero chiamare dalla madre. Quando Colapesce riaffiorò, il Re gli lanciò una prima sfida, gettando in acqua una coppa che il ragazzo recuperò immediatamente. Allora, il sovrano lanciò la sua corona in acque profonde e Colapesce riuscì nuovamente nell’impresa. La terza volta, il Re fece cadere in mare un anello, un oggetto ancora più piccolo e dentro acque ancora più profonde. Fu solo in quel momento che Cola si accorse che la Sicilia, la sua terra, con le sue tre punte di terra, si appoggiava su tre colonne. Una di queste era visibilmente segnata dal tempo, piena di vistose e pericolose crepe. Tornò così a galla, e senza indugio disse addio a Ninfa, l’amata che portava in grembo suo figlio e decise di restare per l’eternità sott’acqua per sorreggere la colonna ed evitare che l’isola potesse sprofondare. E ancora oggi, Cola si trova negli abissi del mare di Sicilia, a tenerla in piedi e proteggerla, concedendosi la possibilità di risalire in superficie per rivederla soltanto una volta ogni cento anni. 

In scena al fianco di Filippo Luna Manuela Ventura, che vestirà i panni di Colapesce, Alessandra Fazzino che ha curato anche i movimenti coreografici, Rita AbelaVirginia Maiorana, sue le musiche originali eseguite dal vivo.

Al calar del sole invece sempre al Teatro Antico (ore 19.30), andrà in scena PPP Presente Passato Pasolini, spettacolo di teatro-danza firmato dal coreografo e regista Aurelio Gatti, che qui indaga Pasolini nella sua ricerca sulla relazione fra mito e storia. Sul palco dieci artisti – Valeria BusdraghiLucia CinquegranaElisa Carta CarosiArianna Di PalmaMatteo GentiluomoPolina LukanskaPaola Saribas e GipetoChiara MeschiniSebastiano Tringali – per un immaginario circo costruito intorno a testi come Pilade, Affabulazioni, La Rabbia, Divina Mimesis, oltre a numerose interviste del più importante, scandaloso e controverso intellettuale italiano del Novecento. Il circo è lo spazio immaginato per un provocatore, “corsaro”, spesso scomodo, osteggiato, sempre inviso ai potenti e irritante per l’opinione pubblica che turbò con le sue prospettive eccentriche e anticonformiste. 

Biglietti disponibili, anche con possibilità di abbonamenti, al botteghino del Parco oppure online sul sito di CoopCulture www.coopculture.it/it/eventi/evento/segesta-teatro-festival/ o su www.vivaticket.com/it/tour/teatro-di-segesta-festival-2022/778.

Leggi la notizia

Cultura

Ragusa Ibla, l’Accademia delle Prefi premia Nunziella La Cognata e Silvana Federico in “Luoghi e istanti: frammenti di Sicilia”

Redazione

Pubblicato

il

L’accademia delle Prefi ha consegnato ieri 16 agosto 2022 gli Attestati di eccellenza in occasione dell’esposizione d’arte “Luoghi e Istanti – Frammenti di Sicilia” alle artiste Nunziella La Cognata e Silvana Federico presso il Vicolo Morelli a Ragusa Ibla.

 

Il paesaggio e l’uomo: questo è il binomio che caratterizza il mondo della Sicilia sud-orientale, dove la campagna arida dell’estate si mescola con il sudore atavico dei propri abitanti, dove le colline pietrose si adagiano sulle sabbiose spiagge della costa mediterranea. Nunziella La Cognata e Silvana Federico, cresciute a Ragusa, raccontano con i loro quadri questa realtà, dando voce, attraverso i colori e le forme, ad una natura che sa emozionare e stupire. Dal 16 agosto al 20 agosto 2022 presso il Vicolo Morelli a Ragusa Ibla.

 

Lo spazio è suggestivo… il Vicolo Morelli rappresenta la peculiarità architettonica del tipico paesaggio urbano della città barocca e farà da cornice alle opere esposte dalle artiste creando un connubio ideale fra arte figurata e realtà urbana della città barocca.

 

Sono esposti i lavori più rappresentativi realizzati dalle pittrici che, senza nessuna pretesa di dichiararsi artiste, si dilettano semplicemente a raccontare con la pittura quello che vedono intorno a loro.

 

Osservando la realtà con l’entusiasmo e la genuinità di un bambino, trasformando le loro visioni in quadri. le pittrici, in questa esposizione d’arte, rispecchiano due sensibilità diverse, la Federico tende ad emozionarsi e a prediligere il suo mare fonte d’ ispirazione ed armonia, la La Cognata si esprime privilegiando il territorio e l’impronta dell’uomo e del suo ingegno. L’Accademia delle Prefi in forma ufficiale è stata presente ed ha consegnato gli Attestati di Eccellenza alle due artiste. La mostra sarà visitabile dal 16 agosto al 20 agosto 2022 dalle ore 19:00 alle 22:00.

Il Presidente dell’Accademia delle Prefi Salvatore Battaglia

Leggi la notizia

Spettacolo

Pantelleria, eventi dal 17 al 23 agosto: archeologia, sport, spettacolo e promozione del territorio. Ecco gli attesi The Kolors

Redazione

Pubblicato

il

PANTELLERIA, EVENTI DAL 17 AL 22 AGOSTO

UN’ALTRA SETTIMANA DI ARCHEOLOGIA, SPORT, TEATRO, MUSICA E PROMOZIONE DEL TERRITORIO E DEI PRODOTTI PANTESCHI

 

La terza settimana di agosto a Pantelleria prevede tanti eventi diversi che vanno dall’archeologia allo sport, dal teatro alla musica fino alla promozione del territorio e dei prodotti isolani.

Si comincia domani, mercoledì 17 agosto alle ore 19.00 in Aula Consiliare, con un EXTRA al programma. L’Assessorato ai Beni Culturali del Comune, insieme al Centro Culturale Vito Giamporcaro organizza una conferenza dal titolo “TRA CARTAGINE E ROMA: L’ACROPOLI DI PANTELLERIA ALLA LUCE DELLE ULTIME CAMPAGNE DI SCAVO ARCHEOLOGICO” che presenterà i ritrovamenti all’Acropoli di San Marco grazie all’esposizione del Prof. Thomas Schäfer e del Dott. Frerich Schön. Un appuntamento ad ingresso libero che sicuramente interesserà panteschi e turisti.

Giovedì 18 agosto invece sarà la volta dello sport e della riscoperta di uno dei luoghi più incantevoli dell’isola: Piana della Ghirlanda. Anche quest’anno infatti viene riproposta LA GHIRLANDATA, camminata non agonistica organizzata dall’Associazione Pantelleria Outdoor, in collaborazione con la PGS Madonna della Pace, il Parco Nazionale Isola di Pantelleria e il Patrocinio del Comune di Pantelleria.

L’appuntamento per grandi e piccini (accompagnati ovviamente) e anche amici a quattro zampe sarà alle ore 17.00 a Piazza Perugia a Tracino, per poi partire alle 18.00 per un percorso di 5,6 km tra le meraviglie di questo luogo magico dell’isola. La partecipazione è gratuita.

Venerdì 19 agosto alle ore 22.00 a Cala Gadir un nuovo appuntamento con il grande teatro con lo spettacolo “ONEHAND JACK- Una favola in blues” di Stefano Benni, portato sul palco di uno dei luoghi più suggestivi di Pantelleria dall’attore Gianni Bernardo, accompagnato da Gianni Belvisi al pianoforte, Giuseppe Pipitone al contrabbasso, Fabrizio Parrinello alla batteria e Eloisa come voce. Una favola uscita dalla penna di Stefano Benni come una partitura musicale raccontata, suonata e cantata. Un capolavoro della narrativa contemporanea. Tra musica, teatro e letteratura. Ingresso gratuito senza prenotazione.

         Sabato 20 agosto alle ore 22.00 presso la Chiesa di San Gaetano a Scauri, si terrà il penultimo concerto del SUONI PANTESCHI CHAMBER MUSIC FESTIVAL, dal titolo “La voce del violoncello” con Enrico CarliChristian BarracoGiulio Potenza e Ludovica Franco. Ingresso libero senza prenotazione.

         Attesissimo l’appuntamento di domenica 21 agosto alle ore 22.00 con il concerto-evento dei THE KOLORS in Piazza Cavour a Pantelleria Centro. Ingresso libero senza prenotazione. Per i diversamente abili che volessero riservare un posto a sedere per la campagna #pantelleriapertutti, è necessario prenotarsi contattare l’Assessorato alla Cultura al numero 3312665409 entro venerdì 19 agosto.

         Infine, lunedì 22 agosto alle ore 19.00 in Piazza Unesco ci saranno le DEGUSTAZIONI IN STRADA: DAL CAPPERO ALLO ZIBIBBO a cura dell’Associazione Pantelleria Enoica.

         A seguire, alle ore 21.30 in Piazzetta Messina, sempre organizzata dalla stessa associazione ci sarà Conferenza “AGRICOLTURA A PANTELLERIA: PASSATO E PRESENTE. QUALE FUTURO?” organizzata dall’Associazione Pantelleria Enoica con il Patrocinio del Comune di Pantelleria. Partecipano Vincenzo CampoGiampietro ComolliAntonio Parrinello, un rappresentante del Parco Nazionale Isola di Pantelleria e il Prof. Antonio Montisi dell’Università di Palermo in collegamento. Conduce Giovanna Ferlucci. Ingresso libero.

         È stata invece rimandata a data da decidere a settembre, la presentazione del libro di Italo Cucci “Dal paradiso europeo all’inferno mondiale” organizzata da Pantelleria Internet, che si sarebbe dovuta tenere il 22 agosto da programma, per sopraggiunti impegni degli organizzatori.

PROGRAMMA

17 agosto ore 19.00, Aula Consiliare (EXTRA)

Conferenza “TRA CARTAGINE E ROMA: L’ACROPOLI DI PANTELLERIA ALLA LUCE DELLE ULTIME CAMPAGNE DI SCAVO ARCHEOLOGICO” del Prof. Thomas Schäfer e del Dott. Frerich Schön in collaborazione con il Centro Culturale Vito Giamporcaro. Ingresso libero senza prenotazione.

18 agosto ore 22.00, Tracino (EXTRA)

GHIRLANDATA 2022 Camminata non agonistica a passo libero di 5,6 km a Piana della Ghirlanda. Raduno alle ore 17.00 a Tracino in Piazza Perugia e partenza alle ore 18.00. Possono partecipare anche i minorenni, purché accompagnati. Organizzazione a cura dell’Associazione Pantelleria Outdoor, in collaborazione con la PGS Madonna della Pace, il Parco Nazionale Isola di Pantelleria e il Patrocinio del Comune di Pantelleria. Partecipazione libera.

19 agosto ore 19.00, Gadir

Spettacolo teatrale “ONE HAND JACK. Una favola blues” di Stefano Benni con Gianni Bernardo, accompagnato da Gianni Belvisi al pianoforte, Giuseppe Pipitone al contrabbasso, Fabrizio Parrinello alla batteria e Eloisa come voce. Ingresso gratuito senza prenotazione.

20 agosto ore 22.00, Chiesa di San Gaetano a Scauri

SUONI PANTESCHI CHAMBER MUSIC FESTIVAL, concerto dal titolo “La voce del violoncello” con Enrico CarliChristian BarracoGiulio Potenza e Ludovica Franco. Ingresso libero senza prenotazione.

21 agosto ore 22.00 Piazza Cavour (Pantelleria centro)

THE KOLORS IN CONCERTO ingresso libero senza prenotazione.

22 agosto dalle ore 19.00 Piazza Unesco (Pantelleria centro)

DEGUSTAZIONI IN STRADA: DAL CAPPERO ALLO ZIBIBBO a cura dell’Associazione Pantelleria Enoica.

Ore 21.30 Piazza Messina (Pantelleria centro)

Conferenza “AGRICOLTURA A PANTELLERIA: PASSATO E PRESENTE. QUALE FUTURO?” organizzata dall’Associazione Pantelleria Enoica con il Patrocinio del Comune di Pantelleria. Partecipano Vincenzo CampoGiampietro ComolliAntonio Parrinello, un rappresentante del Parco Nazionale Isola di Pantelleria e il Prof. Antonio Montisi dell’Università di Palermo in collegamento. Conduce Giovanna Ferlucci. Ingresso libero.

 

Tutti gli eventi sono ad ingresso libero e senza prenotazione, a meno che non sia indicato differentemente. Info: www.comunepantelleria.it

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza

© 2021 Il Giornale di Pantelleria - Un prodotto Noùs Editore Srls | Progettazione sito: Ferrigno Web Agency