Segui i nostri social

Politica

Pantelleria, Cappadona (PD) replica a M5S sul Waterfront: “Nessuno toglie il merito a nessuno, ma non si può cancellare il passato”

Avatar

Pubblicato

il

Riceviamo e  pubblichiamo integralmente nota di Saro Cappadona, segretario PD Circolo di Pantelleria

Non è nostra abitudine replicare ai comunicati stampa degli altri partiti politici, ma riteniamo che sul tema “Water Front” una serie di puntualizzazioni vadano fatte alla nota diramata dal Movimento Cinque Stelle, non fosse altro per dovere di verità, partendo dal presupposto che ciò che noi tutti riusciamo a dare per l’isola è un inestimabile patrimonio di valorizzazione per l’intero territorio e dei cittadini che vi abitano, quindi si presuppone che la continuità istituzionale delle varie amministrazioni che si sono succedute rappresentano il vulnus di chi opera per il bene comune amministrato.

Il progetto del Water Front, come già detto, parte da molto lontano ed esattamente dal 2006, con la partecipazione del Comune di Pantelleria alla mostra di architettura della biennale di Venezia “Città di Pietra 2006”, ecco perché nella nostra nota parlavamo di lungimirante visone, a cui seguirono i primi stage universitari delle facoltà tedesche e siriane, che avviarono il percorso interdisciplinare del primo concorso del MI.B.A.C. “Sensi Contemporanei 2009/2010.

Pur con questa premessa d’obbligo, nessuno vuole negare i meriti di questa Amministrazione comunale, fra l’altro da noi già riconosciuti visto che nella nostra nota diamo il giusto valore al faticoso lavoro delle amministrazioni che si sono susseguite negli ultimi undici anni, quindi appare naturale che parliamo anche dell’attuale amministrazione a cinque stelle.

Lavoro faticoso portato avanti anche e soprattutto grazie al fattivo contributo dell’Ufficio Tecnico comunale che ha seguito costantemente il progetto e che, a nostro avviso, ha dato vera continuità amministrativa in questi ultimi tre anni, non solo per il Water Front ma anche su tutto il resto.

Vogliamo rassicurare tutti e in particolare il Movimento Cinque Stelle che non abbiamo dato inizio a nessuna campagna elettorale e non intendiamo mettere alcun cappello sull’operazione Water Front. Nessuno toglie il merito a nessuno, ma non si può cancellare il passato, soprattutto utilizzando un linguaggio miserevole che poco si addice ad un confronto politico istituzionale che deve essere sempre rispettoso delle parti e delle rispettive posizioni.

Rosario Cappadona Segretario Partito Democratico Circolo di Pantelleria

Disclaimer

Questo contenuto è proprietà intellettuale della Nous Editore srls, senza tacito consenso ne' è vietata ogni riproduzione, totale e parziale di testi e immagini, anche in forma di link

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Politica

Messina, Cateno De Luca: “Il mio obbiettivo diventare Sindaco della Sicilia”

Avatar

Pubblicato

il

La tutela dei diritti dei Siciliani: dal blocco pacifico dello Stretto si avvia la fase di una nuova spinta meridionalista
La nota di Cateno De Luca pubblicata sui social
Interrotta la mia protesta pacifica del blocco dello Stretto, continuo a chiedere che il Consiglio dei ministri faccia proprio il contenuto delle due ordinanze dei due presidenti Musumeci e Occhiuto, adottati dai due Governatori delle Regioni Sicilia e Calabria per consentire l’attraversamento senza green pass rafforzato lungo lo Stretto di Messina.
Ad oggi non abbiamo ricevuto nessuna risposta dal Governo nazionale, confidiamo che proceda con l’estensione della deroga già prevista per le isole minori. Nell’attesa, anzi proprio lì dove ero accampato, alla rada San Francesco, ho firmato lo scorso 17 gennaio, le mie dimissioni che saranno efficaci come prevede la legge dopo 20 giorni, quindi sarò Sindaco di Messina sino alle ore 23.59 di domenica 6 febbraio.
A seguire verrà nominato dal Governo regionale un Commissario che gestirà la fase transitoria, circa tre mesi, fase che condurrà alle elezioni amministrative, probabilmente a fine maggio. Io non andrò via da Messina e vi assicuro che mi ricandido. Ma sono stato costretto a dimettermi perché in questi tre anni è stato molto difficile lavorare. Insieme alla mia squadra di Assessori abbiamo lavorato con il cosiddetto “freno a mano”, operare in queste condizioni è ormai diventato impossibile e logorante.
Pertanto, la legislatura si interrompe. Peccato, potevamo fare molte più cose se avessimo avuto un Consiglio comunale non rappresentato per la maggioranza da creduloni e ingenui: “asini volanti.
Il mio obiettivo è diventare Sindaco della Sicilia, di questa Sicilia per tutelare i diritti dei siciliani, ma comunque da Messina non vado via. Alle prossime elezioni mi ricandiderò anche a Messina, ovviamente il popolo è sovrano, e se i messinesi decideranno così la città avrà un sindaco o una sindaca scelto all’interno della mia Giunta.
Sarò il capolista per fare il Presidente del Consiglio comunale, ruolo che non ho mai ricoperto, un ruolo importante perché mi consentirà di candidarmi a Presidente della regione siciliana, in quanto da Sindaco non posso candidarmi a Governatore perché la legge non lo permette.
Se i messinesi lo vorranno tornerò a Palazzo Zanca da Presidente del Consiglio comunale. Una carica importante che mi permetterà di potere revisionare l’inaccettabile attuale Regolamento comunale che ha consentito in questi anni, agli attuali consiglieri, di rallentare e boicottare la nostra azione amministrativa grazie al voto di astensione, strumento che è stato ripetutamente utilizzato, nonostante gli attuali rappresentanti del Consiglio comunale, avevano assunto con il sottoscritto l’impegno ad ottobre del 2018 di apportare modifiche, perché concordi che il voto di astensione secondo l’attuale regolamento consente a quei consiglieri che non hanno il coraggio di assumersi le proprie responsabilità di astenersi per non votare contro. Ciò perché l’attuale regolamento equipara l’astensione al voto contrario.
Il mio impegno assunto già nel 2018 è stato lavorare per Messina; voglio continuare a lavorare per Messina e i messinesi; voglio continuare a lavorare per la Sicilia e i siciliani e auspico di avere le condizioni per potere agire in tal senso.
Oggi Messina è diventata protagonista grazie alla scelta che i messinesi hanno fatto il 24 giugno 2018, siete voi a contribuire a fare diventare Messina un trampolino di lancio per la Sicilia, noi possiamo scrivere una nuova pagina di storia politica di tutta l’Italia perché dalla Sicilia può partire finalmente quel movimento meridionalista che sappia fare le barricate nei confronti di uno Stato che continua a ignorarci.
Tutto riparte da Messina.
Questa è una scommessa che faccio insieme a voi, non mi va che il Meridione continui ad essere calpestato e derubato, non mi va che il Presidente della Regione siciliana non venga preso mai in considerazione, non mi va che tutti noi siamo considerati sudici, diventato ormai acronimo di SUD, Basta la storia si scrive da Messina per lanciare questo progetto.
I messinesi, a maggio, e i siciliani poi il 6 novembre 2022 voteranno per il Governatore della Sicilia, e a seguire a marzo del 2023 si voterà per il rinnovo del Parlamento nazionale, e proprio dalla Sicilia deve partire questa spinta meridionalista, se sta bene il Meridione sta bene tutta l’Italia. La Sicilia non ha bisogno di carità, ma di giustizia, dobbiamo abbattere tutte quelle cause che per anni hanno determinano di essere considerati in uno status di inferiorità.
Non prevedere una deroga per la Sicilia e la Calabria in una fase di emergenza sanitaria bloccando l’attraversamento dello Stretto dei siciliani, calabresi e di coloro che erano in transito è stato l’esempio eclatante del suddetto status.
Leggi la notizia

Politica

Pantelleria, nominato il nuovo assessore: Ferreri subentra a Gutterez. Ecco la nuova giunta

Avatar

Pubblicato

il

Ferreri si occuperà di Gestione Immigrati, Attività Produttive, Sportello Unico, Programmazione, Politiche Attive sul Lavoro, Cimiteri, Partecipazione e Trasparenza

Ha firmato stamattina la nomina, alla presenza del Sindaco Vincenzo Campo, della Giunta e del Vicesegretario, Fabrizio Maccotta, il nuovo assessore della Giunta pantesca, Leonardo Germano Ferreri.

L’Assessore Ferreri prende il posto dell’ex-Assessore Gutterez dimessosi a fine anno per impegni lavorativi. Con l’occasione c’è stato anche una ridistribuzione delle deleghe che erano di Gutterez e quelle del Sindaco.

L’Assessore Ferreri avrà le deleghe: Gestione Immigrati, Attività Produttive, Sportello Unico, Programmazione, Politiche Attive sul Lavoro, Coordinamento Servizi Cimiteriali, Partecipazione e Trasparenza.

Rimangono invariate le deleghe del Vicesindaco Maurizio Caldo, e degli Assessori Angelo Parisi e Francesca Marrucci, mentre il Sindaco Campo assume le seguenti deleghe: Protezione Civile, Pianificazione, Polizia Municipale, Agricoltura, Rapporti con il Parco, Politiche di Bilancio, Patrimonio e Tributi, Politiche dello Sport.

Leggi la notizia

Politica

Il Cavaliere Silvio Berlusconi nuovo presidente della Repubblica…? Il manifesto di Forza Italia elenca i meriti fra cui “eroe della libertà”

Avatar

Pubblicato

il

Berlusconi è il candidato del centrodestra al Quirinale. Matteo Salvini, dopo che nei giorni scorsi si era parlato di dubbi della coalizione sul leader di Forza Italia, ribalta ancora la situazione: “Centrodestra compatto e convinto nel sostegno a Berlusconi, non si accettano veti ideologici da parte della sinistra – dice il segretario della Lega – Spero che nessun segretario e nessun partito si sottraggano al confronto ed alla responsabilità”. Salvini ce l’ha con i partiti di centrosinistra, che non si siederanno mai al tavolo unitario a cui lui li vuole portare per parlare della candidatura di Berlusconi. Chiaramente è inaccettabile per il Movimento 5 Stelle, ma ancora di più per Letta e idem.

Insomma, per Berlusconi la caccia è aperta. Tanto che ormai è diventata una questione su cui scherzare tra parlamentari: “Non mi ha chiamato e mi sono lamentato – scherza il deputato di Italia Viva, Roberto Giachetti, con Matteo Renzi – È possibile che abbia chiamato tutti tranne me? Eppure, mi sono dato da fare in più di un’occasione per difenderlo”.

Dura, invece, la deputata del Partito Democratico e responsabile esteri Lia Quartapelle: “Fare shopping nel gruppo Misto non mi sembra una cosa seria, né che fa onore alla storia di Silvio Berlusconi – spiega a Rainews24 – Su questo bisogna riflettere”.

E intanto Rosy Bindi propone: “L’uscita dall’Aula per fare l’unica conta vera, quella che avrebbe importanza per far capire chi davvero non vuole Silvio Berlusconi. Io trovo singolare anche solo che si sia pensato seriamente che Berlusconi possa diventare Presidente della Repubblica”.

Salvatore Battaglia Presidente Accademia delle Prefi

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza

© 2021 Il Giornale di Pantelleria - Un prodotto Noùs Editore Srls | Progettazione sito: Ferrigno Web Agency