Segui i nostri social

Cronaca

Messina, Degrado e assenza di sicurezza negli ambienti di lavoro dell’UNEP

Redazione

Pubblicato

-

Uil Pubblica Amministrazione incontra il presidente della Corte d’Appello di Messina Luigi Lombardo. Il segretario generale Alfonso Farruggia: “Chiesti interventi urgenti a tutela del personale e dell’utenza”

Un incontro tra la Uil Pubblica Amministrazione e i vertici della Corte d’Appello di Messina per affrontare le criticità delle condizioni in cui versano gli ambienti dell’Ufficio Notificazioni Esecuzioni e Protesti.

La riunione, richiesta dalla sigla sindacale, ha visto il confronto tra Alfonso Farruggia e Alda Iudicelli, rispettivamente segretario generale della UILPA Sicilia e segretaria generale provinciale di Messina, il presidente della Corte d’Appello Luigi Lombardo, il dirigente amministrativo dello stesso ufficio Demetrio Foti e il direttore dell’UNEP Antonino Foti.

Al centro dell’attenzione la richiesta, più volte espressa dalla UILPA, di attuare interventi urgenti di ripristino del decoro, della vivibilità e della sicurezza nei locali di via San Domenico Savio 255/B.

“La Corte di Appello di Messina – spiegano i segretari  – ha risposto alle preoccupazioni sollevate dalla Segreteria Regionale della Uil Pubblica Amministrazione Sicilia e dalla Segreteria Provinciale di Messina in merito alle condizioni di sicurezza, a oggi  precarie, in atto all’Ufficio Notificazioni, Esecuzioni, e Protesti: il presidente della Corte d’Appello Luigi Lombardo e il dirigente Demetrio Foti hanno assunto impegni concreti per affrontare la situazione, ormai non più gestibile né tollerabile”.

“Le azioni immediate da intraprendere –  spiega il segretario generale della Uil Pubblica Amministrazione Sicilia Alfonso Farruggia –   includono la sostituzione del mobilio obsoleto, il miglioramento dell’impianto elettrico per eliminare qualsiasi rischio potenziale, il controllo di tutti gli infissi, lo smontaggio di una porta corazzata montata in una struttura metallica tenuta solo da quattro viti, nonché la tinteggiatura generale degli ambienti, al fine di garantire un ambiente di lavoro più confortevole e sicuro”.

Nel corso dell’incontro, la Corte di Appello ha inoltre assunto l’impegno  a mantenere un costante dialogo con i sindacati e ad attuare soluzioni concrete per risolvere le problematiche in atto, assicurando che gli interventi necessari siano effettuati tempestivamente per il benessere di tutti i dipendenti e dell’utenza, compatibilmente con i tempi necessari per ottenere le autorizzazioni relative agli interventi.

“Restiamo vigili e determinati nel nostro impegno – concludono Alfonso Farruggia e Alda Iudicelli –  per garantire un ambiente di lavoro sicuro e dignitoso per tutti”.

 Un incontro tra la Uil Pubblica Amministrazione e i vertici della Corte d’Appello di Messina per affrontare le criticità delle condizioni in cui versano gli ambienti dell’Ufficio Notificazioni Esecuzioni e Protesti.

La riunione, richiesta dalla sigla sindacale, ha visto il confronto tra Alfonso Farruggia e Alda Iudicelli, rispettivamente segretario generale della UILPA Sicilia e segretaria generale provinciale di Messina, il presidente della Corte d’Appello Luigi Lombardo, il dirigente amministrativo dello stesso ufficio Demetrio Foti e il direttore dell’UNEP Antonino Foti.

Al centro dell’attenzione la richiesta, più volte espressa dalla UILPA, di attuare interventi urgenti di ripristino del decoro, della vivibilità e della sicurezza nei locali di via San Domenico Savio 255/B.

“La Corte di Appello di Messina – spiegano i segretari  – ha risposto alle preoccupazioni sollevate dalla Segreteria Regionale della Uil Pubblica Amministrazione Sicilia e dalla Segreteria Provinciale di Messina in merito alle condizioni di sicurezza, a oggi  precarie, in atto all’Ufficio Notificazioni Esecuzioni, e Protesti: il presidente della Corte d’Appello Luigi Lombardo e il dirigente Demetrio Foti hanno assunto impegni concreti per affrontare la situazione, ormai non più gestibile né tollerabile”.

“Le azioni immediate da intraprendere –  spiega il segretario generale della Uil Pubblica Amministrazione Sicilia Alfonso Farruggia –   includono la sostituzione del mobilio obsoleto, il miglioramento dell’impianto elettrico per eliminare qualsiasi rischio potenziale, il controllo di tutti gli infissi, lo smontaggio di una porta corazzata installata in una struttura metallica tenuta solo da quattro viti nonché la tinteggiatura generale dei locali, al fine di garantire un ambiente di lavoro più confortevole e sicuro”.

Nel corso dell’incontro, la Corte di Appello ha inoltre assunto l’impegno a mantenere un costante dialogo con i sindacati e ad attuare soluzioni concrete per risolvere le problematiche in atto, assicurando  la tempestività degli interventi per il benessere di tutti i dipendenti e dell’utenza, compatibilmente con i tempi necessari per ottenere le autorizzazioni relative agli interventi stessi.

“Restiamo vigili e determinati nel nostro impegno – concludono Alfonso Farruggia e Alda Iudicelli – per garantire un ambiente di lavoro sicuro e dignitoso per tutti”.

Economia

L’ora solare ha le ore contate: stanotte movimento di lancette

Direttore

Pubblicato

il

L’ora solare ha le ore contate per lasciare il posto all’ora legale.

Il cambio, quest’anno, coinciderà con la Pasqua, nella notte tra sabato 30 e domenica 31 marzo quando le lancette di tutti gli orologi andranno spostate in avanti, dalle 2 alle 3.

Si dormirà un’ora di meno per conquistare un’ora di luce in più. Da anni ormai, ricordarsi di cambiare l’orario non è più un problema, la tecnologia, infatti, fa tutto da sé: smartphone, tablet, computer e la maggior parte dei dispositivi tecnologici si aggiornano in automatico. 

Perché l’ora legale

Il passaggio dall’ora solare a quella legale è stato motivato dal risparmio di energia elettrica, avendo un’ora di luce in più di sera.
Le giornate saranno all’apparenza più lunghe con il buio che arriverà più tardi.

Leggi la notizia

Ambiente

Incendio a Pantelleria, comincia presto la stagione dei roghi – V I D E O

Direttore

Pubblicato

il

Incendio a Pantelleria, in Contrada Buggeber, tale da richiedere l’intervento di Canadair, giunti da Lamezia Terme.
L’incendio è stato prontamente domato, grazie al repentino intervento e alle condizioni meteo ancora fresche.

Non abbiamo ancora molti dettagli, ma considerando che siamo al 29 di marzo, riteniamo che la stagione dei roghi fortuiti o premeditati sia piuttosto in anticipo.

In Sicilia non è il primo caso di incendi precoci, rispetto alla stagione conclamata per questo tipo di incidenti per l’ambiente.

La Regione Siciliana ha anticipato, al 15 maggio l’avvio della campagna antincendi, ma le attenzioni verso il nostro territorio dovrebbero essere senza start e sensibilizzazioni di sorta.

Video

Può interessare: Antincendio, Schifani e Pagana: «Campagna anticipata al 15 maggio, più tempo per tutela territorio»

Leggi la notizia

Salute

Pantelleria a sostegno della Fondazione Veronesi con “Il pomodoro della ricerca”

Redazione

Pubblicato

il

Quest’anno anche Pantelleria sosterrà la Fondazione Veronesi •
La Coop. Figlia del Vento parteciperà all’evento di piazza “il Pomodoro per la ricerca. Buono per te, buono per l’ambiente”, previsto il 20 e 21 Aprile 2024.

Potete tutti contribuire a sostenere la ricerca scientifica sui tumori pediatrici, contattandoCI subito per prenotare una o più confezioni di pomodoro. Per ricevere una confezione di pomodoro è richiesta una donazione minima di € 12,00. Grazie a chi potrà contribuire a rendere questo evento speciale e per chi volesse partecipare come volontaria/o, basta farmi sapere.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza