Segui i nostri social

Cultura

Levanzo, ritrovati reperti della Battaglia delle Egadi: Roma Cartagine 1 a 0. Schifani “Preziosa eredità di Sebastiano Tusa”

Redazione

Pubblicato

-

Così il Presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani, commenta l’importante avvenimento.

Il tratto di mare davanti Levanzo in provincia di Trapani, continua a restituirci preziose testimonianze di tempi lontani.
Un team formato dalla Soprintendenza del Mare della Regione Siciliana, dalla statunitense RPM Nautical Foundation e dalla SDSS – The Society for Documentation of Submerged Sites, ha riportato alla luce numerosi reperti della battaglia delle Egadi, combattuta tra Romani e Cartaginesi il 10 marzo del 241 a.c., e che sancì la sconfitta di Cartagine e la fine della I Guerra Punica.

Questi ritrovamenti sono l’ennesima testimonianza della preziosa eredità del compianto Sebastiano Tusa, che per primo intuì l’individuazione del teatro della battaglia che sancì il dominio dei Romani sul Mediterraneo.
Un importante contributo alla comprensione del nostro passato, ma anche un ulteriore occasione per ribadire l’importanza delle azioni di tutela e salvaguardia del nostro immenso patrimonio archeologico.

©sopritendenzadelmare

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura

A Pantelleria dal 13 luglio la mostra collettiva “Per il piacere degli occhi”: da non perdere in Cantina Valenza

Direttore

Pubblicato

il

Camilla Ganci, Mario Valenza, Salvatore Bernardo e Fausto Ristori, il 13 luglio inaugurano esposizione delle proprie opere: foto, disegni, istallazioni

Dal 13 luglio al 25 agosto, presso i locali della Cantina Valenza, in Valle del Monastero, si terrà “Per il piacere degli occhi”, la mostra espositiva di quattro personaggi dell’isola ricchi di animo, creatività, legame con il territorio e altre caratteristiche ancora che si “leggeranno” attraverso i loro lavori.

Camilla Ganci, Mario Valenza, Salvatore Bernardo e Fausto Ristori, tra foto, disegni e istallazioni portano l’arte in cantina, nel vero senso della parola, dove si realizzano altre opere d’arte come i vini.

La Cantina Valenza, infatti mette a disposizione i suoi locali già pregni di cultura per una collettiva suggestiva e da non perdere, dal venerdì al lunedì dalle ore 18.00 alle ore 21.00.

Leggi la notizia

Cultura

Pantelleria nella storia dell’aviazione con il Macchi C. 205. Ieri conferenza straordinaria

Redazione

Pubblicato

il

E’ stato un grande volo all’indietro nel tempo, quello compiuto giovedì, 11 luglio,
nel suggestivo Hangar Nervi dell’Aeroporto Militare Italo D’Amico di Pantelleria.

Un salto che è riuscito a collegare estemporaneamente presente e passato, con la realizzazione di una Conferenza dedicata al Macchi C. 205 Veltro, velivolo inabissatosi nel mare di Pantelleria nel lontano 1943 durante le imprese belliche del secondo conflitto mondiale, poi finalmente recuperato, a trenta metri di profondità, nell’aprile del 2023, grazie alla solerte segnalazione di Antonello D’Aietti (Green Divers), pantesco appassionato del
mare e dei suoi tesori più nascosti.

Alla Conferenza, prevista per le ore 10,00 e moderata da Giovanna Cornado Ferlucci, hanno argomentato personalità ragguardevoli del mondo militare, della Soprintendenza del Mare, dell’universo artistico, spiegando, passo dopo passo, le fasi di recupero e di restauro
dell’aeroplano, articolate e contraddistinte da interventi delicatamente mirati,
meglio attinenti alle caratteristiche dello stesso, con l’utilizzo di tecniche e materiali
che hanno saputo conferirgli la naturalità dell’epoca di appartenenza.

Pezzo dopo pezzo, come un puzzle, il velivolo, esposto fieramente all’interno dell’Hangar, è
tornato così a volare in modo immaginifico sui nostri cieli, sulla scia narrativa che ha
visto come protagonista il Sottotenente Alvise Andrich, pilota che, nelle tragiche
circostanze del conflitto contro gli Alleati, riuscì a salvarsi lanciandosi col
paracadute, e venne poi salvato dai tedeschi con il mare in tempesta.
Grande importanza è stata corrisposta alle fonti storiche, all’Archivio dell’Ufficio
Storico dell’Aeronautica Militare e all’Archivio Centrale dello Stato, che hanno
permesso l’identificazione e la ricostruzione della vita del militare e del velivolo a lui
affidato durante le operazioni di guerra; così come hanno saputo dare impulso alla
valorizzazione del patrimonio non solo dell’Aeronautica Militare, ma della Storia in
generale, con la menzione commovente all’indimenticabile Sebastiano Tusa, colui
che aveva intravisto nell’Isola ‘il cuore pulsante del Mediterraneo’ e che aveva
impegnato la sua vita intera ‘scavando’ e ricercando negli abissi più profondi,
avvicinando tutti alla comprensione dell’importanza del legame inscindibile tra
passato e presente: e il velivolo Macchi, giustappunto, strappato alle voragini del
mare, rimane adesso là, in bella mostra, a raccontare le gesta leggendarie di una
Storia indelebile.
Davano voce alla narrazione di un tassello di storia di Pantelleria uomini e donne della cultura, militari e civili, tra cui

– capitano di corvetta Sebastiano SGROI
– ⁠1º Lgt Roberto PICONE
– ⁠1º Mllo Rocco PISARRA
– ⁠Antonello D’AIETTI

– Generale di squadra aerea Alberto BIAVATI
⁠Colonnello Franco LINZALONE
– ⁠Tenente di Vascello Vincenzo DE FALCO (capitaneria di porto)
– ⁠vicesindaco Adele Pineda
– ⁠commissario Parco Italo Cucci
– ⁠direttrice del Parco Sonia Anelli

Una conferenza di presentazione del Macchi 205 fu organizzata e svolta con successo lo scorso 5 aprile 2024, presso lo Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare in Roma.

Franca Zona

Può interessare approfondire la storia leggendo: Pantelleria e la storia della sua aviazione allo Stato Maggiore dell’Aeronautica: il Macchi 205 e il pilota Andrich

Leggi la notizia

Cultura

Mazara, l’antico organo della Chiesa S. Michele torna a suonare dopo il restauro

Direttore

Pubblicato

il

L’ANTICO ORGANO DELLA CHIESA DI SAN MICHELE TORNA A SUONARE
LA PRESENTAZIONE DEL RESTAURO A MAZARA DEL VALLO

L’antico organo di una delle due cantorie della chiesa di San Michele di Mazara del Vallo, dopo più di 100 anni che era spento, è tornato a suonare. Ieri, in occasione della solennità di San Benedetto Abate, è stato presentato il restauro completato dalla ditta dei fratelli Cimino, con le somme del Fondo per l’edilizia di culto del Ministero dell’Interno. L’organo è stato fatto suonare dal maestro Diego Cannizzaro con un preludio (Toccata in Cesolfaut di Alessandro Scarlatti) e l’accompagnamento liturgico della santa messa presieduta dal Vescovo monsignor Angelo Giurdanella e concelebrata dal clero mazarese. L’organo restaurato nasce come strumento che veniva portato in processione, poi, in una seconda fase intorno alla metà del ‘700, è stato collocato nella cantoria destra della chiesa di San Michele. Si tratta di un organo a canne chiuso in cassa in legno di conifera con un prospetto a vista di canne disposte a cuspide centrale, delimitato da due paraste e sormontato da trafori. Originariamente lo strumento era alimentato con mantici azionate a mano, ora dopo il restauro i mantici sono alimentati con un motore con ventola. «Dell’organo non si hanno notizie storiche precise – spiega il maestro Diego Cannizzaro – ma esaminate le caratteristiche costruttive dell’organo si presume che lo strumento sia stato costruito intorno al XVIII secolo da autore siciliano».

La tastiera di bosso ed ebano è di 45 tasti e prima ottava corta, la pedaliera con 8 pedali scavezza sempre accoppiata al manuale. La parte artistica, ossia la cassa e le altre parti in legno, sono state oggetto di restauro a cura di Rita Guarisco, con la supervisione della Soprintendenza di Trapani (oggi in chiesa erano presenti Tommaso Guastella e Bartolomeo Figuccio). «La testimonianza di San Sebastiano Abate, padre del monachesimo e testimone del Vangelo, sfida anche questo nostro tempo ed è attuale», ha detto il Vescovo. I lavori di restauro dell’organo sono durati circa 2 anni. Lo strumento è stato smontato in ogni sua parte e trasferito presso il laboratorio dei fratelli Cimino ad Aragona (Agrigento) e poi rimontato nella cantoria destra del monastero. Al termine della messa e della presentazione del restauro, le 5 monache di clausura del monastero hanno offerto un piccolo omaggio a tutti i fedeli che hanno riempito la chiesa.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza