Segui i nostri social

Sociale

L’Esercito della Salvezza: Un Faro di Accoglienza per la Comunità LGBTQ+

Redazione

Pubblicato

-

Nel corso degli anni, l’Esercito della Salvezza si è affermato come un’organizzazione che abbraccia la diversità e promuove l’accoglienza e l’inclusione. Tra le numerose comunità che ha aperto le sue porte, i membri LGBTQ+ hanno trovato un rifugio sicuro e un luogo di sostegno.
Questo articolo esplorerà come l’Esercito della Salvezza si è impegnato a fornire supporto e accoglienza ai membri della comunità LGBTQ+, dimostrando un vero spirito di inclusione.

L’Esercito della Salvezza è stato fondato nel 1865 a Londra e ha radici profonde nel cristianesimo evangelico. Tuttavia, nel corso degli anni, l’organizzazione ha adottato un approccio aperto e progressista per affrontare i bisogni della comunità. Questo spirito di accoglienza è evidente anche nel modo in cui l’Esercito della Salvezza ha accolto i membri della comunità LGBTQ+.

Negli anni ’80, quando l’HIV/AIDS era una pandemia che colpiva duramente la comunità LGBTQ+, l’Esercito della Salvezza fu una delle prime organizzazioni religiose a offrire supporto, cure e alloggio a persone affette da queste malattie. Questo atto di compassione e accoglienza ha dimostrato che l’Esercito della Salvezza era disposto a superare le barriere tradizionali per aiutare coloro che ne avevano bisogno, indipendentemente dall’orientamento sessuale.

Negli anni successivi, l’Esercito della Salvezza ha continuato a rafforzare il suo impegno verso l’accoglienza e l’uguaglianza per la comunità LGBTQ+. L’organizzazione ha lavorato per garantire che i membri LGBTQ+ si sentano benvenuti nelle loro strutture e abbiano accesso ai servizi di cui hanno bisogno. Hanno anche sottolineato l’importanza di eliminare ogni forma di discriminazione all’interno dell’organizzazione stessa.

L’Esercito della Salvezza offre una serie di programmi che mirano a sostenere i membri della comunità LGBTQ+. Questi programmi includono servizi di consulenza, assistenza finanziaria, rifugi per giovani senza dimora e programmi di riabilitazione per le persone affette da dipendenze. Questi sforzi sono diretti a migliorare la vita delle persone e a creare un ambiente di supporto in cui ognuno possa sentirsi accettato.

L’Esercito della Salvezza ha anche lavorato per sostenere i diritti LGBTQ+ al di fuori delle sue strutture. L’organizzazione si è unita a iniziative per sostenere l’uguaglianza dei diritti civili, promuovere la non discriminazione e combattere l’omofobia. Questo impegno dimostra che l’Esercito della Salvezza non è solo un rifugio sicuro, ma anche una voce influente nella lotta per l’uguaglianza.

L’Esercito della Salvezza merita un plauso per il suo impegno a offrire accoglienza e supporto ai membri della comunità LGBTQ+. Questo impegno è un esempio di come un’organizzazione con radici religiose possa evolversi e adattarsi ai bisogni delle persone in un mondo in continua evoluzione. L’Esercito della Salvezza dimostra che l’accoglienza e l’uguaglianza sono valori universali che possono essere abbracciati da tutti.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sociale

Marsala, Mons. Giurdanella in visita al distaccamento dei Vigili del Fuoco

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

Oggi 10 giugno, con la visita al distaccamento dei Vigili del fuoco di Marsala, si è concluso il percorso pastorale di S.E. REV.MA Angelo Giurdanella – Vescovo di Mazara del Vallo nelle sedi di servizio dei VV.F. ricadenti nella Diocesi di Mazara.
Ad accogliere il Comandante provinciale Antonino Galfo e il funzionario responsabile Piero Silvano, oltre ad una nutrita rappresentanza del personale operativo, intervenuto anche di turno libero.
Anche a Marsala si è ripetuta la tradizionale e tanto sentita cerimonia della benedizione degli elmi e delle autopompe, alla presenza pure di Don Giuseppe Titone, parroco della vicina chiesa di San Francesco di Paola.
Grande entusiasmo da parte dei pompieri marsalesi nel ricevere la visita del Vescovo, che molto affettuamente si è fermato a pranzo con i vigili.
Nel primo pomeriggio anche il Sindaco di Marsala on. Massimo Grillo si è unito al saluto e al brindisi con il personale vigilfuoco.

Leggi la notizia

Sociale

Pantelleria, riapre il Grest a Scauri con i formatori di Khamma

Redazione

Pubblicato

il

Grest nell’oratorio di Scauri: dopo tanti anni di fermo, riprendiamo a piccoli passi

il Grest nell’Oratorio di Scauri, sarà per una sola settimana, un MiniGrest da Lunedì 8 Luglio a sabato 13 Luglio. Ci stiamo impegnando alcuni responsabili adulti a farlo ripartire, con la disponibilità di alcuni ragazzini che hanno dato la loro disponibilità per fare gli Animatori. Insieme Formatori ed Animatori faremo un Campus per formarci con tutti gli altri Formatori ed Animatori di Kamma e della Chiesa Madre. Di seguito la locandina con il Programma delle giornate del Campus, e la locandina del Grest di Scauri. Il tema del Grest sarà uguale per tutte e tre le Comunità: Chiesa Madre – Oratorio di Kamma e Oratorio di Scauri “VIAVAI”

Il programma

Leggi la notizia

Sociale

Catania, una tre giorni di congressi per i Testimoni di Geova. Attese migliaia di persone

Redazione

Pubblicato

il

Un congresso di tre giorni per parlare solo di buone notizie!

Anche a

Catania migliaia di persone per il congresso annuale

dei Testimoni di Geova

A Catania i Testimoni di Geova terranno la loro serie di congressi del 2024 intitolati
“Annunciamo la buona notizia!” nei fine settimana del 21-23 e 28-30 giugno. Si prevede
che l’evento gratuito attirerà in città più di 12000 persone nel corso dei due fine
settimana di giugno, favorendo anche le attività commerciali del posto come negozi,
hotel e ristoranti.

 In un mondo in cui i social, la TV e la radio ci inondano di cattive
notizie, un evento dal vivo di tre giorni aperto al pubblico promette di dare solo buone
notizie!
Conosciuti anche per i grandi congressi che tengono in tutto il mondo, i Testimoni di
Geova tornano alla Sala Assemblee di Caltanissetta per tutti i fine settimana di giugno e
per la prima volta a Catania presso il Sicilia Fiera di Misterbianco con un programma
molto atteso e pensato per condividere con i presenti consigli utili tratti dalla Bibbia e
incoraggiamento.

Piero Maltese portavoce dei Testimoni di Geova ha detto: “Questi congressi sono uno
dei momenti più attesi dell’anno per migliaia di persone che hanno bisogno di un po’ di
positività nella loro vita, e siamo felici di goderci ancora una volta il programma in
questa città accogliente e ospitale”.

Il congresso “Annunciamo la buona notizia!” presenterà video, discorsi e interviste
basati sulla Bibbia e includerà temi come:
· Perché abbiamo bisogno di buone notizie?
· La buona notizia secondo Gesù.
· Superiamo le difficoltà grazie alla buona notizia.
L’evento clou del sabato sarà il battesimo di persone provenienti dalle comunità
circostanti, mentre un videoracconto in due parti catturerà l’attenzione del pubblico il
venerdì e il sabato. Nelle settimane prima di ogni congresso, i Testimoni di Geova locali
si impegneranno in una campagna per invitare le persone a questo evento gratuito.
L’anno scorso quasi 13 milioni di persone hanno assistito a più di 6.000 congressi di tre
giorni in tutto il mondo.
Per saperne di più su questo congresso gratuito e per trovare la sede più vicina a te,
visita il sito Chi Congressi.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza