Segui i nostri social

Cultura

Le cicogne di Pantelleria, le cicogne di Lillo di Bonsulton

Direttore

Pubblicato

-

Pantelleria, posta nel bel mezzo del Canale di Sicilia, tra la Tunisia e la regione italiana, rappresenta un ameno e comodo pied a terre per i trampolieri più simpatici che la natura ci ha messo a disposizione: le cicogne.

Animali singolari, con quella portata d’ali straordinaria, le zampe sottili e il becco lungo, nel passaggio dal Nord Africa per il Nord Europa, nel periodo primaverile e viceversa, in quello autunnale, stazionano talvolta sul territorio pantesco, suscitando sempre meraviglia e tenerezza.

Così pensando a loro, Lillo di Bonsulton, nel suo straordinario poetare ha dedicato loro una poesia, senza trascurare la vena ironica e sagace che lo contraddistingue. – In copertina una foto del noto chef Andrea Bottacin –

( L A C I C O G N A,!!🤔 )

Tutti l’anni la cicogna Piccjutteddri va a purtari, Ma chist’annu cu stu virus Puru jddra ju a scarsiari,!!🤔

Piccjutteddri ormai cuntati La cicogna va’ a purtari, Pirchi st’aria j pandemia Lu vudeddru ciu a ttuppari,…

E’ respira cu fatica S’assaj pisu ava purtari, E poi puru li coppietti Chi dumanni “un vannu a fari,!!🤔

E in mancanza di scrittura Jddra truscja “un va’ a purtari, Percio’ vola leggia leggia Senza scjatu cunsumari…

Ma finennu a pandemia Chi c’e’ l’aria pulizziata, Torna a truscja a traspurtari Casi – e Loca jri a lassari…

Pirchi genti j tutta eta’ Fa’ dumanni in quantita’!! E li scrivi cu allegria E a cicogna poi l’invia,…!!..🤔

L i l l o di bonsulton

Marina Cozzo è nata a Latina il 27 maggio 1967, per ovvietà logistico/sanitarie, da genitori provenienti da Pantelleria, contrada Khamma. Nel 2007 inizia il suo percorso di pubblicista presso la testata giornalistica cartacea L'Apriliano - direttore Adriano Panzironi, redattore Stefano Mengozzi. Nel 2014 le viene proposto di curarsi di Aprilia per Il Corriere della Città – direttore Maria Corrao, testata online e intraprende una collaborazione anche con Essere Donna Magazine – direttore Alga Madia. Il 27 gennaio 2017 l'iscrizione al Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti nel Lazio. Ma il sangue isolano audace ed energico caratterizza ogni sua iniziativa la induce nel 2018 ad aprire Il Giornale di Pantelleria.

Cultura

Vittoria (RG), 13 giugno inaugurazione personale di Giovanni Biscari “Il tormento di un artista”

Redazione

Pubblicato

il

Giovanni Rosario Biscari e il suo “tormento” artistico

Esposizione opere a Vittoria (Rg)

 

Giovedì 13 giugno, ore 18.00, presso la Sala delle Capriate “Gianni Molè” di Vittoria (Rg), si terrà l’inaugurazione della mostra di Giovanni Rosario Biscari dal titolo “Il tormento di un artista”. Dopo i saluti istituzionali di Francesco Aiello (sindaco di Vittoria) e Paolo Monello (assessore ai Beni ed alle Attività Culturali), seguirà la relazione di Salvatore Parlagreco (curatore della mostra).

La mostra sarà aperta al pubblico sino al prossimo 30 giugno (Via P.pe Umberto, 91 – Vittoria-Rg) con i seguenti orari: 10-12 (giorni feriali); 10-12 e 16-19 (martedì e giovedì).

———————————————————–

 

Sono cinquanta le opere che raccontano – attraverso il tratto, i colori, i soggetti – la parte più intima della controversa personalità di un artista quale Giovanni Biscari (1947–2022), vittoriese. Si possono considerare come frame o segmenti che testimoniano alcune tappe fondamentali della sua vita, in particolar modo gli anni del “tormento” esistenziale e creativo. Tale peculiarità offre esiti di assoluta originalità.

“Si tratta di un percorso espositivo dal filo conduttore cronologico – spiega Salvatore Parlagreco (curatore della mostra) – che fa riferimento ai periodi e ai luoghi dove il pittore studiò e visse, fra Catania, Roma e Vittoria, la città in cui insegnò e risiedette fino alla morte”. Dunque, un viaggio emozionale che svela non solo la confidenza che l’artista dimostra con l’arte figurativa, ma anche il tormento che l’uomo ha vissuto e gestito durante tutta la sua vita.

Tanti i simboli – dell’angoscia e del male di vivere dell’uomo novecentesco – che si intravedono nelle sue opere, molte delle quali racchiudono anche tutta la sofferenza del pittore.

Una persona fragile, tormentata, sensibile, capace di dipingere anche opere astratte, figure drammatiche, nature morte impregnate di un pallido sentimento crepuscolare.

Nella sua epifania artistica di grande effetto, si ritrova “un linguaggio che mescola realismo e simbolismo, nonostante i soggetti delle opere si rifacciano a momenti, personaggi e dettagli di vita quotidiana”.

“Due piani di esposizione, che raccontano il tormento di uno dei pittori più geniali e visionari che abbia mai conosciuto. Il suo vocabolario dei segni, misterioso e magico allo stesso tempo, testimonia la sua fascinazione per l’arte fin da adolescente, cui la continua ricerca e la volontà di sperimentazione promettono di portare nuove opere e nuove riflessioni nel dibattito artistico contemporaneo”.

Attraverso le sue opere, sia grafiche che pittoriche, Biscari ha cercato di denunciare le ingiustizie sociali, l’oppressione politica e le condizioni di vita difficili, in particolare della donna.

Le sue opere rappresentano un esempio di come l’arte possa essere al tempo stesso personale e universale, capace di toccare corde profonde e di stimolare il pensiero critico, un viaggio attraverso la memoria, l’identità e la condizione umana, un viaggio che continua a evolversi e a sorprendere.

“Il suo è uno sguardo crudo, sia su sé stesso che sulle figure che ritrae e dipinge. Toglie loro i vestiti, evidenzia la carne, i segni della magrezza, le deforma, ritrae anche tabù sessuali come l’omosessualità femminile e l’autoerotismo”.

La sua produzione è costituita principalmente da rappresentazioni di volti di corpi tormentati, deformati, mutilati, spesso in atteggiamenti erotici. “Tale sua spregiudicatezza espressiva gli procurò non pochi problemi, con la sua pittura, al punto che non ha mai voluto esporre nella sua città”.

Altra caratteristica che si nota nei suoi ritratti è quella di presentare scene pittoriche spesso affollate da diverse figure. Tuttavia, “Biscari esprime l’essenzialità, quasi una propensione alla veggenza, che lo condurrà nell’arco della sua lunga carriera artistica a prevedere la malattia che lo attanagliava. Guarda diritto verso l’osservatore, che si ritrova a condividere questo stato di inquietudine, con un’empatia che però non risulta forzata, dove vuole fare conoscere anche una realtà diversa, come quella della malattia, nella quale si accentua la sua visione di uomo moderno, una vita fatta di alienazione e atrofia spirituale”.

“La sua poetica – annota Salvatore Parlagreco – è stata tanto mirata all’indagine dell’animo umano, tanto alla denuncia delle condizioni della donna in particolare. Biscari nel corso della sua vita è stato entrambe le cose e probabilmente altro ancora. Lo è stato in modo parallelo, alternando ora un estremo ora l’altro, balzando da una prospettiva all’altra dello spettro esistenziale”.

 

Giuseppe Nativo

Leggi la notizia

Cultura

Ragusa: Presentazione del Progetto “Porte Aperte” la formazione professionale al Top in Sicilia

Redazione

Pubblicato

il

Ragusa: Presentazione del Progetto “Porte Aperte” la formazione professionale al Top in Sicilia

A Ragusa, nei locali dell’ente di formazione LOGOS Società cooperativa, si è tenuta oggi la prima giornata di masterclass rivolta agli allievi che frequentano, a Ragusa e Vittoria, la terza e quarta annualità del corso per acconciatori. I lavori della giornata sono stati aperti dal Dott. Lorenzo Tomasi del CdA Logos, che dopo aver portato i saluti del presidente e legale rappresentante Dott. Rosario Alescio, si è soffermato sugli strumenti degli apprendimenti formali, non formali e informali.

Il prof. Giuseppe Alecci, ha presentato il progetto “Porte aperte” che permette agli allievi, che già frequentano e a coloro che intendono iscriversi ai corsi della Logos, di toccare con mano il mestiere, quindi ha affrontato il tema della formazione professionale sottolineando l’importanza dei percorsi IeFP e in particolare sull’offerta formativa, di “Logos scuola dei mestieri” quale unico ente con sede legale nel territorio ibleo finalizzata, oltre a permettere all’assolvimento dell’obbligo d’istruzione e formazione, ad elevare le competenze generali delle persone, ampliandone le opportunità di acquisizione di una qualifica professionale e, proprio per il fatto che è un ente che conosce alla perfezione il territorio, fornendo risposte coerenti ai fabbisogni formativi e professionali del territorio. Nello specifico ha illustrato i principali obiettivi dei corsi per Acconciatori, progettati da Logos e svolti con il sistema duale che fa comprendere, agli allievi di oggi e ai professionisti di domani, le diverse esigenze del cliente; come creare acconciature personalizzati che si adattano al cliente tenendo conto delle tendenze del settore; l’innovazione nel campo dell’hairstyling; competenze di consulenza e come interagire con il cliente comprendendo le preferenze e comunicando per offrire suggerimenti professionali; come utilizzare gli strumenti e i prodotti specifici.

Il mercato del lavoro, sempre più competitivo, è stato anche l’argomento toccato durante la relazione e come la Logos cerca di rispondere creando delle sinergie con aziende partner favorendo la crescita professionale attraverso gli strumenti che facilitano l’apprendimento: l’Alternanza simulata erogata in aula e nei laboratori per seguire l’Alternanza rafforzata e l’apprendistato di primo livello che favorisce l’eventuale inserimento nel mondo del lavoro. A proposito di questo ha sottolineato il valore della giornata odierna, che permette ad allievi, docenti e titolari di sale di conoscere “il mondo Wella” che vanta un lungo percorso sull’innovazione dei prodotti permettendo il miglioramento del servizio rispondendo alle esigenze del consumatore e in particolare sulla sostenibilità etica, sociale ed ambientale.

Quindi è seguita la relazione del tecnico Wella, Mario Tumminia che dopo avere presentato l’evoluzione e i percorsi dell’azienda nei 144 anni di attività si è soffermato sulle finalità ed obiettivi dell’azienda basati sulla formazione e costruzione di competenze per i parrucchieri e sulle opportunità per gli allievi che potranno emergere dalla collaborazione con la Logos come la possibilità di partecipare ad eventi Wella sul territorio, stage presso saloni Wella, seminari specifici e inserimenti nel mondo del lavoro. L’Accademia delle Prefi

L’Accademia delle Prefi è un’associazione culturale che promuove la storia e i ricordi di una Sicilia che non c’è più… e cerca di dare la giusta visibilità ai giovani talenti isolani

che si evidenziano nel mondo dell’arte e dello sport, inoltre mette in risalto tutto ciò che contribuisce al miglioramento del mondo giovanile i tutte le sue forme. Il direttivo dell’Accademia ha voluto evidenziare l’apporto proficuo nel settore della formazione dell’ente “Logos”.

Il Presidente dell’Accademia delle Prefi Salvatore Battaglia

Leggi la notizia

Personaggi

Messina, al Multisala Apollo il docufilm “Finding Marta” la musa di Pirandello interpretata da Margherita Peluso

Redazione

Pubblicato

il

Margherita Peluso e Marta Abba la musa di Pirandello

Due donne, due storie di vita e la Sicilia nel cuore

 

È iniziata qualche anno fa per concludersi in primavera la lavorazione del film documentario “Finding Marta” che racconta di Marta Abba, la musa ispiratrice di Luigi Pirandello.

L’anteprima nazionale si è svolta lo scorso 16 maggio presso il Teatro Luigi Pirandello di Agrigento dove è stato proiettato il docufilm che ha riscosso tanto successo e molta curiosità.

Prossimo appuntamento è il 14 giugno (ore 20.30) presso la Multisala Apollo di Messina. Alla proiezione del docufilm saranno presenti in sala il regista, l’attrice protagonista Margherita Peluso e la crew artistica del film.

 

“Sono sempre in mezzo a quell’inferno roseo della mia casa e a quell’inferno rosso che c’è dentro di me. Non riesco mai ad avere un po’ di tranquillità. Sono passati questi giorni senza che io potessi prendere un respiro per me, camminare per me, guardare per me nulla, nulla, nulla. Chissà se domani ne avrò l’umore”. È la voce fuori campo: femminile, ferma, decisa.

Come uno storico ripercorre le carte d’archivio, così l’attrice Margherita Peluso percorre, sul filo delle sensazioni e delle emozioni, un voyage temporale su un tragitto cartaceo, ovvero un articolato percorso tracciato da un lungo e corposo scambio epistolare (1925-1936) tra Marta Abba (attrice di origini milanesi, nata nel 1900) e l’allora già famoso drammaturgo Luigi Pirandello che di Marta apprezza il grande talento artistico, ma anche la straordinaria bellezza. Tra i due comincia così un rapporto professionale, un sodalizio artistico, che si concluderà alla fine del 1936, con la morte del Premio Nobel.

In oltre un decennio Marta Abba e il suo “Maestro” si scambieranno oltre 800 lettere, conservate in parte a Roma (presso l’Istituto di Studi Pirandelliani), in parte presso la biblioteca dell’Università di Princeton (New Jersey), cui l’attrice, ormai ottantenne, donò tutto il carteggio, rivelando al mondo il tormentato rapporto con Pirandello.

Su tale intricato mosaico di temi affettivi e letterari, che fotografano personaggi e raccontano storie di vita, ruota la caleidoscopica dimensione del docufilm “Finding Marta. Un film sulla Musa di Pirandello”, del regista Lorenzo Daniele, prodotto da Fine Art Produzioni srl, con il sostegno della Regione Siciliana–Sicilia film Commission, scritto da Alessandra Cilio; con la partecipazione di Annamaria Andreoli, David J. Diamond, Pietro Frassica, Lucia Sardo. Oltre a Margherita Peluso, nel film compaiono il regista australiano Laurence Strangio e gli attori siciliani Davide Sbrogiò e Mauro Italia. La lavorazione del docu-film ha avuto una durata di quasi due anni, tra ricerche bibliografiche, scrittura del testo, sopralluoghi, shooting e montaggio. I luoghi di ripresa sono stati la Sicilia, Roma e gli USA.

Il plot narrativo del film è quello della ricerca: Margherita è una attrice che ripercorre le orme di Marta, tra Sicilia, Italia, Stati Uniti. E proprio la Sicilia è il punto di partenza, ma anche il punto di arrivo. L’Isola fa da protagonista in questo film, è un luogo dell’Anima per Margherita, è la terra del Maestro di Marta. In questo percorso intimo e personale c’è tutto il senso di questa storia che è raccontata con uno stile piano e narrativo, un reportage che accende i riflettori su una donna dal carattere forte e deciso.

Margherita Peluso con i suoi occhi vivaci, sguardo sbarazzino ma deciso. Intraprendente e ottimista, possiede una grande voglia e capacità di fare che si sposa benissimo col suo sorriso. È nata a Milano ma può considerarsi siciliana per quella zona sud-orientale dell’Isola di cui è impregnato parte del suo Dna ereditato dal padre di origini modicane. L’odore e i ricordi della casa dei nonni paterni l’hanno sempre guidata nel suo percorso artistico come una sorta di memoria fossile che emerge dirompente dalle pieghe della vita. Educazione teatrale, arte partecipativa e comunicazione sono le coordinate che l’hanno da sempre accompagnata. Grande vocazione per la recitazione ed una vita vissuta sempre in scena dove esiste solo il presente. A ciò è necessario aggiungere un mix di competenze acquisite nel tempo, ovvero performer, autrice e regista. Nel 2002 è stata allieva del maestro Kuniaki Ida presso l’Accademia internazionale di Jacques Lecoq. Successivamente continua la propria formazione con Emma Dante e Mamadou Dioum, allievo di Peter Brook. Nel 2010 a Los Angeles studia con l’attrice Gloria Gifford. Ottima promotrice dell’italianità all’estero. Versatilità nella recitazione, originalità spontanea che varca la dimensione dei sensi e “Premio alla modicanità” (nel 2019).

Margherita Peluso e Marta Abba. Cosa hanno in comune? “Studiando l’epistolario e, soprattutto, sul set mi sono talmente immedesimata in Marta da poter dire di condividere con lei molte cose: è una attrice di teatro e di cinema, è milanese, e – come me – ha un legame con la Sicilia, lavora spesso negli USA e all’estero; ma soprattutto, vive la sua carriera di attrice teatrale come una vocazione, un sacrificio all’Arte irrinunciabile. La storia di Marta Abba mi ha dato quella spinta maggiore di poter lavorare su un progetto grande e internazionale. E così, dando voce a Marta mi sono resa conto che avrei dato voce non solo alla mia storia ma alle storie di tante donne artiste che vivono in Italia e che ancora non riescono a prendere questo cammino come un vero mestiere”.

Giuseppe Nativo

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza