Segui i nostri social

Economia

Apicultura settore in ginocchio. Unicoop Sicilia chiede intervento di Musumeci e Scilla

Redazione

Pubblicato

-

“Si rischia un vero e proprio disastro economico che metterebbe a rischio un settore, come quello dell’apicoltura e della produzione del miele di zagara in Sicilia, che vede presente sul territorio 1200 aziende e ben 125 mila alveari. Non è pensabile che un patrimonio così importante per l’identità e le economie della nostra terra, possa essere spazzato via con danni che ripeto sono incalcolabili”. È questo il durissimo appello che il presidente di Unicoop Sicilia, Felice Coppolino, ha lanciato, manifestando solidarietà alle aziende e ai lavoratori del settore della produzione del miele siciliano di zagara, al presidente della Regione, Nello Musumeci e all’assessore all’Agricoltura, Toni Scilla. “Unicoop Sicilia – ha aggiunto Coppolino – sarà al fianco dei lavoratori e delle aziende colpite. Inoltre, ci associamo al presidente della Cia Sicilia orientale, Giuseppe Di Silvestro, nel ribadire la richiesta, al Presidente Musumeci, dello stato di calamità naturale per gli apicoltori siciliani”. “Qui si tratta di salvare un’intera filiera che, ad oggi, ha visto calare del 50 per cento la propria produzione e in alcune zone della Sicilia dove, addirittura, è stato possibile ricavare soltanto pochi chili di miele. E tra le cause principali, oltre alle avverse condizioni climatiche, vi è talvolta l’incuria della manutenzione dei boschi e in particolare degli alberi dove, la presenza di insetti, risultano dannosi all’equilibrio della natura e, dunque, al lavoro di impollinazione che le api dovrebbero svolgere per la produzione del miele. Quindi sarebbe opportuno un intervento in tal senso”. “Le nostre cooperative – afferma anche la vice presidente di Unicoop Sicilia, Eleonora Contarino – sono pronte anche ad azioni eclatanti per far sì che il governo regionale si svegli e dia un segnale concreto su quanto sta accadendo”. Infine, Unicoop Sicilia ha chiesto ufficialmente un incontro urgente con la commissione legislativa agricoltura dell’Ars, “affinché metta in campo, attraverso tutti gli strumenti che dispone, soluzioni adeguate a tutela di un prodotto, eccellenza della nostra isola”.

Economia

125 anni di Fiat, Spera (Ugl Metalmeccanici):”Evento che ha racchiuso storia, tappe e modelli fondamentali”

Redazione

Pubblicato

il

“Olivier Francois, CEO di FIAT, ha ospitato “Smiling to the future”, l’evento organizzato per celebrare il 125° anniversario di FIAT presso lo storico edificio del Lingotto e hanno tenuto i discorsi di apertura John Elkann, Presidente di Stellantis, e Carlos Tavares, CEO di Stellantis”

Lo riferisce il Segretario Nazionale dell’Ugl Metalmeccanici, Antonio Spera che su gradito invito ha preso parte alla Kermesse.

“Introducendo i lavori il Ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso ha ricordato quanto l’azienda Fiat sia stata presente nella vita dell’Italia e degli italiani. L’A.D. Fiat ha fornito nuove anticipazioni sui progetti futuri:  inaugurando la nuova ‘Casa FIAT’ alla Pinacoteca Agnelli è avvenuta la presentazione ufficiale di Fiat Grande Panda. E’ stata data  – prosegue Spera – qualche anticipazione sui futuri modelli che la principale casa automobilistica italiana lancerà nei prossimi anni: dovrebbe arrivare sul mercato anche la nuova 500 ibrida che sarà prodotta presso lo stabilimento Stellantis di Mirafiori per aumentare la produzione nella fabbrica e cosa importante, il suo debutto potrebbe essere addirittura anticipato al 2025. La strategia ‘Dare Forward 2030’ di Stellantis prevede un investimento di oltre 50 miliardi di euro nell’elettrificazione che riguarderà i prossimi dieci anni. Saremo sempre vicini a sostenere l’impresa che ha fondato l’industria italiana e tutti – aggiunge Spera – abbiamo responsabilità sociale del rilancio dell’auto italiana dove ora è il momento delle scelte e delle responsabilità. La cerimonia odierna è stata un evento importante per il nostro marchio Made in Italy – conclude Spera –: possiamo congratularci con i vertici Stellantis, oggi hanno fornito importanti anticipazioni sul futuro del brand, auspicando che tutti gli stabilimenti automobilistici italiani continueranno ad avere un ruolo di primo piano. Fiat in Italia significa anche un indotto di migliaia di posti di lavoro fatto di piccole imprese, una realtà che va oggi assolutamente salvato perché ne và a colpire tutto il sistema economico italiano”.

 

Leggi la notizia

Cultura

Safina: “Approvato DDL sulla promozione dell’artigianato di qualità”

Redazione

Pubblicato

il

L’On Safina: “Approvato il DDL sulla promozione dell’artigianato di qualità, un passo fondamentale per valorizzare le nostre eccellenze”

 

Trapani, 9 luglio 2024 – La commissione Attività Produttive dell’Assemblea Regionale Siciliana ha approvato il DDL 385 sulla promozione dell’artigianato di qualità, a prima firma dell’onorevole Dario Safina del Partito Democratico. Il disegno di legge mira a valorizzare e riconoscere l’importanza dell’artigianato siciliano, un settore che da sempre ha contribuito allo sviluppo del Made in Italy grazie alle eccellenti maestranze locali.

“La Sicilia, madre di popoli, culture e tradizioni, ha dato un contributo significativo al Made in Italy, grazie alla qualità delle nostre lavorazioni, frutto di abilità manuale, intelligenza, passione e cura dei particolari – ha dichiarato l’onorevole Safina -. Questo patrimonio è stato tramandato di generazione in generazione, salvaguardando mestieri in via di estinzione e adattandosi alle necessità delle produzioni senza mai compromettere la qualità”.

Il DDL 385 prevede, tra le altre misure, l’istituzione della Bottega Scuola, un luogo dove i Maestri Artigiani possono insegnare ai loro allievi, valorizzando uno degli aspetti più storici e importanti dell’artigianato siciliano. La qualifica di Maestro Artigiano sarà attribuita ai titolari d’impresa del settore artistico, tipico o tradizionale, trasformando le loro botteghe in luoghi di apprendimento.

“Riconoscere il lavoro dell’artigiano significa valorizzare il ruolo di artefice, creatore e Maestro. La Regione Siciliana adotterà provvedimenti diretti alla tutela e sviluppo dell’artigianato, con un’attenzione particolare all’occupazione giovanile, ai corsi di apprendimento e agli aiuti per le startup gestite da donne o disabili”, ha continuato Safina.

L’attribuzione del titolo di Maestro Artigiano non solo salvaguarderà lavorazioni di antico prestigio, ma offrirà anche opportunità professionali che, pur rispettando la tradizione, sapranno reinterpretare il passato attraverso le tendenze culturali, estetiche, innovative e tecnologiche del presente.

“Ringrazio l’ex parlamentare alcamese Valentina Palmeri che ha collaborato, partendo dal testo presentato nella scorsa legislatura, alla presentazione del nuovo Ddl e il collega Nello Dipasquale che ha architettato il documento con norme di spessore che riguardano più complessivamente l’artigianato. Adesso sarà importante puntare ad una riforma del settore, attesa da parecchi anni”, ha concluso l’onorevole Safina.

 

Questo disegno di legge rappresenta un importante passo avanti per la rivalutazione dell’economia della nostra Regione, che passa anche attraverso il settore dell’artigianato, una chiave di volta per il rilancio produttivo in un periodo di crisi economica. Ora la parola passa ora alla commissione Bilancio e poi all’Assemblea regionale per la definitiva approvazione.
 
 
 

Leggi la notizia

Economia

Bonus Elettrodomestici 2024: Risparmia con 30% di Sconto

Redazione

Pubblicato

il

Il nuovo bonus elettrodomestici 2024 è pensato per incentivare l’acquisto di apparecchi energeticamente efficienti

Questa iniziativa, valida per il triennio 2023-2025, mira a ridurre i consumi energetici delle famiglie italiane, promuovere la sostenibilità ambientale e incentivare il riciclo degli elettrodomestici obsoleti. Di seguito, esploreremo i dettagli del bonus, i requisiti per accedervi, le implicazioni economiche e ambientali, le coperture finanziarie previste e le prospettive future.

 

Dettagli del Bonus Elettrodomestici 2024 e Requisiti
Il bonus elettrodomestici 2024 prevede un contributo del 30% sul costo di acquisto degli elettrodomestici green per il periodo 2023-2025. Ogni famiglia può ricevere fino a un massimo di 100 euro per apparecchio, cifra che può arrivare a 200 euro per le famiglie con un Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) inferiore ai 25.000 euro. Per usufruire del bonus, gli elettrodomestici devono rispettare specifiche classi energetiche:

Lavatrici e lavasciuga: Classe energetica almeno A;
Lavastoviglie: Classe energetica almeno C;
Frigoriferi e congelatori: Classe energetica almeno D.

Questi requisiti garantiscono che solo gli elettrodomestici più efficienti possano accedere all’incentivo, massimizzando il risparmio energetico e riducendo le emissioni.

Obiettivi, Benefici e Criticità
L’iniziativa del bonus elettrodomestici, sostenuta dalla Lega, ha diversi obiettivi chiave:

Riduzione delle bollette energetiche: L’uso di elettrodomestici più efficienti permette alle famiglie di ridurre i consumi energetici;
Sostenibilità ambientale: Incentivando il riciclo degli apparecchi non più utilizzabili, si diminuisce l’impatto ambientale dei rifiuti elettronici;
Stimolo al mercato degli elettrodomestici: L’iniziativa dà impulso al settore, rilanciando le vendite e promuovendo l’innovazione tecnologica.

Tuttavia, ci sono alcune criticità:

Adeguatezza delle coperture finanziarie: Il fondo previsto potrebbe non essere sufficiente a coprire tutte le richieste;
Monitoraggio e controllo: È essenziale disporre di un sistema efficace per garantire l’uso corretto degli incentivi;
Consapevolezza e informazione: Sono necessarie campagne informative per assicurare che i cittadini siano a conoscenza delle opportunità offerte dal bonus e dei requisiti per accedervi.

Coperture Finanziarie e Prospettive Future del Bonus Elettrodomestici 2024
Uno dei principali interrogativi riguarda le coperture finanziarie. Aires, l’associazione delle aziende e gruppi distributivi di elettrodomestici, ha accolto favorevolmente la misura, ma ha sottolineato la necessità di incentivi più significativi per coprire tutte le richieste. Il Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica ha previsto un fondo di 400 milioni di euro per ciascuno degli anni 2023, 2024 e 2025. Tuttavia, le coperture definitive sono ancora in fase di determinazione e dovrebbero essere chiarite entro la fine di luglio.

La proposta di legge è all’esame della Commissione Attività Produttive della Camera dei Deputati. Durante questa settimana, sono previste audizioni informali sul progetto e si prevede che la valutazione del provvedimento nella Commissione si concluderà prima della pausa estiva dei lavori parlamentari. Il successo di questo bonus dipende dalla capacità di superare le criticità e garantire un’implementazione efficace.

Un Bonus che Porta Risparmio, Sostenibilità e Crescita Economica
Il bonus elettrodomestici 2024 offre vantaggi immediati ai consumatori e ha un impatto positivo a lungo termine:

Risparmio energetico: Gli elettrodomestici più efficienti riducono il consumo energetico complessivo, portando a una diminuzione delle emissioni di CO2;
Innovazione e crescita del mercato: Gli incentivi possono stimolare l’innovazione tecnologica nel settore, favorendo la crescita economica e la creazione di nuovi posti di lavoro;
Riduzione dei rifiuti: Promuovendo il riciclo degli apparecchi obsoleti, si riduce la quantità di rifiuti elettronici, contribuendo a un ambiente più pulito.
Opinioni degli Esperti

Molti esperti del settore hanno espresso opinioni positive riguardo al bonus elettrodomestici. Giovanni Rossi, CEO di Aires, ha dichiarato: “Il bonus elettrodomestici è un passo nella giusta direzione per incentivare l’adozione di tecnologie più verdi e sostenibili. Tuttavia, è cruciale garantire che le coperture finanziarie siano adeguate e che ci sia una gestione trasparente dei fondi.” Anche Luca Bianchi, economista, ha sottolineato: “Questo tipo di incentivi non solo aiuta le famiglie a risparmiare, ma ha anche un effetto positivo sull’economia generale, stimolando la domanda e l’innovazione.”

Per chi deve riattivare un contatore disattivato, è essenziale conoscere le procedure corrette. Informazioni dettagliate su come effettuare l’attivazione del contatore esistente sono disponibili per evitare problemi e garantire l’accesso agli incentivi. È utile conoscere anche le migliori offerte del momento di Engie per scegliere la soluzione più conveniente. Inoltre, è cruciale sapere come evitare il distacco della luce in situazioni di morosità, trovando tutte le informazioni necessarie su come gestire una bolletta non pagata.

In conclusione, il bonus elettrodomestici rappresenta un’importante opportunità per le famiglie italiane di migliorare l’efficienza energetica delle loro abitazioni e contribuire alla sostenibilità ambientale. Tuttavia, resta da vedere come verranno affrontate le sfide legate alle coperture finanziarie e alla concreta attuazione del progetto. Con adeguato supporto e una precisa allocazione delle risorse, questo incentivo potrebbe offrire notevoli vantaggi sia ai consumatori che all’ambiente, favorendo un futuro più sostenibile per tutti.

Fonte: https://www.prontobolletta.it/news/bonus-elettrodomestici-2024/

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza