Segui i nostri social

Attualità

Tutti schiavi del telefono in vacanza? Ecco come liberarsene

Redazione

Pubblicato

il

Liberarsi dalla schiavitù del telefonino, almeno in vacanza e con piccole regole quotidiane, si può. Anzi, può essere lo stimolo per riscoprire i vantaggi di un minor attaccamento alla tecnologia e riportare qualche sana abitudine anche al rientro dalle ferie. A suggerire alcuni consigli utili sono molti psichiatri, che invitano a non sottovalutare le spie di una dipendenza che facilmente può trasformarsi in “patologia vera e propria”. Prima di tutto la volontà. Per disintossicarsi da e-mail, social e chat, spiegano gli esperti, “serve una forte motivazione”, che “deve nascere dalla consapevolezza di quanto tempo trascorriamo sui telefonini” e che può essere impiegato in attività anche più gratificanti, come un paio d’ore in palestra o una mattinata in spiaggia. Consiglio che vale soprattutto per i ragazzi, sottolineano, che non hanno bisogno di divieti ma di alternative valide.

Far “sparire” il cellulare. Più che cliniche e app per il ‘digital detox’ che vanno tanto di moda, suggeriscono gli esperti, la cosa migliore è “non avere sempre sott’occhio il cellulare”. È difficile, perché ormai il telefonino ha sostituito la macchina fotografica, la bussola, l’agenda, ma ci si può provare.

No a privazioni drastiche, dicono gli esperti, sì a qualche piccola regola di utilizzo quotidiano, ad esempio con la scelta di alcuni orari in cui concedersi i momenti ‘social’ e sullo schermo. Niente telefono sul comodino. Preservare le ore di sonno, soprattutto in vacanza, è un ‘must’. “Da una certa ora in poi di notte sarebbe bene spegnere il cellulare e riaccenderlo solo al mattino, magari dopo aver fatto colazione”. Un altro consiglio è tornare a usare una sveglia tradizionale: impostarla sul telefonino vuol dire trasformarlo nel primo oggetto che si prende in mano al mattino e nell’ultimo che si tocca la sera. No al cellulare sulla tavola. “Quando si pranza, si cena, soprattutto se in compagnia, non mettiamo il telefono sul tavolo”. Interferisce con le relazioni sociali, “ci distrae dal piacere dello stare con gli altri”, osservano gli esperti. In spiaggia senza smartphone. Che sia per mezza mattina al mare, per una passeggiata nei boschi in montagna o solo per la colazione al bar, “combattiamo l’idea che bisogna sempre tenere il cellulare con sé”. Più facile, dicono gli esperti, “lavorare sui tempi brevi” e quindi cominciare a lasciarlo a casa per un breve tempo, poi “si può provare per periodi più lunghi”. Se lo si porta con sé per fare foto della gita, meglio cercare di tirarlo fuori solo per lo scatto o il ‘selfie’ e poi riporlo in borsa. Anche se app e social invitano al coinvolgimento in tempo reale, amici e parenti in realtà “possono aspettare”. Il selfie in spiaggia, del resto, non è una comunicazione d’emergenza.

Salvatore Battaglia Presidente Accademia delle Prefi

Disclaimer

Questo contenuto è proprietà intellettuale della Nous Editore srls, senza tacito consenso ne è vietata ogni riproduzione, totale e parziale di testi e immagini, anche in forma di link

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Attualità

E’ nato CORECOM Sicilia, il nuovo Comitato regionale per le comunicazioni

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

Si è insediato questa mattina il nuovo Comitato regionale per le comunicazioni.
Del braccio operativo dell’#Agcom in #Sicilia fanno parte giornalisti ed esperti della comunicazione: il Presidente Andrea Peria Giaconia e i Commissari Salvatore Li Castri, Ugo Piazza, Aldo Mantineo e Luigi Sarullo.
Alla prima riunione del #CorecomSicilia, che si è svolta presso la sala conferenze dell’ente, hanno portato il saluto istituzionale il Segretario generale della Regione Siciliana, Maria Mattarella, e il Segretario generale dell’Ars, Fabrizio Scimè, che, nel loro intervento, hanno sottolineato la propria disponibilità ad una fattiva e costruttiva collaborazione.
All’ordine del giorno della riunione odierna anche le istanze pervenute nelle scorse settimane in merito al rispetto della #parcondicio nelle competizioni elettorali nazionali e regionali del 25 settembre. Il neo Comitato ha prioritariamente preso atto dell’ottimo lavoro istruttorio completato dall’ufficio sulle istanze pervenute il cui giudizio finale, per competenza, adesso, è demandato all’Agcom.
“Ringrazio i vertici amministrativi per avere partecipato alla prima seduta del Corecom Sicilia – afferma Andrea Peria Giaconia – Guiderò l’organismo con la massima imparzialità e in sinergia con cittadini, imprese ed associazioni. Ci faremo carico di assicurare il maggior supporto possibile alla Giunta regionale e all’Ars in materia di comunicazione”.
Leggi la notizia

Attualità

Oggi primo giorno d’autunno con l’equinozio di settembre

Direttore

Pubblicato

il

Quest’anno l’equinozio d’autunno coincide con oggi 23 settembre (03:03 italiane): questa data segna l’egual durata del giorno e della notte, nonché l’inizio della stagione autunnale.
Generalmente si dice che solstizi ed equinozi cadano sempre il 21 del mese, ma non è così, anzi: la data di equinozi e solstizi non è infatti una data fissa, ma varia di anno in anno.

L’equinozio d’autunno 2022

L’equinozio segna il momento  in cui l’asse di rotazione terrestre si trova perpendicolare alla direzione dei raggi solari (il percorso apparente del sole nel cielo), il Sole appare perfettamente allo zenit per un osservatore posto all’equatore, e la durata del giorno è pari a quella della notte: 12 ore esatte. Ed infatti lo dice il nome stesso: “equinozio” deriva dal latino aequus–nox, ossia notte uguale al giorno.

Da oggi assisteremo ad una diminuzione graduale delle ore di luce a favore del buio, fino ad arrivare alla notte più lunga dell’anno, il solstizio d’inverno che quest’anno cadrà il 21 dicembre alle 22:47 italiane.

Cosa determina il giorno dell’equinozio?

La data dell’equinozio d’autunno, così come dell’equinozio di primavera e dei solstizi, non è una data prestabilita ed è determinata  dall’inclinazione dell’asse terrestre e dallo “spostamento” sul calendario causato dall’introduzione degli anni bisestili.

Una curiosità

L’equinozio di settembre non cadrà il 21 per almeno i prossimi 70 anni. La prossima volta che succederà sarà il 21 settembre del 2092, alle 23.41 UTC (in Italia quindi cadrà comunque il 22 settembre). Fino ad allora l’equinozio cadrà tra il 22 o il 23 settembre.

 

Leggi la notizia

Attualità

Trapani, è Stefano Catalano il neoeletto Presidente dell’Ance. Ieri Assemblea per adeguamento Statuto a Regolamento sezione edile

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

Tenuta ieri l’Assemblea delle Imprese edili associate di ANCE Trapani.

Si è tenuta ieri martedì 20 settembre 2022, alle ore 12,000 la prima Assemblea delle Imprese associate di ANCE Trapani, (l’Associazione dei Costruttori Edili della Provincia di Trapani), del nuovo Presidente Sandro Catalano. L’Assemblea è stata convocata principalmente per la necessità di adeguare lo Statuto vigente di ANCE Trapani al nuovo Regolamento tipo per le Sezioni edili approvato dall’ANCE nazionale. Diverse ed innovative le principali modifiche nella nuova stesura dello Statuto-Regolamento che comunque confermano l’autonomia decisionale di ANCE Trapani sui temi di specifica competenza della categoria e le relative rappresentanze esterne. Fatto salvo anche il ruolo di interlocutore primario con le Istituzioni e con i soggetti decisionali sulle politiche nel campo delle Infrastrutture, dell’Edilizia e delle Costruzioni.

Quella rappresentata dal Presidente Sandro Catalano è sicuramente una Associazione ancora più vicina ai propri associati, più partecipe ai loro bisogni e alle loro esigenze. Immediatamente dopo il suo insediamento il Presidente Catalano ha subito aderito al protocollo per la legalità e la prevenzione dei tentivi di infiltrazione criminale nel settore edile. Un modo per dare serenità ai propri associati che in questo modo sanno di potersi muovere in un contesto di grande trasparenza e legalità nella scelta dei propri fornitori e subappaltatori, consapevoli che per ogni necessità, ANCE Trapani, sarà al loro fianco. Con Sandro Catalano è iniziato decisamente un nuovo percorso di ANCE Trapani.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza

© 2021 Il Giornale di Pantelleria - Un prodotto Noùs Editore Srls | Progettazione sito: Ferrigno Web Agency