Segui i nostri social

Sport

Salvatore Arresta vince il 20° Slalom dell’Agro Ericino

Redazione

Pubblicato

il

Nell’albo d’oro della gara come il padre Girolamo

Un’edizione dai grandi numeri, 140 partenti su 150 iscritti, il ventesimo Slalom dell’Agro Ericino, quarta prova per il campionato italiano della specialità, valevole anche per il campionato regionale. Ha vinto (172,90 ottenuto nell’ultima manche) il mazarese Salvatore “Totò” Arresta (gruppo E2SS Formula) su Gloria B5 Evo motorizzata Suzuki. Arresta scrive per la prima volta il suo nome nell’albo d’oro di una gara dove, per due volte, si era imposto il padre Girolamo, nella prima edizione, 2003 e nella terza, 2005. Alle sue spalle, (173,30, appena 40 centesimi di secondo) il messinese Emanuele Schillace (gruppo E2 SC) su Radical Sr4 Suzuki, che si consola mantenendo il record della gara (169,99) stabilito lo scorso anno. Sul gradino più basso del podio un altro mazarese, Girolamo Ingardia, su Ghipard Suzuki, autore di una sola manche, la prima (173,54) poi fermatosi per noie meccaniche. Buon quarto posto per il busetano Giuseppe Castiglione (Ghipard Suzuki, 174.04) al suo rientro agonistico dopo una lunga sosta. Nella top ten, quinto un altro mazarese, Giuseppe Giametta, Gloria B4 Suzuki (174.04), quindi il catanese Michele Puglisi, attuale leader della classifica tricolore, che su Radical Sr4 Suzuki non è andato aldilà del 174.98. Settimo posto per il salernitano Salvatore Venanzio, Radical Sr4 (175.19), ottavo il molisano di Campobasso, Fabio Emanuele su Osella Pa9/90 Alfa Romeo (177.21), nono e decimo altri due salernitani, Gianluca Miccio su Radical Sr4 Suzuki (177.43) e Luigi Vinaccia, Osella Pa9/90 Honda (178.17). Per quanto riguarda i vincitori di gruppoCristian Burgio, su Renault Clio, vince (215.16) nel gruppo N, Domenico Gangemi su Fiat 127 Sport (205.07) nell’E1 Italia, Marco Segreto su Peugeot 106 R (237.27) nel Racing Start, Salvatore Burgio su Peugeot 106 R (213.26) nel Racing Start Plus, Giovanni Greco su Fiat 500 (219.46) tra le bicilindriche, Francesco Pisciotta, su Renault Clio (224.02) nel Gruppo A, Alfonso Belladonna su Fiat Uno Turbo (206.79) lo speciale slalom, Alessandro Prato su Fiat 500 Suzuki (211.68) nelle Silhouette e Emanuele Campo su Fiat 126 (211.74) tra i Prototipi slalom. Tra le auto storiche si impone Onofrio Manzo (241.77) su Fiat 126.A dirigere la gara, organizzata dal Promoter Kinisia del presidente Peppe Licata, il valdericino Francesco Sanclemente affiancato dal siracusano Manlio Mancuso, supervisore il romano Luca Ciamei. Il servizio cron

o è stato come sempre affidato all’associazione Ficr “Giovanni Sardo” di Trapani, capo servizio Salvatore Ciaramita, compilatore classifiche Antonino Minaudo.

Disclaimer

Questo contenuto è proprietà intellettuale della Nous Editore srls, senza tacito consenso ne è vietata ogni riproduzione, totale e parziale di testi e immagini, anche in forma di link

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sport

Sport in Costituzione: ad un passo dall’approvazione definitiva. L’annuncio del Sen. Santangelo

Redazione

Pubblicato

il

Vincenzo Santangelo - Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri

“Sport in Costituzione grande conquista sociale”

“In Senato abbiamo approvato in seconda deliberazione il disegno di legge costituzionale che introduce il tema dello Sport in Costituzione, la riforma fortemente voluta dal MoVimento 5 Stelle, giunta quindi a un passo dalla sua definitiva approvazione”. A darne notizia è il senatore del Movimento 5 Stelle, Vincenzo Santangelo. A seguito del voto del Senato, manca un ultimo passaggio alla Camera prima dell’approvazione finale.

“L’approvazione di questa riforma rappresenta una grande conquista sociale perché viene finalmente scritto nero su bianco che lo Sport non è soltanto esercizio fisico, ma a tutti gli effetti un’attività connessa al miglioramento della qualità della vita e dell’intera società – prosegue Santangelo. Da arbitro di calcio sono orgoglioso che oggi si parli dello Sport inteso dal punto di vista dell’alto valore educativo, sociale e psicofisico e che si voglia inserire tali principi all’interno della nostra Costituzione, in modo da potere orientare il legislatore.

Oltre all’attività sportiva che resta fondamentale per il nostro benessere, lo Sport rappresenta il più importante mezzo di aggregazione e di inclusione sociale. Per questo è indispensabile assicurarne l’accesso a chiunque in tutte le zone del Paese abbattendo ogni barriera e promuovendo così un messaggio di uguaglianza, rispetto e solidarietà” conclude Santangelo.

Leggi la notizia

Sport

Pantelleria, successo per la mostra statica del Vespa Club: ammirazione anche dei turisti

Redazione

Pubblicato

il

Grande successo per la mostra statica del Vespa Club di Pantelleria sul Lungomare Borsellino. La manifestazione a due ruote ha riscontrato il favore sia degli isolani che dei turisti.

Al quarto anno di attività il vespa club Pantelleria espone per la terza edizione della mostra statica vespistica ben 54 vespa accompagnate da 60 partecipanti, stazionate in ordine di data dalla più adulta alla più giovane hanno dato lustro al lungomare Paolo Borsellino, incuriosendo panteschi ma soprattutto i villeggianti che mai avrebbero pensato che “in un’isola così spartana ed ancora selvaggia per certi versi ci fosse una realtà così forte ed una passione per la vespa” così commenta il Presidente del Vespa Club Conegliano Marcon Erminio Giuliano in vacanza sull’isola.

Abbiamo chiesto al Presidente Giovanni Pavia quale sarà il prossimo evento per il club pantesco: “La prossima importante sarà il 9 e 10 luglio p.v. andremo a Marsala per un raduno organizzato dal vespa club ruote d’Occidente, dedicato alla vespa costruita dagli anni 1946 al 1976 saremo 6 vespa , pochi ma l’importante è esserci. “Ringrazio di cuore tutti i partecipanti ma un grazie particolare va ai soci più adulti che sono l’esempio per tutti i giovani vespisti.”

 

Leggi la notizia

Cronaca

Pantelleria-Hammamet a nuoto: è record del mondo del tunisino 69enne Najib Belhadi

Direttore

Pubblicato

il

Lo scorso 16 giugno 2022, il nuotatore tunisino Najib Belhadi ha tentato, per la seconda volta, di coprire la distanza Pantelleria-Hammamet a nuoto: ben 155 chilometri.
Il suo intento era di stabilire un record mondiale e ha vinto all’età di 69 anni con un sorriso che esprime tutta la sua gioia e il suo orgoglio.
Accompagnato dalla nave dell’associazione Great Blue, il record-man ha coperto la tratta in 60 ore, stabilendo il primato di percorso più lungo mai raggiunto.
Aveva già tentato la sfida venticinque anni fa, nel 1995, ma un branco di meduse che lo attaccò, lo fece desistere dal continuare il suo nuoto.
Immagine di copertina da facebook
Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza

© 2021 Il Giornale di Pantelleria - Un prodotto Noùs Editore Srls | Progettazione sito: Ferrigno Web Agency