Segui i nostri social

Politica

Reazioni della politica di Pantelleria alle elezioni e al Mattarella bis: Michela Silvia (DB)

Redazione

Pubblicato

-

La redazione ” Il Giornale di Pantelleria ” ha deciso di dedicare uno spazio alla politica locale, chiedendo a TUTTI i segretari di partito, di esprimersi liberamente sugli attuali sviluppi al Quirinale: Mattarella riconfermato Capo di Stato.

 

RIFLESSIONI DI MICHELA SILVIA, COORDINATRICE COMUNALE DI “DIVENTERÀ BELLISSIMA “ MOVIMENTO POLITICO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE SICILIANA, NELLO MUSUMECI

Nell’ultimo anno, con il governo Draghi, i partiti avevano l’occasione di dedicarsi a una sana ricostruzione interna che invece si son guardati bene dal fare. Ancora una volta. Leggo pagelle che i commentatori politici dispensano ai vari leader riguardo questa elezione presidenziale, ma basterebbe scrivere che hanno perso tutti. Perché non controllano i propri partiti, perché non sono in grado di dare una linea politica, perché sono aggrappati a un bipolarismo muscolare che serve solo a tenere in piedi coalizioni farlocche incapaci di produrre un progetto e una visione di paese, e soprattutto perché tutti, in un modo o nell’altro, sono caduti nei toni e nei modi del populismo. Nessuna complessità, nessun ragionamento alto, solo tweet dati in pasto ai followers e aggiustati secondo il sentire del popolo. C’è un male che ci divora da anni e che ha reso la politica la risorsa dei mediocri, mentre i migliori se ne tengono lontani. Non ci sono più scuole di formazione politica e non c’è più una classe dirigente politica degna di questo nome. C’è una tendenza a resistere al cambiamento inteso come ripensamento, aggiornamento, riforma profonda, che pesa al nostro collo come un piombo e ci porta sempre più in basso.

C’è un sistema elettorale e di rappresentanza da ripensare completamente, ma certamente non facendo tweet “alliscia popolo” sulla necessità dell’elezione diretta del capo dello stato, che è come buttare addosso ai cittadini la responsabilità che la politica ancora una volta ha dimostrato di non sapersi assumere. Siamo aggrappati a due nonni che cercano di tenere a galla questo paese, mentre le generazioni seguenti sono drammaticamente avvitate nella loro palese pochezza.

Il fallimento è questo, non della politica ma proprio di un paese che è fermo alla generazione del dopoguerra e non ha altri punti di riferimento, perché a forza di premiarli ha bruciato le sue risorse migliori, facendole scappare all’estero o comunque tenendole lontane dalla gestione responsabile della cosa pubblica. Avessimo dedicato alla crescita di validi amministratori lo stesso tempo che abbiamo invece investito per fomentare l’odio sociale, oggi governeremmo il mondo. Invece!

Nota a margine: sono nata nel 1975, e questo mi permette di dire che ho assistito alle elezioni di 6 presidenti della repubblica, di alcuni ho un buon ricordo. A Mattarella ho voluto bene perché mi ha sempre ricordato mio nonno, nei modi, nei toni, nella postura, fisica e morale. Sono felice che continui ad essere il nostro presidente perché continuerà a ricordarmi mio nonno. E questa è davvero l’unica nota positiva che mi sento di riconoscere oggi.

Michela Silvia

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Politica

Trapani, “Tra la gente e con la gente”, il nuovo volto del Pd che piace all’On.orevole Safina

Redazione

Pubblicato

il

“Tra la gente e con la gente”, il nuovo volto del Pd che piace all’onorevole Safina
L’evento in programma per sabato 27 aprile all’Hotel Crystal a Trapani

Trapani, 18 aprile 2024 – Un partito tra la e con la gente.
E’ questo il disegno che ha in mente il deputato regionale Dario Safina pensando al futuro di un Partito Democratico forte e solidale.
Una organizzazione forte, profondamente radicata nel territorio, pronta ad ascoltare le vere
esigenze delle realtà amministrate.
“Un tempo nuovo è possibile” è lo slogan dell’evento in programma per sabato prossimo 27 aprile, a partire dalle 16.30, all’hotel Crystal a Trapani. L’idea è quella di promuovere una nuova organizzazione del PD incentrata sul radicamento locale e sull’investimento nelle nuove classi dirigenti.
Questo nuovo approccio mira a coinvolgere uomini e donne provenienti da tutte le aree del
territorio, sia dirigenti che simpatizzanti, al fine di rafforzare il legame tra il PD e la base e di
promuovere una leadership inclusiva e dinamica.
L’iniziativa prevede la partecipazione iscritti e simpatizzanti provenienti da diverse aree territoriali,
con l’obiettivo di avviare un processo di riorganizzazione e rinnovamento del partito.
Chiuderanno i lavori l’onorevole Anthony Barbagallo e il senatore Antonio Nicita.

Leggi la notizia

Politica

Pantelleria – Consiglio C. 23 aprile, nuovo argomento: riqualificazione capoluogo. I dettagli

Direttore

Pubblicato

il

Il Presidente del Consiglio Comunale di Pantelleria, Giuseppe Spata, ha integrato l’ordine del giorno dell’assise del prossimo martedì 23 aprile 2024, dalle ore 18.00, con il seguente argomento:

1) Lavori di riqualificazione urbana per una maggiore fruibilità del capoluogo con la
creazione di un parco urbano, un teatro all’aperto ed un nuovo sistema viario con
annessi parcheggi P3-riqualificazione urbana area via Cavallotti ex teatro Busetta
con annesso parco urbano e parcheggio a raso su via Cavallotti e teatro all’aperto.

Gli altri punti restano come già annunciati in Pantelleria, nuovo Consiglio Comunale di aprile. Tra i punti: riqualificazione area, contestazione incompatibilità consigliere

Leggi la notizia

Politica

Erice, On Safina (Pd): “Urgente riaprire la stazione ferroviaria di Fulgatore”

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

 

Trapani, 17 aprile 2024 – Riaprire subito la stazione ferroviaria di Fulgatore, nel Comune di Erice. Questo il tema dell’interrogazione urgente depositata oggi dal deputato trapanese del PD Dario Safina, indirizzata al presidente della Regione Renato Schifani all’assessore alle Infrastrutture Alessandro Aricò.

“La stazione ferroviaria di Fulgatore – spiega Safina – ha rappresentato per decenni un importante punto di riferimento per l’utenza della comunità agro-ericina -. La sua chiusura nel 2013 a causa di una frana sulla linea ferroviaria Palermo-Trapani ha generato notevoli disagi per i pendolari costretti a ricorrere a mezzi di trasporto alternativi”.

Safina sottolinea l’importanza di inserire la stazione di Fulgatore nel progetto di recupero dell’intera linea ferroviaria Palermo-Trapani via Milo, vista la sua posizione strategica che coinvolge l’intero territorio circostante.

“La riattivazione del collegamento ferrato è fondamentale per garantire un servizio efficiente ai cittadini del comprensorio agro-ericino – continua Safina -. È necessario compiere nuovi interventi per permettere la riapertura della stazione di Fulgatore e rendere la rete ferroviaria accessibile a tutti. Grazie al gruppo del Partito Democratico di Erice e al consigliere Amodeo, per aver tempestivamente posto la questione”.

 

Il deputato trapanese si rivolge dunque al governo regionale e a Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS) affinché si adoperino per concordare la riapertura della stazione ferroviaria di Fulgatore nel più breve tempo possibile.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza