Segui i nostri social

cronaca

Pantelleria, case popolari Via San Nicola disponibili. Riaperto bando

Direttore

Pubblicato

il

E’ stato riaperto il bando di assegnazione delle case popolari di Via San Nicola, in Pantelleria.

Appartamenti dell’edilizia popolare, nella zona chiamata anche Colosseo, sono disponibili attraverso la compilazione di domanda da inoltrarsi presso il seguente indirizzo: Comune di Pantelleria – Piazza Cavour 15, a mezzo di raccomandata a.r., ovvero a mano con deposito presso l’Ufficio Protocollo.

L’istanza andrà inoltrata entro il termine ultimo del 22 dicembre e verrà inserita nella graduatoria.

Di seguito il modello di domanda scaricabile

allegato – modello domanda

 

RImanete aggiornati con Il Giornale di Pantelleria su tutti i bandi del Comune, fatti di cronaca, politica, cultura e altro ancora.

La redazione è operativa H24. Per contatti: ilgiornaledipantelleria@gmail.com, ovvero tramite Whatsapp al numero: 3332715327.

 

Disclaimer

Questo contenuto è proprietà intellettuale della Nous Editore srls, senza tacito consenso ne è vietata ogni riproduzione, totale e parziale di testi e immagini, anche in forma di link

Marina Cozzo è nata a Latina il 27 maggio 1967, per ovvietà logistico/sanitarie, da genitori provenienti da Pantelleria, contrada Khamma. Nel 2007 inizia il suo percorso di pubblicista presso la testata giornalistica cartacea L'Apriliano - direttore Adriano Panzironi, redattore Stefano Mengozzi. Nel 2014 le viene proposto di curarsi di Aprilia per Il Corriere della Città – direttore Maria Corrao, testata online e intraprende una collaborazione anche con Essere Donna Magazine – direttore Alga Madia. Il 27 gennaio 2017 l'iscrizione al Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti nel Lazio. Ma il sangue isolano audace ed energico caratterizza ogni sua iniziativa la induce nel 2018 ad aprire Il Giornale di Pantelleria.

Sanità

Sanità, Giuliano (UGL): “Fermare episodi di violenza sugli operatori sia battaglia di civiltà”

Redazione

Pubblicato

il

“Nel giorno del dramma avvenuto a Marcinelle, che l’8 agosto del 1956 vide tra le 262 vittime 136 minatori italiani, assume ancora più forza la richiesta del massimo impegno delle istituzioni per assicurare ai lavoratori la sicurezza sui luoghi di lavoro” dichiara il Segretario della Ugl Salute Gianluca Giuliano.

 

“Purtroppo gli episodi di violenza sugli operatori sanitari, e qui entro nello specifico, non si fermano assumendo una costanza preoccupante e molto pericolosa. Pochi giorni fa al pronto Soccorso dell’Ospedale Carlo Poma di Mantova una dottoressa in servizio ha subito una brutale aggressione a colpi di bastone. La stessa era già stata, mesi addietro, vittima di violenza mentre prestava la propria opera. È evidente come i professionisti siano esposti a rischi assoluti. È ora quindi di agire per evitare conseguenze tragiche.

 

“Non è stato un deterrente, appare evidente, inasprire le pene ai danni di chi compie atti di violenza. Torniamo quindi a chiedere il ripristino dei posti fissi di pubblica sicurezza negli ospedali e che i Pronto Soccorso vengano isolati con la creazione di percorsi protetti. Serve anche informare i cittadini sul grande sforzo che dall’inizio della pandemia gli operatori sanitari stanno compiendo, pur di fronte alla cronica carenza di personale, al servizio della nazione. E vale la pena anche ricordare che i professionisti sono la categoria di lavoratori che ha visto tra le sue fila il maggior numero di decessi a causa del covid. Ignorare i rischi a cui sono continuamente sottoposti e non prendere provvedimenti per la loro sicurezza è delittuoso. Difendere gli operatori sanitari deve essere una battaglia di civiltà che nessuno deve dimenticare” conclude Giuliano

Leggi la notizia

Politica

Lega chiederà legge nazionale per tutela Isole Minori: Pantelleria, Lampedusa difficili mete per fare medici, insegnanti, vigili del fuoco

Redazione

Pubblicato

il

Il leader della Lega, Matteo Salvini, in visita a Lampedusa avrebbe dichiarato che “La Lega riproporrà, nella nuova legislatura, una legge nazionale per tutelare le isole minori: Lampedusa, Pantelleria e centinaia di isole dove il carburante costa di più e dove è difficile trovare chi viene a fare il medico, il vigile del fuoco, l’insegnante.

“Aggiungo la richiesta, fatta come Lega, dell’azzeramento delle accise sui carburanti e gas per le isole, visto che quello che costa 2 euro al litro sulla terraferma, qua costa 2,50 euro. Chi vive su un’isola non è un italiano di serie B” – ha spiegato il senatore.

Riporta l’agenzia ANSA.

Leggi la notizia

Elezioni

Presidenziali, Eliana Esposito dopo le dimissioni di Musumeci

Redazione

Pubblicato

il

Ho accettato di candidarmi alle regionali consapevole di tutte le difficoltà, consapevole degli ostacoli, delle polemiche, degli attacchi gratuiti. Ho accettato perché credo nella nostra causa e credo che l’autosufficienza alimentare, economica, energetica, monetaria e l’indipendenza politica della Sicilia siano la soluzione a tutti i nostri problemi. Ho accettato perché abbiamo un progetto così valido che può diventare un modello anche per i popoli delle altre regioni d’Italia e del mondo. Ho accettato perché deve essere il coraggio a guidarci e non la paura di non entrare all’Ars o la paura che il nostro progetto possa non essere compreso.

 

Del resto, chi vota per gli altri non potrebbe votare per noi. Per noi possono votare  quelli che sono pronti a lasciare andare i vecchi schemi, le vecchie dinamiche, la vecchia mentalità, la vecchia politica, per noi possono votare quelli che hanno una visione nuova, quelli che non hanno nessuna intenzione di accontentarsi, quelli che non sono disposti a rinunciare a nessun articolo dello Statuto, quelli che non hanno paura di un insuccesso. Per noi possono votare i siciliani veramente liberi da ogni impegno o bisogno o attaccamento o paura. Qualunque cosa accada, il cambiamento è già in atto e noi dobbiamo avere solo il coraggio di assecondarlo.

 

Che i siciliani siano i pionieri di una nuova visione di umanità, che la Sicilia sia il luogo da cui questa visione parta. Che sia l’amore a fomentarci e non l’odio, che sia la saggezza ad animarci e non il tornaconto personale, che sia questa visione di bellezza il nostro motore e non le nostre egoistiche visioni, che sia il cuore ad armarci e l’anima a illuminarci. Che sia “il coraggio il nostro signore”.

 

Stiamo con le radici ben piantate a terra ma consapevoli del fatto che solo chi ha il coraggio di sfidare l’impossibile può riuscire nell’impresa di realizzarlo. Solo i visionari possono cambiare il mondo. E se non noi, vorrà dire che stiamo lavorando per preparare la strada a quelli che verranno dopo di noi. Procediamo sicuri e fiduciosi con la Sicilia nel cuore.

 

Eliana Esposito Candidata alla Presidenza della Regione Siciliana

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza

© 2021 Il Giornale di Pantelleria - Un prodotto Noùs Editore Srls | Progettazione sito: Ferrigno Web Agency