Segui i nostri social

Cultura

Pantelleria, Andrea Ferrandes Cavaliere della Corona D’Italia e Canonico di Khamma

Redazione

Pubblicato

-

Illustre cittadino pantesco, contemporaneo ad altro grande sacerdote e cioè don Luigi Sturzo, con il quale condivise gli studi ecclesiali in quel di Caltagirone (Ct), ma di diversa fede politica.

Il nostro concittadino, Cavaliere della Corona d’Italia, fu uomo di grande virtù,, combattente nella prima guerra mondiale, visceralmente legato alla sua gente ed alla sua terra, nella quale esercitò, oltre alla primaria funzione di sacerdote, le attività più svariate.
Fu tra l’altro professore e non solo di religione, ma di matematica, di francese, di latino, fu altresì autore di libretti poetico/politici (vedi: “La vestale di Trieste” e “In morte di Guglielmo Oberdan”), delegato comunale nelle contrade di Khamma e Tracino.
Venne chiamato,  personalmente, per il suo valore, da Benito Mussolini a fare parte della Camera dei Deputati in Parlamento, ma, cortesemente e formalmente rispose alla chiamata, come testimoniano amici e parenti dell’epoca, con le seguenti parole:
“Eccellenza, ringraziando per l’alta considerazione in cui la S. V. tiene la mia persona, La prego di voler accettare la mia ferma decisione di servire la causa che ci accomuna, con tutto il mio impegno, ma dalla mia terra, fra la mia gente.”
Mantenne il suo fermo proposito fino alla fine dei suoi giorni.
Il Cav. Can. Ferrandes fu tra l’altro un precursore dei tempi attuali.
Allora, come già in passato, l’agricoltura pantesca aveva quasi un solo cespite e cioè lo zibibbo, che si spediva fresco nelle cosiddette gabbiette ai mercati generali di ogni dove, oppure, a stagione inoltrata, si produceva l’uva passa, lavoro che impegnava tutte le famiglie degli agricoltori nei mesi di agosto e settembre, a portare a termine l’annata.
Ebbene, il nostro Cappellano, come tutti lo chiamavano, sapeva che nessuno era in grado in quel periodo di frequentare le funzioni religiose, visto che anche i mezzi di trasporto allora erano solo, o il famoso “asino di Pantelleria” o i propri piedi.
Pertanto, annualmente “profittava” di questa contingenza e, preparatosi  il suo baule da viaggio in legno, dalla mia famiglia ereditato,  partiva alla volta delle grandi città europee, per le sue “ferie”, come si direbbe oggi.
Altra sua prerogativa era il clergyman, allora una grande novità.  Il canonico Ferrandes, non appena celebrata la Santa Messa mattutina, si toglieva gli abiti talari e, indossati pantaloni e giacca grigio scuro, colletto presbiteriale e borsalino in feltro scuro, sigaretta in bocca, partiva per la vicina Delegazione Comunale, da dove disbrigava le sue mille attività giornaliere.
Persona gioviale, amatissima da tutta la popolazione (allora più numerosa di oggi) che ricorreva a lui per ogni difficoltà di carattere familiare, societaria, amministrativa o quant’altro potesse affliggere l’umanità locale di quei tempi.
Fu presidente onorario di tutti i circoli ricreativi, e socio fondatore del “Trieste”, che gli deve il suo nome , ambito ospite in occasione di festeggiamenti, matrimoniali e non, religiosi, come la purtroppo quasi scomparsa festa di San Giuseppe, durante la quale molti paesani usavano addobbare con trini, merletti e preziosi ricami l’altare del Santo che si premuravano di allestire nelle proprie case, e che don Andrea andava a benedire, felice anche di  assaggiare i dolci tradizionali di cui era particolarmente ghiotto (mustazzoli, sfinci, ravioli).
Uomo di spirito, dalle facili e burlesche battute, alla sua morte, avvenuta nel luglio del 1943, in pieno periodo di guerra, fu sepolto alla meglio in una nicchia cimiteriale.
In epoca successiva, promotore un suo nipote, grazie a una colletta popolare, fu eretta in suo onore una cappelletta a lui riservata nel cimitero sulla cuddia di Khamma.
Riesumata la salma, ebbe l’onore postumo di venire portato in processione dal cimitero alla cosiddetta Posta vecchia, con al seguito tutta la popolazione delle sue contrade, con in testa al corteo il sindaco e le autorità; quindi, celebrato il rito in suffragio, risalita al cimitero e sepoltura definitiva nella nuova cappella.
Per finire, fu uomo di cultura e di aggregazione sociale di grande valore, si adoperò enormemente per la salvaguardia e il consolidamento della chiesa di San Francesco d’Assisi, vivendo l’intera sua vita nella umile canonica della stessa, davanti alla quale, su terreno di famiglia, fece costruire una stanza in legno come sua biblioteca. Fine intellettuale e insieme uomo del popolo, vero pantesco, vero italiano.
Intorno all’anno 2000, il Comune,  intitolò con il suo nome  una via a Cunitro, fra Khamma e Tracino, laddove si trova una sorta di altarino all’aperto.
Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura

Spettacolo, 300mila euro stanziati dall’ARS per Luglio Musicale Trapanese

Redazione

Pubblicato

il

Approvato dalla Commissione Bilancio dell’Assemblea Regionale Siciliana l’emendamento a firma del deputato regionale Dario Safina che aumenta lo stanziamento per il Luglio Musicale Trapanese di 150 mila euro. I fondi regionali per l’Ente verranno dunque raddoppiati, passando in totale a 300 mila euro l’anno.
 
“Ringraziamo la Commissione Bilancio e in particolare l’onorevole Dario Safina.
Ciò dimostra un grande e importante impegno svolto con serietà e competenza, sensibilità e intuito, che darà vita ad un processo di rilancio del Luglio Musicale Trapanese in linea con gli obiettivi della nuova governance. Far crescere i territori con la cultura e la musica. Questa è la strategia giusta”- queste le parole di Natale Pietrafitta, consigliere delegato del Luglio Musicale Trapanese.

Leggi la notizia

Cultura

Giornata della Memoria, la Segre “siate farfalle gialle che volano oltre il filo spinato”

Direttore

Pubblicato

il

Oggi, 27 gennaio, Giornata della Memoria, molteplici sono le iniziative che cadenzano la ricorrenza in Italia e tante le dichiarazioni dei big della cultura, della politica che ci invitano al ricordo di cosa sia stata la vita nei campi di concentramento e la segregazione razziale.

Nel 2020, al Parlamento Europeo, Liliana Segre durante un suo intervento aveva così dichiarato:
“Anche oggi fatico  a ricordare, ma mi è sembrato un grande dovere accet6tare questo invito e avere questa occasione per ricordare il male altrui. Ma anche per ricordare si può, una gamba davanti all’altra, essere come quella bambina di Terezin;  che chi andrà a Praga o già ci è stato e ha visitato il museo dei bambini che a Terezin potevano fare le recite o colorare coi pastelli; e che poi un giorno furono tutti deportati e uccisi ad Aushwitz per la colpa di esser nata, nati perchè erano bambini quindi potevano aver fatto del male a nessuno; c’è una bambina di cui non ricordo il nome che ha disegnato una farfalla gialla, che vola sopra i fili spinati.”

Qui la superstite dell’Olocausto, classe 1930, prende fiato per dare incienza alle sue parole che seguiranno: “Che quella farfalla gialla voli sempre sopra i fili spinati! 

La Segre, testimone attiva della Shoah italiana, è dal 15 aprile 2021 presidente della Commissione straordinaria per il contrasto dei fenomeni di intolleranza, razzismo, antisemitismo e istigazione all’odio e alla violenza.
Con il suo discorso e la storia della farfalla gialla quel giorno aveva toccato l’animo dei suoi astanti, scaturendo e rinnovando commozione profonda, per non dimenticare.

Leggi la notizia

Cultura

Pantelleria, oggi commemorazione Giornata della Memoria

Redazione

Pubblicato

il

Si è tenuta in Aula Consiliare, a causa del freddo, la Cerimonia prevista per la Commemorazione delle vittime della Giornata della Memoria.

Alla presenza delle Forze Militari e Civili dell’isola, dei rappresentanti delle scuole, delle associazioni e di vari cittadini, c’è stato il saluto istituzionale e l’illustrazione del perché esiste la Giornata della Memoria e quanta parte deve ancora avere nelle nostre vite quotidiane e in quello che lasciamo alle prossime generazioni da parte del Vicesindaco Maurizio Caldo, seguita da un’introduzione al programma dell’evento fatto dall’Assessore Francesca Marrucci che ha ricordato i passaggi importanti sia della Shoah, che della Storia, sottolineando il messaggio forte che questo evento tragico ci trasmette e l’importanza di tramandarlo alle nuove generazioni, in particolare ha sottolineato il pericolo della mancanza di memoria e della progressiva disaffezione verso questa Giornata denunciata anche dalla Senatrice Liliana Segre.

Il Presidente del Consiglio Comunale, Erik Vallini ha ricordato nel suo intervento quanti conflitti, persecuzioni e discriminazioni ci sono ancora nel mondo e l’Assessore Leonardo Ferreri ha evidenziato le parole chiave della Giornata della Memoria, in un elenco tristemente attuale e che deve far riflettere.

Il Prof. Bernardo ha portato il saluto del Preside Antonio Provenza, oggi fuori isola.
Agli interventi si sono alternate tre brevi proiezioni, una sulla Seconda Guerra Mondiale e su come si è arrivati alla ‘Soluzione Finale’, uno con l’intervento di qualche giorno fa della Sen. Segre ed infine una commovente serie di testimonianze di deportati italiani ebrei, con la quale si è conclusa la cerimonia.
Un ringraziamento a quanti sono intervenuti, nella speranza che la memoria di mantenga viva, insieme alle emozioni, e ci aiuti a non continuare a commettere gli stessi errori.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza