in , ,

E’ deceduto Enzo Patanè “U fascista”, Pantelleria stretta in un cordoglio collettivo

Il Circolo Trieste posticipa l’apertura del Carnevale

Questa mattina è giunta a Pantelleria la dolorosa notizia della scomparsa di Enzo Patanè.

Noto con il soprannome “u fascista”, probabile retaggio forse del genitore, il grande sportivo di Khamma era da qualche giorno ricoverato in ospedale a Mazara del Vallo, dopo un ricovero con l’elisoccorso del 118 dalla nostra isola,

Era visto, specie nella sua contrada, fortemente attivo proprio in tutte quelle che erano le  attività sportive, riservando dedizione ed entusiasmo, ma anche finanziando molte iniziative.

La conferma la si può cedere attuale e tangibile nel Pantelleria Calcio a 5 e prima ancora nel Cittadella, dove la figura del compianto Enzo era diventata insostituibile.

L’impareggiabile personaggio lascia, all’età di 75 anni, la moglie Salerno Vincenza, i figli Marina e Giuseppe e nipoti.

Il Circolo Trieste, per rispetto verso la loro socia Vincenza,  rinvia l’apertura delle serate danzanti del Carnevale kamioto 2020.

I funerali si terranno lunedì mattina, presso la Chiesa San Francesco di Khamma.

La redazione tutta si stringe al cordoglio di una intera isola.

Scritto da Marina Cozzo

Marina Cozzo è nata a Latina il 27 maggio 1967, per ovvietà logistico/sanitarie, da genitori provenienti da Pantelleria, contrada Khamma.
Nel 2007 inizia il suo percorso di pubblicista presso la testata giornalistica cartacea L'Apriliano - direttore Adriano Panzironi, redattore Stefano Mengozzi.
Nel 2014 le viene proposto di curarsi di Aprilia per Il Corriere della Città – direttore Maria Corrao, testata online e intraprende una collaborazione anche con Essere Donna Magazine – direttore Alga Madia.
Il 27 gennaio 2017 l'iscrizione al Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti nel Lazio.
Ma il sangue isolano audace ed energico caratterizza ogni sua iniziativa la induce nel 2018 ad aprire Il Giornale di Pantelleria.

Commenti

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Commenti

0 commenti

Il parmigiano reggiano come si fa, si sceglie e si conserva

“A fimmina ‘nchiffarata” uno splendido sipario di Pantelleria dall’estro di Caterina D’Aietti – Audio