Segui i nostri social

Attualità

Pantelleria, accolta dal Ministero dell’Interno richiesta del Sindaco Campo: nomina Segretario Comunale

Redazione

Pubblicato

il

 

Il Ministero dell’Interno ha accolto la richiesta del Sindaco Vincenzo Campo sui segretari comunali delle isole minori, estendendo la possibilità di nominare i Segretari di prima fascia anche nei Comuni delle isole minori fino a 10.000 abitanti.

Illustre Ministra, il Comune di Pantelleria risulta ad oggi, in base al già importante provvedimento inserito nel Decreto Legge n. 4/2022, cosiddetto Sostegni-ter, escluso da qualsiasi potenziale miglioramento dell’attuale situazione.

Di fatto, Pantelleria, essendo un Comune con poco più di 7.500 abitanti, rimane escluso dalla misura provvisoria prevista dal Decreto in parola che consente di affidare l’incarico ai Segretari Comunali appartenenti alla fascia iniziale del relativo albo nei Comuni aventi fino a 5.000 abitanti.” Scriveva il Sindaco Vincenzo Campo alla Ministra Lamorgese il 5 aprile scorso (Prot. n. 0005944 del 5-04-2022).

Quello relativo all’incarico di Segretario Comunale a Pantelleria è diventato un problema che si trascina da anni.

Infatti, a causa della carenza di Segretari Comunali, non si riusciva a trovarne uno disposto ad accettare l’incarico in un territorio disagiato come l’Isola di Pantelleria.

Si pensi che solo nel corso dell’attuale Amministrazione, sono stati incaricati ben 5 Segretari diversi e da agosto 2021 non si riesce a trovarne uno che accetti l’incarico, anche a scavalco.

La figura del Segretario comunale è una figura obbligatoria negli enti al fine del regolare svolgimento dell’attività amministrativa e gestionale. In sua assenza, tale ruolo, nel Comune di Pantelleria, è stato ricoperto dal Vicesegretario comunale, che è anche Responsabile del Settore III Patrimonio, Tributi, Servizi finanziari, rubando tempo all’attività ordinaria del Settore.

Perché allora è importante che il Ministro abbia accolto la richiesta del Sindaco Campo?

Bisogna sapere che l’Albo dei Segretari è suddiviso per fasce, ognuna delle quali corrisponde ad una dimensione demografica dei Comuni. Alla prima fascia corrispondono i Segretari che possono assumere l’incarico nei Comuni fino a 3.000 abitanti.

Per sopperire alla carenza di Segretari Comunali, il Governo aveva previsto nel Decreto Legge n. 4/2022, la possibilità di affidare l’incarico per un periodo di sei mesi, prorogabili fino a dodici, ai Segretari Comunali di prima fascia anche nei Comuni fino a 5.000 abitanti.

Ma anche in questo caso il Comune di Pantelleria era escluso, perché abbiamo circa 7.800 abitanti, senza contare che siamo penalizzati anche dal fatto di essere un’isola minore distante oltre 100 km dalla Sicilia, quindi qui ci si deve venire appositamente, non certo a fare i pendolari.

Per tale ragione il Sindaco Campo nella sua missiva ha chiesto al Ministro di estendere tale previsione anche ai Comuni delle isole minori.

La richiesta è stata accolta dal Ministro che con un emendamento al DL n. 4/2022 presentato con il DL n. 115/2022 ha esteso la possibilità di nominare i Segretari di prima fascia anche nei Comuni delle isole minori fino a 10.000 abitanti.

Si spera che con tale modifica si riesca finalmente a trovare un Segretario comunale, sanando una situazione che non può essere procrastinata ulteriormente.

 

Attualità

Trapani, celebrazioni della Virgo Fidelis, patrona dei Carabinieri, nell’81° della Battaglia di Culquealber e della Giornata dell’Orfano

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il



Si è appena conclusa, presso la Chiesa Maria Santissima Ausiliatrice di Trapani, la messa in onore
della Virgo Fidelis, Celeste Patrona dell’Arma dei Carabinieri.

LA VIRGO FIDELIS. La scelta della Madonna “Virgo Fidelis”, come, è indubbiamente ispirata
alla fedeltà che, propria di ogni soldato che serve la Patria, è caratteristica dell’Arma dei Carabinieri
che ha per motto “Nei Secoli Fedele”.
L’8 Dicembre 1949 Sua Santità Pio XII di v.m., accogliendo l’istanza dell’Ordinario Militare
d’Italia, S.E. Mons. Carlo Alberto di Cavallerleone, proclamava ufficialmente Maria “Virgo Fidelis
Patrona dei Carabinieri”, fissando la celebrazione della festa il 21 Novembre, in concomitanza della
presentazione di Maria vergine al Tempio e della ricorrenza della Battaglia di Culquaber.

LA BATTAGLIA DI CULQUALBER. Il 21 Novembre 1941 ebbe luogo una delle più cruente
battaglie in terra d’Africa, nella quale un intero Battaglione di Carabinieri si sacrificò nella strenua
difesa, protrattasi per tre mesi, del capoluogo di Culquaber. Alla bandiera dell’Arma dei Carabinieri
fu conferita, per quel fatto d’arme, la seconda Medaglia d’Oro al Valor Militare, dopo quella
ottenuta nell’occasione della partecipazione alla Prima Guerra Mondiale.


GIORNATA DELL’ORFANO. Istituita nel 1996, rappresenta per i Carabinieri e per l’
ONAOMAC un sentito momento di vicinanza alle famiglie dei colleghi scomparsi.
L’Opera Nazionale di Assistenza per gli orfani dei militari dell’Arma dei Carabinieri
(O.N.A.O.M.A.C.), Ente morale fondato il 15 maggio 1948, si propone di assistere gli orfani dei
militari dell’Arma dei Carabinieri di qualsiasi grado. Oggi l’ O.N.A.O.M.A.C. assiste circa 1000
orfani, a ciascuno dei quali eroga un sostegno semestrale, distinto per fasce d’età, sino al
compimento degli studi. L’assistenza agli orfani disabili è a vita.

Alla messa, celebrata dal Vescovo di Trapani, S.E. Mons. Pietro Maria Fragnelli, hanno
partecipato: il Prefetto di Trapani, Dott.ssa Filippina Cocuzza, il Vicario del Questore di Trapani,
Dott.ssa Marina D’Anna, il Comandante Provinciale dei Carabinieri, Colonnello Fabio Bottino, il
sindaco di Trapani, altre autorità Civili e Militari, i vertici delle Forze di Polizia e Vigili del Fuoco
oltre ai parenti dei caduti e delle vittime del dovere

Per eventuali donazioni in favore degli orfani:
C/C bancario n. 121 B.N.L.
IBAN IT77Z0100503344000000000121

C/C postale n. 288019
IBAN IT35Z0760103200000000288019
Leggi la notizia

Attualità

Pantelleria, nuova sospensione energia elettrica zona Nord-Ovest dell’isola

Marilu Giacalone

Pubblicato

il

E’ prevista una nuova sospensione dell’erogazione di energia elettrica nel quadrante Nord-Occidentale dell’isola.
Nell’avviso pubblico seguente tutti i dettagli

Leggi la notizia

Attualità

Roma, ieri giornata conclusiva del ciclo di convegni “1942-2022. Gli ottant’anni del Codice della Navigazione: passato, presente e futuro”.

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

Si è concluso ieri a Roma, presso la Sala Capitolare del Chiostro del Convento di Santa Maria sopra Minerva, il ciclo di incontri che – a partire dal 21 aprile scorso, tra Roma, Cagliari e Trieste – ha dato il via a un intenso dibattito sul Codice della Navigazione, quale imprescindibile strumento normativo del mondo marittimo e aereo italiano a 80 anni dalla sua entrata in vigore.

L’Iniziativa, nata da un’idea dal Comando generale del Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, si è potuta realizzare grazie alla stretta sinergia con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, come pure con le Cattedre di Diritto della Navigazione delle Università “Sapienza” e “Tor Vergata” di Roma, dell’Università di Cagliari e di Udine, nonché con la Rivista del Diritto della Navigazione.

I lavori della giornata conclusiva, che ha avuto quale tema “Lineamenti di una possibile revisione”, sono stati aperti dai saluti del Viceministro delle Infrastrutture e dei Trasporti – On. Edoardo Rixi – che nel suo intervento ha sottolineato: “Dopo decenni si pongono le basi per l’aggiornamento del Codice della Navigazione. Procedure più flessibili e meno burocratiche per rispondere agli operatori economici, in linea con la riforma della Pubblica Amministrazione prevista anche dal PNRR. Un elemento di spinta per tutto il comparto.”

Il Comandante generale del Corpo delle Capitanerie di porto, Ammiraglio Ispettore Capo Nicola Carlone – anch’egli presente all’evento -, ha avuto modo di evidenziare come a distanza di 80 anni dalla sua promulgazione, il Codice della Navigazione possa ancora continuare a rappresentare, con le opportune e modifiche e integrazioni, quel compendio di norme unitario, organico, dinamico ed efficace anche per gli anni a venire. “In questi 5 mesi abbiamo affrontato diversi temi. Noi delle Capitanerie di Porto guardiamo sempre con attenzione al mondo marittimo e alle sue molteplici evoluzioni. Il codice della navigazione rappresenta uno degli strumenti regolatore della funzione marittima del nostro Paese. Funzione attraverso la quale lo Stato realizza, sviluppa, tutela, amministra e gestisce i suoi interessi pubblici connessi al mare.”

Alla giornata conclusiva, hanno partecipato i massimi esponenti del mondo accademico e del cluster marittimo-portuale e aereo nazionale, oltre a un rappresentante della Suprema Corte di Cassazione, il Cons. Francesco Maria Cirillo.

L’evento – moderato dalla prof.ssa Elda Turco Bulgherini, Direttrice della Rivista del Diritto della Navigazione – ha registrato numerosi interventi, tra cui massimi esponenti del mondo accademico e del cluster marittimo-portuale e aereo nazionale.
 
Tra questi, il contributo del prof. Leopoldo Tullio – emerito di Diritto della Navigazione della Sapienza che ha trattato i Lineamenti di una possibile legge-delega per la revisione del Codice della Navigazione e il prof. Stefano Zunarelli – Ordinario di Diritto della Navigazione presso l’Università di Bologna – ha esposto i principi e le proposte Verso la revisione del Codice.
Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza