Segui i nostri social

Meteo

Meteo – Maltempo torna con pioggia e abbassamento delle temperature

Redazione

Pubblicato

-

DOPO UNA BREVE PARENTESI DI TEMPO STABILE, TORNANO LE PIOGGE SULL’ITALIA IN QUESTO INIZIO DI SETTIMANA CON ARIA LEGGERMENTE PIÙ FREDDA AL NORD. TRA MERCOLEDÌ E GIOVEDÌ SI PROFILA UN’INTENSA FASE DI MALTEMPO, CON PRECIPITAZIONI CHE ANDRANNO A INTERESSARE TUTTE LE REGIONI E NEVE ABBONDANTE SULLE ALPI

Dopo una breve parentesi anticiclonica, il tempo è tornato a peggiorare per l’arrivo di una nuova perturbazione (n.6 di novembre) proveniente dalla Penisola Iberica. In questo inizio di settimana un po’ di piogge torneranno ad interessare la nostra Penisola, non saranno però particolarmente diffuse e intense. La circolazione di bassa pressione che si andrà a posizionare sul Mar Tirreno attiverà intensi venti di Bora su alto Adriatico, Marche, Toscana e Umbria, di Tramontana in Liguria: queste correnti settentrionali faranno affluire aria leggermente più fredda sul Nord Italia.

Il resto della settimana non promette nulla di buono – avvertono i meteorologi di IconaMeteo.it -, con un’altra fase di maltempo attesa nella parte centrale a causa dell’arrivo, tra mercoledì e giovedì, di un’altra e più intensa perturbazione atlantica (la n.7 del mese): nella seconda parte di mercoledì le prime piogge dovrebbero raggiungere Sardegna, Liguria e medio Tirreno mentre la parte più attiva è prevista transitare su tutta l’Italia tra giovedì e le prime ore di venerdì, con precipitazioni anche intense e nevicate abbondanti nel settore alpino, localmente anche poco sotto i 1000 metri nel settore occidentale.

 

INCENDI, in due anni perso quasi il 20% delle sequoie giganti del mondo: il punto

AMAZZONIA, deforestazione aumentata del 22% in un anno raggiungendo il livello più alto dal 2006: i dati

 

PREVISIONI PER LE PROSSIME ORE

Cielo molto nuvoloso o coperto al Centro-Nord con alcune precipitazioni, in prevalenza deboli, sparse e intermittenti. In serata i fenomeni tenderanno a concentrarsi nelle regioni di Nordovest e sulle Marche. Nuvolosità irregolare al Sud e sulle Isole, con maggiori spazi soleggiati in Calabria e, dal pomeriggio, sulla Sicilia centro-orientale; qualche pioggia o rovescio isolato più probabile su Campania e Sardegna e, in mattinata, anche su Puglia meridionale, sud ed est della Sicilia. Temperature: massime in lieve calo al Nord, sulle regioni centrali tirreniche, su Sardegna e Campania; senza variazioni di rilievo altrove. Venti: moderati o tesi di Libeccio su Mar Ionio, Canale di Sicilia, Salento, Canale d’Otranto e Tirreno meridionale settore ovest; Bora in rinforzo in serata sull’alto Adriatico e Tramontana in Liguria; in prevalenza deboli altrove. Mari: mosso il Ligure occidentale, il Tirreno centro-meridionale, il Mare e Canale di Sardegna, i mari del Sud; a fine giornata tenderà a diventare mosso o molto mosso l’Adriatico settentrionale; in generale poco mossi o calmi i restanti bacini.

 

PREVISIONI PER DOMANI, MARTEDÌ 23 NOVEMBRE

Sulle regioni di Nordest e, dal pomeriggio, anche sull’Emilia Romagna tempo prevalentemente soleggiato, con cielo sereno o poco nuvoloso. Schiarite sempre più ampie si osserveranno dal pomeriggio su Toscana e Liguria, in serata anche su Calabria meridionale e Sicilia. Nel resto del Paese il cielo si presenterà nuvoloso o molto nuvoloso. Nel corso della giornata le precipitazioni, in forma intermittente, saranno più probabili sulle regioni del medio e basso versante adriatico; al mattino precipitazioni residue anche sul Piemonte occidentale e meridionale (nevose sulle Alpi sopra 1400 m circa), sulla costa del basso Lazio, nell’ovest della Sicilia e nel nordest della Sardegna. Temperature: senza grosse variazioni. Valori massimi non oltre i 12-13 gradi al Nord, fino a 17-20 gradi sul versante tirrenico, al Sud e sulle Isole. Venti: da moderati a tesi da nord o nordest su Adriatico e Tirreno centro-settentrionali, Romagna, Liguria, Marche, Umbria e Toscana; per lo più deboli altrove. Mari: calmi o poco mossi il basso Adriatico, il Golfo di Taranto e, sotto costa, il Ligure orientale; mossi i restanti bacini, fino a molto mossi l’Adriatico centro-settentrionale, il Tirreno centrale e, al largo, il settore ovest del mar Ligure.

 

PREVISIONI PER MERCOLEDÌ 24 NOVEMBRE

Tempo prevalentemente soleggiato in Toscana e su gran parte del Nord con residui annuvolamenti in Romagna e all’estremo Nordovest. Nuvolosità irregolare nel resto d’Italia, più compatta sul medio Adriatico e tra il basso Lazio e la Campania. Deboli piogge sporadiche su Abruzzo, Molise, Foggiano e basso Ionio. Dal pomeriggio tendenza a peggioramento con locali piogge sulla Sardegna. In serata piogge anche moderate nell’ovest dell’isola, nuvole in aumento anche nel settore tirrenico a al Nordovest con possibili rovesci in costa tra il basso Lazio e il nord della Campania; locali piogge nel resto del Lazio, sulla bassa Toscana e nel Ponente ligure. Primi fiocchi di neve oltre i 1100 m circa nelle Alpi Marittime. Temperature: minime in calo al Centro-Nord, con valori all’alba localmente vicini allo zero sulle regioni settentrionali. Massime in leggera flessione al Nordest, senza grosse variazioni altrove; valori tra 16 e 21 gradi sul versante tirrenico, al Sud e sulle Isole. Venti: moderati o tesi di Tramontana nel Ponente ligure, fino a moderati orientali su Sardegna, basso Lazio e Campania, per lo più deboli altrove. A fine giornata venti meridionali in rinforzo su Tirreno, Sicilia, Ionio e basso Adriatico. Mari: calmi o poco mossi l’Adriatico settentrionale e il settore est del Ligure; mossi i restanti bacini, fino a molto mossi il mare di Sardegna e il Ligure occidentale.Meteo 

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Meteo

Sicilia – Pantelleria, maltempo in arrivo. L’allerta meteo della Protezione Civile

Direttore

Pubblicato

il

Per la giornata di domani è previsto l’arrivo di precipitazioni che pongo la Sicilia in allerta meteo, di livello giallo.

Stando a quanto descritto dal Dipartimento della Protezione Civile della Regione Siciliana:
NEL CORSO DELLA GIORNATA DI DOMANI MARTEDÌ 05 DICEMBRE 2023, SI PREVEDONO PRECIPITAZIONI SPARSE, ANCHE A CARATTERE DI
ROVESCIO O TEMPORALE SUI VERSANTI TIRRENICI. I FENOMENI SARANNO ACCOMPAGNATI DA ROVESCI DI FORTE INTENSITÀ, FREQUENTE
ATTIVITÀ ELETTRICA E FORTI RAFFICHE DI VENTO

Lo schema 

Leggi la notizia

Ambiente

Agricoltura, dal governo regionale ok a dichiarazione stato di calamità

Redazione

Pubblicato

il

 Presidenza della Regione
Via libera dal governo Schifani alla dichiarazione dello stato di calamità per i danni causati alle produzioni agricole in Sicilia dalle ondate di calore e dagli incendi nel mese di luglio e dalla siccità nei mesi di settembre e ottobre di quest’anno.  

 «Il governo regionale – spiega l’assessore all’Agricoltura Luca Sammartino – è vicino agli agricoltori siciliani che hanno subito ingenti danni a causa delle anomale ondate di caldo e degli incendi, prima, e dalla siccità persistente, poi. La risposta tempestiva che abbiamo messo in campo dimostra l’attenzione dell’esecutivo siciliano nei confronti delle emergenze che colpiscono i nostri territori e il ruolo centrale che il comparto agricolo riveste per lo sviluppo della Sicilia». 

Le ondate di calore hanno determinato cali produttivi, per cascola e per rallentamento della crescita ed ingrossamento di frutta ed ortaggi. I frutti maggiormente esposti hanno subito i “colpi di sole” con conseguente danno commerciale. I cali produttivi non hanno risparmiato nemmeno il comparto zootecnico e apistico. Nelle aziende danneggiate da incendi, avvenuti per lo più in corrispondenza delle ondate di calore di fine luglio ed anche nel mese di settembre in corrispondenza di giornate calde e ventose, i danni hanno interessato oltre che le produzioni anche le strutture aziendali. Una situazione aggravata dalla siccità che ha caratterizzato i mesi di settembre e ottobre. Diversi i comparti danneggiati: vitivinicolo, agrumicolo, frutticolo, olivicolo, orticolo, foraggero e zootecnico.  

Leggi la notizia

Cronaca

Meteo – Pantelleria in balia del vento: fino a 40 nodi – La grafica

Direttore

Pubblicato

il

FORTE VENTO IN PROVINCIA DI TRAPANI, PIÙ DI 40 INTERVENTI DEI VIGILI DEL FUOCO DA STANOTTE

Alberi, rami, insegne pubblicitarie, grondaie, antenne e pali caduti o pericolanti, dalle 1.30 di oggi tutte le squadre dei vigili del fuoco del Comando provinciale di Trapani sono al lavoro per i danni causati dalle forti raffiche di vento che si sono abbattute in tutta la provincia, isola di Pantelleria inclusa: numerose le richieste di intervento giunte alla sala operativa del Comando anche per aperture di porte e persiane pericolanti.
Non si segnalano danni alle persone.

Sulla nostra isola si sono registrati fino a 40 nodi di maestrale

In copertina immagine di Mario Squitieri

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza