Segui i nostri social

Lampedusa

Maxi sbarco di migranti a Lampedusa, Calogero Pisano: “Vergogna senza fine, il Ministro Lamorgese si dimetta”

Redazione

Pubblicato

il

Riceviamo  e pubblichiamo

“Il maxi sbarco di 686 migranti, arrivati a Lampedusa ieri notte con un vecchio peschereccio, è purtroppo solo punta dell’iceberg di ciò che sta ormai avvenendo da mesi nella nostra provincia, dove la situazione è assolutamente insostenibile con hotspot stracolmi all’inverosimile, fughe dai centri di accoglienza di extracomunitari sottoposti a sorveglianza sanitaria anti covid ed atti delinquenziali, riportate spesso dai cronisti locali, perpetrati da gente arrivata clandestinamente nel nostro territorio. La politica dei porti spalancati del governo Draghi è stata un fallimento ed ha finito soltanto con l’alimentare il business dell’accoglienza ed il malaffare. Dal 17 settembre è possibile sottoscrivere online, all’indirizzo internet www.sfiduciamolamorgese,it , la petizione lanciata dal nostro partito per chiedere ai parlamentari di firmare la mozione di sfiducia nei confronti del Ministro dell’Interno Lamorgese, palesemente inadatta a ricoprire una carica così importante e delicata”.

Disclaimer

Questo contenuto è proprietà intellettuale della Nous Editore srls, senza tacito consenso ne è vietata ogni riproduzione, totale e parziale di testi e immagini, anche in forma di link

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Lampedusa

Migranti – Sindaco di Lampedusa insignito del premio “Jan Kaeski” in Polonia per l’eroismo e determinazione nell’aiutare i rifugiati

Redazione

Pubblicato

il

Assegnato in Polonia il premio “Jan Karski” al sindaco Totò Martello
Si è tenuta oggi a Lodz, in Polonia, la cerimonia con la quale è stato conferito al sindaco di Lampedusa e Linosa Totò Martello il premio intitolato alla memoria di Jan Karski, eroe polacco della Resistenza al nazismo che durante la seconda Guerra mondiale per primo raccontò le atrocità che avvenivano contro gli ebrei nei campi di concentramento. L’edizione 2021 del premio “Aquila”, della Jan Karski Society, è stato assegnato a Lampedusa “per l’eroismo e la determinazione nell’aiutare i rifugiati mentre il mondo distoglie lo sguardo dai morti e dalle sofferenze”. “Grazie a Papa Francesco ed a quanti nella Chiesa seguono il suo insegnamento – si legge ancora nella motivazione del premio – e grazie al suo amico Salvatore Martello, la speranza continua”.
La cerimonia si è svolta nella cattedrale di Lodz al termine della messa celebrata dall’arcivescovo di Gniezno, Wojciech Polak, primate della Chiesa Polacca. “La gente di Lampedusa – ha detto l’arcivescovo Polak – ha dato e continua a dare l’esempio: salvando coloro che fuggono dalla fame, dalla persecuzione, dalla minaccia alla loro vita, si intercede per la vita di ogni donna e di ogni uomo, perché la vita di ogni persona è sacra e su questo non ci può essere discordia”.
Il sindaco di Lampedusa ha fatto pervenire nella cattedrale di Lodz un crocifisso realizzato dall’artista lampedusano Stefano Colapinto con il legno della chiglia di una imbarcazione utilizzata dai migranti.
“La spaventosa mostruosità della Shoah che Jan Karski ha contribuito a contrastare e poi a denunciare al mondo, è un impegno quotidiano per la giustizia, la dignità, la liibertà e la democrazia” ha detto Martello, intervenendo in modalità web alla cerimonia. “Nulla si conquista per sempre – ha aggiunto – tutto si riconquista ogni giorno. E nelle frontiere del Mediterraneo, come in quelle tra Polonia e Bielorussia o tra Grecia e Turchia, come in ogni frontiera del mondo, giochiamo una partita che ancora una volta salva o perde la storia che milioni di morti hanno cercato di salvare con il loro sangue”.
(Nella foto, il momento della consegna del crocifisso all’arcivescovo di Gniezno da parte di Carlo De Marco, collaboratore del sindaco di Lampedusa).
Leggi la notizia

Lampedusa

Lampedusa sul barattolo della Nutella per “TiAmoItalia”

Direttore

Pubblicato

il

C’è anche Lampedusa tra le località scelte da Nutella per decorare i barattoli dell’edizione speciale #TiAmoItalia. Ringrazio i promotori di questa iniziativa anche per avermi inviato una confezione “con dedica”, che voglio condividere con tutti coloro che vivono ed amano la nostra meravigliosa isola.
(Il Sindaco, #TotòMartello).
Questo il goloso annuncio del primo cittadino delle Isole Pelagie.
La Ferrero ha un nuovo progetto: TiAmoItalia.
Con esso lla multinazionale italiana intende promuovere le bellezze della nostra Italia, adornando i barattoli di Nutella.
La dolcezza della crema alle nocciole più famosa e venduta al mondo, made in Italy, si fa promotrice delle località più suggestive e affascinanti dello Stivale.
Ecco di che si tratta: TiAmoItalia
Leggi la notizia

Lampedusa

Sindaci della Sicilia a Roma: in 17 con Totò Martello primo cittadino di Lampedusa

Redazione

Pubblicato

il

Manifestazione sindaci siciliani a Roma, ci sarà anche il sindaco di Lampedusa Totò Martello: “Partecipo per difendere le nostre comunità e le nostre amministrazioni”
Alla manifestazione dei sindaci siciliani promossa da ANCISicilia che si terrà a Roma domani, mercoledì 3 novembre, parteciperà anche il primo cittadino del Comune di #Lampedusa e #Linosa, #TotòMartello.
“Ritengo doveroso esserci – dice Martello – e manifestare, insieme con tanti altri sindaci della Sicilia, per chiedere al governo nazionale di modificare le norme che rischiano di indebolire ancora di più le nostre amministrazioni comunali e di avere pesanti ripercussioni sui servizi rivolti ai cittadini. Ci sono alcuni aspetti, ad iniziare da quello relativo ai meccanismi di riscossione delle tasse comunali ed alla possibilità di procedere con l’assunzione di personale per far fronte ai vuoti di organico, che devono essere valutati con la massima attenzione e sui quali è indispensabile la piena collaborazione tra lo Stato e la Regione Siciliana. La mia presenza alla manifestazione di Roma – aggiunge il sindaco di Lampedusa e Linosa – vuole anche contribuire a rappresentare le istanze delle isole minori, che hanno necessità specifiche per le quali è necessario un intervento mirato da parte del governo nazionale”.
“Inoltre – conclude Martello – da sindaco un’isola di frontiera costantemente interessata dal fenomeno dei flussi migratori, intendo ribadire la necessità che il governo nazionale predisponga misure concrete a sostegno della mia comunità che non ha mai fatto venir meno il proprio impegno per l’accoglienza umanitaria”.
Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza

© 2021 Il Giornale di Pantelleria - Un prodotto Noùs Editore Srls | Progettazione sito: Ferrigno Web Agency