in , , ,

L’epopea di Don Giovanni Salsedo e dell’assedio di Pantelleria

Nel Sedicesimo secolo dell’era cristiana, Pantelleria, come abbiamo già visto, era già feudo dei Requesens, ancora allora baroni.

Il castello, nella sua forma esistente dall’epoca della riconquista normanna, era il centro del potere locale, ed era presidiato dal castellano cavaliere don Giovanni Salsedo, anch’egli di nobile famiglia spagnola, proveniente da Baeza, della famiglia dei conti della città, gran capitano della locale milizia, e governatore baronale.

Fu in quell’epoca che avvenne uno dei fatti storici più straordinari e difficili e feroci  per la nostra terra.

Una incursione barbaresca ( i mori, corsari turchi), aggredì il presidio, composto soprattutto da isolani, che si batte’ con tutte le sue forze contro l’invasore, capitanato dal grande ammiraglio Sinan.

Per giorni e notti si protrasse la battaglia, finché i bombardamenti dal mare non lesionarono il castello.

Tuttavia il divario delle forze in campo, la schiacciante superiorità delle armi e degli uomini, non consenti’ si panteschi di respingere l’assalto. In ogni modo i patti della resa consentirono di salvare il salvabile dal saccheggio.
Tale sconfitta indusse l’imperatore Carlo V, a riparare le fortificazioni, mura, torri e castello e dotare di guarnigione lo stesso di fanti spagnoli, con famiglie che si fusero con la popolazione.

Ancora nel 1553 avvenne però un’altra incursione più terribile della precedente, ad opera dell’ orribile  Dragut, allievo del terribile Barbarossa, il più grande corsaro di tutti i tempi.

Qui la sconfitta fu dolorosissima, stupri, centinaia di morti, ruberie, saccheggio e riduzione in schiavitù della metà della popolazione, venduta al mercato degli schiavi in Africa e in Asia Minore.

Erano i tempi in cui la lotta per il predominio sul Mediterraneo da parte dei turchi appariva più concentrata, con sbarchi continui sulle coste italiane,

Pantelleria era la punta avanzata della Cristianità verso l’Africa e l’Islam, e questa  fu anche l’epoca del grande assedio della consorella Malta, che riuscì a vincere solo grazie alla forte presenza dell’ordine religioso e militare dei Cavalieri di San Giovanni, provenienti dalla migliore nobiltà d’Europa.

Anche stavolta il comandante Salsedo si mosse con eroismo, lui e la sua famiglia furono portati via in catene, ma un ramo della famiglia continuò a vivere nell’isola fino a tutt’oggi,  dov’è ancora presente ed attiva.

L’epopea di Don Giovanni e dell’assedio di Pantelleria, ricordata per secoli dai racconti panteschi, ha ispirato un’opera letteraria, “la distruzione di Cossyra”, pubblicata nel 1867, ormai introvabile.

Enzo Bonomo

Cosa ne pensi di questo articolo?

38 points
Upvote Downvote

Scritto da Enzo Bonomo

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Commenti

0 commenti

5 (1)

Voglia di vincere e concentrazione: 5 a 3 per il Pantelleria C5 contro il Marsala Futsal 2012, ma rimaniamo cauti

Pantelleria in Sud Africa. Giuseppe La Gattuta ha riprodotto l’isola nelle contrade e nei sapori in “Sebisa”