Segui i nostri social

Cultura

Frutta e verdura autunnale per le nostre tavole

Redazione

Pubblicato

-

Alla scoperta della freschezza e della varietà della frutta e verdura dell’autunno, ecco i migliori prodotti di stagione
di Filomena Fotia da Meteoweb.eu

 

 
 
Dalla frutta alla verdura, in autunno la tavola si arricchisce di prelibatezze nutrienti e colorate. Le dolci mele e pere cullate dal clima mite, accompagnano le uve succose e i fichi aromatici. Le zucche, protagoniste indiscusse, regalano piatti ricchi di beta-carotene. Le castagne, tostate o bollite, esprimono il carattere autunnale. I pomodori maturano pieni di gusto, mentre le foglie di cavolo e i broccoli offrono un nutrimento cruciale. Le arance e i cachi, ricchi di vitamine, donano freschezza. L’autunno celebra la generosità della terra, offrendo un festoso spettacolo di sapori e colori salutari.

  

 
 
Inoltre, scegliere cibi di stagione, ricchi di nutrienti essenziali, non fa bene solo alla nostra salute complessiva, messa alla prova anche dagli sbalzi di temperatura tipici dell’autunno, contribuisce alla sostenibilità ambientale riducendo la dipendenza dal trasporto di prodotti da regioni remote. Questo approccio sostiene una pratica agricola più sostenibile, poiché favorisce la produzione locale e limita le emissioni di gas serra associate ai lunghi viaggi alimentari. Inoltre, promuove la biodiversità, incoraggiando la coltivazione di varietà locali adattate all’ambiente circostante. L’agricoltura di stagione riduce l’impatto ambientale complessivo, limitando l’uso di pesticidi e fertilizzanti e preservando le risorse naturali. In questo modo, la scelta di consumare cibi di stagione si traduce non solo in un beneficio per la salute individuale ma anche in un passo importante verso un sistema alimentare più sostenibile e rispettoso dell’ambiente.

In autunno, la natura dona una ricca varietà di sapori e colori salutari, simboleggiando la generosità della terra. Questa stagione offre un festoso spettacolo culinario che celebra la bontà e la diversità degli alimenti freschi e nutrienti disponibili.

La frutta in autunno

L’autunno regala un’ampia e deliziosa varietà di frutta, simbolo di abbondanza e tradizione culinaria. Le mele, con la loro dolcezza equilibrata e la consistenza croccante, giungono a maturazione in questa stagione, creando un inconfondibile profumo che invita a degustarle appena raccolte. Accanto a loro, le pere offrono una varietà di sapori, dalle dolci e succose alle più saporite e granulose.

Il protagonista indiscusso dell’autunno è la zucca (è in realtà un frutto, ma in cucina viene utilizzata come verdura) non solo utilizzata in preparazioni salate ma anche come ingrediente chiave di dolci tradizionali come la crostata di zucca. Le castagne si prestano a varie preparazioni, semplicemente arrostite o parte dei dolci più raffinati come il Mont Blanc. I melograni, con i loro succosi chicchi, portano un tocco di freschezza e versatilità alle pietanze autunnali, dai dolci ai piatti di carne.

L’autunno è anche il periodo dei kiwi, con la loro polpa verde brillante ricca di vitamina C, un’ottima aggiunta per mantenere un sistema immunitario robusto. Gli agrumi, come arance e mandarini, raggiungono la loro massima dolcezza, diventando una risorsa preziosa di vitamine per affrontare i primi freddi.

I grappoli d’uva maturi trasformano l’autunno in un momento di celebrazione, dando vita a vini nuovi e vini passiti che arricchiscono le tavole durante le festività. La presenza di prugne e susine completa il quadro, offrendo opzioni per dolci, marmellate e conserve.

In conclusione, l’autunno italiano è un’esplosione di sapori e colori, dove la frutta diventa il tramite tra la natura generosa e la tavola, arricchendo le tradizioni culinarie con prodotti locali freschi e genuini. La diversità di frutti autunnali riflette la ricchezza della terra italiana e la sua capacità di offrire ingredienti di alta qualità per soddisfare i palati più esigenti.

La verdura in autunno

L’autunno porta con sé un ricco raccolto di verdure, rendendo la stagione un momento straordinario per la cucina e la gastronomia locale. Tra le protagoniste, il cavolo rappresenta una presenza robusta, con varietà come il cavolo nero e il cavolo verza che diventano ingredienti chiave in molte preparazioni. La loro consistenza croccante e il sapore ricco aggiungono profondità ai piatti autunnali.

Le zucche (in realtà frutto, ma in cucina viene utilizzata come verdura) oltre a essere una delizia per i dolci, si prestano a ricette salate, dalla zuppa di zucca alle lasagne, offrendo una versatilità unica. I broccoli e i cavolfiori, con la loro texture croccante, diventano componenti essenziali in molte pietanze, arricchendo di nutrienti i piatti autunnali.

Le patate, spesso associate a comfort food, raggiungono la massima dolcezza in autunno, diventando un elemento fondamentale in piatti come gnocchi e purè. Le carote, con il loro sapore dolce e la vivacità del colore, sono un ingrediente classico nelle zuppe e nei contorni, mentre i porri aggiungono un tocco di delicatezza a molti piatti.

I funghi, tra cui porcini e champignon, raggiungono la loro massima bontà in autunno, contribuendo a insaporire risotti, pasta e piatti di carne. Le cipolle, dal sapore pungente, sono un elemento chiave nelle preparazioni di base, mentre gli spinaci e le bietole offrono una ricca fonte di ferro e altri nutrienti importanti.

In autunno si trovano anche pomodori, ideali per preparazioni come sughi e salse. I peperoni, con la loro vivacità di colore, si prestano a numerose ricette, dal ripieno al condimento per carni e pesci.

In conclusione, l’autunno in Italia celebra la varietà e la qualità delle verdure locali, offrendo un’ampia gamma di ingredienti freschi e nutrienti. La cucina autunnale riflette l’abilità culinaria italiana nel valorizzare i sapori naturali, creando piatti che soddisfano i sensi e celebrano la generosità della terra.

Frutta e verdura autunnale, i benefici degli alimenti “di stagione”

La scelta di consumare frutta e verdura di stagione, specialmente in autunno, non solo arricchisce il palato, ma apporta anche numerosi benefici per la salute. Questi alimenti freschi e locali, coltivati in sintonia con il ciclo naturale, offrono una gamma completa di nutrienti essenziali.

In autunno, le mele e le pere, ricche di fibre e vitamine, favoriscono la salute digestiva e forniscono una dose di energia sostenibile. Le proprietà antiossidanti di frutti come uva e melograni aiutano a contrastare lo stress ossidativo, promuovendo la salute della pelle e il benessere generale.


La zucca, con il suo contenuto di beta-carotene, contribuisce alla salute degli occhi e al sistema immunitario. La presenza di vitamina A nelle carote, anch’esse di stagione in autunno, supporta la vista e il mantenimento della pelle. Le castagne, con il loro profilo nutrizionale, forniscono una fonte di carboidrati a lento rilascio, ideali per mantenere stabili i livelli di zuccheri nel sangue.

Le verdure autunnali, come broccoli, cavoli e cavolfiori, sono ricche di vitamina C e acido folico, sostenendo il sistema immunitario e contribuendo alla formazione di globuli rossi. I funghi, con il loro alto contenuto di proteine, vitamine del gruppo B e antiossidanti, favoriscono la salute cognitiva e metabolica.

La varietà di colori nelle verdure autunnali indica la presenza di diversi fitonutrienti, o composti vegetali, che hanno proprietà antinfiammatorie e antitumorali. Gli spinaci e le bietole, ad esempio, forniscono ferro, essenziale per la produzione di emoglobina e il trasporto dell’ossigeno nel corpo.

Consumare cibi di stagione promuove anche la sostenibilità ambientale, poiché riduce la necessità di trasportare prodotti da regioni lontane. Questo approccio si allinea alla filosofia di un’agricoltura più sostenibile, supportando la biodiversità e riducendo l’impatto ambientale complessivo.

In sostanza, scegliere frutta e verdura di stagione in autunno non solo gratifica il palato con sapori freschi e autentici, ma apporta anche benefici tangibili per la salute. Questi alimenti, ricchi di nutrienti e antiossidanti, favoriscono il benessere generale e sostenibile, mentre la loro produzione locale contribuisce a preservare l’ambiente.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura

Bilancio molto positivo per la “Simana dû Sicilianu” Celebrata in tutto il mondo. Rese note 7 regole per scrivere bene in siciliano

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

Lo scorso 7 aprile si è conclusa la “Simana dû Sicilianu”, cominciata il 31 marzo. Quest’iniziativa è stata proposta da Nick Panzarella, un siculo-americano di seconda generazione che ha messo su un gruppo di persone e un sito internet per dare corpo all’idea. La “Simana” è stata promossa da diverse associazioni di tutto il mondo tra le quali le 18 che fanno parte dell’AUCLIS (Associazioni Unite per la Cultura e la Lingua Siciliana). L’intento era quello di promuovere l’uso della lingua siciliana anche in quei contesti dove la usiamo poco o niente, promuoverne il suo studio e il suo uso sui social. I protagonisti della “Simana” sono state le singole persone che hanno voluto aderire all’iniziativa, modificando per l’occasione i loro comportamenti linguistici e dedicando un po’ di tempo a studiare il siciliano. «Il bilancio che faccio di questa Simana, che si è celebrata quest’anno per la prima volta – dice Nick Panzarella – è molto positivo, forse oltre ogni aspettativa. Numerosi siciliani, in Sicilia e all’estero, vi hanno aderito; pure alcune testate giornalistiche, alcuni personaggi pubblici e influencer hanno voluto celebrarla ed anche promuoverla». Durante questa settimana alcuni siciliani si sono cimentati, spesso per la prima volta, col siciliano scritto, pubblicando sui social post nella lingua dell’Isola. Per loro non è stato facile e i dubbi e gli errori sono stati tanti ma lo spirito della settimana era: “parlare male in siciliano è sempre meglio di non parlarlo affatto”.

A conclusione di questa iniziativa, le due organizzazioni che si occupano esclusivamente di lingua siciliana, la Cademia Siciliana e l’Accademia della Lingua Siciliana, convengono su 7 importanti regole da far arrivare a tutti coloro i quali volessero scrivere correttamente in siciliano. Li elenchiamo a seguire:

1. Il rotacismo, cioè la trasformazione del suono della D intervocalica o a inizio di parola in R, fenomeno che avviene in molte parti di Sicilia ma non dovunque, non si evidenzia nello scritto dove lasceremo la D etimologica. Esempi: diri e non riri; dumani e non rumani.
2. In siciliano la B e la G (e, in alcune zone anche la R e la D) in inizio di parola si pronunciano sempre doppie ma non evidenzieremo nella scrittura tale fenomeno della lingua parlata; per cui scriveremo Bonu (e non Bbonu), Gebbia (e non Ggebbia), Rota (e non Rrota), Dui (e non Ddui)
3. Ogni qualvolta la parte iniziale di una parola, venendo a contatto nel parlato con la parte finale di quella che la precede, cambia di suono, tale cambiamento non viene evidenziato nella scrittura; pertanto scriveremo tri cani (e non tri ccani), tri jorna (e non tri gghiorna), un jornu (e non un gnornu)
4. Quando vogliamo scrivere un termine nella sua forma abbreviata (ove esistesse), mettiamo l’apostrofo ad indicare la caduta di parte del termine intero:  su’ = sunnu; ‘ccattari = accattari; se la forma intera non è più usata da nessuna parte, allora non c’è bisogno di mettere l’apostrofo: gnuranti (anziché ‘gnuranti)
5. In alcune zone e in alcuni casi la R che precede un’altra consonante viene pronunciata I (‘vocalizzazione’), in altre zone scompare e, in entrambi i casi, la consonante che segue viene pronunciata doppia; questi fenomeni del parlato non saranno considerati nella scrittura, dove rispetteremo l’etimologia, per cui scriveremo, ad esempio, portu e non pottu o puoittu
6. In alcune zone della Sicilia esiste la dittongazione metafonetica o quella incondizionata; nessuna di esse trova riscontro nella scrittura per cui scriveremo fora e non fuora, bonu e non buonu, buanu o buenu.
7. Tranne i monosillabi, nessuna parola in siciliano termina per O o E, a meno che non siano accentate.

 
 

Leggi la notizia

Cultura

Ragusa, al Centro Studi Rossitto la conferenza “Antonio Brancati, martire della Resistenza”

Redazione

Pubblicato

il

Antonio Brancati, martire della Resistenza

 

Martedì 23 aprile 2024, alle ore 18.00, al Centro studi “Feliciano Rossitto” – Via Ettore Majorana, 5 – Ragusa -, si terrà un’iniziativa storico-culturale dal titolo “Antonio Brancati, Martire della Resistenza”. Giovanni Brancati parlerà della vita dello zio Antonio (classe 1920, di Ispica) che all’età di 23 anni è stato condannato a morte assieme ad altri 10 giovani. La fucilazione è eseguita il 22 marzo 1944. La strage è consumata presso Maiano Lavacchio, località rurale nelle campagne tra Grosseto e Magliano in Toscana.

Dopo i saluti di Giorgio Chessari (presidente del Centro studi F. Rossitto) interverrà Gianni Battaglia (presidente Associazione Nazionale Partigiani d’Italia – Ragusa).

L’iniziativa è resa possibile grazie alla collaborazione del Centro studi F. Rossitto con l’ANPI di Ragusa.

 

Antonio Brancati nasce a Ispica (Rg) il 21 dicembre 1920. Conseguito il diploma di maestro elementare, si era iscritto all’Università per laurearsi in medicina. Chiamato alle armi, era diventato allievo ufficiale di Fanteria. All’annuncio dell’armistizio, Brancati tentò inutilmente di tornare in Sicilia e, datosi alla macchia con altri commilitoni riuscì, il 1° marzo del 1944, a mettersi in contatto col Gruppo di organizzazione del Comitato militare del CLN di Grosseto. Divenuto partigiano combattente, pochi giorni dopo il giovane fu sorpreso, con altri dieci suoi compagni, sul Monte Bottigli, durante un rastrellamento nazifascista. Subito processati da un improvvisato Tribunale straordinario, Brancati e i suoi compagni furono fucilati vicino alla scuola di Maiano Lavacchio. Era il 22 marzo 1944.

fonte: https://www.anpi.it/biografia/antonio-brancati

 

Giuseppe Nativo

Leggi la notizia

Cultura

Palermo, in arrivo ai Cantieri Culturali Zisa l’expò del vinile per “Record store day”

Redazione

Pubblicato

il

AI CANTIERI CULTURALI ALLA ZISA ARRIVA L’EXPÒ DEL VINILE EDIZIONE “RECORD STORE DAY”: ALLO SPAZIO NOZ SI FESTEGGIA LA GIORNATA DEDICATA AI NEGOZI DI DISCHI DI TUTTO IL

MONDO

Aprile è il mese cui i proprietari dei negozi di dischi, con il loro staff, alcuni artisti e diversi clienti, celebrano il ruolo, importantissimo sul piano culturale, che svolgono questi luoghi all’interno della loro comunità. Sabato 20 si celebra infatti il Record Store Day, una giornata mondiale che coinvolge ovviamente anche numerosi collezionisti e semplici appassionati. Anche Palermo tra le città che prenderanno parte ai festeggiamenti. Per l’occasione, infatti, l’Associazione Artigianando organizza l’“Expò del vinile – Record Store day 2024” un’edizione speciale che si svolgerà all’interno dello Spazio NOZ (Nuove Officine Zisa), ai Cantieri Culturali alla Zisa, sabato 20, dalle 10 alle 23, e domenica 21 aprile, dalle 10:00 alle 22:00 (Ingresso libero). L’area del Noz dispone anche di un ampio e comodo parcheggio gratuito. All’interno del padiglione 20 di Via Paolo Gili 4 (in fondo al viale principale a sx), i molti appassionati di musica e amatori, ma anche i semplici curiosi, potranno trovare diversi spazi con oggetti da collezionismo, attrezzature musicali, moda vintage, spazi handmade e ovviamente migliaia di vinili e cd e tanta e diversa musica da ascoltare, oggetti di culto da conservare e tanto altro. «L’Expò del vinile – dichiara Luca Tumminia, organizzatore e Presidente dell’Associazione – è uno degli eventi che organizzo che amo molto. Il disco in vinile mi ha sempre affascinato: la copertina, le foto al suo interno, le edizioni speciali. Sapere che ancora oggi sono moltissimi a cercarlo e a ricercarlo mi rende felice. Il disco è un bellissimo oggetto che ha rischiato di scomparire per sempre e avremmo davvero perso qualcosa di speciale. È una vera e propria opera d’arte in miniatura che bisogna continuare a salvaguardare. Quando ho saputo qualche anno fa – conclude – del Record Store Day ho subito pensato che anche Palermo doveva prendere parte ai festeggiamenti». Nato nel 2007 nei soli Stati Uniti, coinvolgendo più di 1400 punti vendita presenti, il Record Store Day è oggi diventato un appuntamento fisso organizzato da ogni negoziante di dischi presente in tutto il mondo. Inoltre, vista l’importanza e la grande attenzione mediatica che questa giornata ha ormai raggiunto in questi anni, diverse etichette discografiche, dalle più grandi alle più piccole, realizzano appositamente alcuni prodotti promozionali e programmano uscite discografiche, in vinile o in CD e diverse ristampe, molte delle quali in edizioni speciali, per festeggiarla.

Evento https://www.facebook.com/events/1070646737343052?locale=it_IT

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza