Segui i nostri social

Sociale

Dal 1° agosto attivo il Tribunale Interdiocesano Mazara-Trapani per cause matrimoniali

Redazione

Pubblicato

-

NASCE IL TRIBUNALE INTERDIOCESANO MAZARA-TRAPANI TRATTERÀ LE CAUSE MATRIMONIALI DEL TERRITORIO DELLE DUE DIOCESI Il Decreto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica Dal 1° agosto è attivo il Tribunale interdiocesano di prima istanza Mazara del Vallo-Trapani per le cause matrimoniali proposte dai fedeli delle rispettive Diocesi. Il Tribunale è nato per volontà dei due Vescovi – Pietro Maria Fragnelli e Domenico Mogavero – nel rispetto di quanto disposto dal Motu proprio “Mitis Iudex Dominus Iesus” di Papa Francesco, dove è indicato il «ripristino della vicinanza tra il giudice e i fedeli» come uno degli elementi cardine della riforma.

 

Da qui la cooperazione tra le due Diocesi e la nascita del Tribunale interdiocesano, ufficializzata col Decreto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica. Le due Diocesi, sino a qualche mese fa, facevano parte del Tribunale interdiocesano siculo (che in Sicilia comprendeva 13 Diocesi) con sede a Palermo, dove venivano trattate le cause matrimoniali provenienti anche da Trapani e Mazara del Vallo. Il Tribunale interdiocesano ora attivo ha sede presso la Curia vescovile di Mazara del Vallo ed è così composto: Domenico Mogavero (moderatore), don Orazio Placenti (Vicario giudiziale), don Fabio Angileri (Vicario giudiziale aggiunto), Antonino Ingoglia (giudice laico), don Antonino Gucciardi (difensore del Vincolo e Promotore di giustizia), Maria Clara Alagna (difensore del Vincolo), Sebastiano Amoroso, Giovanna De Vita e don Pietro Pisciotta (Notai). «Gli aspetti più significativi di questa innovazione sono di carattere pastorale.

 

 

Infatti, rafforzano il legame di comunione tra il vescovo e i propri fedeli; accorciano e accelerano la durata dei processi; riducono al minimo i disagi di coloro che intervengono nello svolgimento delle cause. Siamo di fronte a una svolta epocale che farà giustizia di tanti luoghi comuni riguardanti i processi matrimoniali», ha detto monsignor Mogavero. «La vicinanza sia fisica che morale tra i Vescovi e i fedeli segnati dalla ferita di un amore spezzato, permette di offrire un servizio volto ad accertare la verità sul loro passato coniugale. Questo ristabilisce una retta coscienza nella tutela del matrimonio stesso e della dignità personale di ciascuno, come afferma il sussidio applicativo del Motu proprio», ha commentato il Vescovo di Trapani, monsignor Pietro Maria Fragnelli.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sociale

Pantelleria, al via costituzione albo famiglie affidatarie di minori in difficoltà

Direttore

Pubblicato

il

Il Comune di Pantelleria ha emesso avviso pubblico per la realizzazione di un albo di famiglie affidatarie di minori in difficoltà.

Di seguito riportiamo uno stralcio del documento ufficiale, riportato integralmente a fine articolo.
In esso troverete tutti i requisiti richiesti per essere inseriti nell’elenco

allegato – avviso


Ed ecco il modulo di iscrizione

allegato – modulo

Leggi la notizia

Sociale

Caltanissetta, Croce Rossa cerca appartamenti per categorie fragili

caterina murana

Pubblicato

il

Bando della Croce Rossa Italiana per la creazione di short list di appartamenti utili per locazione a categorie fragili
 
 
 
 
La Croce Rossa Italiana di Caltanissetta ha pubblicato un bando aperto per la ricerca di immobili sfitti da adibire ad appartamenti per uso sociale. L’esigenza nasce dalla costante e crescente ricerca di appartamenti, liberi o arredati, da poter destinare all’utenza vulnerabile della città. Purtroppo la crisi economica determinata prima dal Covid 19 e successivamente dall’aumento eccessivo del costo di alcuni servizi indispensabili ha aumentato notevolmente il numero di famiglie assistite, ed è sempre più frequente la richiesta di sovvenzioni per il pagamento di affitti o la ricerca di appartamenti da poter affittare a famiglie in difficoltà. E’ volontà di questa Croce Rossa Italiana Comitato di Caltanissetta, spiega Nicolò Piave Presidente del Comitato, effettuare una short list di proprietari che siano disponibili, senza intermediario alcuno, a locare immobili ad uso appartamento alla Croce Rossa Italiana di Caltanissetta che le destinerà a famiglie con difficoltà economiche, secondo criteri concordati con gli uffici solidarietà sociale del Comune di Caltanissetta, attraverso progetti di recupero e sostegno, fermo restando la disponibilità delle somme. Una ennesima collaborazione tra pubblico e privato a favore delle fasce più deboli della popolazione. Il bando è frutto della sinergica collaborazione tra il Distretto Socio Sanitario D8, di cui è capofila il Comune di Caltanissetta il quale ha affidato alla Croce Rossa Italiana di Caltanissetta il Pronto Intervento Sociale (Pr.in.s.) finanziato da  di cui ai programmi: PRINS – avviso 1/2021 del PON INCLUSIONE FSE 2014-2020, risorse react-eu  – p.a.l – quota servizi del fondo povertà 2021, con l’ausilio di sei assistenti sociali che operano quotidianamente sul distretto socio sanitario D8 per affrontare le varie emergenze sociali che quotidianamente si registrano sul nostro territorio.  Il bando è aperto ed operativo e pubblicato sul sito internet della Croce Rossa Italiana di Caltanissetta, nella sezione Gare e Contratti – www.cri.caltanissetta.it   

Leggi la notizia

Cultura

Mazara, nata in diocesi consulta per aggregazioni laicali

caterina murana

Pubblicato

il

NATA IN DIOCESI LA CONSULTA DIOCESANA DELLE AGGREGAZIONI LAICALI

È nata in Diocesi la Consulta delle aggregazioni laicali, organismo di incontro e di coordinamento di tutto il laicato diocesano organizzato. La riunione di insediamento è stata presieduta dal Vescovo monsignor Angelo Giurdanella, con la partecipazione di rappresentanti provenienti da tutto il territorio diocesano.

Tra i compiti della Consulta c’è la valorizzazione della forma associata dell’apostolato dei fedeli laici, richiamando costantemente il suo significato nel quadro di una comunità ecclesiale partecipata e corresponsabile ma svolge anche compiti di informazione volti a promuovere la reciproca conoscenza e stima. Alla Consulta spetta il compito di promuovere iniziative comuni con la partecipazione delle aggregazioni aderenti, in ordine a istanze e problemi di particolare attualità, nell’ambito dell’evangelizzazione e dell’animazione cristiana dell’ordine temporale. Nel Consiglio direttivo della Consulta ne fanno parte: Erina Alagna (indicata anche come Presidente), Francesco Di Pretoro, Marco Tumbiolo, Antonino Foderà, Giuseppe La Commare, Piera Fimetta, Antonino Lo Palazzo.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza