Segui i nostri social

Cronaca

Trapani – Porto Peschereccio, sequestrati dalla Guardia Costiera olter 20 kg di prodotti ittici senza tracciabilità

Marilu Giacalone

Pubblicato

-

Oltre 20 kg. di prodotti ittici sequestrati tra cui sgombri, boghe, triglie, orate e spigole, tutti privi di
documenti di tracciabilità, esposti su carretti in legno utilizzati per la vendita ambulante ai consumatori
finali nel porto peschereccio di Trapani.

Un altro sequestro della Guardia Costiera di Trapani nel porto peschereccio, questa mattina anche in
collaborazione con i Carabinieri del Comando Provinciale e con la Polizia Municipale della Città, dove,
nonostante i periodici controlli effettuati, sono stati ancora una volta colti “sul fatto” alcuni venditori
ambulanti intenti a commercializzare prodotti ittici privi dei documenti attestanti la loro regolare
provenienza e tracciabilità.

Due i venditori abusivi colti in flagranza, entrambi dotati di carretti in legno posizionati in banchina,
senza alcuna autorizzazione preventiva, da cui venivano offerti i prodotti ittici di ignota provenienza.
Sono stati pertanto sequestrati tutti gli esemplari ittici contenuti in numerose cassette di plastica, poi
controllati dal medico veterinario di turno, intervenuto su chiamata della Capitaneria, che ha constatato
e valutato non idoneo al consumo umano tutto il prodotto sequestrato, infine avviato alla distruzione.
L’attività in questione s’inserisce nell’ambito dei controlli periodici svolti dai militari della Capitaneria di
Porto di Trapani all’interno del porto peschereccio della Città, finalizzati soprattutto a prevenire e
scongiurare il commercio abusivo dei prodotti non tracciati e privi dei minimi requisiti sanitari provenienti
dalla “filiera ittica”, in modo da reprimere i comportamenti scorretti posti in essere in violazione della
vigente normativa di settore, tutelando, al contempo, la locale marineria ed i pescatori professionali che
adottano idonee misure di prelievo, trasporto, sbarco, conservazione e vendita del pescato catturato
giornalmente in mare.

Il Comandante della Capitaneria di Porto, Capitano di Vascello Guglielmo CASSONE, al termine
dell’operazione congiunta di vigilanza, condotta insieme alle locali Forze di Polizia, ha manifestato il
proprio sentito ringraziamento ed apprezzamento per la collaborazione dimostrata, dichiarando:
“L’operazione congiunta di questa mattina, che ha visto l’intervento immediato e coordinato dei militari
della Capitaneria insieme ai Carabinieri ed alla Polizia Municipale, rappresenta il primo di numerosi
ulteriori controlli e verifiche che saranno programmati ed effettuati costantemente, con la finalità di
prevenire e reprimere il fenomeno dei venditori ambulanti abusivi all’interno del porto peschereccio,
restituendo tale prezioso luogo di commercializzazione alla locale marineria che vive in mare e per il
mare, rispettandone le regole ed i limiti.”.

Sanità

Belpasso (CT), interrogazione On. Zitelli per incremento personale Poliambulatorio

Marilu Giacalone

Pubblicato

il

Poliambulatorio di Belpasso, interrogazione del deputato all’ARS Giuseppe Zitelli: “Occorre personale proveniente da altre sedi dell’ASP da impiegare nella struttura”

 
 
Provvedimenti urgenti per risolvere la criticità della carenza di personale in atto al Poliambulatorio di Belpasso.

A chiederli è il deputato di Fratelli d’Italia Giuseppe Zitelli, segretario della Commissione Salute e Servizi Sanitari e Sociali all’Assemblea Regionale Siciliana, che interviene sul deficit di organico della struttura, tra le più importanti della provincia di Catania.
Il parlamentare ha presentato un’interrogazione, con richiesta di risposta urgente scritta, al presidente della Regione Siciliana Renato Schifani e all’assessore regionale alla Salute Giovanna Volo, per sollecitare soluzioni immediate e fornire risposte all’utenza, proveniente principalmente da Ragalna e, ovviamente, da Belpasso.
“Ho chiesto, nello specifico – spiega Giuseppe Zitelli  –   di provvedere al trasferimento, da altre sedi dell’ASP, di personale da impiegare nel Poliambulatorio: ci vogliono almeno tre operatori, il minimo per consentire la riapertura dell’Accettazione ed evitare agli utenti che hanno bisogno di assistenza sanitaria spostamenti inutili e difficoltosi nei Comuni del comprensorio”.
“Nelle scorse settimane – prosegue il parlamentare  –   l’Ufficio Accettazione, spina dorsale del Poliambulatorio, ha chiuso i battenti proprio a causa della mancanza di personale: in servizio, infatti, ci sono soltanto due operatori e uno di loro a breve andrà in quiescenza”.
Il Poliambulatorio risponde alle esigenze di un’utenza di circa trentamila cittadini: le due unità in servizio non riescono a fare fronte alle richieste dei numerosi assistiti, a partire dalla loro accoglienza.
“Si prospettano forti disagi – conclude  Giuseppe Zitelli – per la popolazione, che sarà costretta a recarsi nel Comune di Paternò per prenotare qualsiasi tipologia di servizio sanitario a carico dell’ASP 3”. 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Leggi la notizia

Cronaca

Caltanissetta, oggi 4 arresti in casa di riposo. Il commento di Ruvolo e Amico

Redazione

Pubblicato

il

Ruvolo e Amico: “Le case di riposo devono essere luoghi di sicurezza e di gentilezza”

Questa mattina militari della Compagnia carabinieri di Caltanissetta hanno eseguito quattro arresti di persone indiziate di gravi reati come il sequestro di persona, l’esercizio abusivo della professione sanitaria e l’abbandono di incapaci e ciò che è peggio nei confronti di anziani ospiti di una casa di riposo. Una vicenda che ha dell’inverosimile. Noi, come cooperativa sociale Etnos, che gestisce la casa di riposo Nonni felici 4.0 ci dissociamo da tutto ciò, aborriamo tali comportamenti, e ringraziamo le forze dell’ordine per l’attenta vigilanza posta che ci dà la certezza che questi abusi abbiano sempre le ore contate”, dicono Fabio Ruvolo, presidente della cooperativa sociale Etnos e Rossana Amico, vice presidente.

Presupposto principale delle case di riposo è che siano luoghi dove gli ospiti si sentano a casa loro, debbano essere accuditi nel miglior modo possibile da esperti e non da gente improvvisata, possano dare agli anziani un senso di sicurezza così come ai loro familiari.

“Gli anziani ospiti delle strutture come la nostra vanno trattati con il riguardo che meritano la loro età e la loro fragilità, vanno accuditi nello stesso identico modo in cui vorremmo che in futuro qualcuno si prendesse cura di noi, con gentilezza”, commentano ancora Rossana Amico e Fabio Ruvolo.

“Noi, siamo sostenitori dell’utilizzo delle telecamere a circuito chiuso all’interno delle case di riposo per garantire la sicurezza degli ospiti e dell’ambiente di lavoro. Non tutte le case di riposo, naturalmente, sono uguali. Tutto dipende dalla motivazione che ci spinge ad avviare questo tipo di struttura”, concludono presidente e vicepresidente Etnos di Caltanissetta.

Si unisce alle dichiarazioni dei vertici della Etnos il coro dei familiari degli ospiti della casa di riposo Nonni felici 4.0 con messaggi variegati e sentiti che condannano il gesto e ringraziano la struttura della Etnos per la qualità e professionalità, non dimenticando l’amore, che usa nel suo operato.

“Buongiorno a tutti. Ho letto questa notizia veramente sconcertante… in un mondo civile e pieno di rispetto e amore verso queste persone più fragili non dovrebbero proprio esistere comportamenti del genere… motivo in più per ringraziare tutta la famiglia di casa nonni felici per il vostro lavoro, impegno quotidiano, professionalità che si trasforma in tranquillità emotiva per noi familiari che vediamo sorridere i nonnini pieni di colori e allegria, non solo dove gli abbracci non si comprano e dove il vostro affetto è sincero. Grazie”.

“Siamo molto fortunati, sia noi che soprattutto i nostri nonni, grazie a tutto lo staff e alla direzione”.

“La testimonianza dell’amore verso i nostri cari è data al primo posto dai nostri nonni, dalla loro gioia negli occhi, dai sorrisi.Grazie sempre a tutti voi,in primis a Rossana che dà sempre sicurezza, tempestività in tutte le nostre richieste. Grazie ancora”.

“Purtroppo è una struttura che doveva essere chiusa già dall’inizio! Ero certa che prima o poi sarebbe successo tutto ciò! Avendo la casa di riposo a pochi passi da casa ne ho visto di tutti i colori negli anni. Mi auguro che vengano puniti come si deve. In carcere senza nessun confort. Sxxxi e mxxxi. Scusatemi se sono stata un po’ cattiva”.

“Tutto ciò che si è appreso non tocca minimamente noi, anzi i nostri nonnini, abbiamo la fortuna di avere un istituto molto servizievole, il solo fatto di vedere i nostri nonni felici… ringraziamo tutto il personale e soprattutto Rossana e Anna che fanno di tutto per i nonni. Grazie sempre!”.

Leggi la notizia

Lavoro

Si della Camera al “Milleproroghe”, approvato l’emendamento di Pisano sui precari siciliani

Redazione

Pubblicato

il

Con 140 voti a favore. 69 contrari e 3 astenuti, la Camera dei Deputati ha dato il via libera al Disegno di Legge di conversione del Decreto Legge n. 215/2023, cosiddetto “Milleproroghe”, al cui interno viene disposta la proroga di termini legislativi, ma che contiene anche disposizioni di carattere sostanziale e con carattere di urgenza, in particolare in materia finanziaria e di organizzazione di pubbliche amministrazioni.

Tra le norme più rilevanti, il taglio dell’Irpef agricola, la possibilità per i medici di rimanere in corsia fino a 72 anni e lo scudo penale per tutto il 2024 per il personale sanitario.

Di particolare interesse anche l’approvazione dell’emendamento sui lavoratori precari siciliani, fortemente voluto dal parlamentare agrigentino Calogero Pisano, che prevede la possibilità per gli Enti locali di prorogare i contratti dei lavoratori precari che, altrimenti, rischiavano di rimanere a casa.

“Sono soddisfatto per l’approvazione del Decreto Milleproroghe e, con esso, dell’emendamento sui precari siciliani di cui sono firmatario – afferma Pisano – diamo così una risposta concreta ed un futuro ad una vasta platea di lavoratori. Dispiace che qualche collega, votando no, non abbia compreso l’importanza vitale che questo provvedimento ha per tantissimi precari e per le loro famiglie, ci sono momenti che il proprio senso di responsabilità deve prevalere sugli interessi di partito”.

Oltre all’ok sull’emendamento sui precari, Calogero Pisano incassa anche il si dell’Aula al suo Ordine del giorno che impegna il governo a valutare di prorogare il termine di entrata in vigore del nuovo tariffario per le remunerazioni per le prestazioni per l’assistenza specialistica e protesica, una tematica che riguarda centinaia di laboratori di analisi della Sicilia (una sessantina in provincia di Agrigento).

Segreteria on. Calogero Calogero

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza