Segui i nostri social

Ambiente

Trapani da città con Tari più alta a capoluogo si provincia in Sicilia tra i primi per raccolta differenziata

Marilu Giacalone

Pubblicato

-

Nel 2018, era uno dei tristi primati che riguardavano la nostra città. Oggi, con non pochi sforzi, è finalmente possibile affermare che la città di Trapani non è più il comune con la Tari più alta d’Italia. Dai 571 euro medi cui si era giunti nel 2018 (calcolo basato su una media di 3 persone in un appartamento di 100mq), secondo il rapporto annuale dell’osservatorio prezzi e tariffe di Cittadinanzattiva, nel nostro comune si paga una Tari media di 412 euro nell’anno 2022, oltre agli ulteriori sgravi per chi conferisce direttamente ai CCR (media di circa 100€).

Il calo è dunque estremamente consistente, pari a circa il 28% in meno rispetto al 2018, a riprova del fatto che da parte dell’amministrazione comunale si è lavorato al fine di rendere sempre meno gravoso il peso della tassa sui contribuenti.
Inoltre, non possono nemmeno sottacersi due ulteriori e diversi aspetti inerenti sia la tari che la percentuale di raccolta differenziata: nel primo caso, che riguarda la sfera prettamente locale, si evidenzia come agli importi statisticamente rilevati vadano poi sottratti gli ulteriori sgravi cui numerosissimi cittadini accedono conferendo anche i rifiuti differenziati presso il CCR di Lungomare Dante Alighieri nonché presso i CCR mobili dislocati su tutto il territorio, frazioni comprese (nucleo familiare 1-2 componenti fino a max 100€). Nel secondo caso, è opportuno rammentare come non sempre una minore Tari cittadina equivalga ad un maggiore risultato percentuale di raccolta differenziata, come nel caso della vicina Palermo, dove sebbene si paghino 318 euro medi, si raggiunge una r.d. di appena il 15%. Capitolo a parte meriterebbero poi le percentuali di accertamento e di riscossione della tassa, dove la Città di Trapani sta recuperando decenni di ritardi grazie al lavoro della concessionaria Soget, evitando che le furberie di pochi vadano in danno di molte famiglie di onesti contribuenti.

Nel dettaglio, dai 571 euro medi del 2018, si è passati ai 475 del 2019, 424 del 2020, 417 del 2021 fino ai 412 del 2022, oltre agli ulteriori sgravi per conferimenti diretti ai CCR. Inoltre, quale mero dato statistico, la Tari della Città di Trapani oltre a non essere la più alta d’Italia, non è nemmeno quella più alta in Sicilia, dove invece svetta Catania con 594 euro, seguita da Messina con 459, Agrigento con 427 e Siracusa con 413.

“Possiamo dire con orgoglio e soddisfazione che Trapani lascia un triste primato nazionale che aveva arrecato in noi tutti profondo rammarico e insoddisfazione, anche se per correttezza è giusto ricordare che si tratta di tariffe ereditate dalla gestione commissariale e mai stabilite dalla nostra amministrazione – dichiarano il Sindaco Tranchida e l’Assessore Bongiovanni – che invece si è prodigata in questi anni per abbassarle il più possibile. La raccolta differenziata è cresciuta di circa 50 punti percentuali, dal 15% del 2018 al 65% del 2022, un risultato record che condividiamo con tutta la cittadinanza ma che purtroppo subisce ancora oggi i nefasti risvolti (tanto oer il decoro urbano quanto per la mancata ulteriore economicità del servizio) degli abbandoni di rifiuti in mezzo alla strada che influiscono non poco sui risultati complessivi. La Tari potrebbe essere ancora più bassa se solo non dovessimo spendere ogni anno oltre un milione di euro per ripulire quanto abbandonato da alcuni incivili in giro per tutto il territorio comunale – concludono il Sindaco Tranchida e l’Assessore Bongiovanni – anche se grazie all’enorme lavoro svolto dagli ispettori ambientali ed alle continue segnalazioni dei cittadini che ringraziamo, siamo giunti oggi ad un livello che ci consente di guardare al futuro con ottimismo, presentando anche il conto con salate multe. Continuiamo lungo il cammino intrapreso, che nonostante una pandemia ed anni difficili, vede la nostra città recuperare posizioni su posizioni in tutte quelle che sono le graduatorie eco-ambientali nazionali.

Per segnalazioni, criticità e microdiscariche, è sempre possibile scrivere ai numeri 3296708111 oppure 3347997217”.

 
 
 

11

Ambiente

“Alla scoperta dell’Isola di Pantelleria”, avviato il progetto dell’Istituto D’Aietti – Foto

Redazione

Pubblicato

il

Giovedì 29 Febbraio e Venerdì 1 Marzo 2024 è stato avviato il Progetto dal titolo “
Alla scoperta dell’ isola di Pantelleria”, finanziato dalla Regione Siciliana e svolto in
partenariato con il Parco Nazionale Isola di Pantelleria, la LIPU, l’ ordine dei geologi
della Sicilia e il Comune di Pantelleria che ha coinvolto tutti gli alunni delle classi
terze della Direzione Didattica “A. D’ Ajetti”.
Il Progetto è stato portato avanti dal Dirigente Scolastico Prof. Antonino Provenza e
dalla Referente la docente Angela Siragusa.

Gli alunni sono stati impegnati in attività di formazione in classe con il Professore Di
Valvo dell’ Università di Palermo, subito dopo si sono recati Giovedì 29 in escursione
presso il Lago di Venere con la presenza di due guide naturalistiche e venerdì 1
Marzo dopo la lezione avuta in classe, gli stessi alunni si sono recati presso il Monte
Gibele, zona Serraglia.

La genesi del progetto

Il Progetto è nato dall’ esigenza di formalizzare le attività realizzate a scuola volte
alla scoperta delle risorse legate alla stagionalità e al patrimonio artistico, ambientale
e paesaggistico, nonché a quello produttivo dell’ isola di Pantelleria.
La consapevolezza delle risorse presenti sul territorio in cui si vive ha stimolato gli
alunni ad un maggiore approccio alla natura nel suo ambiente ricco e pieno di diverse
specie di animali, concorrendo alla formazione dell’ identità locale.

Hanno inoltre, condiviso insieme momenti di allegria, imparando a socializzare e a
crescere sul piano sociale, linguistico e intellettivo.

L’ incontro con gli altri compagni è stata un’ esperienza ricca ed educativa,
motivandoli al rispetto degli altri, alla condivisione e alla consapevolezza di essere
parte di un territorio ricco e pieno di belle opportunità.
Sono, questi, momenti di crescita umana, momenti utili sia per gli alunni, sia per gli
insegnanti, sono spazi di vita che rimarranno impressi nelle menti e nei cuori.

I prossimi appuntamenti prevedono i seguenti itinerari escursionistici: Punta Spadillo
e Gadir; alla scoperta della vite ad alberello con la visita alla Cantina Donnafugata;
Percorso Montagna Grande e Kuddia Mida; visita al Museo del Cappero e all’
Azienda agricola Almanza, alla scoperta del mondo delle api.

La docente Giovanna Drago

Leggi la notizia

Ambiente

TRAPANI E MARSALA: ABBANDONANO RIFIUTI SPECIALI NEI TERRENI. DENUNCIATE 2 PERSONE

Redazione

Pubblicato

il

I Carabinieri Forestali del Centro Anticrimine Natura di Palermo – Distaccamento di
Trapani, nell’ambito dei servizi di controllo del territorio finalizzati alla prevenzione e
repressione di reati ambientali, hanno denunciato due persone per abbandono di rifiuti e
per un deposito incontrollato di rifiuti.
In particolare l’attività ha riguardato:
– un 47enne di Trapani che veniva notato mentre era intento ad abbondare, in un terreno
adiacente la via Salemi, 25 secchi di pittura murale vuoti, bombolette di schiuma
espansa, vari contenitori in vimini e 4 sacchi contenenti rifiuti di lavori di edilizia.
L’uomo, denunciato per abbandono di rifiuti, ha raccolto tutto il materiale che è stato
sottoposto a sequestro e a lui affidato ai fini del successivo corretto smaltimento;
– un 70 enne di Marsala che ha allestito un deposito incontrollato di rifiuti speciali
(pericolosi e non) in un terreno adiacente la propria abitazione. Nell’area, sottoposta a
sequestro, sono stati rinvenuti 12 automezzi e 5 motocicli in stato di abbandono,
nonché batterie, parti di motore e copertoni di autovetture. Sono in corso ulteriori
accertamenti finalizzati ad accertare i motivi per cui l’uomo, non titolare di una officina
meccanica, avesse la disponibilità di tali componenti meccaniche.

Leggi la notizia

Ambiente

ALCAMO (TP): GESTIONE DI RIFIUTI NON AUTORIZZATA E COMBUSTIONE ILLECITA DI RIFIUTI. MISURE CAUTELARI PER DUE ALCAMESI

caterina murana

Pubblicato

il

I Carabinieri della Compagnia di Alcamo hanno eseguito un’ordinanza di applicazione di
misure cautelari, emessa dal GIP del Tribunale di Trapani, nei confronti di due alcamesi di
52 e 25 anni, rispettivamente padre e figlio, presunti responsabili di aver depositato in un
terreno rifiuti per poi darli alle fiamme.
L’indagine ha avuto inizio nel mese di gennaio scorso a seguito di un intervento dei
Carabinieri di Alcamo che, durante un servizio perlustrativo serale, si accorgevano di un
principio di incendio in una zona isolata di campagna.
Raggiunto il luogo, individuato in un fondo non recintato di quella contrada Fastuchera, i
militari accertavano che nelle immediate adiacenze di un canneto erano stati dati alle
fiamme dei rifiuti di vario genere pericolosi e non, tra cui si distinguevano parti di mobilio,
infissi, serramenti, materiali d’arredo, lampadari, porte, avvolgibili con serranda in plastica
e barattoli di vernice.
Dopo aver allertato i Vigili del Fuoco per lo spegnimento dell’incendio, i militari hanno
visionato le immagini di videosorveglianza dalle quali si constatava il transito di un
autocarro, carico di mobilio, con a bordo i due uomini.
Le risultanze investigative, pienamente condivise dall’A.G., hanno evidenziato gravi indizi
di colpevolezza nei confronti dei due alcamesi raggiunti dalle misure cautelari del divieto di
dimora nel comune di Alcamo, per il 52enne, e dell’obbligo di presentazione alla Polizia
Giudiziaria per il 25enne.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza