Segui i nostri social

News

Trapani, butta la cocaina dal finestrino all’Alt dei Carabinieri. Arrestato

Redazione

Pubblicato

-

A soli due giorni dall’arresto dei due palermitani nella zona di Misiliscemi con a bordo 1
KG. di cocaina, i Carabinieri della Sezione Radiomobile della Compagnia di Trapani hanno
arrestato un 54enne, anche lui palermitano, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di
sostanze stupefacenti.
L’uomo, all’ALT intimato dai Carabinieri che stavano eseguendo un posto di blocco nei
pressi dello svincolo autostradale di Fulgatore, avrebbe di colpo lanciato dal finestrino un
borsello. I militari, notato il comportamento anomalo dell’uomo, provvedevano al recupero
della borsa che al suo interno conteneva 1 Kg. di sostanza stupefacente del tipo cocaina.
All’esito dell’udienza di convalida il 54enne è stato sottoposto alla misura della custodia
cautelare in carcere.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura

A Pantelleria dal 13 luglio la mostra collettiva “Per il piacere degli occhi”: da non perdere in Cantina Valenza

Direttore

Pubblicato

il

Camilla Ganci, Mario Valenza, Salvatore Bernardo e Fausto Ristori, il 13 luglio inaugurano esposizione delle proprie opere: foto, disegni, istallazioni

Dal 13 luglio al 25 agosto, presso i locali della Cantina Valenza, in Valle del Monastero, si terrà “Per il piacere degli occhi”, la mostra espositiva di quattro personaggi dell’isola ricchi di animo, creatività, legame con il territorio e altre caratteristiche ancora che si “leggeranno” attraverso i loro lavori.

Camilla Ganci, Mario Valenza, Salvatore Bernardo e Fausto Ristori, tra foto, disegni e istallazioni portano l’arte in cantina, nel vero senso della parola, dove si realizzano altre opere d’arte come i vini.

La Cantina Valenza, infatti mette a disposizione i suoi locali già pregni di cultura per una collettiva suggestiva e da non perdere, dal venerdì al lunedì dalle ore 18.00 alle ore 21.00.

Leggi la notizia

Cultura

Pantelleria nella storia dell’aviazione con il Macchi C. 205. Ieri conferenza straordinaria

Redazione

Pubblicato

il

E’ stato un grande volo all’indietro nel tempo, quello compiuto giovedì, 11 luglio,
nel suggestivo Hangar Nervi dell’Aeroporto Militare Italo D’Amico di Pantelleria.

Un salto che è riuscito a collegare estemporaneamente presente e passato, con la realizzazione di una Conferenza dedicata al Macchi C. 205 Veltro, velivolo inabissatosi nel mare di Pantelleria nel lontano 1943 durante le imprese belliche del secondo conflitto mondiale, poi finalmente recuperato, a trenta metri di profondità, nell’aprile del 2023, grazie alla solerte segnalazione di Antonello D’Aietti (Green Divers), pantesco appassionato del
mare e dei suoi tesori più nascosti.

Alla Conferenza, prevista per le ore 10,00 e moderata da Giovanna Cornado Ferlucci, hanno argomentato personalità ragguardevoli del mondo militare, della Soprintendenza del Mare, dell’universo artistico, spiegando, passo dopo passo, le fasi di recupero e di restauro
dell’aeroplano, articolate e contraddistinte da interventi delicatamente mirati,
meglio attinenti alle caratteristiche dello stesso, con l’utilizzo di tecniche e materiali
che hanno saputo conferirgli la naturalità dell’epoca di appartenenza.

Pezzo dopo pezzo, come un puzzle, il velivolo, esposto fieramente all’interno dell’Hangar, è
tornato così a volare in modo immaginifico sui nostri cieli, sulla scia narrativa che ha
visto come protagonista il Sottotenente Alvise Andrich, pilota che, nelle tragiche
circostanze del conflitto contro gli Alleati, riuscì a salvarsi lanciandosi col
paracadute, e venne poi salvato dai tedeschi con il mare in tempesta.
Grande importanza è stata corrisposta alle fonti storiche, all’Archivio dell’Ufficio
Storico dell’Aeronautica Militare e all’Archivio Centrale dello Stato, che hanno
permesso l’identificazione e la ricostruzione della vita del militare e del velivolo a lui
affidato durante le operazioni di guerra; così come hanno saputo dare impulso alla
valorizzazione del patrimonio non solo dell’Aeronautica Militare, ma della Storia in
generale, con la menzione commovente all’indimenticabile Sebastiano Tusa, colui
che aveva intravisto nell’Isola ‘il cuore pulsante del Mediterraneo’ e che aveva
impegnato la sua vita intera ‘scavando’ e ricercando negli abissi più profondi,
avvicinando tutti alla comprensione dell’importanza del legame inscindibile tra
passato e presente: e il velivolo Macchi, giustappunto, strappato alle voragini del
mare, rimane adesso là, in bella mostra, a raccontare le gesta leggendarie di una
Storia indelebile.
Davano voce alla narrazione di un tassello di storia di Pantelleria uomini e donne della cultura, militari e civili, tra cui

– capitano di corvetta Sebastiano SGROI
– ⁠1º Lgt Roberto PICONE
– ⁠1º Mllo Rocco PISARRA
– ⁠Antonello D’AIETTI

– Generale di squadra aerea Alberto BIAVATI
⁠Colonnello Franco LINZALONE
– ⁠Tenente di Vascello Vincenzo DE FALCO (capitaneria di porto)
– ⁠vicesindaco Adele Pineda
– ⁠commissario Parco Italo Cucci
– ⁠direttrice del Parco Sonia Anelli

Una conferenza di presentazione del Macchi 205 fu organizzata e svolta con successo lo scorso 5 aprile 2024, presso lo Stato Maggiore dell’Aeronautica Militare in Roma.

Franca Zona

Può interessare approfondire la storia leggendo: Pantelleria e la storia della sua aviazione allo Stato Maggiore dell’Aeronautica: il Macchi 205 e il pilota Andrich

Leggi la notizia

News

Giornata Mondiale degli ausili alla navigazione marittima: la prima volta in Italia

Redazione

Pubblicato

il

Per la prima volta in Italia la VI edizione della Giornata Mondiale degli ausili della navigazione

Si è svolta a Genova, per la prima volta in Italia, la sesta edizione della Giornata Mondiale degli ausili alla navigazione marittima, che ha visto la partecipazione della IALA e di numerose delegazioni straniere associate.

La IALA è l’Associazione Internazionale, con sede a Parigi, che si occupa di elaborare standard e linee guida nel campo degli ausili alla navigazione marittima, costituiti dal complesso di dispositivi, sistemi e servizi esterni alla nave, ideati ed impiegati allo scopo di aumentare la sicurezza ed insieme l’efficienza della navigazione e del traffico marittimo. E proprio quest’anno, il prossimo 22 agosto, la IALA assumerà il nuovo status legale di Organizzazione Intergovernativa costituita dagli Stati Membri aderenti.

L’evento, promosso dalla IALA, è stato organizzato per il Paese ospitante dalla Guardia Costiera in collaborazione con la Marina Militare, il Comune di Genova e l’Autorità di Sistema portuale del Mar Ligure Occidentale, oltre che con il contributo indispensabile della Fondazione Palazzo Ducale, del MUMA, Istituzione Musei del Mare e delle migrazioni, e di tutti i collaboratori e volontari che si occupano della valorizzazione culturale della Lanterna di Genova.

Nel contesto della Giornata Mondiale della IALA è stato infatti assegnato alla Lanterna, simbolo della Città, in considerazione della sua importanza storica e culturale, il premio “Faro dell’anno”, consegnato al Sindaco di Genova, dott. Marco Bucci, dal Segretario Generale della IALA, Mr. Francis Zachariae.

A seguire si è tenuto un convegno, con la partecipazione delle Autorità, tra cui il Vice Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, On.le Edoardo Rixi, ed il Comandante Generale del Corpo delle Capitaneria di porto – Guardia Costiera, Ammiraglio Ispettore Capo Nicola Carlone, durante il quale sono state illustrate le principali attività svolte dalla IALA, a cura dei presidenti dei suoi quattro comitati tecnici, rispettivamente: ARM, requisiti e gestione degli ausili alla navigazione; DTEC, tecnologie digitali; ENG, ingegneria e sostenibilità degli ausili alla navigazione – patrimonio storico e culturale; VTS, servizi al traffico marittimo. Un secondo momento è stato dedicato alle attività svolte in Italia dalla Marina Militare e dalla Guardia Costiera nei settori d’interesse della IALA.

Il motto della IALA, “Successful voyages, sustainable planet”, condensa l’obiettivo strategico che si pone l’organizzazione, di sostenere la sicurezza e l’efficienza del traffico marittimo tutelando al contempo l’ambiente marino, attraverso il miglioramento e lo sviluppo degli ausili alla navigazione. Sono tutti temi centrali per il Corpo delle Capitanerie di porto – Guardia Costiera, che infatti esercita per legge competenze in materia di sicurezza della navigazione e gestione del traffico navale; protezione dell’ambiente marino ed interventi antinquinamento; sicurezza marittima, navale e portuale; incidenti marittimi, ricerca e soccorso in mare e servizi di assistenza marittima; monitoraggio e sorveglianza marittima. Tutti compiti riconducibili alle funzioni di Guardia Costiera, specificamente individuate dalla Commissione Europea nel 2021 con finalità di cooperazione tra gli Stati Membri.

Per svolgere queste funzioni la Guardia Costiera italiana ha sviluppato e si avvale di sistemi tecnologici all’avanguardia, di specifica e diretta rilevanza della IALA, tra cui i servizi al traffico marittimo (VTS) per il monitoraggio e l’organizzazione del traffico – di cui è Autorità nazionale competente –, i sistemi di identificazione automatica (AIS) che consentono lo scambio automatizzato dei dati relativi alla nave con le altre navi e con le stazioni a terra, i sistemi di navigazione elettronica (E-NAV) e di tracciamento a lungo raggio delle navi.

La Giornata Mondiale degli ausili alla navigazione marittima ha fatto emergere un mondo in continua evoluzione, legato alle innovazioni tecnologiche, a servizio della sicurezza della navigazione, della vita umana in mare e dell’ambiente marino e costiero, ed è stata l’occasione per mettere in evidenza la funzione marittima dell’Italia e di Genova, tra i principali porti del Mediterraneo.

Si ringraziano le società Costa Crociere, Fincantieri, MSC Crociere, Ignazio Messina e Floatex, che hanno sostenuto fattivamente l’evento in qualità di sponsor.​

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza