Segui i nostri social

Curiosità dal mondo

Stasera su Rai 3 Hamsa il surfista arrivato a Pantelleria

Avatar

Pubblicato

il

L’assessore alla migrazione del comune di Pantelleria è stato contattato dalla redazione di Raiuno per quella che sta diventando una leggenda: Hamsa.

Stasera la notizia verrà data alle 19.30 sul telegiornale nazionale di Raiuno.

La notizia sta girando il mondo.

La nostra testa ha avuto una una vaga segnalazione. Poi abbiamo avuto conferma dalla Capitaneria di Porto di Pantelleria. Dalla nostra prima pubblicazione ci ha contattato L’assessore Gutterez che ha subito sposato questa notizia .

Lo sportivo in un post appena pubblicato così scrive

Da un suo scritto appare un animo dolce e sensibile con un grande bisogno di vivere.

Marina Cozzo è nata a Latina il 27 maggio 1967, per ovvietà logistico/sanitarie, da genitori provenienti da Pantelleria, contrada Khamma. Nel 2007 inizia il suo percorso di pubblicista presso la testata giornalistica cartacea L'Apriliano - direttore Adriano Panzironi, redattore Stefano Mengozzi. Nel 2014 le viene proposto di curarsi di Aprilia per Il Corriere della Città – direttore Maria Corrao, testata online e intraprende una collaborazione anche con Essere Donna Magazine – direttore Alga Madia. Il 27 gennaio 2017 l'iscrizione al Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti nel Lazio. Ma il sangue isolano audace ed energico caratterizza ogni sua iniziativa la induce nel 2018 ad aprire Il Giornale di Pantelleria.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Curiosità

Dalla Siria alla Sicilia le origini del cannolo tra il sacro e il profano

Nicoletta Natoli

Pubblicato

il

Tubus farinarius dulcissimo edulio ex lacte fartus”, ovvero un tubo di farina ripieno di latte per un dolcissimo cibo. Questa frase potrebbe sembrare una definizione di un cruciverba ante-litteram, ma in realtà è la prima definizione registrata del cannolo, data da Marco Tullio Cicerone nel periodo in cui era il questore dell’odierna Marsala (75 a.C.).

Sebbene le notizie sulla sua storia non siano registrate, attraverso gli accenni presenti in numerosi scritti possiamo comunque scoprire interessanti curiosità sul cannolo e analizzarlo anche da una prospettiva diversa. Se da un lato c’è il chiaro riferimento all’epoca romana attraverso le parole di Cicerone, dall’altro ci sono leggende e aneddoti che ci riportano in Sicilia nel periodo della dominazione araba.

La città natale di questa prelibatezza sarebbe Caltanissetta, sede di numerosi harem di emiri saraceni. Qui le concubine dell’emiro per passare il tempo si dedicavano alla realizzazione di dolci, e in uno dei loro esperimenti avrebbero creato il cannolo, la cui intrigante forma cilindrica sarebbe un’evidente allusione alle doti amatorie del Sultano e alla sua virilità. Il risultato di questa preparazione è il dolce citato da Cicerone rielaborato sulla base di un dolce arabo già esistente, a base di ricotta, mandorle e miele, e chiamato qanawāt, come il toponimo di un villaggio siriano.

Se parlassimo di una sorta di “religione del cannolo”, potremmo dire che le sue origini musulmane non stupiscono più di tanto, dal momento che la varietà dei suoi sapori e la pomposità della sua composizione non si sposano con la sobrietà che caratterizza la religione cristiana. D’altro canto, però, il cannolo è siciliano in tutto e per tutto, è colorato come la Sicilia ed è pieno di contrasti come ogni siciliano che si rispetti, con una scorza ruvida esterna a cui fa da contraltare una morbida crema all’interno.

Si tramanda che insieme alla leggenda delle concubine ce ne sia un’altra, sempre ambientata a Caltanissetta, che invece avvicina i cannoli al mondo cattolico, dato che secondo questo racconto sarebbero stati preparati per la prima volta in un convento. Le suore, infatti, soprattutto a Carnevale si dilettavano nella preparazione di dolci di ricotta e mandorle tritate, decorati con scaglie di cioccolato; dato che arrotolavano l’impasto attorno a una canna di fiume per poi friggerlo nello strutto, avrebbero proprio battezzato la delizia ispirandosi alla sua forma. Tra le due leggende ci sarebbe un legame documentato da un dato storico: quando si svuotarono gli harem con l’arrivo dei Normanni in Sicilia, molte concubine convertitesi al Cristianesimo presero i voti e probabilmente portarono con sé in convento anche le ricette, compresa quella del cannolo.

In un intreccio di tradizioni cristiane e musulmane, in un giro tra il sacro e il profano, è affascinante vedere come questo dolcissimo tubo sia riuscito a conquistare tanto le concubine quanto le suore, e a mettere d’accordo anche due mondi apparentemente molto lontani. Ancora oggi i cannoli sono ritenuti di buon auspicio, portatori di fecondità e perfino capaci di scacciare ogni malignità; la tradizione vuole che quando vengono offerti dovrebbero essere 12 o multipli di 12, perché questo numero rappresenta i mesi dell’anno e i cicli lunari, e donarne tanti significa augurare prosperità e abbondanza.

 

Nicoletta Natoli

 

 

 

Leggi la notizia

Cultura

Pantelleria vista con gli occhi intrisi di poesia di Alphonse de La Martine

Nicoletta Natoli

Pubblicato

il

Nel XVII secolo, studiosi, scrittori e artisti iniziarono a cimentarsi nel cosiddetto Grand Tour. Questo era un lungo percorso che attraversava l’Europa continentale, intrapreso dai ricchi aristocratici europei con l’obiettivo di perfezionare il loro sapere, e che aveva il punto di partenza e di arrivo nella stessa città. In un momento molto particolare della sua vita anche Alphonse de Lamartine decise di lanciarsi in questa avventura, che lo portò nella sua amata Italia, facendogli sfiorare Pantelleria.

Nato nel comune francese di Mâcon nel 1790, Alphonse de Lamartine è stato un poeta, scrittore, storico e politico. È famoso principalmente per la sua raccolta Méditations poétiques, che ebbe un impatto indelebile sui suoi contemporanei e lo incoronò come il primo poeta romantico francese. I suoi rapporti con l’Italia, che tappa dopo tappa lo portarono a conoscere Pantelleria, cominciarono nel 1811, quando, per evitare che intraprendesse la carriera militare, venne mandato dai genitori a svagarsi con alcuni suoi cugini, che vivevano a Livorno, Pisa e Napoli. Fu proprio nella città partenopea che Lamartine ebbe la sua prima storia d’amore con una ragazza di nome Antonella Jacomino, che anni dopo ricorderà nel suo romanzo Graziella, ambientato sull’isola di Procida. Nel 1825 lavorò per un periodo a Firenze come segretario d’ambasciata, e questa esperienza molto positiva gli fu di ispirazione per delle poesie dedicate all’Italia; in alcune di esse rimpiange gli antichi fasti del suo amato Paese alla luce della situazione critica dell’epoca, mentre in quella intitolata Le Premier Regret ricorda con grande affetto il suo soggiorno napoletano e il suo amore adolescenziale.

Il viaggio di avvicinamento di Alphonse de Lamartine a Pantelleria ebbe inizio il 14 luglio del 1832, quando a bordo di un brigantino chiamato Alcesti, allo scopo di rafforzare la sua fede vacillante, decise di partire da Marsiglia alla volta di Gerusalemme per il suo personale Grand Tour, che si concluse nel 1833. Le tappe che effettuò furono la Sardegna, Cartagine, Tunisi, la Figlia del Vento, Gozo e Malta, e furono raccontate nella sua Opera Voyage en Orient del 1835.

Il brigantino su cui viaggiava De Lamartine non riuscì però a sbarcare a Pantelleria, e così il poeta si limitò a osservare dal mare quella che lui chiamò “l’antica Ogigia”, dalla quale rimase profondamente affascinato e intrigato. Ecco il bel saluto che rivolse a Pantelleria, annotandolo nel suo diario di viaggio del 20 luglio del 1832:

“Alle ore dieci, il vento si addolcisce; noi possiamo salire sul ponte, e, filando a sette nodi all’ora, ci troviamo presto all’altezza dell’isola solitaria di Pantelleria, antica isola di Calipso, tuttora deliziosa con la sua vegetazione africana e la freschezza delle sue valli e delle sue acque.

È là che gli imperatori esiliavano di volta in volta i prigionieri politici.

Ella ci appare come un cono nero che sorge dal mare, e vestito fino a due terzi della sua cima da una nebbia bianca gettata dal vento della notte. Nessuna nave può attraccare; ella non ha dei porti se non quelli per piccole imbarcazioni che portano gli esiliati di Napoli e della Sicilia, che languendo per più di dieci anni, espiano alcuni sogni di libertà precoce.”

Leggi la notizia

Curiosità dal mondo

Un aroma di Pantelleria, eccellenza isolana straordinaria: l’origano

Nicoletta Natoli

Pubblicato

il

Dai manicaretti della cucina pantesca spesso si sprigionano aromi di straordinaria intensità, che donano al palato e all’olfatto piaceri indescrivibili.

Uno di questi “odori” è l’origano.

Ma a Pantelleria ha qualcosa in più: sarà la terra vulcanica, l’umidità salmastra, il sole africano, bene non si può definire cosa renda unica quella che è una semplicissima pianta, ma tant’è.

Ma scopriamo insieme le caratteristiche e curiosità .

Si tratta di una pianta perenne aromatica, che appartiene alla famiglia delle Lamiaceae, ed è largamente utilizzata in cucina. È nativo dell’Europa e delle zone centrali e meridionali dell’Asia, e cresce spontaneamente sulle colline dei paesi nell’area mediterranea e nei boschi ben soleggiati, prediligendo terreni calcarei, sassosi o asciutti, come quello di Pantelleria, dove viene mondato nel mese di giugno. L’origano si può raccogliere tutto l’anno, ma se si vuole conservarlo è consigliabile raccoglierne le foglie e i fiori tra giugno e agosto, prima dell’apertura di questi ultimi.

In Italia sono presenti quattro specie di origano: l’origano comune, l’origano meridionale, l’origano maggiorana e l’origano siciliano. Il nome scientifico è Origanum Vulgare, dove vulgare significa comune, e fu definito nel 1753 dal biologo Carlo Linneo, padre della moderna classificazione scientifica degli organismi viventi. Per tracciare la storia del nome bisogna consultare i trattati del filosofo e botanico greco Teofrasto, vissuto nel III secolo a.C., che per primo usò il nome origanum per un’erba aromatica, dandogli il significato di “bellezza, ornamento, delizia della montagna”, dal greco òros – monte – e ganào – prima persona singolare del verbo deliziarsi.

Inoltre, attorno all’origine del nome dell’origano sono nate due leggende. Una vede protagonista la dea dell’amore Afrodite, che sarebbe stata la prima a coltivarlo sul Monte Olimpo, poiché amava circondarsi del suo intenso profumo, e da qui deriverebbe il nome Oros Ganos. L’altra, invece, ruota attorno al re di Cipro, presso la cui corte viveva un giovane di nome Amaracao (amáraco è il nome in spagnolo dell’origano maggiorana). Un giorno, questi fu incaricato di portare sulla tavola del re un recipiente che conteneva un unguento pregiato e profumato. Entrando nella stanza del sovrano, però, il giovane inciampò e con lui cadde a terra il recipiente, che si frantumò. Il giovane si disperò fino a morirne, e gli dèi, commossi, lo trasformarono nella pianta, dandogli il profumo dell’unguento colpevole della sua morte.

Oltre ad avere un legame con la mitologia, l’origano ha attraversato la storia grazie alle sue proprietà, che non si fermano alla cucina ma si estendono anche alla medicina. I Persiani furono i primi a coltivarlo come erba officinale, i Greci e i Romani lo sfruttarono come erba aromatica, mentre gli Egizi lo usarono per la conservazione delle mummie e per vari unguenti per i massaggi. A partire dal Medioevo l’origano fu commercializzato in tutto il mondo, e i suoi micronutrienti permisero di utilizzarlo come antinfiammatorio, antisettico, digestivo, analgesico, antistaminico e addirittura come antidepressivo, secondo alcuni detti tedeschi risalenti all’Età Moderna che ne parlano come di un’erba del buonumore.

Grazie alle sue proprietà benefiche l’origano è diventato famoso anche in ambito universitario; compare, infatti, in bocca a tre cicogne sullo Stemma della Facoltà di Medicina di Parigi, come simbolo di medicina e di virtù, poiché secondo la tradizione è pure un ottimo repellente per i serpenti, che rappresentano invece i vizi dell’umanità.

Nicoletta Natoli

 

In copertina: Origano prodotto dall’Azienda Agricola Kazzen

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza

© 2021 Il Giornale di Pantelleria - Un prodotto Noùs Editore Srls | Progettazione sito: Ferrigno Web Agency