Segui i nostri social

Cultura

Roma, presentazione recupero nel mare di Pantelleria del velivolo Macchi C.205 – 5 marzo 2024

Direttore

Pubblicato

-

Nell’ambito delle attività di recupero e valorizzazione del proprio patrimonio storico, l’Aeronautica Militare presenterà – martedì 5 marzo, dalle ore 16, presso il Palazzo dell’Aeronautica a Roma – le attività di recupero e restauro di un Macchi C.205 serie I, matricola MM9310, del 1° Stormo Caccia, ritrovato nel mare antistante l’isola di Pantelleria.

L’evento, organizzato dall’Aeronautica Militare e moderato dal giornalista Vincenzo Grienti, ospiterà gli interventi del Gen. Isp. Capo Basilio Di Martino, storico aeronautico che darà un inquadramento degli accadimenti sull’isola di Pantelleria nel 1943; del Col. Franco Linzalone, Comandante del Distaccamento Aeroportuale di Pantelleria; di rappresentanti degli enti che hanno collaborato al recupero, tra cui Guardia Costiera – anche con la sua componente subacquea –, Università di Palermo – Museo dei Motori e dei Meccanismi, Soprintendenza del Mare Regione Siciliana; del Sig. Renato Andrich, figlio del Sergente Maggiore Pilota Alvise Andrich, Asso dell’Aeronautica Militare pluridecorato al Valor Militare.

 

Background

Il Macchi C.205 Veltro, il miglior aereo da caccia italiano della Seconda Guerra Mondiale, è l’evoluzione del Macchi C.202 Folgore ed entrò in servizio proprio a Pantelleria nell’aprile 1943. Fu il primo caccia italiano in grado di confrontarsi alla pari con gli avversari dell’epoca, pur in condizioni di schiacciante inferiorità numerica.

Il relitto dell’MM9310 (motore, longheroni alari con carrello e mitragliatrici) fu scoperto a largo di Pantelleria nel 2007, adagiato sul fondale a circa 30 m di profondità a 700 m dalla costa, e recuperato nel 2023 grazie alla collaborazione tra Aeronautica Militare, Capitaneria di Porto, Soprintendenza del Mare e OTS Green Divers. Lo studio dei reperti ha portato all’identificazione del pilota, individuato nel SM Pilota Alvise Andrich, Asso dell’Aeronautica Militare pluridecorato al Valor Militare, abbattuto in data 8 giugno 1943 e salvatosi lanciandosi col paracadute.

Motore: Modello Fiat RA. 1050 RC. 58, 1.475 CV

Velocità: 646 km/h

Tangenza: 11.000 m

Armamento: 2 mitragliatrici 12,7 mm; 2 mitragliatrici 7,7 mm

Autonomia: 1000 km

Lunghezza: 8,45 m

 

Alvise Andrich nasce a Vallada Agordina, in provincia di Belluno, nel 1915. Il fratello Giovanni è un grande alpinista e amico del re del Belgio, Leopoldo, suo compagno di arrampicate. Anche Alvise da giovanissimo inizia ad arrampicare. In breve dimostra una eccezionale maestria e diventa protagonista dell’epopea del sesto grado, in particolare nel gruppo del Civetta. Nonostante il breve periodo di attività, fra il 1934 e il 1936, ancora oggi numerose vie di arrampicata sulle Alpi portano il nome di Alvise Andrich.

Arruolatosi nel 1936 come sottufficiale pilota, dopo aver combattuto in diversi teatri operativi, nel giugno del 1943 partecipa alla difesa di Pantelleria, dove viene abbattuto. Nel 1944 si unisce all’Aeronautica Cobelligerante e torna a volare sul P-39 Aircobra, entrando a far parte del 4° Stormo Caccia. È stato compagno di volo di quello che in seguito è divenuto il Generale Bertolaso: entrambi veneti, Alvise è di tre anni più grande e vengono chiamati “el vecio e il bocia”. Per gli atti di coraggio in guerra riceve due medaglie d’argento e due di bronzo al Valor Militare e 3 croci di guerra al Valore.

Dopo la Seconda Guerra mondiale, continua la propria carriera in Aeronautica Militare e viene promosso sottotenente per meriti di guerra. Muore il 17 ottobre 1951, ai comandi di un Beechcraft C-45F Expeditor durante una missione di trasferimento sull’Appennino a causa di una formazione di ghiaccio sulle ali. Rimanendo al posto di pilotaggio durante il precipitare dell’aereo, ha consentito agli altri membri dell’equipaggio di gettarsi con il paracadute, riuscendo a schivare un paese e ad evitare una strage. Per l’atto di eroismo ottenne la medaglia d’argento alla Memoria.
 

­­­­­­­­­­­­­­­
Può interessare:

Pantelleria – Recupero dell’aereo di guerra Macchi C 202 Folgore. Il video

Marina Cozzo è nata a Latina il 27 maggio 1967, per ovvietà logistico/sanitarie, da genitori provenienti da Pantelleria, contrada Khamma. Nel 2007 inizia il suo percorso di pubblicista presso la testata giornalistica cartacea L'Apriliano - direttore Adriano Panzironi, redattore Stefano Mengozzi. Nel 2014 le viene proposto di curarsi di Aprilia per Il Corriere della Città – direttore Maria Corrao, testata online e intraprende una collaborazione anche con Essere Donna Magazine – direttore Alga Madia. Il 27 gennaio 2017 l'iscrizione al Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti nel Lazio. Ma il sangue isolano audace ed energico caratterizza ogni sua iniziativa la induce nel 2018 ad aprire Il Giornale di Pantelleria.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura

75 Anni di avventure con Tex a Trapani

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

 
 
Trapani ospita una straordinaria esposizione in onore del leggendario Ranger Tex Willer, celebrando i suoi 75 anni di epiche avventure a fumetti (e non solo). La mostra avrà luogo presso Palazzo Cavarretta, sede del Consiglio comunale di Trapani, situato in via Torrearsa 1, e sarà aperta al pubblico con ingresso gratuito dal 4 al 26 maggio.

L’inaugurazione di 75 anni con Tex, in presenza del curatore Matteo Belfiore che ha messo a disposizione la sua collezione privata, si terrà sabato 4 maggio alle ore 18:00, offrendo ai visitatori l’opportunità di immergersi nell’universo del Ranger.

L’esposizione di Palazzo Cavarretta presenterà una selezione di disegni, illustrazioni, copertine e tavole originali che narrano l’evoluzione del fumetto e del suo protagonista nel corso degli anni. «Dal 1948 Tex è il personaggio più famoso e iconico della cultura popolare del nostro Paese. Non credo esista in Italia una casa dove non sia mai entrato un fumetto di Tex o un singolo italiano che non sappia di chi stiamo parlando. Questa mostra non vuole solo mostrare il fumetto in senso stretto che tutti conoscono ma sarà possibile ammirare questo eroe attraverso l’Arte che lo rappresenta, Arte con la A maiuscola», dichiara il curatore Matteo Belfiore.

Durante Trapani Comix & Games, dal 24 al 26 maggio, saranno inoltre organizzati tour guidati dal curatore Matteo Belfiore e da alcuni autori che si sono cimentati con Tex, tra cui la disegnatrice e colorista trapanese Laura Piazza e lo sceneggiatore Tito Faraci. Inoltre, il programma del festival ospiterà dagli incontri dedicati al mitico ranger e al fumetto western.

«Trapani Comix si apre, nuovamente, verso la città con un evento OFF totalmente gratuito e fruibile da tutti» affermano i Nerd Attack, organizzatori del Trapani Comix. «Un’iniziativa che ci inorgoglisce per il supporto ricevuto da Sergio Bonelli Editore. Ringraziamo il Comune di Trapani e l’intero Consiglio Comunale per la location e il nostro responsabile dell’area fumetti, Marco Rizzo, che ha fortemente voluto questa mostra».

L’ingresso gratuito consentirà a tutti gli appassionati e ai curiosi di scoprire e celebrare il patrimonio di Tex Willer, un’icona della cultura italiana e internazionale.

L’iniziativa fa parte delle attività collaterali di Trapani Comix & Games, il Festival Mediterraneo della Pop Culture, che si svolgerà il prossimo 24, 25 e 26 maggio presso Villa Margherita di Trapani. La manifestazione attira appassionati di fumetti, anime, giochi da tavolo, videogiochi e cosplay da tutta Italia.

Per ulteriori informazioni e aggiornamenti, si prega di visitare il sito internet di Trapani Comix & Games e i suoi canali social.

Leggi la notizia

Cultura

Trapani, 15 aprile al Museo Pepoli presentazione del libro “Battaglia di Drepana. Battaglia delle Egadi”

Redazione

Pubblicato

il

Organizzato dal Museo Pepoli, BCsicilia, Biblio TP, Gruppo archeologico Drepanon, Associazione Ermes e ArcheoAegades, nell’ambito dell’iniziativa “30 libri in 30 giorni”, sarà presentato lunedì 15 aprile 2024 alle ore 17,00 al Museo Pepoli in via Conte Agostino Pepoli, 188 a Trapani, il volume di Francesco Torre e Marco Bonino “Battaglia di Drepana – Battaglia delle Egadi”. Dopo i saluti di Anna Maria Parrinello, Direttrice Museo Pepoli, di Giacomo Tranchida, Sindaco di Trapani di Antonella Altese, Direttore Gruppo archeologico Drepanon, di Giuseppe Puglia, Presidente Associazione Ermes e di Stefania Strazzera, Presidente ArcheoAegades sono previsti gli interventi di Rossella Giglio, Archeologa, già Direttrice del Parco Archeologico Segesta e di Alfonso Lo Cascio, Presidente regionale BCsicilia. Sarà presente l’Autore Francesco Torre. In conclusione Stefano Zangara, già Direttore Parco Archeologico Himera Solunto Iato proietterà video sul tema.

 

La battaglia di Drepana (Trapani) e quella delle Egadi; due scontri militari avvenuti a 8 anni di distanza. Si propone un iniziale quadro del territorio nel quale i fatti sono avvenuti, sottolineando come un aiuto alla ricostruzione del profilo costiero trapanese ci viene dato dalle fonti antiche e in particolare dal racconto di Polibio. La battaglia di Drepana come momento chiave della prima guerra punica, in quanto una sopravvalutazione della vittoria da parte dei Cartaginesi diviene la premessa per nefaste conseguenze nel successivo scontro navale alle Egadi. Il secondo tema trattato è quello relativo alla grande quantità di rostri trovati nel luogo ritenuto quello della battaglia delle Egadi, posizionato al largo della costa settentrionale di Levanzo. L’ipotesi è che la flotta cartaginese fosse composta prevalentemente da navi da carico commerciali e che pertanto non si sia trattato di una vera e propria battaglia, ma di un agguato e dell’affondamento di un carico di vettovaglie diretto ad Erice, dove il generale Amilcare Barca presidiava il campo militare cartaginese. I decisivi scontri navali di Drepana e delle Egadi avrebbero cambiato il corso della storia del Mediterraneo.

Leggi la notizia

Cultura

L’on Safina (PD): “Chiarezza sui finanziamenti regionali alle scuole paritarie”

Redazione

Pubblicato

il

 

Trapani, 13 aprile 20204 – Il deputato regionale Dario Safina, primo firmatario dell’interrogazione depositata all’Ars, esprime profonda preoccupazione riguardo alle recenti notizie che coinvolgono gli istituti scolastici paritari Scicolone di Cefalù e Ariosto di Termini Imerese.

“La violazione dei diritti dei lavoratori sottoposti al ricatto occupazionale all’interno di istituti scolastici che hanno ottenuto la parità ai sensi della normativa vigente è una questione di estrema gravità”, dichiara Safina. “Se confermata, questa vicenda denuncia un contesto inaccettabile che richiede la massima attenzione e un’azione tempestiva da parte delle istituzioni competenti”.

Safina chiede chiarezza sui finanziamenti regionali destinati agli istituti coinvolti e sulle attività di controllo svolte dall’organo tutorio. “Prima di destinare incrementi cospicui di finanziamenti alle scuole paritarie, è fondamentale approfondire la situazione e garantire che tali risorse siano utilizzate correttamente”, sottolinea.

Il deputato regionale trapanese esorta pertanto il centrodestra al governo regionale alla revisione dei quattro milioni in più rispetto al 2023 destinati alle scuole paritarie e a un maggiore sostegno alla scuola pubblica e al sistema di formazione pubblica, inclusa l’università.

 

“La priorità deve essere la tutela dei lavoratori e la salvaguardia della qualità dell’istruzione”, conclude Safina. “Sono fiducioso che l’Ars terrà in debita considerazione le nostre preoccupazioni e adotterà le misure necessarie per garantire la trasparenza e l’equità nell’utilizzo dei fondi pubblici destinati all’istruzione”.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza