Segui i nostri social

Ambiente

Pantelleria – Incendio, abitanti di Gadir evacuati via mare e messi in salvo dalla Guardia Costiera – Video

Direttore

Pubblicato

il

Le immagini ci sono giunte alle 3,14 di questa notte e riportano il momento dello sbarco degli evacuati del Gadir, a seguito dell’incendio scoppiato nella prima serata di ieri Tra Cuddia Catalana e Cala Cinque Denti e poi propagatosi fino a Cala Gadir.

Da alcuni commenti abbiamo appreso che la strada dell’approdo turistico era bloccata ed era impossibile raggiungerlo via terra.

 

Per la messa in salvo dei residenti o ospiti del Gadir si è dovuto ricorrere ai mezzi marittimi della Capitaneria di Porto

Dalle prime luci del giorno due Canadair stanno lavorando per domare gli ultimi focolai. 

“Stanno intervenendo due canadair da questa mattina per spegnere gli ultimi focolai ancora rimasti accesi”. Adesso dopo lo spegnimento faremo la conta dei danni che sono importanti”, è il commento del sindaco di Pantelleria Vincenzo Campo.

Vigili del fuoco e forestale sono stati al lavoro tutta la notte per contenere le fiamme che stanno interessando sull’isola di Pantelleria la zona di Cala Gadir. E’ stato richiamato personale in servizio e attivato l’intervento anche del distaccamento aeroportuale, sono 20 i vigili del fuoco che operano a protezione delle abitazioni con 5 mezzi di soccorso.

Ecco il video degli evacuati

 

Disclaimer

Questo contenuto è proprietà intellettuale della Nous Editore srls, senza tacito consenso ne è vietata ogni riproduzione, totale e parziale di testi e immagini, anche in forma di link

Marina Cozzo è nata a Latina il 27 maggio 1967, per ovvietà logistico/sanitarie, da genitori provenienti da Pantelleria, contrada Khamma. Nel 2007 inizia il suo percorso di pubblicista presso la testata giornalistica cartacea L'Apriliano - direttore Adriano Panzironi, redattore Stefano Mengozzi. Nel 2014 le viene proposto di curarsi di Aprilia per Il Corriere della Città – direttore Maria Corrao, testata online e intraprende una collaborazione anche con Essere Donna Magazine – direttore Alga Madia. Il 27 gennaio 2017 l'iscrizione al Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti nel Lazio. Ma il sangue isolano audace ed energico caratterizza ogni sua iniziativa la induce nel 2018 ad aprire Il Giornale di Pantelleria.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ambiente

Stromboli, intensificazione delle attività del vulcano nello Sciara del Fuoco

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

Il vulcano Stromboli torna a farsi sentire. L’Osservatorio Etneo dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV) comunica che “le reti di monitoraggio hanno registrato che a partire dalle ore 02:10 UTC circa, è stata osservata un’intensificazione dell’attività esplosiva dall’area craterica Nord, con alcune esplosioni più forti come quella registrata alle ore 02:29 UTC. Il materiale prodotto ricade abbondantemente nella parte alta della Sciara del Fuoco, rotolando lungo il pendio”.  

 “In concomitanza con l’incremento dell’attività esplosiva, a partire dalle ore 02:30 UTC, si osserva un modesto trabocco lavico dall’area craterica Nord che si attesta nella parte alta della Sciara del Fuoco. In corrispondenza dell’esplosione delle 02:29 UTC, si rileva un segnale sismico della durata di circa 3 minuti. Le reti di monitoraggio delle deformazioni del suolo non mostrano significative variazioni”, conclude l’INGV

di Beatrice Raso da Meteoweb.it

Leggi la notizia

Ambiente

Ambiente – Contro cambiamento climatico: i morti come concime per campi e giardini. Dal 2027 al via compostaggio di defunti

Redazione

Pubblicato

il

Un modo per risolvere anche il sovraffollamento dei cimiteri, che rappresenta spesso e ovunque un grande problema

Secondo il National Geographic, le cremazioni negli Stati Uniti producono circa 360.000 tonnellate di anidride carbonica all’anno. Ora nell’ennesima mossa fatta in favore della lotta al cambiamento climatico, la California ha deciso di fornire un’alternativa alla cremazione. Dal 2027, infatti, i defunti potranno diventare concime per campi e giardini senza alcun danno per l’ambiente. 

La legge è stata proposta dalla deputata Cristina Garcia ed è stata firmata qualche giorno fa dal governatore democratico Gavin Newsom, secondo quanto riporta il Los Angeles Times. “Con il cambiamento climatico e l’innalzamento del livello del mare che ci minacciano, questo è un metodo alternativo di smaltimento che non inquina“, ha spiegato Garcia. Secondo Garcia, si tratta di un’alternativa ecologica più rispettosa e più economica delle tradizionali opzioni di fine vita. “Incendi, siccità estrema, ondate di calore ci ricordano che il cambiamenti climatico è in atto e dobbiamo fare tutto il possibile per limitare le emissioni di metano e anidride carbonica”, scrive in un tweet. “Quando abbiamo una bara e la mettiamo nel terreno, ci sono molte sostanze chimiche che vengono rilasciate e spesso finiscono nella nostra acqua. Quando facciamo la cremazione ci sono molte emissioni di carbonio”, ha detto Garcia. 

Nel nuovo procedimento, chiamato riduzione organica naturale (NOR), il corpo viene scomposto nel suolo. Prevede che il corpo del defunto sia messo in un contenitore d’acciaio e sepolto a circa 2,4 metri di profondità circondato da materiali biodegradabili come trucioli di legno. Il contenitore deve essere aerato per consentire la crescita di microbi e batteri. Il processo di decomposizione dovrebbe completarsi in 1 o 2 mesi. 

Quel suolo composto dall’uomo può quindi essere restituito alla famiglia del defunto che può metterlo dove vuole o utilizzarlo come concime. “Le regole sono identiche a quelle dei resti cremati”, ha detto Micah Truman, fondatore e CEO di Return Home, un’impresa USA di pompe funebri specializzata nel compostaggio umano.  

La California si unisce così ad altri quattro stati degli USA che consentono il compostaggio umano, ossia Washington, Colorado, Oregon e Vermont.  

Di Beatrice Rallo su Meteoweb.it

Leggi la notizia

Ambiente

Pantelleria, calendario distribuzione acqua Rekhale per settembre 2022

Marilu Giacalone

Pubblicato

il

Calendario distribuzione acqua Rekhale Settembre 2022

 

Si informano gli utenti della contrada di Rekhale che l’erogazione dell’acqua nel mese di Settembre 2022 rispetterà il seguente calendario, salvo imprevisti o problemi tecnici che saranno tempestivamente comunicati.

Data Zona servita
Domenica 25 Settembre 2022 C/da Rekhale – Via Nika’
Lunedì 26 Settembre 2022 C/da Rekhale Via del pino – Via Maccotta
Martedì 27 Settembre 2022 Rekhale – Cuddia Attalora – Via Favarelle
Mercoledì 28 Settembre 2022

Via Ziton Di Rekhale

Giovedì 29 Settembre 2022 Scauri – Karebi

Per problematiche o informazioni inerenti il servizio  rivolgersi alla Ditta Pirreca Maurizio al n°389/1120697

D’ Ordine del Responsabile del Settore II
Geom. Salvatore Gambino
F.to Rossana Pucci

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza

© 2021 Il Giornale di Pantelleria - Un prodotto Noùs Editore Srls | Progettazione sito: Ferrigno Web Agency