Segui i nostri social

Ambiente

Pantelleria Experience illustra progetto lungomare da 14.700milioni: tra demolizioni e rivoluzioni FOTO

Direttore

Pubblicato

-

Pantelleria Experience illustra quello che sarà il nuovo water-front del Paese Centro, per il quale è prevista una spesa di 14.700milioni di euro.

Dal prospetto postato sui social, si vede nel dettaglio quelle che dovrebbero essere tutte le modifiche che includono operazioni di demolizione e rivoluzioni.
Per esempio il palazzo verde prossimo al Castello Medievale e che ospita il Bar Tiffany sarà demolito; così la zona delle pescherie si trasformerà in un accogliente mercato del pesce; Piazza Cavour diverrà tutt’uno con il sagrato della Chiesa Matrice.

Ma rimandiamo direttamente alla pubblicazione di Pantelleria Experience per curiosare quali saranno i cambiamenti più importanti e a vista:

E come dice Pantelleria Experience, voi che ne pensate?

Ringraziamo Pietro Gabriele per aver messo a nostra disposizione la pubblicazione. La grafica è del progetto depositato in Comune.

Marina Cozzo è nata a Latina il 27 maggio 1967, per ovvietà logistico/sanitarie, da genitori provenienti da Pantelleria, contrada Khamma. Nel 2007 inizia il suo percorso di pubblicista presso la testata giornalistica cartacea L'Apriliano - direttore Adriano Panzironi, redattore Stefano Mengozzi. Nel 2014 le viene proposto di curarsi di Aprilia per Il Corriere della Città – direttore Maria Corrao, testata online e intraprende una collaborazione anche con Essere Donna Magazine – direttore Alga Madia. Il 27 gennaio 2017 l'iscrizione al Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti nel Lazio. Ma il sangue isolano audace ed energico caratterizza ogni sua iniziativa la induce nel 2018 ad aprire Il Giornale di Pantelleria.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ambiente

Siccità, dichiarato lo stato di calamità naturale su tutto il territorio siciliano

Marilu Giacalone

Pubblicato

il

Presidenza della Regione
Il governo Schifani, nel corso della seduta di giunta di questa mattina, ha dichiarato lo stato di calamità naturale da siccità severa nell’intero territorio regionale su proposta dell’assessore all’Agricoltura Luca Sammartino. La Sicilia è l’unica regione d’Italia e tra le poche d’Europa in zona rossa per carenza di risorse idriche. Stessa situazione si ritrova in Marocco ed Algeria. Una condizione che sta danneggiando agricoltori e allevatori, già gravati dalle conseguenze dei fenomeni atmosferici anomali che hanno colpito l’Isola per tutto il 2023. L’allevamento degli animali è il settore più colpito per l’assenza di foraggio verde e la mancanza di scorte di fieno danneggiate dalle anomale precipitazioni del maggio dell’anno scorso.

Il governo regionale ha quindi incaricato l’Unità di crisi istituita di recente e ora integrata dai dirigenti dei dipartimenti Bilancio e Programmazione, di individuare possibili interventi strutturali da eseguire con urgenza per fronteggiare la carenza idrica, salvaguardare gli allevamenti zootecnici e le produzioni delle aziende agricole garantendo sufficienti volumi d’acqua.

«Ringrazio il presidente Schifani per l’intervento tempestivo – dice l’assessore Sammartino –. La Sicilia è l’unica regione d’Europa in zona rossa per carenza di risorse idriche. La situazione meteorologica degli ultimi mesi ha comportato una notevole diminuzione dei volumi d’acqua negli invasi impedendo una regolare irrigazione dei terreni per sostituire la mancanza delle piogge. Siamo consapevoli delle criticità e stiamo mettendo a punto tutti gli interventi necessari per sostenere e salvaguardare il comparto agricolo e zootecnico e i prodotti della nostra terra».
 

In copertina Denny Alamza di Pantelleria che denuncia l’allarme siccità per le api

Pantelleria – Emergenza siccità. L’allarme di Denny Almanza per le api

Leggi la notizia

Ambiente

Selinunte – Lavori porto, domani caratterizzazione posidonia da rimuovere

Redazione

Pubblicato

il

LAVORI PORTO SELINUNTE, DOMANI CARATTERIZZAZIONE POSIDONIA DA RIMUOVERE
«Domani mattina (lunedì) al porto di Marinella di Selinunte una ditta incaricata dalla Regione effettuerà la caratterizzazione della posidonia come atto propedeutico all’avvio dei lavori di dragaggio».

Lo assicura l’onorevole Nicolò Catania (FdI) che ieri ha sentito telefonicamente il dirigente dell’Assessorato regionale alle infrastrutture che sta seguendo la pratica in merito al nuovo dragaggio del porto. Da mesi la posidonia si è accumulata all’interno del bacino e crea non pochi problemi ai pescatori della borgata. «Ho avuto rassicurazioni dagli uffici che i lavori partiranno a breve – spiega l’onorevole Catania – con la copertura finanziaria prevista con delibera della Giunta regionale poco meno di un anno addietro. Seppur il cantiere doveva avviarsi prima dell’estate, ricordo che, d’accordo con la marineria, si è deciso di farlo iniziare dopo la stagione estiva. I tempi si sono allungati per l’iter burocratico ma ora siamo in dirittura d’arrivo».

E l’onorevole Catania aggiunge: «Lo sappiamo tutti che Marinella di Selinunte ha l’esigenza di avere un vero porto realizzato con servizi e costruito tenendo conto delle correnti marine che evitino l’accumulo della posidonia. A tal proposito già con l’Assessore regionale Alessandro Aricò abbiamo avviato una discussione su un nuovo progetto e la relativa copertura finanziaria».

Leggi la notizia

Ambiente

Pantelleria – Emergenza siccità. L’allarme di Denny Almanza per le api

Direttore

Pubblicato

il

A Pantelleria è emergenza siccità.

Denny Almanza ne constata la preoccupante condizione durante un video.
Rammaricandosi del fatto che in genere i suoi contenuti siano leggeri, di intrattenimento e conoscenza dell’isola, l’imprenditore agricolo, prendendo una manciata di terra arida contornata di paglia spiega le conseguenze di tutto ciò.

“Guardate la terra”, fa lui con voce sommessa “Sembra deserto, sembra il mese di giugno, invece siamo ai primi di febbraio.
“Questo è un grande problema per lo zibibbo, per i capperi, per l’origano e, soprattutto per gli ortaggi.”

Da grande apicoltore quale è, appassionato dei suoi preziosi alveari e dei prodotti che riceve in dono, la sua preoccupazione più grande è rivolta verso proprio le api.

Almanza, infatti, spiega “Se non piove, mancano i fiori, quindi polline e nettare. Quindi il loro nutrimento per la sopravvivenza”

L’emergenza siccità è diffusa un pò ovunque, in Italia e in Sicilia, e Pantelleria non ne sta soffrendo di meno.

Ecco il video.

Clicca qui per vedere 

–> https://www.facebook.com/reel/356228167255423

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza