Segui i nostri social

Uncategorized

Pantelleria e altri aeroporti minori italiani: sospesa l’addizionale comunale

Avatar

Pubblicato

il

Addizionale comunale aeroporti, Airgest: «Felici per la sospensione che chiediamo da anni, auspichiamo sia definitiva»

L’emendamento “Trapani” già promosso da Airgest, in accordo con il vice ministro Teresa Bellanova, fu poi bocciato nella legge di Bilancio. Ombra: “Ci auguriamo che sia almeno estesa agli anni 2022 e 2023”

Airgest, società di gestione dell’aeroporto Vincenzo Florio di Trapani Birgi commenta con estremo favore la notizia appresa da autorevoli fonti di stampa della sospensione dell’addizionale comunale. «Anche se – commenta il presidente Salvatore Ombra – la sua applicazione solo fino alla fine dell’anno in corso è insufficiente a rendere il provvedimento l’auspicato volano per gli aeroporti sotto il milione di passeggeri, come era nella ratio della norma che abbiamo chiesto di introdurre da anni, anche come Aira, l’Associazione degli Aeroporti regionali e con il supporto del presidente della RegioneNello Musumeci e del senatore Davide Faraone. Il fatto che oggi sia stata finalmente presa in considerazione dalla politica, con un emendamento nel decreto Sostegni bis, è per noi motivo di speranza e gratitudine per la sensibilità e lungimiranza dimostrate. È, in atto, un buon risparmio ma per essere un incentivo nella programmazione e nei relativi investimenti delle compagnie aeree sui nostri aeroporti – conclude Ombra – dovrebbe essere definitiva o almeno programmata per un biennio».

L’emendamento “Trapani”, per sospendere fino al 31 dicembre 2021 l’addizionale comunale sui diritti d’imbarco dei piccoli aeroporti, già promosso da Airgest, in accordo con il vice ministro delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili, Teresa Bellanova, fu poi bocciato nella Legge di Bilancio e secondo quanto riferisce il Sole 24 Ore in un articolo a firma di Nicoletta Cottone del 14 luglio, è stato riproposto come emendamento al decreto Sostegni bis dal deputato piemontese del Pd Davide Gariglio, per aiutare i piccoli aeroporti danneggiati dallo stop ai voli causato dalla pandemia da nuovo coronavirus. La copertura prevista è di 5,7 milioni per il 2021, imputata sul Fondo esigenze indifferibili. Sono interessati venti scali che hanno registrato nel 2019 un traffico passeggeri in partenza pari o inferiore a un milione. Si tratta di Alghero, Ancona, Bolzano, Brescia, Comiso, Crotone, Cuneo, Genova, Grosseto, Lampedusa, Marina di Campo, Pantelleria, Parma, Perugia, Pescara, Reggio Calabria, Rimini, Taranto, Trapani e Trieste.

L’addizionale comunale – spiega ancora l’articolo – sui diritti di imbarco è stata istituita dalla legge finanziaria per il 2004. Originariamente si pagava 1 euro per passeggero imbarcato. Fondi destinati a vari aspetti della sicurezza. Nel corso degli anni l’importo è cresciuto da 1 a 6,50 euro a passeggero. Di questa somma 5 euro sono destinati all’Inps, 50 centesimi al servizio antincendio negli aeroporti. Un euro viene invece ripartito da Enav per i costi sostenuti per garantire la sicurezza ai propri impianti e al “comparto sicurezza” per il finanziamento di misure di prevenzione e contrasto della criminalità e per il potenziamento della sicurezza di aeroporti e stazioni ferroviarie. Una piccola parte di questo euro è destinata ai comuni.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Comunicati stampa

HelloFly sceglie Trapani come base italiana per i voli charter

Avatar

Pubblicato

il

Bufo (Airgest): «Trapani Birgi è uno scalo friendly per le start up e le nuove iniziative. Presenza strategica per il mercato business e leisure»
È già atterrato all’aeroporto di Trapani-Birgi l’aeromobile Saab 2000 da 50 posti con cui HelloFly vola abitualmente collegando i paesi del Mediterraneo. La compagnia maltese ha scelto Trapani come base italiana, posizionando un aeromobile presso lo scalo Vincenzo Florio per rispondere alle esigenze del mercato business e leisure.
La compagnia aerea HelloFly e l’aeromobile basato a Trapani Birgi
HelloFly, virtual airline maltese che opera in collaborazione con il vettore estone Nyxair, da Trapani-Birgi è pronta a raggiungere qualsiasi destinazione di corto raggio per operazioni charter ad hoc a condizioni vantaggiose per clienti leisure, business e corporate in cerca di un partner affidabile e di un aeromobile performante, veloce e adatto per un traffico regional.
L’aeromobile HelloFly, infatti, è un bimotore turboelica commerciale tra i più veloci sul mercato e può raggiungere una velocità massima di 665 km/h, combinando prestazioni affidabili con bassissimi costi operativi. Il Saab 2000 è già a disposizione di tour operator, aziende, società sportive e broker, anche di altre regioni, per volare da e per i principali aeroporti italiani, europei ed extra-Ue. Per informazioni: [email protected] e Hellofly.it.
Il commento del direttore di Airgest, Michele Bufo
“La presenza di Hellofly a Trapani in un settore così strategico e moderno – afferma Michele Bufo, direttore generale di Airgest, società di gestione dell’aeroporto di Trapani Birgi – è un ulteriore contributo allo sviluppo dell’aeroporto e delle attività economiche del territorio. Ci piace pensare che il nostro scalo sia un luogo friendly per le start up e favorevole alle nuove iniziative».
Leggi la notizia

Uncategorized

Ristori ZEA: 700mila euro alle aziende nel Parco Nazionale di Pantelleria

Avatar

Pubblicato

il

 

Poco meno di 700mila euro è questa il totale dei ristori che il Ministero della Transizione ecologica, Direzione Generale per il patrimonio naturalistico, ha destinato alle aziende di Pantelleria, con sede legale nella Zona economica ambientale.
Si tratta principalmente di aziende agricole e della ristorazione: micro o piccole imprese che svolgono attività ecocompatibili all’interno del perimetro del Parco Nazionale e che hanno vissuto la crisi pandemica anche in termini di sensibili cali di fatturato. Delle venti attività che hanno seguito l’iter solo due non hanno ottenuto il contributo straordinario.

“Il Ministero, anche attraverso questa operazione di sostegno alle imprese che ricadono all’interno delle Aree protette, dimostra una grande attenzione verso i territori e gli imprenditori che investono in essi. – afferma Salvatore Gabriele, presidente del Parco Nazionale – L’iter dei ristori ZEA, avviato dal Dottor Antonio Parrinello che ringraziamo, giunge ora a compimento. Questo è uno dei tasselli che il Parco Nazionale pone come base per costruire un percorso virtuoso con i nostri operatori. La tappa successiva è la Fase II della Carta Europea del Turismo Sostenibile che vedrà coinvolti direttamente gli operatori che avranno il compito di indicare una modalità integrata di sviluppo sostenibile dell’Isola attraverso la valorizzazione dei luoghi e dei prodotti. Le aziende, partecipi in un processo condiviso con il Parco, avranno modo di migliorare e rafforzare i servizi all’insegna della qualità e dell’efficienza”.

“I ristori che arrivano dal Ministero sono per noi una bocca d’ossigeno – spiega Alessandro D’Amico, titolare del Ristorante Le 2 Cale – Il Parco Nazionale di Pantelleria ha fatto la sua parte è questo ci ha fatto capire quanto può essere importante per l’Isola”.

Anche Davide Genovese, giovane imprenditore che ha scelto di stabilirsi a Pantelleria e sviluppare qui le sue attività tra cui il Rifugio Firiciakki, sottolinea l’importanza di essere all’interno di un area protetta. “Essere nel Parco Nazionale ci aiuta e ci offre opportunità come nel caso dei contributi dopo questo periodo difficile a causa del Covid. Risorse che investiremo nella nel nostro ristorante per offrire un servizio di qualità a Km zero.”

Leggi la notizia

Uncategorized

Pantelleria, strade chiuse per lavori in corso dal 20 al 25 settembre. Nell’articolo i dettagli

Avatar

Pubblicato

il

Dal 20 al 25 settembre, per lavori di rete elettrica, che saranno eseguiti dalla ditta SMEDE SPA, per il posizionamento di cavidotto di media/bassa tensione, saranno interdette al traffico: Via Santa Chiara e Via VIlla.

Nello screen-shot si possono capire esattamente i tratti di strada interessati dall’ordinanza:

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza

© 2021 Il Giornale di Pantelleria - Un prodotto Noùs Editore Srls | Progettazione sito: Ferrigno Web Agency