in , , , , ,

Pantelleria dedica a San Fortunato l’ultima regata stagionale delle lance pantesche

E’ un grande evento per Pantelleria quello della regata del 16 ottobre, ore 15 dal Porto Vecchio.

Infatti essa viene dedicata a San Fortunato, il protettore dell’isola e a lui si indirizzano tante manifestazioni.

Quella sportiva è proprio la regata velica delle lance pantesche.

La devozione dei panteschi verso San Fortunato nasce nel lontano 1673.

Ma vale la pena un approfondimento del protettore dell’isola.

Fortunato era un soldato della Legione tebea, originario di Casei-Gerola, presso Pavia, dove un’ urna protegge le sue reliquie.

La Chiesa lo proclamò Santo in quanto fu decapitato per essersi rifiutato di offrire sacrifici agli dei di Roma o addirittura di uccidere alcuni cristiani.

Nella Chiesa matrice di Pantelleria già nel lontano 1673 erano conservate le spoglie del santo.

La comunità dell’ isola si volse ad esso con riti e preghiere per scongiurare gli effetti del  terribile terremoto del 1831 e il maremoto del 1891.

Due eventi che potevano segnare la fine di un’ isola soprattutto nel 1891 quando un’ eruzione vulcanica verificatasi nella parte ovest-nord-ovest dell’ isola fece risuonare i bronzi di tutte le chiesette dell’ isola.

Il mare cominciò a ribollire, affioravano pezzi di lava bollente mentre altri blocchi di lava incandescente saltavano in alto a circa 15 metri. di altezza, fischiando e scoppiando in aria come fuochi di artificio.

Dal mare continuava ad affiorare lava che subito si raffreddava e sprofondava da dove era venuta.

Le scosse si susseguivano senza tregua, ma anche senza causare morti, nè danni gravi.

Dalla Sicilia iniziarono ad arrivare le prime navi in soccorso alla popolazione, ma anche per effettuare ricognizioni scientifiche.

Fu in quella terribile occasione che i panteschi si rifugiarono nella Chiesa Madre dell’isola e pregarono insistentemente S. Fortunato affinché allontanasse da loro ogni pericolo.

Il Santo accolse le preghiere di un popolo che per ringraziarlo impose il nome di Fortunato ai nuovi nascituri e lo proclamò Patrono di Pantelleria.

Ogni anno in sua memoria viene celebrata una funzione eucaristica e poi in processione la statua viene portata dai fedeli al molo da dove parte una barca con l’ effigie del Santo e al largo del porto dell’ isola viene gettata in mare una corona di fiori.

Alla festa religiosa segue poi fino a tarda notte una festa paesana con musica e balli in piazza.

Mio nonno, classe 1899, si chiamava Fortunato, Fortunato Cozzo, amava la musica, suonava il clarino e portava nonna Rosa Maccotta a ballare appena possibile.

Marina Cozzo

Scritto da Marina Cozzo

Marina Cozzo è nata a Latina il 27 maggio 1967, per ovvietà logistico/sanitarie, da genitori provenienti da Pantelleria, contrada Khamma.
Nel 2007 inizia il suo percorso di pubblicista presso la testata giornalistica cartacea L'Apriliano - direttore Adriano Panzironi, redattore Stefano Mengozzi.
Nel 2014 le viene proposto di curarsi di Aprilia per Il Corriere della Città – direttore Maria Corrao, testata online e intraprende una collaborazione anche con Essere Donna Magazine – direttore Alga Madia.
Il 27 gennaio 2017 l'iscrizione al Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti nel Lazio.
Ma il sangue isolano audace ed energico caratterizza ogni sua iniziativa la induce nel 2018 ad aprire Il Giornale di Pantelleria.

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0

Commenti

0 commenti

Pantelleria, “Sorella Montagna, Fratello Mare”, estremi dell’isola per la conoscenza di noi stessi

condizioni meteo a pantelleria - il giornale di Pantelleria

Meteo a Pantelleria: leggero peggioramento in settimana