Segui i nostri social

Ambiente

Pantelleria, coltivare la bellezza: la Bocconi svolgerà il piano socio economico

Direttore

Pubblicato

-

Le aziende agricole dell’isola saranno accompagnate  nei modelli di gestione finanziaria e nel mercato

Il Parco Nazionale di Pantelleria accoglierà domani il professore Vitaliano Fiorillo, docente presso SDA Bocconi School of Management, dove è anche coordinatore del Bio Management Lab, Osservatorio sul prodotto agroalimentare biologico. La sua presenza prevista nell’ambito della convenzione che il Parco ha stipulato con l’Università Bocconi, sarà finalizzata a tracciare un piano socio economico e la predisposizione di modelli di business finalizzati allo sviluppo delle potenzialità dell’agricoltura pantesca.

          Il professor Fiorillo terrà una lectio magistralis sul tema “coltivare la bellezza”, lo slogan che il Parco ha scelto per mirare le sue attività alla tutela dell’unicità del paesaggio di Pantelleria, modellato dall’uomo, che vanta ben due patrimoni Unesco (pratica della vite ad alberello e muretti a secco) e il riconoscimento come paesaggio rurale storico italiano.

          Con l’obiettivo di pianificare una gestione attenta del territorio, garantire ed incrementare il reddito degli agricoltori, auspicare il ritorno dei giovani in agricoltura, creare un modello di agribusiness, di agricoltura sostenibile dal punto di vista ambientale ed economico, Fiorillo parlerà agli studenti delle classi 4° e 5° dell’Istituto Omnicomprensivo di Istruzione secondaria di Pantelleria nell’incontro che si terrà domani alle 11,00 nella sala dell’Oratorio Punto Luce Don Bosco.

          L’esperienza professionale di Fiorillo, particolarmente dedicata al supply chain management e logistica, alla sostenibilità e al settore agroalimentare, sarà alla portata di tutti i produttori e imprenditori dell’isola che vorranno partecipare all’incontro, a loro dedicato nella serata di giovedì. Lo scopo vuole essere quello di coniugare al meglio il rapporto tra natura, sviluppo locale e turismo, per consentire ai produttori di fare sistema sul mercato locale per avere la forza di guardare ad un orizzonte più ampio, dotandosi di una strategia valida, per comprendere meglio gli aspetti legati al marketing, organizzare un business plan, e interloquire alla pari con i partner commerciali.

          L’operatività del Parco di Pantelleria è arricchita da una rete di relazioni extraterritoriali che danno supporto e nuovi stimoli, anche dal punto di vista commerciale, seguendo il più recente cambio di rotta, dove gli agricoltori non subiscono il mercato ma lo creano attraverso investimenti, formazione manageriale e tecnologia.

Marina Cozzo è nata a Latina il 27 maggio 1967, per ovvietà logistico/sanitarie, da genitori provenienti da Pantelleria, contrada Khamma. Nel 2007 inizia il suo percorso di pubblicista presso la testata giornalistica cartacea L'Apriliano - direttore Adriano Panzironi, redattore Stefano Mengozzi. Nel 2014 le viene proposto di curarsi di Aprilia per Il Corriere della Città – direttore Maria Corrao, testata online e intraprende una collaborazione anche con Essere Donna Magazine – direttore Alga Madia. Il 27 gennaio 2017 l'iscrizione al Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti nel Lazio. Ma il sangue isolano audace ed energico caratterizza ogni sua iniziativa la induce nel 2018 ad aprire Il Giornale di Pantelleria.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ambiente

Siccità, dissalatori mobili, nuovi pozzi e autobotti: le prime soluzioni della cabina di regia

Marilu Giacalone

Pubblicato

il

 Presidenza della Regione
Nuovi pozzi e rigenerazione di altri pozzi e sorgenti esistenti, pulizia delle traverse dei corsi d’acqua, dissalatori mobili e piccoli interventi per il ripristino delle autobotti comunali. Sono alcune e più rapide soluzioni individuate dalla cabina di regia regionale per l’emergenza idrica, riunita oggi pomeriggio a Palazzo d’Orléans. La struttura, presieduta dal governatore siciliano, coordinata dal capo della Protezione civile regionale e che riunisce competenze tecniche, accademiche e scientifiche, sta mettendo a punto il piano di interventi e dei relativi costi da inviare a Roma per la valutazione dello stato di emergenza nazionale per la siccità, già richiesto dalla giunta regionale. Dal suo insediamento la cabina di regia sta operando anche al livello provinciale con nove tavoli di lavoro con Genio civile, Protezione civile, Autorità di bacino e Consorzi di bonifica. Nel dettaglio, le proposte con efficacia immediata per la mitigazione dell’emergenza idrica riguardano la rigenerazione di una cinquantina di pozzi e sorgenti esistenti ad uso idropotabile, l’individuazione di un centinaio di siti, vicini a condutture e linee elettriche, in tutta la Sicilia in cui scavare nuovi pozzi ad uso irriguo, salvaguardando così le scorte idriche presenti nelle dighe da destinare esclusivamente per la popolazione. Inoltre, sono previsti interventi su impianti di pompaggio e condutture, operazioni di sfangamento di sei traverse fluviali, finanziamenti per la riattivazione delle autobotti in una sessantina di Comuni. Sul fronte dissalatori si lavorerà nell’immediato con l’acquisto e l’installazione di moduli mobili nei siti esistenti, nell’attesa di poter procedere alla sostituzione degli impianti fissi a Porto Empedocle, Trapani e Gela, dove i tecnici della task-force in queste ore stanno effettuando ispezioni. Una soluzione importante e di ridotto impatto economico per dare respiro all’agricoltura della Piana di Catania potrà arrivare dalla riparazione di alcune paratie su Ponte Barca, dove già domani verrà verificato se è possibile utilizzare un flusso d’acqua aggiuntivo di circa 500 litri al secondo, sfruttando la pendenza. Un altro sostegno per l’agricoltura potrà arrivare, una volta dichiarato lo stato di emergenza nazionale, anche da eventuali deroghe per l’utilizzo dei fondi del Psr.

Leggi la notizia

Ambiente

Pantelleria, necessità di manutenzione dei sentieri. Il bando del Parco

Redazione

Pubblicato

il

La rete sentieristica ricadente nel Parco nazionale Isola di Pantelleria necessita di interventi manutentivi ordinari che riguardano tutti i sentieri che si collocano lungo la costa e raggiungono le zone più interne dell’Isola. Essi permetteranno una fruizione ed accessibilità migliore garantendo maggiore sicurezza, protezione dei fruitori, decoro ambientale, conservazione del paesaggio e tutela degli habitat attraverso una migliore prevenzione dagli incendi.
L’isola di Pantelleria, anche se interessata da poche piogge, ha delle caratteristiche orografiche particolari, una varietà di microclimi e un elevatissimo livello di umidità che fanno si che la vegetazione abbia un ritmo di crescita molto elevato. Per tale ragione è necessario pianificare interventi di manutenzione ordinaria della rete da effettuare nei periodi adeguati in modo da garantire la piena fruibilità dei sentieri e prevenire possibili incendi

Il bando

Leggi la notizia

Ambiente

Pantelleria, distribuzione acqua a Khamma – maggio 2024. Si parte domani

Direttore

Pubblicato

il

E’ edito il calendario di distribuzione dell’acqua nella contrada di Khamma, relativo al mese di maggio 2024.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza