Segui i nostri social

Economia

Pantelleria, approvato nuovo disciplinare vini Doc. Comolli “Economia, turismo, reddito dipendono dallo zibibbo”

Redazione

Pubblicato

-

Ricevo, con molto piacere e tanto onore da viticoltori e appassionati panteschi, copia del documento scritto e approvato dal consiglio comunale di Pantelleria il 21 novembre 2023, e dal sindaco Fabrizio D’Ancona, a proposito della nuova modifica del disciplinare dei vini Doc Pantelleria proposta dal Consorzio di tutela. Dal 2019 mi sono interessato come amico di Pantelleria e per volontà dell’ex sindaco del vino “principe” prodotto sul “Diamante del Mediterraneo”, ma anche come esperto da 40 anni di consorzi di tutela, come piacentino fra piacentini che possiedono un dammuso cui sta a cuore la storia e il futuro dell’isola. Una continuità di intenti e di proposte degli ultimi anni  è un grande pregio per l’amministrazione comunale per bloccare il crollo produttivo economico vitivinicolo.

Leggo con piacere il documento del Sindaco perchè ricalca con parole diverse e con toni dialoganti, con partecipazione… quello che ho consigliato e proposto forse con termini più tecnici, più drastici. Basta riascoltare quanto detto al festival “Zibibbo è Pantelleria” (o Pantelleria è Zibibbo) del maggio 2023. Grazie sindaco D’Ancona  per aver preso atto di una realtà complicata, di aver messo alcuni puntini sulle “iii” e di aver ancora una volta (da 15 anni almeno) sottolineato che la vita economica, il reddito, il turismo, il lavoro per le nuove generazioni pantesche dipende anche da uno Zibibbo autoctono, unico e non confuso con il vino moscato, vino liquoroso.

Nessun vino pantesco riporta nella denominazione e designazione principale con caratteri evidenti la menzione qualificante e distintiva di “Zibibbo”. Non che il nome di vitigno sia la denominazione, ma l’esempio del Prosecco “docet”.  Non è l’incremento sulla carta della produzione ad ettaro (serve per altri fini), il maggior  numero di bottiglie e un prezzo infimo di 4 euro la bottiglia che possono garantire  un futuro alla vitivinicoltura pantesca. Occorre un forte impegno su tutta l’ offerta. Mi fa molto piacere che il consiglio comunale abbia  riconosciuto il lavoro passato dei consiglieri nel difendere una paternità, una vera tutela e una esclusività del territorio. Non è con lotte intestine, privilegi singoli, accordi sottobanco di pochi, diktat commerciali e contrattuali che un territorio sta in piedi: prima viene il viticoltore, l’uomo che impianta, cura la terra giornalmente, gestisce la vigna e imbottiglia nel vecchio dammuso…ma che è vigile e tutela il muretto a secco, lo stradello, il giardino, il cappero, l’origano….

Bisogna puntare solo a un “Docg Passito Classico Naturale”, così lo definii nell’ultimo mio intervento. Troppe tipologie fanno male ad una piccola Doc come pure una megaDoc senza le Docg e i Cru (alla francese). Tipologie di vini che sono simili nella designazione e presentazione in etichetta, ma totalmente diverse nella sostanza, contenuto, origine, elaborazione, maturazione, appassimento fanno molto male non solo al mercato in generale, ma soprattutto al consumatore e al viticoltore. Il consumatore resta confuso: non sapendo cosa comprare compra quello a più basso prezzo o cambia denominazione. Già il Marsala ha fatto gravi errori con altri numeri e con il fior-fior delle cantine siciliane coinvolte!

Non si possono fare – come è sempre stato detto e scritto – modifiche del disciplinare Doc senza un preventivo dialogo e ascolto e scambio con i viticoltori. Sono i viticoltori gli unici titolari della intestazione della vigna produttrice all’albo regionale.  Come pure le delibere assembleari consortili con la presenza fisica del 10% degli aventi diritto, tante deleghe, poche grandi cantina con tanti voti… non aiutano il futuro economico, occupazionale delle piccole imprese famigliari pantesche. 1 ettaro di vigna non può e non deve dare un reddito di 8/9000 euro lordi l’anno, quando va bene! Deve poter garantire come minimo il doppio. L’uva fresca deve valere almeno 3/4 euro al chilogrammo. Non conta il volume della resa a ettaro: non è la quantità ma il valore il vero motore e benzina dello sviluppo e del futuro.

Spero che l’appello accorato (già mosso in occasione della assemblea nazionale delle Città del Vino nel 2023) del consiglio comunale di Pantelleria ad essere “rappresentante” a nome dei 400 viticoltori eroici rimasti o punto di riferimento (almeno ascoltato non avendo diritto alcuno  visto che la legge nazionale e il TU vite-vino ha escluso i comuni dal tavolo di concertazione della interprofessione) sia accolto subito senza riserve da parte del Consorzio di tutela. Un soggetto terzo autorevole e pesante. Spero anche che l’invito alla Docg di una solo tipologia Passito Dolce Naturale vada in porto!

Infine, a proposito della tutela dell’ampelografia pantesca, il reimpianto e il sostegno dei nuovi impianti, ricordo che nel 2022 ho offerto al comune di Pantelleria  (raccogliendo oltre 200 tralci di viti selvatiche sull’isola) una ricerca gratuita (grazie al Vivaio Coop Rauscedo) sul dna dell’antico Zibibbo Pantesco per arrivare a aprile 2024 all’impianto di una vigna sperimentale sotto l’egida del comune stesso.

Ancora grazie, spero che tutto quello che il Consiglio Comunale ha chiesto vada in porto a breve.

Giampiero Comolli

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ambiente

Regione Siciliana – Rifondazione Comunista, futuro dei rifiuti tra cassonetti “intelligenti”, inceneritori e 800 milioni di affari

Redazione

Pubblicato

il

Regione Siciliana: il futuro dei rifiuti tra cassonetti “intelligenti”, inceneritori e 800 milioni di affari.
Il Sindaco Trantino non ha fatto una gaffe, ha solo disvelato quanto già si poteva intuire dalle scelte del Piano regionale dei rifiuti ovvero che si sta puntando esclusivamente sugli inceneritori e non sulla raccolta differenziata. Basta guardare i dati della raccolta differenziata di Palermo e Catania rispettivamente al 16% e al 33%.

Perciò, avanti tutta con la costruzione degli inceneritori: uno a Pantano d’Arci tra Lentini e Catania e l’altro a Bellocampo, nel palermitano. Un affare da 800 milioni di euro che manderebbe, letteralmente, in fumo lo sforzo di tanti cittadini che invece tentano di fare la raccolta differenziata per tutelare l’ambiente e che vorrebbero che i rifiuti si trasformassero in una risorsa e non in un profitto per le aziende private che gestiscono le discariche e che costruiranno gli inceneritori.

Le basse percentuali di raccolta, infatti, non dipendono dalla popolazione ma dalla pessima organizzazione e dalla gestione dei servizi connessi. A riprova di ciò c’è il fatto che in moltissimi Comuni siciliani la raccolta differenziata è una realtà consolidata. A Longi, nel messinese, è addirittura al 92% ma anche in città molto più popolose le percentuali sono ormai molto alte, a Marsala, con i suoi 80.000 abitanti, è al 78%; Ragusa e Agrigento al 70,5%; Enna e Trapani superano il 65%.

Quindi, con queste percentuali, se ci fosse la volontà politica si potrebbe pianificare a livello regionale una realistica economia circolare (basata sulla riduzione, sul riciclo e sul riuso), in grado anche di creare dei nuovi e buoni posti di lavoro, salvaguardando l’ambiente.

Tuttavia, a livello regionale l’incenerimento e le discariche sono un affare a cui non si vuole rinunciare e lo dimostra il fatto che nell’aggiornamento del Piano regionale dei rifiuti è previsto un ritorno ai cassonetti stradali sebbene spacciati come “intelligenti”.

Una modalità che, dove applicata, non ha mai raggiunto percentuali alte di riciclo e che come per i termovalorizzatori (che in realtà sono degli inceneritori) è solo un abbellimento lessicale per prendere in giro i cittadini e non dire che si finirà, dopo poco tempo, ai vecchi e maleodoranti cassonetti.

Per finire un dubbio ci assale: ma se l’intelligenza la diamo tutta ai cassonetti per gli estensori del Piano Regionale dei rifiuti poi ne rimarrà?

 

Alessandra Cappello, Responsabile regionale Ambiente 

Nicola Candido, Segretario Regionale della Sicilia

Partito della Rifondazione Comunista – Sinistra Europe

Leggi la notizia

Economia

Pantelleria, chiuso U’ Friscu. Scauri resta senza bar

Direttore

Pubblicato

il

La notizia gira sull’isola da qualche giorno e lascia interdetti soprattutto i residenti e quanti consideravano il locale scauriota un riferimento per sorbire un caffè o gustare qualche piatto del reparto ristorante.

Non si conoscono le dinamiche che hanno portato ad abbassare la saracinesca de U’ Friscu,  ma esso rappresentava da molti anni un riferimento sicuro, essendo aperto mattina e sera 365 giorni l’anno.
Grazie alla cucina del ristorante di chef qualificati si potevano gustare molte leccornie sia salate sia dolci, entrambe legate alla tradizione ma con note di innovazione gradite dai suoi ospiti.

Sicuramente si tratterà di una breve parentesi, magari per ricaricare le batterie in previsione della nuova stagione estiva, per lanciare la quale in moltissimi operatori del settore turistico e commerciale si stanno impegnando e da cui prendere esempio.

Leggi la notizia

Economia

Pantelleria Experience rilascia un nuovo Aggiornamento

Redazione

Pubblicato

il

Pantelleria, 1 Marzo – Pantelleria Experience, l’app che vi accompagna nella scoperta dell’isola di Pantelleria e non solo, ha rilasciato un aggiornamento ricco di nuove funzionalità per rendere l’esperienza degli utenti più completa e pronta per il futuro.

Notifiche Sempre a Portata di Mano:

Da oggi, grazie al nuovo box delle notifiche, potete tenere sott’occhio tutte le comunicazioni importanti. Le notifiche, non spariscono più, possono ora essere visionate in qualsiasi momento, permettendovi di rimanere sempre informati. Questa comodità non solo semplifica la gestione delle informazioni, ma vi permette di consultare sempre ciò che i partner offrono durante la settimana. Eventi speciali, serate nei ristoranti, offerte esclusive e molto altro, saranno a portata di mano, arricchendo la vostra esperienza sull’isola.

Chiusure Stagionali in Tempo Reale:

Con l’aggiunta della tendina delle chiusure stagionali, sarete sempre aggiornati su quali attività sono chiuse durante la bassa stagione. Un modo pratico per pianificare le vostre esperienze sull’isola in base alle disponibilità.

Ristoranti Vicini Grazie alla Localizzazione:

I ristoranti possono ora essere visualizzati anche in base alla vicinanza. Attivando la geolocalizzazione, l’app ora vi restituisce una lista di ristoranti posizionati in base alla distanza, dal più vicino al più lontano. Trovare il luogo perfetto per una deliziosa esperienza culinaria non è mai stato così facile.

Recensioni Interattive:

Un’altra novità è la possibilità di valutare e recensire ogni esperienza direttamente sull’app. Con la funzione di recensione, gli utenti possono esprimere il loro parere su ristoranti, eventi e attività, fornendo feedback preziosi per migliorare continuamente l’offerta di Pantelleria Experience. Inoltre, i partner possono ora rispondere alle recensioni dei clienti, creando un dialogo aperto e trasparente che arricchisce la community e migliora ulteriormente l’esperienza complessiva.

Presente e Futuro in Un’unica Esperienza:

Questo aggiornamento, benché non rivoluzionario, prepara il terreno per il futuro. Prima dell’estate, un sostanziale upgrade sarà lanciato con nuove funzioni uniche e innovative e che offriranno un’esperienza ancora più smart e coinvolgente a chi visita l’isola.

Numeri Attuali:

Da quando è stata pubblicata, Luglio 2023, l’app ha suscitato un notevole interesse con oltre 10.000 download su piattaforme Apple e Android, e più di 2.000 esperienze prenotate. La community sui social media continua a crescere, testimoniando l’apprezzamento degli utenti.

Ringraziamenti e Invito a Esplorare:

Ringraziamo i nostri partner per la fiducia che ripongono in questo progetto che è in costante crescita. Un sentito grazie va anche ai nostri follower, che con il loro supporto ci spingono a migliorare costantemente. Vi invitiamo a scaricare l’aggiornamento e, per chi ancora non lo avesse fatto, a seguirci sulla nostra pagina instagram @pantelleriaexperience. 

Il futuro è brillante, e siamo entusiasti di condividere ogni passo di questa avventura con voi.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza