Segui i nostri social

Cultura

Pantelleria, al via Carnevale Pantesco 2023 dal 17 febbraio

Direttore

Pubblicato

-

 

VENERDI’ 17 FEBBRAIO SFILERANNO LE SCUOLE E MARTEDI’ GRASSO 21 FEBBRAIO CI SARÁ LA SFILATA DEI CIRCOLI, SCUOLE E ASSOCIAZIONI, CON IL FALO’ FINALE DEL PUPAZZO DI CARNEVALE, ANCORA PER POCO SENZA NOME

 

Tornano finalmente quest’anno le celebrazioni per il Carnevale pantesco dopo due anni di fermo a causa del Covid. Un ritorno importante che vede partecipi e protagonisti i panteschi tramite le scuole, i Circoli e le Associazioni insieme all’Amministrazione Comunale e finanche la Parrocchia che ha messo a disposizione il Sagrato. Un lavoro corale che vede una comunità tornare a festeggiare in quello che è ormai quasi un rito propiziatorio e di liberazione, dopo tante restrizioni e proibizioni subite.

Si è cominciato già da settimane a preparare carri e vestiti, i Circoli già si esibiscono con i loro balletti in giro per l’isola e tutti insieme mostreranno il giorno di Martedì Grasso il grande lavoro fatto anche quest’anno da soci e volontari. Abbiamo visto nei giorni scorsi immagini dei papà della Scuola Giovanni XXIII che preparavano il carro, dei Circoli che preparavano i vestiti e le coreografie, insomma grande entusiasmo e grandissima creatività in campo.

I temi che saranno rappresentati andranno dal tema dell’ambiente e del riciclo dei materiali a temi più ludici: le girandole per i più piccini delle scuole materne e asilo, i pagliacci, la Banda Bassotti e l’immancabile Mercoledì Addams che sarà protagonista nei principali Carnevali della nazione.

Venerdì 17 febbraio alle ore 10.00 partirà da Via Dante il Corteo delle Scuole che vedrà protagonisti i più piccoli isolani: gli asili nido, l’Associazione Il Piccolo Principe, la Materna Giovanni XXIII che con il suo Direttore si è fatta promotrice dell’iniziativa presso l’Assessore alla Cultura Francesca Marrucci e le scuole elementari dell’isola.

L’Amministrazione Comunale ringrazia anche la Marsala Travelbus che ha messo a disposizione gli autobus per far raggiungere il capoluogo ai bambini delle Contrade. La sfilata giungerà poi a Piazza Cavour dove ci saranno i balletti dei bimbi e l’intrattenimento di DPlanet di Dora Pia Brignone.

 

La festa continua e finisce il Martedì Grasso, come è tradizione. Martedì 21 febbraio l’appuntamento sarà alle ore 14.00 davanti all’ex-hotel Khamma alla fine di Borgo Italia.

Il Corteo partirà alle ore 15.00 e sfilerà, come d’abitudine, sul Lungomare per arrivare a Piazza Cavour dove, dopo i balletti dei Circoli, delle scuole e delle Associazioni, ci saranno balli con Dj Tony Belvisi e spettacoli con gli artisti di strada e i trampolieri, fino al falò propiziatorio del pupazzo che quest’anno avrà finalmente un nome, come nella più classica delle tradizioni carnevalesche.

Il nome sarà scelto dai bambini delle scuole proprio venerdì in piazza, tra i tre proposti dal dialetto pantesco:

1.    PAPPAGGHIUNE (burlone);

2.    BRUCIULUNE (cicciottello);

3.    GGHIUFA’ (alto e straccione).

Il pupazzo è quest’anno una vera e propria opera d’arte che i Fratelli Baiamonte di Scauri hanno regalato alla comunità pantesca, costruito con materiali di riciclo sempre sul tema dell’ambiente e della salvaguardia della Terra e della Natura.

 

“Sono molto felice del contributo che in tanti hanno dato con entusiasmo alla festa di quest’anno, è un po’ la realizzazione di quello che avrei voluto fare già nei miei primi due anni di mandato, purtroppo invece penalizzati dal Covid,” afferma l’Assessore alla Cultura, Francesca Marrucci.

“Voglio ringraziare personalmente tutti quelli che si sono adoperati, messi a disposizione e che hanno creato abiti, balli, animazione e carri davvero bellissimi. Grazie a Giovanni Esposito che ha messo a disposizione i suoi cantieri per costruire gli allestimenti dei carri, a chi garantisce la sicurezza degli eventi, come la Polizia Municipale, l’Ing. Gianfranco Misuraca, la Misericordia e l’Associazione Nazionale dei Vigili del Fuoco, ai Circoli che tornano tra tante difficoltà a riaprire i battenti e a portare avanti una tradizione fondamentale per la cultura isolana che viene trasmessa alle nuove generazioni. Alle scuole e alle associazioni, oltre ai singoli cittadini, che hanno trasformato questi eventi in vere e proprie feste di condivisione, creatività e gioia.

In queste occasioni, la comunità pantesca torna finalmente ad essere unita sotto l’egida dell’allegria e della voglia di vivere che, dopo questi anni segnati dal virus, è divenuta un’esigenza per tutti noi. Invito la cittadinanza a partecipare anche singolarmente agli eventi, perché l’importante è stare insieme e festeggiare la vita, che è il nostro patrimonio più grande.”

 

Marina Cozzo è nata a Latina il 27 maggio 1967, per ovvietà logistico/sanitarie, da genitori provenienti da Pantelleria, contrada Khamma. Nel 2007 inizia il suo percorso di pubblicista presso la testata giornalistica cartacea L'Apriliano - direttore Adriano Panzironi, redattore Stefano Mengozzi. Nel 2014 le viene proposto di curarsi di Aprilia per Il Corriere della Città – direttore Maria Corrao, testata online e intraprende una collaborazione anche con Essere Donna Magazine – direttore Alga Madia. Il 27 gennaio 2017 l'iscrizione al Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti nel Lazio. Ma il sangue isolano audace ed energico caratterizza ogni sua iniziativa la induce nel 2018 ad aprire Il Giornale di Pantelleria.

Cultura

Pantelleria – Unipant, 29 e 30 aprile M° Cossyro in seminario gratuito su Educazione alle Arti Visive

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

Il tanto atteso Seminario tenuto dal Maestro Cossyro, Socio fondatore dell’Unipant, annunciato dallo stesso a novembre alla presentazione dell’Università Popolare di Pantelleria, è stato fissato e si terrà in due giornate lunedì 29 e martedì 30 aprile alle ore 17.00 presso le aule del primo piano della Scuola Elementare di Pantelleria Centro (entrata cancelletto di Via Dante).

Si tratterà di un SEMINARIO DI EDUCAZIONE ALLE ARTI VISIVE in due parti e, per decisione del Direttivo Unipant in accordo con l’Assessora Pineda, sarà offerto gratuitamente alla cittadinanza, unendolo all’offerta progettuale della Democrazia Partecipata finanziata dal Comune di Pantelleria.

In questo Seminario, il Maestro Cossyro ci parlerà dello sviluppo delle Arti Visive dalle origini ai giorni nostri: “Con l’ausilio e la conoscenza della Storia dell’Arte si percorrerà il cammino dell’Umanità,” afferma l’Artista nel descrivere il progetto. “Dai primi esempi di pittura rupestre di Città del Capo fino ai protagonisti più significativi di pittura e scultura, da Fidia a Botticelli, da Caravaggio a Modigliani, passando per le correnti artistiche moderne, dalle Avanguardie del Novecento (Cubismo, Dadaismo, Futurismo, Pop Art, Arte Povera, ecc.) fino ai Neo Ismi dei nostri giorni.”

Un viaggio entusiasmante nell’Arte che vedrà i partecipanti essere parte di una riflessione collettiva con il Maestro sul valore e il significato dell’Arte per la Storia umana e per tutti noi.

Il Seminario avrà una continuazione in estate, per chi vorrà, con un Laboratorio dedicato alla consulenza, consigli tecnici e operativi per quanti hanno talento artistico e vogliono metterlo seriamente a frutto. Sempre in estate, il Maestro Cossyro ha riservato all’Unipant una sorpresa, di cui vi parleremo però più in là.

A tutti i partecipanti verrà rilasciato un Attestato di Partecipazione. Altre info su www.unipant.it.

Leggi la notizia

Cultura

La scrittrice Marinella Tumino, unica siciliana a Parigi al seminario di studi sulla Shoah

Redazione

Pubblicato

il

Pensare e insegnare, ma anche fare memoria. Sono questi i tre cardini principali per ricordare la Shoah. Ciò è anche l’obiettivo principe su cui ruoterà la dodicesima edizione del seminario, Università italiana di 1^ livello del Mémorial de la Shoah, che si svolgerà a Parigi da domenica 21 aprile a venerdì 26. Tantissime le richieste di adesione pervenute da nazionalità diverse di cui sono originari gli aventi diritto che sono stati ammessi a frequentare il corso in base a titoli accademici, riconoscimenti letterari e relative pubblicazioni. In numero di trenta risultano quelli scelti dalle varie regioni d’Italia, dei quali solo una risulta chiamata per la regione Sicilia.

Si tratta di una ragusana: Marinella Tumino, docente di materie letterarie presso un istituto tecnico di Ragusa, ricercatrice indipendente nel campo della Shoah. Non poche le pubblicazioni al suo attivo, tra cui “Quel treno per la Polonia”, 2011, resoconto del viaggio fatto ad Auschwitz insieme ai suoi studenti; “L’urlo del Danubio”, 2018, giunto alla terza edizione e vincitore di diversi premi.

Il seminario di studi, cui parteciperà Marinella Tumino, si terrà presso il Mémorial de la Shoah che si trova nei pressi del bellissimo quartiere storico del Marais. Il programma prevede conferenze magistrali, workshop e visite guidate (anche al Mémorial de la Shoah di Drancy).

“Sono emozionata – commenta Marinella Tumino – e pienamente soddisfatta per essere stata ammessa al seminario di studi e mi inorgoglisce essere l’unica proveniente dalla Sicilia. Saremo nei pressi del Marais che è un quartiere di Parigi situato sulla riva destra della Senna. È un luogo ricco di storia, arte, cultura, tendenze e spirito bohémien. Qui si trovano siti culturali di grande rilevanza. Tra i suoi palazzi nobiliari, si snoda anche un quartiere ebraico di tutto rilievo”.

 

Giuseppe Nativo

Leggi la notizia

Cultura

Mario Venuti dal 19 aprile con il nuovo album “Tra la carne e il cielo”

Direttore

Pubblicato

il

 

Venerdì 19 aprile esce in digitale e in fisico “TRA LE CARNE E IL CIELO”, undicesimo album in studio del cantautore MARIO VENUTI (etichetta MICROCLIMA – pre-save https://mariovenuti-tralacarne.crd.co/, pre-order cd e vinile https://mariovenuti-tralacarne.crd.co/).

 

Un lavoro che affronta senza filtri tematiche di critica sociale in un gioco virtuoso di contrasti con sound, ritmi e strumenti musicali che dipingono contaminazioni sonore ricercate e sorprendenti.

Fil rouge la voce di Mario, capace di creare naturalmente intimità e di accompagnare l’ascoltatore nella perenne tensione “tra la carne e il cielo”.

 

«In questa foto con mia sorella ritrovo tutta la gioia di due bambini immersi nel gioco divertente e pericoloso della vita. E forse è proprio il bambino, che rappresenta inconsapevolmente il ponte tra la sensualità del mondo e la purezza del cuore, l’equilibrio tra la carne e il cielo».

 

Con queste parole Mario Venuti racconta la foto di famiglia scelta per la copertina del suo nuovo progetto discografico (crediti cover: Francesco Barrera).

 

SPOTIFY Mario Venuti

INSTAGRAM @mariovenutiofficial FACEBOOK @MarioVenutiOfficial  

YOUTUBE  @MarioVenutiOfficial  TIKTOK @mariovenutiofficial  

https://linktr.ee/mariovenuti

#tralacarneeilcielo
 

Milano, 12 aprile 2024

 

Ufficio stampa: Parole & Dintorni Sara Testori – sara.testori@paroleedintorni.it – 02.20404727

Promo Radio e Tv: Parole & Dintorni Stefano Seresini – stefano.seresini@paroleedintorni.it

Servizi digitali: THE WEB ENGINE di Giuseppe Fisicaro

Personal Management: Luisa Michienzi (luisa@mariovenuti.com)

 

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza