Segui i nostri social

News

Palermo – ERSU, bando per borse di studio, contributi e servizi per a.a. 2023/2024: attivazione procedura online rettifica/integrazione

Marilu Giacalone

Pubblicato

-

Bando di concorso ERSU per borse di studio, altri contributi economici e servizi, per l’a.a. 2023/2024. Attivazione procedura online per la rettifica/integrazione dei dati

Sono stati pubblicati, su Albo online dell’ERSU, gli elenchi dei partecipanti al Bando di concorso per l’attribuzione di borse di studio, altri contributi economici e servizi, per il diritto allo studio universitario per l’a.a. 2023/2024, giusta Determina del Direttore n. 140 dell’1/9/2023.

Nel rispetto della legge sulla privacy, i nominativi degli studenti sono stati sostituiti con il numero di richiesta, riportato nella domanda di borsa di studio e rilevabile anche nella sezione “Le mie richieste” dell’area riservata del portale dei servizi online dell’Ente.

Gli esiti della fase istruttoria e le eventuali note sono pubblicati anche nella pagina personale di ciascuno studente nel portale ERSU (cliccare sul n. di richiesta, linkabile, riportato della sezione “Le mie richieste”).

Si può consultare su Albo online dell’Ente la Determina del Direttore n. 140/2023, l’elenco dei partecipanti di primo anno e l’elenco dei partecipanti di anni successivi al primo.

Dalle ore 9:00 del 4/9/2023 e fino alle ore 14:00 del 15/9/2023, sarà possibile effettuare la rettifica ai dati dichiarati nella domanda di borsa di studio (es. rettifica cfu, rettifica prot. DSU, altro) presentando il “Modulo di rettifica/integrazione dati” (l’applicazione online per la compilazione e l’invio del modulo, disponibile nella sezione “Procedure e concorsi attivi” dell’area riservata del portale dei servizi online dell’Ente, sarà attiva durante il suddetto periodo).

Maggiori informazioni sul sito www.ersupalermo.it , mentre è possibile consultare anche le FAQ al modulo online di rettifica/integrazione dati dichiarati nella domanda di borsa di studio a.a. 2023/2024.

Per eventuali informazioni e/o chiarimenti, gli studenti possono mettere in contatto con gli uffici attraverso ERSU risponde

News

Marettimo Italian Film Fest, i premiati Stella Maris 2024

Redazione

Pubblicato

il

Premio alla carriera a Giancarlo Giannini, a Giuseppe Zeno per la fiction “Bianca”, ad Anna Safroncik per “Se potessi dirti addio”


Straordinaria partecipazione di pubblico alla quinta edizione dell’evento che si è concluso con il coinvolgente concerto degli Audio2

Gran finale memorabile per il Marettimo Italian Film Festival, che sull’isola incontaminata delle Egadi ha visto alternarsi per sei giorni volti noti del cinema italiano e della tv. Nella serata conclusiva, l’ospite di eccezione è stato Giancarlo Giannini, che ha ricevuto il Premio alla carriera “Stella Maris”. Tra gli altri premiati: Giuseppe Zeno per la fiction “Bianca”, Anna Safroncik per “Se potessi dirti addio” e Francesco Beltrame, produttore esecutivo di “Makari” per la Palomar. Riconoscimenti anche alla giovane attrice Federica Pagliaroli e a Giuliana Gamba per il docufilm “Era scritto sul mare”, dedicato ai pionieri italiani che hanno cercato fortuna in America. A salire sul palco pure Denny Mendez.

Tra gli altri ospiti, Martina Catalfamo e Ginevra Francesconi. Per suggellare il legame e il riconoscimento tra i marettimari e le istituzioni, sono stati assegnati due premi speciali: il Premio “Sebastiano Tusa” al comandante generale del corpo delle Capitanerie di porto, ammiraglio Nicola Carlone, e a Barbara Marrocco, farmacista di frontiera. A consegnare i premi, tra gli altri, il senatore Maurizio Gasparri, che ha un legame particolare con l’isola, Cettina Spataro, presidente Solemar Eventi, Toto Vento e Giorgio Rusconi del direttivo Solemar.

Protagonista della quinta edizione del Festival è stata anche Maria Grazia Cucinotta, ospite per un omaggio a Massimo Troisi in occasione dei 30 anni de “Il Postino”. Tra i conduttori che si sono alternati durante la manifestazione, Gabriella Carlucci (vicepresidente del Festival), Pierluigi Diaco, Alessio Orsingher e Giordano Bruno Guerri. Uno dei momenti salienti dell’edizione 2024 è stato il talk “Il cineturismo”, con la partecipazione di Nicola Tarantino, direttore della Film Commission Sicilia, Ivan Ferrandes di Filming to West Sicily, Fabio Corsini della Film Commission Palermo e Sergio D’Arrigo, storico del cinema. Un momento di confronto importante per evidenziare le opportunità offerte per attrarre produzioni, anche internazionali, tra le splendide location che la Sicilia è in grado di offrire.

Organizzato dall’Associazione Culturale SoleMar-Eventi con il contributo dell’assessorato al turismo della Regione Siciliana, Comune di Favignana, del Ministero della Cultura e il patrocinio del Ministero dell’Ambiente, il Marettimo Italian Film Festival è un evento che riesce a portare il cinema dove il cinema non c’è. “Quest’anno c’è stato un vero salto di qualità, il Festival è cresciuto di livello artistico e culturale – sottolinea entusiasta Cettina Spataro – E da marettimara, mi ha fatto un enorme piacere che ospiti così illustri abbiano definito la nostra straordinaria terra come ‘un’isola primitiva, di un’intelligenza superiore di cui essere orgogliosi’, un complimento che ci riempie di gioia e nello stesso tempo ci carica di entusiasmo per iniziare a lavorare, sin da subito, alla prossima edizione. Per il 2025 contiamo di organizzare un evento che punterà a diventare sempre di più un riferimento per divulgare il cinema italiano. Un piccolo angolo di paradiso da poter vivere tutto l’anno, ma anche capace di catalizzare grandi ospiti, creare dibattito ad altissimo livello, sia nel settore del cinema che in quello ambientale, attraverso documentari e rappresentanti istituzionali di spessore”.

Focus sull’Ambiente.

Oltre alle proiezioni cinematografiche, organizzate anche altre iniziative dedicate all’artigianato e alla gastronomia tipica, ingredienti che fanno da volano all’economia di Marettimo, perla tra le isole delle Egadi che vantano la riserva marina più grande d’Europa (53.992 ettari e 74 km di costa). Durante la manifestazione sono stati proiettati due documentari: uno sulle attività realizzate in un anno dal Governo per l’ambiente e la sicurezza energetica, e l’altro sulla crociera attorno al mondo della “Nave scuola Amerigo Vespucci”, curandone la produzione incentrata su cinque temi (Biodiversità, MER, AMP, Cibo e Pesca, Energie Rinnovabili), un lavoro che illustra le pratiche e le strategie dell’Italia per la tutela del mare e della sua biodiversità. Il festival rappresenta un palcoscenico privilegiato per il sostegno alla tutela del mare e alla sostenibilità, proprio perché organizzato in una perla incontaminata, portavoce di pratiche a sostegno di azioni “green” sempre più consapevoli, anche attraverso l’organizzazione della Summer School, realizzata all’interno delle iniziative del Festival. Si tratta di un programma di educazione ambientale che si propone di formare i ragazzi sui temi della tutela dell’ambiente, la salvaguardia dei mari, i cambiamenti climatici, le politiche di sviluppo sostenibile e le nuove tecnologie, e che anche quest’anno ha visto protagonisti quaranta giovani siciliani a scuola d’ambiente nell’area marina protetta più grande d’Europa. L’iniziativa, organizzata dall’Associazione SoleMar-Eventi, è svolta in collaborazione con il National Geographic (con gli explorer Giovanni Chimienti, Marta Musso, Davide Brunetti e Martina Capriotti, biologi marini), il Comune di Favignana-Isole Egadi, l’Area Marina Protetta “Isole Egadi” e il contributo di Bolton Group-Rio Mare che ha illustrato ai ragazzi i suoi progetti per la pesca sostenibile.

Leggi la notizia

News

Crash informatico, Codici: i passeggeri hanno diritto a rimborso o riprotezione del volo

Redazione

Pubblicato

il

 

L’associazione Codici fornisce alcune indicazioni sulle azioni che i viaggiatori possono intraprendere alla luce del caos nel trasporto aereo scatenato dal guasto informatico che sta interessando tutto il mondo.

 

“La situazione è in continua evoluzione – dichiara Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – e la confusione è tanta. Il guasto informatico ha una portata non indifferente, ma questo non deve essere un alibi per scaricare i disagi sui passeggeri”.

 

“Prima di tutto le compagnie devono garantire un’informazione corretta e tempestiva – afferma Stefano Gallotta, avvocato di Codici esperto nel settore viaggi e turismo – e questo non starebbe avvenendo, stando a quanto riportato dagli organi di informazione e dal racconto anche di alcuni viaggiatori. I diritti devono essere rispettati anche in situazioni simili. Il passeggero può chiedere il rimborso del biglietto o la riprotezione sul primo volo utile, in quest’ultimo caso con l’assistenza e, ove necessario, il pernottamento gratuito”.

 

I passeggeri in difficoltà con il volo possono richiedere l’assistenza dell’associazione Codici al numero 065571996 o all’indirizzo segreteria.sportello@codici.org.

Leggi la notizia

Cultura

Street Food 2025: un viaggio on the road attraverso la tradizione più nuova che c’è

Redazione

Pubblicato

il

 

Oltre 630 insegne per la più completa mappa nazionale del cibo di strada all’italiana e 20 Campioni Regionali.

 In Sicilia, Scollo Salumeria e Gastronomia a Catania primeggia con il titolo di Campione Regionale 

tra le 51 insegne che rappresentano la regione
Roma, 15 luglio 2024 – Espressione autentica delle nostre tradizioni, lo street food è un fenomeno sempre più trasversale, capace di unire generazioni e fasce sociali nel segno del gusto e del cibo di qualità. E la Guida Street Food 2025 del Gambero Rosso, giunta alla sua 10° edizione, ne è la celebrazione più vivida: un coloratissimo viaggio attraverso piazze, vicoli e mercati per raccontare l’evoluzione di un trend che, su solide radici popolari, proietta ramificazioni e innesti pressoché infiniti della varietà delle eccellenze gastronomiche locali di ogni regione italiana. 

 

Osterie, paninerie, pizzerie, bacari, mercati, friggitorie sono i veri templi del cibo di strada, dove quotidianamente milioni di persone partecipano al rito del mangiare all’aperto, assaporando le specialità tipiche di ogni angolo d’Italia. Quest’edizione della Guida testimonia anche il coraggio e l’apertura all’innovazione verso nuove esperienze culinarie, in un melting pot di sapori e ricette, soprattutto nelle grandi città dove le contaminazioni sono sempre più frequenti. Non c’è da stupirsi quindi di trovare ravioli giapponesi a Torino, pizza al taglio a Milano o gnocco fritto a Cagliari tra le specialità dei 20 Campioni Regionali di questa pubblicazione. “Un’attitudine al sincretismo gastronomico che è sempre più evidente in questa edizione della guida Street Food, la decima, un decennio nel quale il Gambero Rosso ha raccontato la parabola contemporanea del cibo di strada in Italia” commenta Pina Sozio, curatrice della Guida.

 

La Guida, i Campioni Regionali e il Premio Speciale

 

Sono 633 gli indirizzi più interessanti selezionati dal Gambero, tra attività stanziali e itineranti, cui è riservata un’attenzione particolare nell’appendice finale dedicata ai migliori food truck che portano le loro specialità ovunque; e con il grande ritorno del Premio Speciale Street Food on The Road, presente agli esordi della Guida, che celebra, appunto, le eccellenze del cibo di strada itinerante. La corona spetta all’abruzzese Bracevia – A tutta pecora che da quasi vent’anni porta in giro per l’Italia su una Fiat 500 gialla i veri arrosticini, con carni di pecora di alta qualità. 

 

Rispetto all’edizione precedente, accanto alle insegne storiche, fanno il loro ingresso 129 nuove attività imprenditoriali di cui 16 già conquistano il titolo di Campione Regionale (su 20 in tutto).

 

 

 

La Sicilia

 

Ad aggiudicarsi la corona d’oro la new entry Scollo Salumeria e Gastronomia di Catania: oltre trent’anni è una realtà di quartiere consolidata che difficilmente passa inosservata. L’assortimento da delicatessen cattura l’attenzione dei passanti e, accanto a salumi, formaggi pregiati e altri prodotti (conserve, cioccolato, paste, sughi, colombe e panettoni selezionati dai migliori pasticceri e fornai d’Italia), c’è un banco di rosticceria e tavola calda da encomio: arancini gustosissimi e ben fritti, calzoni, torte rustiche, focacce, cipolline, contorni, verdure al forno e all’agro, caponate e tanto altro. 

 

Questa insegna insieme alle altre 50 sparse su tutto il territorio, con una presenza più massiccia nelle grandi città, fanno della Sicilia la regione più rappresentativa di questo stile di godere del buon cibo che riflette la ricca storia culturale e le tradizioni culinarie dell’isola, offrendo piatti autentici come arancini e cannoli, che utilizzano ingredienti locali freschi e mostrano l’influenza delle diverse dominazioni storiche. 

 

Palermo è la capitale siciliana indiscussa dello street food con le sue 20 insegne, seguita dalla città di Catania con le sue 10 eccellenze di cui 2 new entry, oltre al Campione Regionale: Castorina Urban Barbecue, un piccolo chiosco nella storica Pescheria della città, dove nel 1921 la famiglia Castorina ha realizzato una delle più antiche macellerie della città; e Friggitoria Popolare, il locale che mancava a Catania dedicato alla pizza fritta, cibo della tradizione e della cucina popolare italiana.

6 sono le insegne che rappresentano la vivace Ragusa con il nuovo ingresso FOZ – Fermento Officina Zero un’officina del gusto che è anche concept architettonico moderno dove consumare cibo buono, sano e prodotto in maniera etica e sostenibile.

1 new entry anche per la splendida Messina: Cannata Sicilian Bakery l’avventura di Tommaso Cannata che continua con la quarta generazione nel nuovissimo locale a un passo dal mare, mantenendo viva la tradizione panettiera; e un nuovo ingresso per la storica Siracusa: PanificioAntico Forno Carbè l’attività della famiglia Carbè, che con i suoi circa cinquant’anni di storia è un vero e proprio punto di riferimento per la zona.

 

Anche in provincia i nuovi ingressi si fanno notare: Stuzzicadenti a Modica (RG), un brand e format giovani che si fanno apprezzare per la proposta super pop; Muffuletteria di Riesi (CL), il “pani cunzatu bistrò” è il progetto dei fratelli Sara e Giuseppe Toninelli e dello chef Enrico Pantorno, partiti da uno dei prodotti più iconici del centro Sicilia, il pane tipico muffuletto.

 

L’ambito riconoscimento Migliore Food Truck itinerante se lo aggiudica l’Azienda Agricola Agrituristica Il Vecchio Carro, l’azienda agrituristica di Giuseppe Oriti, specializzata nella produzione di porchetta di suino Nero dei Nebrodi. Il food truck, oltre al famoso panino con la porchetta, propone maccheroni al sugo di suino Nero dei Nebrodi e grigliate.

 

 

Per la classifica completa si rimanda al pdf allegato.

 

19_SICILIA

 

 

Gambero Rosso è la piattaforma leader per contenuti, formazione, promozione e consulenza nel settore del Wine Travel Food italiani. Offre una completa gamma di servizi integrati per il settore agricolo, agroalimentare, della ristorazione e della hospitality italiana che costituiscono il comparto di maggior successo, a livello internazionale, per la crescita dell’economia. Unico nel suo format di operatore multimediale e multicanale del settore, Gambero Rosso possiede un’offerta di periodici, libri, guide, broadcasting (Sky 415 e 133) e web OTT con cui raggiunge professionisti, canali commerciali distributivi e appassionati in Italia e nel mondo. Gambero Rosso Academy è la più ampia piattaforma formativa professionale e manageriale per la filiera agroalimentare, della ristorazione, della ospitalità e del turismo. Gambero Rosso offre al sistema produttivo italiano un programma esclusivo di eventi di promozione B2B per favorirne il costante sviluppo nazionale e internazionale. www.gamberorosso.it e www.gamberorossointernational.com

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza