Oggi la caduta del Muro di Berlino. Silvia Nemeckova, cecoslovacca di Pantelleria così racconta al nostro giornale

Abbiamo ricevuto una toccante lettera da parte di Silvia Nemeckova, nata in Cecoslovacchia e residente a Pantelleria da tanto tempo.

Essa dedica, oggi 9 novembre, il suo ricordo al giorno della Caduta del Muro di Berlino e alla conquista della libertà.

Oggi il 9 novembre 2019 si festeggiano 30 anni dalla caduta del Muro di Berlino. Con la caduta del muro
della dittatura comunista della Germania Est, giorno dopo giorno si sono cominciati a togliere anche i fili
spinati in ex Cecoslovacchia, Romania e Bulgaria. Noi che abbiamo vissuto sulla pelle la dittatura comunista
sappiamo molto bene che significa non essere liberi, non poter comprarsi liberamente il biglietto del treno,
dell’aereo e semplicemente partire e poi liberamente tornare dalle vacanze o anche dal soggiorno dello
studio o dal soggiorno lavorativo passato all’estero. Io in questi giorni seguo la TV italiana che si dedica
pienamente e con tante interesse e comprensione all’anniversario così importante della libertà delle
persone impotenti nel regime comunista, paurosi e privi dei semplici diritti di poter anche liberamente
parlare e dire ciò che pensano. Essere liberi non è così naturale come si può immaginare chi non ha vissuto
la dittatura comunista forse spesso rischia di cadere nella dittatura.
Io dal 2001 vivo a Pantelleria, perché ormai vivevo liberamente in Italia dal 1997 e potevo liberamente
viaggiare in Italia, liberamente vivere e studiare la lingua italiana di cui sono innamorata, e liberamente
conoscere i posti bellissimi che offre l’Italia. Seguendo le immagini storici dei tedeschi a Berlino come il 9
novembre 1989 alle 23,30 all’improvviso tanti uniti e decisi con un semplice BASTA! potevano passare la
dogana dell’Berlino Ovest, mi viene voglia di piangere e urlare dall’emozione come la vita in cui possiamo
essere liberi e sentirsi liberi di tornare a casa quando ne vogliamo è bellissima.
A Pantelleria ci siamo solamente due donne dell’ex Cecoslovacchia, e ci sono tanti rumeni, che sappiamo
molto bene che significa vivere non vivendo in dittatura. Oggi noi in famiglia a Pantelleria festeggiamo.
Perché io voglio festeggiare! Ormai da 30 anni possiamo liberamente festeggiare e brindare alla libertà
dell’essere e del’vivere. Invito anche i Panteschi festeggiare con noi. Vi invito a festeggiare anche la vostra
libertà che perché ve la manteniate e spesso ci insegniate nonostante inconsapevolmente che ogni
cittadino ha dei diritti di vivere liberamente, e che dopo 30 anni noi dell’Est Europa siamo liberi e dobbiamo
sentirsi liberi di vivere. Io oggi alzo il calice e brindo ai tedeschi del 1989 forti, uniti e decisi combattere e
che non avevano paura di unirsi e combattere contro l’ingiustizia della dittatura.

Viva la libertà. Io brindo
alla libertà di vivere! CIN CIN.

Silvia Nemeckova

© Riproduzione Riservata. 

News Recenti (Scorri a destra per leggerne altre)

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

RESTA SEMPRE AGGIORNATO SULLE ULTIME NOTIZIE

Iscrivendoti riceverai le ultime notizie via mail, potrai disattivare l'iscrizione in qualsiasi momento. Leggi la nostra Privacy Policy.

Commenti

avatar
  Iscriviti  
Notificami
Argomenti: , , ,

Ricevi le notizie via mail

Iscrivendoti riceverai le ultime notizie via mail, potrai disattivare l'iscrizione in qualsiasi momento. Leggi la nostra Privacy Policy.

Menu