Segui i nostri social

Cultura

Messina, Il corto “Caramelle” di Matteo Panebarco si aggiudica la quarta edizione del Cineclub dei piccoli

Marilu Giacalone

Pubblicato

-

 

La serata finale del Festival cinematografico dedicato all’infanzia, che ha la direzione artistica di Francesco Torre, è stata ospitata al cinema Lux di Messina. La pellicola vincitrice è stata la più votata dagli studenti e si è anche aggiudicata il premio FICC per la migliore regia. 

 

23 ottobre – E’ il cortometraggio “Caramelle” del regista Matteo Panebarco ad essersi aggiudicato la quarta edizione del Cineclub dei piccoli, il festival cinematografico dedicato all’infanzia, che si è svolto a Palermo, Messina e Barcellona Pozzo di Gotto (Messina). 

 

L’evento, la cui serata finale è stata ospitata al Cinema Lux di Messina, è organizzato dalle associazioni culturali Arknoah e Cineforum Orione in collaborazione con FICC – Federazione Italiana dei Circoli del Cinema ed Europa Cinemas, con la direzione artistica di Francesco Torre e con il coinvolgimento degli istituti comprensivi le cui scolaresche sono state investite del ruolo di Giuria e hanno partecipato ad attività laboratoriali dedicate al cinema. 

 

Il corto “Caramelle” è stato il più votato dalla giuria degli studenti e si è anche aggiudicato il premio FICC – Federazione Italiana dei Circoli del Cinema per la miglior regia. 

 

Le scuole coinvolte quest’anno sono state la Direzione Didattica Statale “A. Gabelli” di Palermo, gli Istituti Comprensivi “Enzo Drago” e “San Francesco di Paola” di Messina e l’Istituto Comprensivo “Capuana” di Barcellona Pozzo di Gotto.

 

Questa la motivazione della giuria FICC: “Il film di animazione Caramelle racconta di memorie e dispetti davanti a una tomba familiare. La cornice del racconto e i personaggi coinvolti, compreso un simpatico cagnetto, sono ben disegnati e rappresentati, come la parte musicale e dei suoni a fare da sfondo a una storia vera. Di importante riflessione è la morale conclusiva: l’armonia familiare si ricompone grazie all’animo generoso e alla bontà del protagonista bambino, che riesce a trasformare il valore simbolico della dolcezza di una caramella in pace, amore e serenità della propria famiglia”.

 

Il lavoro di Matteo Panebarco, ispirato a una storia vera, narra di un legame affettivo fortissimo che unisce tre generazioni: padre/nonno, figlia/madre, nipote/figlio. Una relazione talmente forte da superare i confini tra la vita e la morte, il mondo terreno e l’aldilà, in un’atmosfera di affascinante realismo magico.

La storia è semplice: Lucia è una donna di 40 anni che saltuariamente fa visita alla tomba del padre nel cimitero cittadino. Un giorno trova sulla tomba una carta colorata di caramella tutta appallottolata. Il curioso episodio si ripeterà più volte, fino a quando Lucia scoprirà il perché. Il “pivot” della storia sono le caramelle del titolo, una sorta di rivisitazione in chiave pop della madeleine proustiana.

 

Questo corto è una produzione Panebarco & C. in associazione con Mediterraneo Cinematografica per una WeShort Originals, ed è sostenuto da Emilia-Romagna Film Commission, Ministero della Cultura e Comune di Ravenna.

 

La direzione artistica è stata affidata al Concept e Visual Designer Carlo Casavecchia; il cortometraggio è stato realizzato utilizzando la tecnica dell’animazione 3d, ma i fondali sono fotografici e riprendono angoli insoliti della città di Ravenna, nella zona Darsena, ai giorni nostri, con flashback, rimandi e tuffi nel passato.

 

Francesco Torre, direttore artistico del Festival, fa un bilancio di questa quarta edizione del Cineclub dei piccoli: “Il concorso ha dato il suo verdetto ma tutti i corti sono stati accolti dai 1.000 bambini coinvolti con grande entusiasmo, e un plauso va dato dunque anche a tutti gli altri autori in gara. Il cinema di animazione italiano è vivo e vitale, e la sala può contare ancora di un insuperabile appeal nei confronti delle nuove generazioni. Il Cineclub dei Piccoli è questo: promozione del linguaggio cinematografico, del cinema di animazione, del cinema italiano, della visione in sala. E i riscontri positivissimi di questa edizione, con le scuole e con il pubblico, ci danno motivazioni e responsabilità per una quinta edizione ancora più aperta e ricca di incontri, proiezioni e workshop”.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura

Palermo, quando un pane cunzatu si trasforma in magnifico cocktail di sapori siciliani

Direttore

Pubblicato

il

Tutta la Sicilia in un panino.

Il pane cunzatu da 30 centimetri, come viene descritto, e che racchiude magnificamente i sapori di tutta la Sicilia.
Un cocktail raffinato, realizzato da Daniele Guttadoro. Ed è proprio il talentuoso chef di Vucia Palermo a descriverne la ricetta: pane nero di tuminnia (il grano antino siciliano), i pomodori rosso fuoco, l’olio superiore di Ragusa, le olive di Castelvetrano, acciughe di Sciacca, sgombri pescati a  Marzamemi e infine il tocco di freschezza con i limoni di Siracusa.

Si tratta dell’espressione massima di sicilianità e prova che nella nostra regione le eccellenze sono molteplici dal mare alla terra, basta saperle trovare e mettere insieme con grazia e amore.

Di seguito il video del pane cunzatu, con Daniele Guttadoro di Vucia Palermo.

Il video:    Vucia Palermo – Pane cunzatu

Leggi la notizia

Cultura

I cognomi di Pantelleria: Baldassar e Caradonna

Redazione

Pubblicato

il

BALDASSAR

La grafia originaria è Baltasar/Baltassar (poi italianizzato in Baldassar), quindi di chiara provenienza spagnola. Infatti il capostipite in Pantelleria è Giacomo Baldassar, un milite della guarnigione del castello, nato nel 1570 circa in Spagna. Muore in Pantelleria l’11 gennaio 1616 (lunedì) all’età di 46 anni. Arma della casata: En plata, dos toros afrontados, el diestro de sable y el siniestro de azur (In campo d’argento, due tori affrontati, il destro di nero e il sinistro d’azzurro). Nell’isola il milite Giacomo Baldassar contrae matrimonio con certa Giuseppa presumibilmente ai primi del ‘600. Dalla coppia nascono Anna e Melchiore o Melchiorre Anna Baldassar sposata il 27 luglio 1633 (mercoledì) con Pietro Virmegio, da cui ha Giovanna Virmegio, che il 13 luglio 1653 (domenica) sposa Giovanni Ferrandey con il quale ha Pietro Ferrandey, Giovanni Ferrandey, Giuseppe Ferrandey, Anna Ferrandey e Giovanni Battista Ferrandey. Melchiorre Baldassar contrae matrimonio con Dorotea Giglio, figlia di Nicolò Giglio e sua moglie Antonella, in data 27 luglio 1633 (mercoledì). Il cognome Baldassar si estingue in Pantelleria nella seconda metà del ‘600.

CARADONNA
Cognome originario della Sicilia Occidentale (trapanese), attualmente diffuso nel triangolo Salemi, Marsala, Alcamo. Tracce di questa cognominizzazione si rinvengono in Sicilia già nel 1200 con tale Nicola Caradonna feudatario. Il capostipite in Pantelleria è Petro o Pietro Caradonna, che è il chirurgo militare della guarnigione del castello. Negli atti è detto “magnifico” e per sua posizione sociale lo ritroviamo padrino in numerosi battesimi e testimone in altrettanti numerosi matrimoni. Ne citiamo alcuni: il 10 marzo 1588 è padrino nel battesimo della piccola Vincenza Cirillo, figlia di mastro Iacopo; nel 1597 è padrino nel battesimo di Vittoria Martines De Cordua; nel 1606 è testimone al matrimonio di Modesto Brignone con Leonarda Lo Pinto. Pietro Caradonna contrae matrimonio con Giovanna De Pero, da cui ha Giovanni Antonio Caradonna. Quest’ultimo si sposa il 10 gennaio 1627 con Bernardina Aghilon, figlia di Giacobo Aghilon e sua moglie Leonarda. Dalla coppia Caradonna-Aghilon nascono: Pietro Giacomo Caradonna, nato il 24 luglio 1628;

Giuseppe Felice Caradonna, nato il 23 ottobre 1630; Raffaele Caradonna, che il 29 maggio 1664 sposa Francesca Cucciardi, figlia di Mario Cucciardi e Vita De Silva.
Dalla coppia nasce Bernardina Caradonna; Francesca Caradonna; Maria Caradonna. Un pronipote del nostro chirurgo militare è Pietro Caradonna, vivente nell’isola a cavallo del ‘600/’700 e che è sposato con Giuseppa Polito, dalla quale ha Giuseppe Caradonna. Questo Giuseppe si sposa il 23 febbraio 1716 (domenica) con Caterina Sardano, figlia di Antonio Sardano e Giovanna Di Malta. Rimasto vedovo, si risposa il 29 febbraio 1740 (lunedì) con Giuseppa Rallo.

La casata Caradonna si estingue in Pantelleria nel Settecento, probabilmente proprio con questo Giuseppe Caradonna, che, benché sposato due volte, sembra non avere avuto alcun figlio in nessuno dei due matrimoni.

Orazio Ferrara

Leggi la notizia

Cronaca

Il Generale Vannacci sospeso per 11 mesi dopo il libro.  Dimezzato lo stipendio

Redazione

Pubblicato

il

Il Generale dell’Esercito Roberto Vannacci è stato sospeso dall’impiego per 11 mesi.
La notizia è stata diffusa da fonti legali che hanno riferito del procedimento disciplinare avviato il 30 ottobre 2023 dal Ministero della Difesa in seguito alla pubblicazione del libro Il mondo al contrario. La sanzione include anche la detrazione di anzianità e il dimezzamento dello stipendio. L’avvocato del Generale Vannacci, Giorgio Carta, ha dichiarato che presenterà un immediato ricorso al Tar del Lazio.

Salvatore Battaglia Presidente Accademia delle Prefi

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza