Segui i nostri social

Cultura

Mazara d. V., XVI Premio Nazionale “PESCHERECCIO D’ORO”, domani al teatro Rivoli

Redazione

Pubblicato

-

Mazara del Vallo la XVI Edizione del Premio Nazionale “PESCHERECCIO D’ORO”. Venerdì 5 aprile 2024 teatro Rivoli ore 20.30
 
Tutto pronto per la XVI edizione del Premio Nazionale “PESCHERECCIO D’ORO 2024” prodotto dalla Campisi Communication, con il patrocinio della presidenza dell’ARS (assemblea regionale siciliana) e con la partecipazione della presidenza della Camera dei Deputati. L’importante riconoscimento come ogni anno viene assegnato a coloro che durante l’anno si sono distinti nel mondo della letteratura, cultura, giornalismo, teatro, cinema, sport, televisione. Tra le tematiche collegate ai premiati, l’immigrazione, il femminicidio, l’antimafia, la guerra in Ucraina e medio-oriente, la legalità.  
 
L’evento culturale si svolgerà venerdì 5 aprile presso il teatro Rivoli di Mazara del Vallo. La prima parte in programma alle ore 9.00 prevede l’incontro fra le delegazioni scolastiche con i giornalisti e premiati e la seconda parte alle ore 20.30 con il Galà delle premiazioni.
 
L’evento sarà presentato da Piero Campisi e Giulia Cazzaniga (Rai). Testimonial Piero Chiambretti
 
PREMIATI: Paolo Borsellino (Alla Memoria), presenzierà la nipote, scrittrice Roberta Gatani. In collegamento il fratello Salvatore Borsellino. Luciana Coluccello (Giornalista, Reporter Tv, Scrittrice), testimonial il giornalista Corrado Formigli. Luca Telese (Giornalista, Opinionista, Scrittore). Antonella Marascia (Scritrice), testimonial il giornalista Rai Paolo Aleotti. Pino Strabioli (Regista e attore teatrale, conduttore Tv-RadioRai). Testimonial Maria Grazia Cucinotta. Toni Capuozzo  (Giornalista, Scrittore, Conduttore tv). Testimonial Massimiliano Latorre. Prof.ssa Maria Rita Parsi (Psicoterapeuta, Scrittrice, già membro Comitato Onu diritti  dei minori. Presidente della Fondazione Movimento Bambino). Associazione Nazionale Italiana Magistrati, testimonial Vittorio Brumotti. Mons. Vito Rallo, arcivescovo titolare di Alba e nunzio apostolico. L’autore giornalista Rai Peppe Ciulla (trasmissione Il Cavallo e la Torre). Leonardo Frosina per il cinema, sezione Filmaker – DIT. Testimonial il regista Tom Shankland. Il calciatore dell’Unione Sportiva Mazara 46, Gino Giardina per avere realizzato il goal più veloce d’Italia. La ASD Futsal Mazara 2020, di recente vincitrice della Coppa Italia nazionale.
 
Il premio è opera realizzata dal Liceo Artistico di Mazara del Vallo. 

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cultura

MARSALA, CONCORSO “TERRA SENZA MAFIA”: PREMIATI I VINCITORI

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

Si è tenuta presso il centro “Giusti di Sicilia” di Marsala la premiazione della quarta edizione del concorso “Terra senza mafia”, organizzato dall’Opera di religione “Mons. Gioacchino Di Leo ODV”, col patrocinio della Diocesi e del Comune e in collaborazione con la Fondazione “San Vito Onlus”. Il tema di quest’anno era “Come combattere la mafia ogni giorno?”. Ecco i premiati. Sezione adulti: Antonella Sciacca, Cristina Stefania Leoni, Grazia Dottore. Sezione giovani: Matteo Danesi, Noemi Barbera, Asia Messina, Ali Kawtar, Noujoud Abdelghani, Gabriele Giambalvo, Umberto Graziano, Sophia Angileri, Flavio Ceccarelli. Sezione ragazzi: Giuseppe Volpe, Francesco Pipitone, Hafiane Ranim, Martina Amodeo, Mariarita Sardo, Emily Pellegrino e la V A del plesso “San Michele Rifugio” di Marsala. Alla cerimonia di premiazione, oltre don Francesco Fiorino (direttore dell’Opera di religione), hanno partecipato monsignor Angelo Giurdanella, Vescovo di Mazara del Vallo e Massimo Grillo, sindaco di Marsala. Nel corso della manifestazione sono stati inseriti nell’elenco dei “Giusti di Sicilia” il sindacalista Salvatore Carnevale e il magistrato Cesare Terranova, entrambi vittime della violenza mafiosa.

Leggi la notizia

Cultura

Pantelleria, dal 23 maggio l’Azienda Almanza riprende “Calici in cratere”, rimirando la luna avvolti dalla notte isolana

Direttore

Pubblicato

il

L’Azienda agricola Denny Almanza, dal 23 maggio, ore 18,00/21,00, dà il via alla nuova stagione di “Calici in cratere”.

Il progetto riparte con il nuovo plenilunio di maggio 2024, che cade proprio il giorno 23 per protrarsi fino al mese di ottobre.

La fortunata idea di degustazione dei prodotti tipici panteschi, realizzati secondo la tradizione, con le sapienti mani del titolare, fa vivere ai suoi ospiti momenti indimenticabili: avvolti amorevolmente dalle oscurità isolane e inebriati dalle fragranze dei vini, mentre si rimirano la luna piena e le belle stelle.

L’esperienza mette in sollecitazione tutti i sensi del corpo umano, anche per la suggestiva location che si sceglie di volta in volta, ma che è sempre uno degli affascinanti crateri panteschi, tra Gibele, Cuddia Mida, etc. a circa 600 metri di altitudine.

Le narrazioni, poi, circa l’agricoltura eroica, la cultura e la società pantesca nella storia, incantano all’ascolto del nostro “cicerone del cielo e della terra”, Denny Almanza, appunto.

Questi è noto anche per la sua passione per le api, cui dedica moltissimo spazio delle sue laboriose giornate.

Gli appuntamenti sono già fissi: tutti i mercoledì e venerdì fino a ottobre. Per prenotazioni: 3668253519.

Segui l’Azienda Almanza sui social

Leggi la notizia

Cultura

Mazara, Giornata della Legalità della Parrocchia San Lorenzo

Redazione

Pubblicato

il

MAZARA, LA GIORNATA DELLA LEGALITA’ DELLA PARROCCHIA S. LORENZO

Giovedì 23 maggio, con inizio alle ore 15,30, presso la parrocchia San Lorenzo di Mazara del Vallo verrà celebrata la Giornata nazionale della legalità, organizzata dalla parrocchia per commemorare le vittime di tutte le mafie e per educare alla cultura della giustizia e della legalità.

Alle ore 15,30 si terrà il ritrovo a San Lorenzo, poi il corteo sino al parco urbano di Miragliano; ore 16, visita al Giardino della memoria e piantumazione di un albero; ore 16,30, dialogo sulla legalità e la giustizia; ore 17, giochi di gruppo dei ragazzi del catechismo e festa insieme con portateco.

«Trasformare il giorno della massima espressione dell’illegalità e della paura, in un giorno di sana memoria e di realistica speranza è uno dei modi possibili per arginare il malaffare e per educare le nuove generazioni, perché quello che è successo non succeda mai più – spiega don Giuseppe Alcamo, parroco a San Lorenzo – ogni giorno tutti abbiamo modo di costatare che respiriamo ancora una cultura mafiosa, che incute paura e impone violenza, anche solo verbale. Ritrovarsi insieme, numerosi e coraggiosi, è una testimonianza per affermare che non possiamo e non vogliamo sottostare a nessuna forma di violenza e che la nostra forza è la giustizia e la legalità».

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza