Segui i nostri social

Cultura

Lampedusa – Sport e partecipazione attiva, i progetti europei per i giovani

Redazione

Pubblicato

-

L’AGENZIA ITALIANA PER LA GIOVENTÙ PRESENTA
A LAMPEDUSA I PROGETTI EUROPEI PER I GIOVANI

SPORT E PARTECIPAZIONE ATTIVA: STRUMENTI DI CRESCITA E COESIONE

Il Ministro Abodi: “Impegno concreto di questo Governo verso Lampedusa e i suoi ragazzi ai quali vogliamo offrire sempre maggiori opportunità”

 

Lampedusa, 01 dicembre 2023. “L’Italia chiamò. Il coraggio di essere protagonisti”, questo il titolo della due giorni che si è appena conclusa a Lampedusa e durante i quali l’Agenzia Italiana per la Gioventù, promotrice dell’iniziativa, si è confrontata con i ragazzi dell’isola, tutti coinvolti in attività di formazione. L’agenzia – nata con lo scopo di sostenere i programmi europei Erasmus+, Gioventù e Sport, Corpo europeo di solidarietà – ha deciso di puntare sullo sport come strumento di integrazione sociale, crescita personale e benessere psico-fisico. A trasmettere questi valori, insieme al Commissario straordinario dell’Agenzia, Federica Celestini Campanari, e al Ministro per lo Sport e i giovani, Andrea Abodi, anche il Sindaco di Lampedusa, Filippo Mannino; il Capo Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale, Michele Sciscioli; l’On. Fabio Roscani, membro della Commissione Cultura, scienza e istruzione alla Camera; e la Presidente del Consiglio Nazionale dei Giovani, Maria Cristina Pisani e il Vicario Generale Arcidiocesi di Agrigento, Don Giuseppe Cumbo.

 

“Sono qui non solo per ribadire quanto lo sport sia importante per il benessere psicofisico e contribuire a migliorare la qualità della vita delle persone di tutte le età, ma soprattutto per lanciare un messaggio forte ai lampedusani: questo Governo è presente e si impegna a offrire sempre maggiori opportunità ai giovani e alle giovani dell’isola. A partire da quelli che praticano e praticheranno lo sport in tutte le sue forme. Le studentesse e gli studenti mi hanno chiesto di poter pensare a un palazzetto dello sport polifunzionale e una piscina, ma anche un aiuto per l’organizzazione delle trasferte fuori da Lampedusa. Ho promesso loro – ha dichiarato il Ministro Abodi – che faremo la nostra parte, per dare risposte concrete in tempi ragionevoli, collaborando con l’amministrazione comunale e con la Regione Siciliana.”

 

L’iniziativa – fortemente voluta a Lampedusa proprio per sottolineare come le offerte per i ragazzi non conoscano confini – è volta a indirizzare gli studenti verso nuove proposte formative e verso la pratica dello sport, strumenti di inclusione sociale e crescita professionale, in linea con gli obiettivi dei Programmi europei. La manifestazione, che prende il titolo dal libro scritto da Carmelo Lentino, “Tokyo2020, l’Italia chiamò”, è stata l’occasione per presentare agli studenti la mostra realizzata con gli acquarelli che rappresentano le medaglie olimpiche conquistate dagli atleti italiani.

 

“Da questa splendida isola abbiamo deciso di lanciare un segnale forte: ossia che le occasioni offerte dall’Unione Europea non hanno limiti e anche i ragazzi lampedusani si devono sentire parte integrante, non solo dell’Italia ma dell’Europa intera. Per questo abbiamo voluto illustrare loro tutte le possibilità che i progetti comunitari propongono. Abbiamo scelto lo sport perché rappresenta da sempre un elemento chiave per il futuro dei giovani, nonché un elemento tanto riconosciuto quanto efficace per trasmettere valori importanti come quello dell’inclusione e l’educazione ad atteggiamenti etici e morali” – ha aggiunto il Commissario Celestini Campanari.

 

Un evento che, attraverso workshop e dibattiti formativi voluti per promuovere la partecipazione attiva giovanile e la promozione dello sport, è riuscito a coinvolgere non solo gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Lampedusa ma tutti gli abitanti dell’isola anche grazie all’attenzione particolare che il Ministro ha rivolto in maniera esclusiva a tutti gli isolani confrontandosi anche con le associazioni locali.

 

“Noi siamo una terra di frontiera e questa volta a fare da protagonista non è la questione migratoria, ma i giovani di quest’isola che dovrebbero avere gli stessi diritti dei loro coetanei che vivono in altre località italiane e che, invece, si trovano quotidianamente a scontrarsi con i problemi di chi vive su un fazzoletto di terra in mezzo al Mediterraneo. Ringrazio l’Agenzia Italiana per la Gioventù, e in particolare il Commissario Celestini Campanari e il Ministro Abodi, per aver organizzato questo appuntamento che ha l’obiettivo di raccontare le possibilità per i giovani nel mondo dello sport e dell’inclusione sociale, nonché di dare ai ragazzi l’occasione di comprendere quali sono le opportunità che offre il Governo e l’Europa” – ha poi concluso il Sindaco Mannino.

Cultura

Palermo, l’Arsenale della Marina Regia sarà nuovo Museo del Mare e della Navigazione. Al via restauro

Redazione

Pubblicato

il

Al via il restauro dell’Arsenale della Marina Regia di Palermo dove nascerà il nuovo Museo del Mare e della Navigazione.
Sono stati affidati questa mattina, alla presenza dell’assessore regionale ai Beni culturali, Francesco Paolo Scarpinato, e del Soprintendente del Mare, Ferdinando Maurici, i lavori di ristrutturazione dell’Arsenale della Marina Regia di Palermo.
Sarà il consorzio RTI Pisciotta Costruzioni di Palermo, Unyon Consorzio di Scafati (Sa) e Symraxis srl di Palermo a realizzare il progetto nei locali dello storico edificio situato nei pressi del porto, in via dell’Arsenale.
Ci vorranno 18 mesi per il completamento dei lavori che, oltre alla riqualificazione dei locali, prevedono la realizzazione del nuovo “Museo del Mare e della Navigazione della Sicilia”, gestito dalla Soprintendenza del Mare. L’importo complessivo per la realizzazione delle opere è pari a oltre 4 milioni e mezzo, a valere sui Fondi per lo sviluppo e la coesione 2014-2020 – “Patto per lo sviluppo della Regione Siciliana”.
«La Sicilia si dota finalmente di uno spazio espositivo moderno che racconterà il mare e la storia ad esso legata – afferma l’assessore ai Beni culturali e identità siciliana, Francesco Paolo Scarpinato – Un territorio, che fin dall’antichità ha avuto uno stretto legame con il mare e la navigazione, ha il dovere di raccontare ai suoi visitatori ciò che più ha caratterizzato le sue vicende nel corso dei secoli. La valorizzazione e la divulgazione del patrimonio culturale legato al mare sono una mission dell’assessorato, che potrà finalmente dotarsi di un museo in linea con gli standard più moderni».
La nuova struttura espositiva conterrà gran parte del patrimonio culturale sommerso e legato al mare recuperato negli ultimi venti anni e racconterà la storia del mare e della navigazione in Sicilia, dai primordi all’età contemporanea, con un processo narrativo sull’archeologia subacquea, i traffici marittimi, i commerci, le rotte, gli scambi, la pesca e la pirateria. Sarà un percorso di valorizzazione e fruizione innovativo grazie all’utilizzo di sistemi multimediali, che offriranno ai visitatori un panorama completo del patrimonio culturale materiale e immateriale dei mari e delle coste siciliane. Previsto anche un bookshop e una biblioteca di settore oltre che uno spazio relax con caffetteria per ospitare i visitatori. Durante i lavori, i reperti attualmente esposti all’Arsenale saranno custoditi nella sede della Soprintendenza del Mare, nel complesso Roosevelt dell’Addaura.

In copertina immagine da ©sopritendenzadelmare

Leggi la notizia

Cultura

Pantelleria, lunedì 19 febbraio l’UNIPANT presenta le nuove attività didattiche e culturali per il 2024

Redazione

Pubblicato

il

Lunedì 19 febbraio alle ore 18.00, presso l’Oratorio Punto Luce della Chiesa del SS Salvatore, si terrà la Presentazione delle nuove attività didattiche e culturali che l’Università Popolare di Pantelleria proporrà per i prossimi mesi, con alcune anticipazioni anche di quelle che partiranno il prossimo autunno.

Le attività dell’UNIPANT, acronimo creato dal Maestro Cossyro, tra i soci fondatori dell’ETS, hanno avuto il Patrocinio del Comune di Pantelleria che, insieme al Circolo Didattico D’Aietti, si è adoperato a rendere disponibili delle classi della Scuola Elementare del capoluogo per poter effettuare i nuovi corsi e quelli che sono in attesa di partire da novembre.

“Dobbiamo dire che sinceramente non ci aspettavamo tale riscontro da parte dell’isola,” afferma la Presidente Francesca Marrucci. “Ci siamo ritrovati con più di 170 preiscrizioni ai nostri corsi, ma abbiamo potuto attivarne solo 11 perché non avevamo un luogo dove poterli tenere. Ora, grazie alla disponibilità del Preside Provenza, del Circolo Didattico e l’appoggio dell’Assessore Pineda, potremo finalmente avviare i corsi in attesa e i nuovi che riceveranno le iscrizioni necessarie.”

Durante la presentazione di lunedì saranno illustrate le nuove attività didattiche tra corsi, seminari e laboratori, alcuni dedicati prettamente ai bambini e le attività culturali che saranno proposte per l’estate.

“Oltre alle attività didattiche, ne organizzeremo altre culturali per l’estate, sperando di poterlo fare in una sede adeguata. Si tratterà di eventi per tutti: per i panteschi ‘adottivi’ che passano qui i mesi estivi, per gli isolani, ma anche per i turisti che vorranno partecipare, con un’attenzione particolare alla ‘scoperta’ dell’isola e delle sue tradizioni,” conclude la Presidente. 

In questi giorni è partito anche il primo seminario dei tre previsti per il Progetto Panteschità: futuro di un territorio e della sua comunità scelto per il Bando della Democrazia Partecipata 2023. Si tratta di un seminario sulle tradizioni, dialetto, cultura panteschi in 10 parti che Nuccia Farina sta tenendo presso il Circolo di San Vito, dedicato ai panteschi e ai non panteschi che vogliono approfondire la conoscenza dell’isola.

I 2 prossimi appuntamenti verteranno sull’agricoltura isolana, con la disamina degli antichi nomi legati a questa pratica, gli antichi strumenti e attrezzi e le testimonianze degli isolani. Si terranno il 17 e il 24 febbraio a partire dalle 17.00. Tutti gli appuntamenti del Seminario sono gratuiti e aperti a tutti i cittadini.

Dal 9 marzo partirà presso il Circolo Ogigia il Seminario in 8 parti DONNA NON È DANNO a cura di Francesca Marrucci che esaminerà la donna nella Storia, nelle canzoni e nella letteratura, nella società rurale con un prezioso intervento di Antonietta Valenza, la donna e la disabilità, i diritti delle donne e le situazioni di violenza ed infine due illustri ospiti, Martina Michelangeli, studiosa, esperta di Dante Alighieri, e Lorenza Fruci, giornalista, scrittrice e esperta culturale, ci regaleranno due seminari monografici le cui tematiche saranno svelate proprio lunedì durante la presentazione degli eventi.

Infine, ad aprile, partirà il Seminario PANTELLERIA: ISOLA COME MODELLO SOSTENIBILE a cura di Angelo Parisi e Stefano Scaltriti, in 5 parti dedicate alle energie rinnovabili e all’agricoltura sostenibile. Ne daremo i dettagli a marzo. 

Per saperne di più, i cittadini, gli organi di informazione, i soci e le associazioni sono invitati ad essere presenti lunedì.

Pantelleria, 16 febbraio 2024

Leggi la notizia

Cultura

Marina di Ragusa, approdato stamani al Porto Turistico il suggestivo Galeón Andalucía

Redazione

Pubblicato

il

RAGUSA – E’ approdato stamani al Porto Turistico di Marina di Ragusa il suggestivo Galeón Andalucía, una fedele replica dei leggendari galeoni spagnoli che hanno solcato i mari del mondo per tre secoli. Con i suoi maestosi 55 metri di lunghezza e i suoi bellissimi ponti, questa imponente imbarcazione ha già catturato l’attenzione di tutti coloro che hanno raggiunto i pontili per dare il benvenuto a questa gemma della storia marittima.
Il Galeón Andalucía, costruito con estremo rigore storico in legno di iroko e pino, è molto più di una semplice nave. È un pezzo di storia vivente, che ricorda i tempi passati in cui le imbarcazioni simili solcavano l’Atlantico, navigavano nei Caraibi e battevano le coste americane. Con quasi mille metri quadrati di superficie velica suddivisa in sette vele, questa nave incarna l’avventura e l’esplorazione che hanno caratterizzato le epoche passate.
Per tutti coloro che desiderano immergersi completamente nella vita a bordo del Galeón Andalucía, l’opportunità è da non perdere. Da oggi e fino al 25 febbraio, il pubblico avrà l’occasione unica di visitare questa maestosa imbarcazione al Porto Turistico di Marina di Ragusa. Potranno esplorare i suoi ponti, scoprirne i dettagli e conoscere l’affascinante storia della navigazione che ha accompagnato questa nave nelle sue traversate.

Ma il Galeón Andalucía non è solo una nave.

E’ un vero e proprio museo galleggiante della cultura marittima e per questo motivo la direzione del Porto Turistico di Marina di Ragusa ha favorito la presenza del bellissimo galeone anche in questo lembo di Sicilia. Con il suo equipaggio composto da 12 uomini e donne di diverse nazionalità, questa imbarcazione ha viaggiato per oltre 55.000 miglia nautiche attraverso gli oceani e i mari del mondo, ormeggiando nei porti di quattro continenti. Durante il suo grande tour europeo del 2024, parteciperà a importanti festival ed eventi internazionali, portando con sé la storia delle leggendarie navi spagnole che hanno messo in contatto i grandi continenti del pianeta.

Per coloro che vogliono prenotare la loro visita a bordo del Galeón Andalucía, i biglietti sono disponibili sul sito web di Vela Cuadra www.velacuadra.es dove è possibile trovare anche varie informazioni. Le scuole e le associazioni possono anche programmare la loro visita inviando un’e-mail all’indirizzo ecampos@velacuadra.es.
L’orario di apertura è dalle 10:00 alle 19:00 e i prezzi variano a seconda dell’età e della tipologia di biglietto desiderati (adulti 10 euro, bambini 5, famiglie 25 con due adulti e fino a 3 bambini).

In copertina foto di Silvio Rizzo

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza