Segui i nostri social

Cultura

Istruzione – Sicilia, Di Silvestro (Lega) ““I Comuni si attivino per i fondi previsti per asili nido e scuole dell’infanzia”

Redazione

Pubblicato

-

Nota

“Con il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri sono state stanziate le risorse per finanziare gli interventi relativi alla realizzazione, messa in sicurezza, ristrutturazione e riqualificazione degli Edifici Pubblici. Grazie ai fondi stanziati i Comuni hanno la possibilità di migliorare i servizi destinati alle Famiglie e alle Nuove Generazioni”, queste le parole di Antonino Di Silvestro – Dirigente Regionale del Dipartimento Famiglia della Lega Sicilia – che invita le Amministrazioni locali a richiedere i contributi affinché anche i territori da loro amministrati possano migliorare i servizi offerti. “C’è tempo fino al 21 maggio 2021 per la presentazione dei progetti che possono prevedere anche la realizzazione o valorizzazione di centro polifunzionali famiglie”, continua Di Silvestro riferendosi alle Pubbliche amministrazioni “non dimentichiamo mai che il futuro passa dai nostri figli, dalle generazioni che oggi vivono gli spazi pubblici ed è nostro compito, nonché dovere, dedicargli un mondo migliore.”

Cultura

Geraci Sicula, importante riconoscimento per Agricola Puccia: Eccellenza Italiana

Marilu Giacalone

Pubblicato

il

Importante riconoscimento per l’Agricola Puccia: le sue produzioni di carni e salumi di qualità sono entrati a far parte del registro delle Eccellenze Italiane. L’iscrizione è arrivata nelle scorse settimane.

L’azienda, guidata dal giovane Santi Giaconia, è il fiore all’occhiello della filiera agroalimentare ed è conosciuta in Sicilia e in Italia non solo per la qualità delle produzioni, ottenute da animali allevati all’interno di un’area di pregio ambientale: le Madonie, ma anche per la sua sostenibilità ambientale.
Con il suo frigo-macello di ultima generazione, uno stabilimento capace di coniugare la massima funzionalità produttiva al minimo impatto ambientale. La struttura è autosufficiente dal punto di vista energetico facendo ricorso ad un impianto fotovoltaico e ad un impianto di biodigestione anaerobica dal quale ricava energia elettrica dai liquami e dagli stessi scarti aziendali.

Dotato di tre linee di macellazione: bovini, suini e ovini e un moderno tunnel di raffreddamento che permette la conservazione dei prodotti e di preservarne freschezza e morbidezza delle carni. E ancora la linea di trasformazione dei salumi permette di ottenere un prodotto finito pronto per la commercializzazione.

Leggi la notizia

Cultura

1° Dicembre, oggi inizia l’Inverno meteorologico: durerà fino al 28 Febbraio 2023, il 21 scocca il Solstizio

Marilu Giacalone

Pubblicato

il

Archiviato l’autunno meteorologico, oggi inizia l’inverno 2022/2023, ma per il Solstizio dovremo attendere ancora fino a giorno 21

di Filomena Fotia da Meteoweb.eu
 

 
 
Inizia oggi 1° dicembre 2022 l’inverno meteorologico e si archivia quindi l’autunno meteorologico.

  
 
Accelerare la transizione energetica grazie alle pompe di caloreIn collaborazione con Daikin
 

Le stagioni meteo

 
In meteorologia infatti le stagioni hanno una diversa ripartizione che non tiene conto né di solstizi né di equinozi. Le stagioni meteorologiche sono ripartite nel modo seguente:

Inverno meteorologico: dal 1 Dicembre al 28 (29) Febbraio
Primavera meteorologica: dal 1 Marzo al 31 Maggio
Estate meteorologica: dal 1 Giugno al 31 Agosto
Autunno meteorologico: dal 1 Settembre al 30 Novembre
In riferimento invece alle stagioni astronomiche, si ricordi che il 21 dicembre, alle 21:47 UTC, 22:47 ora italiana, entreremo ufficialmente in una nuova fase, inaugurata, come sempre, dal Solstizio d’Inverno.

La parola “solstizio” viene dal latino solstitium, composto da sol (Sole) e da un derivato di sistere (fermarsi). Il solstizio è quindi in sostanza, fin dall’antichità, il giorno in cui il Sole “si ferma”. Questo perché nei giorni intorno al solstizio il Sole dà l’impressione di “fermarsi” nel cielo, sorgendo e tramontando nello stesso punto. Un fenomeno che gli antichi osservavano con facilità, e che oggi è osservato da meno persone per via dell’urbanizzazione del territorio.

Il moto del Sole (bisognerebbe parlare in realtà di “moto apparente”, perché come sappiamo è la Terra a muoversi), tornerà a cambiare pochi giorni dopo il solstizio, con relativo allungamento delle giornate. E’ per questo che da millenni i giorni intorno al solstizio sono segnati da importanti feste e celebrazioni, di cui il nostro Natale è solo l’ultima dimostrazione.

Nel giorno del Solstizio il Sole si troverà alla sua massima distanza al di sotto dell’equatore celeste, e sarà minimo l’arco apparente da sudest a sudovest, cosa che lo renderà il giorno più corto dell’anno. Successivamente il Sole comincerà a risalire verso l’equatore celeste e le ore di luce aumenteranno gradualmente fino a raggiungere il culmine fra sei mesi, nel solstizio d’estate.

Il solstizio ritarda ogni anno circa 6 ore rispetto all’anno precedente, più precisamente di 5 ore 48 minuti e 46 secondi, e si riallinea forzosamente ogni 4 anni, in corrispondenza dell’anno bisestile, introdotto per evitare la progressiva divergenza delle stagioni con il calendario.

A causa della diversa velocità della Terra sull’orbita (maggiore al perielio e minore all’afelio), le stagioni astronomiche non hanno tutte la stessa durata: nell’emisfero boreale si registra complessivamente un semestre caldo (primavera-­estate) più lungo di circa 7 giorni e 6 ore del semestre freddo (autunno-inverno) ed il contrario avviene nell’emisfero australe.

Il maggiore riscaldamento del pianeta nella stagione estiva non dipende dalla distanza, ma dall’angolo d’incidenza con cui i raggi solari colpiscono la superficie e che in estate corrisponde a circa 70° e d’inverno a circa 23°. Le massime temperature non si registrano a Giugno, quando i raggi solari colpiscono la Terra più direttamente, ma a Luglio e Agosto, fatto spiegabile con l’idrosfera, la massa liquida del nostro pianeta, che costituisce una sorta di accumulatore di calore.

Leggi la notizia

Cultura

Demolito ponte medievale tra Ciminna e Mezzojuso. Denuncia di BCsicilia

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

Demolito un pregevolissimo ponte di origine medievale nel territorio tra i comuni  di Mezzojuso e Ciminna, in provincia di Palermo. L’antica architettura, denominata Ponte Garziolo, risalente al XIV sec., che permetteva di oltrepassare il torrente Azziriolo è stata distrutta nell’ambito dei lavori di ammodernamento della strada statale Palermo-Agrigento.
Il Ponte aveva un’unica arcata in pietra da taglio e una forma originaria a c.d. “schiena d’asino”, successivamente modificata tra la fine del XVIII sec. e gli inizi del XIX sec., per adattarlo alle mutate esigenze viarie derivanti dalla realizzazione della prima parte della c.d. Via Messina per le montagne. Risulta citato e descritto nello storico volume “Ordinazioni e regolamenti della Deputazione del Regno di Sicilia, Cura de’ ponti e delle strade del Regno appoggiata alla Deputazione”, Reale stamperia, Palermo 1782.
Il Ponte era sito a circa cinquecento metri rispetto ad un altro di pari epoca, denominato della Spina o Leonessa, che permette di attraversare un affluente dell’Azziriolo.
Già nell’agosto del 2014 era stato evidenziato il pericolo di danneggiamento o di demolizione dei due importanti ponti di arcaica fattura in quanto l’area in cui essi insistevano era interessata dai lavori relativi al raddoppio della statale Palermo-Agrigento.
Con una lettera inviata all’ANAS, al Nucleo Tutela Patrimonio Culturale dei Carabinieri, alla Soprintendenza Beni Culturali di Palermo, e ai sindaci di Mezzojuso e Ciminna, comuni nei quali ricade il ponte, venivano richiesti appositi chiarimenti in ordine al pericolo sopra evidenziato. Nel riscontrare la nota, l’ANAS aveva allora rassicurato circa l’assenza progettuale di opere che avrebbero potuto comportare il danneggiamento delle due storiche architetture.
Ma nonostante questa garanzia circa una settimana fa  Gaetano Lino e Salvatore Ferrara, componenti dell’Associazione BCsicilia, trovandosi a transitare nell’area, constatavano che il Ponte Garziolo era stato completamente abbattuto, e mentre i resti dello stesso si trovavano accatastati nei pressi del luogo ove sorgeva, al suo posto erano state allocate delle grosse gabbionate per la sistemazione dell’alveo del torrente. 
BCsicilia, ha pertanto presentato, assistita dall’avv. Antonio Stefano Anatra, una denuncia-querela alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Termini Imerese per accertare i fatti e gli eventuali rilievi penali.
“La distruzione di un antico ponte – afferma Alfonso Lo Cascio, Presidente regionale di BCsicilia – dimostra totale insensibilità verso la propria eredità culturale, e non vogliamo che la triste vicenda passi sotto silenzio. Per questo motivo chiediamo che si proceda all’accertamento delle responsabilità sulla demolizione di un manufatto di indubbia valenza storico-artistica e paesaggistica, soprattutto a tutela dei tanti attraversamenti che rischiano di fare la medesima tragica fine. Riteniamo opportuno che le istituzioni pubbliche procedano celermente al censimento dei circa cinquecento ponti che la Sicilia possiede al fine dell’effettiva tutela di uno straordinario patrimonio che merita di essere conosciuto, salvato e valorizzato”.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza