Segui i nostri social

Isole

Isole verso la vaccinazione di massa. Oggi Salina, da lunedì Pantelleria

Avatar

Pubblicato

il

Le Isole Minori della Sicilia hanno visto oggi lo start della vaccinazione di massa, per contrastare la pandemia da Covid-19, con la distribuzione di 30mila dosi di Moderna.

La prima è Salina, partita oggi, con 1.400 persone.

La campagna è rivolta a tutti i cittadini, dai 18 anni in su senza prenotazione e target, per come avrebbe dichiarato il commissario Covid a Messina, Alberto Firenze.

Nelle altre isole dell’arcipelago, si dovrebbe cominciare domenica, al massimo lunedì: Alicudi, Filicudi, Stromboli, Vulcano, quindi Panarea e infine Lipari che ha il maggior numero di residenti. L’obiettivo è fare in modo di avere le Eolie Covid free in quindici giorni. A Lampedusa Linosa – 3.900 persone – si comincia sabato. Si parte la settimana prossima nelle isole Egadi (FavignanaMarettimo Levanzo). A Ustica, il sindaco Salvatore Militello, incassate le vaccinazioni di massa (350 abitanti in lista) sta progettando di dare accesso alla sua isola ai soli vaccinati.

Anche Pantelleria partirà lunedì 10 maggio, con la nuova sede vaccinale presso la Mediateca, ma sulle modalità e sul tipo di vaccino, per 4000 persone, stando alle dichiarazioni di ieri del sindaco Vincenzo Campo, dovremo aspettare le indicazioni dell’ASP di Trapani, che dovrebbe arrivare in queste ore.

Paola Consolini

Isole

Isole Minori, la Caronte & Tourist sui bandi regionali per trasporto marittimo: “penalizzanti”

Avatar

Pubblicato

il

Nota

Tiziano Minuti, responsabile del personale e della comunicazione del Gruppo
Caronte & Tourist: “Bandi regionali per trasporto pubblico marittimo escludenti,
penalizzanti e irragionevoli. Non partecipare per noi una scelta sofferta ma
obbligata. Servizi assicurati fino al 31 dicembre 2021. Purtroppo inevitabile anche
l’avvio delle procedure di licenziamento collettivo”.

La decisione di non partecipare alle gare bandite dalla Regione Siciliana
per i servizi integrativi di Trasporto Pubblico Locale marittimo ha origine da valutazioni oggettive sui
contenuti tecnici ed economico/finanziari dei bandi.
Ci riferiamo in particolare ai vincoli per l’età massima del naviglio, evidentemente escludenti per i noti
requisiti anagrafici della nostra flotta; alla generalizzata riduzione della base d’asta; ai maggiori oneri
legati alla previsione dei costi operativi indeducibili; all’inasprimento delle penali per mancata
sostituzione del naviglio fuori servizio entro le 96 ore – tali da vanificare in questi casi, tutt’altro che
infrequenti e/o improbabili, la redditività prevista – e alla peculiare parametrizzazione del margine di
remunerazione contrattuale massimo cui l’esercente può aspirare, che lo rende del tutto inadeguato
rispetto al rischio d’impresa cui esso si sottopone. In altre parole, non si garantisce un margine di
profitto ma si preannuncia una perdita quasi certa.
Bandi, insomma, in alcuni passaggi perfino irragionevoli. Ritenendo di dover escludere
responsabilità politiche o problemi tecnico/giuridici creati dagli uffici, c’è da credere che il vizio sia stato
quello di un difetto o una carenza d’istruttoria (sulla valutazione dei reali bisogni dei territori e sulle
effettive necessità operative, ma anche nella valutazione delle esigenze delle platea dei potenziali
armatori interessati) da parte dei tecnici incaricati dalla Regione, se è vero come è vero che oltre al
gruppo Caronte & Tourist nessun altro armatore abbia ritenuto di poter o voler partecipare alla
gara.
Su una delle caratteristiche escludenti, com’è noto, il Gruppo Caronte & Tourist ha comunque
presentato ricorso al TAR e ci auguriamo che le nostre ragioni possano essere riconosciute in sede
giurisdizionale.
Come contrattualmente previsto, continueremo a garantire il servizio fino al 31 dicembre 2021. Lo
faremo con l’orgoglio e il rammarico di chi lo ha reso per decenni con riconoscimenti da parte di
committenti e clientela.
Nelle more, tuttavia, non possiamo esimerci dall’avviare le procedure di licenziamento collettivo del
personale fino a oggi impiegato sulle tratte oggetto di gara.

Leggi la notizia

Archeologia

A Marettimo l’ultimo itinerario archeologico sommerso della Sicilia – Video

Avatar

Pubblicato

il




Palermo, 8 settembre 2021 – Il Venticinquesimo itinerario archeologico sommerso della Sicilia, che andrà ad arricchire il Parco Archeologico Sommerso delle Isole Egadi, è stato indicato ufficialmente a Marettimo, nel punto di immersione denominato “San Simone 3”, a poche centinaia di metri dal porto di “scalo nuovo”.

La notizia della definizione del percorso sommerso è stata data, contestualmente alla proiezione del video di documentazione del sito realizzato da Riccardo Cingillo, in occasione del “FishTuna 2021” che si è appena concluso a Favignana.

“Questo nuovo itinerario di immersione – sottolinea l’assessore regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana, Alberto Samonà – conferma l’importanza che ha l’archeologia subacquea nell’offerta culturale regionale. I venticinque siti ad oggi identificati e segnalati dalla SopMare, diretta da Valeria Li Vigni, costituiscono un’importante offerta che consente agli amanti delle immersioni di poter scoprire la parte nascosta della storia della Sicilia e dei traffici che si svolgevano lungo le rotte del Mediterraneo. Un settore, quello dell’archeologia subacquea, sul quale il governo regionale sta puntando molto, lavorando sul potenziamento delle relazioni tra siti archeologici in terraferma e siti in mare”.

Il sito di immersione, che è ben conosciuto dai diving center locali, si espande per un raggio di 50 metri ad una profondità variabile dai 15 ai 34 metri. Durante le riprese video, realizzate dalla Soprintendenza del Mare della Regione Siciliana, sono stati rilevati un’ancora ammiragliato a una profondità di 27 metri, un ceppo di ancora romana a 34 metri, due ancore litiche a 28 metri, una di forma sferica a goccia e una a forma esagonale, un’ancora di ferro a forma di croce – possibilmente tardo romana – a 27 metri e, infine, un’anfora in perfetto stato di conservazione del tipo Dressel 1C a 31 metri di profondità. Il paesaggio sommerso è costituito da roccia e Posidonia con alcuni anfratti e grotte facilmente visitabili dai subacquei.

Alla missione erano presenti la Soprintendente Valeria Li Vigni insieme a Ferdinando Maurici Pietro Selvaggio. “Sul sito – dice la Soprintendente Li Vigni – abbiamo effettuato anche visite guidate dai sub della SopMare su segnalazione del diving riscontrando ancore di diverse tipologie tra cui un’ancora Dressel 1A. La ricognizione ci fa ben sperare anche sulla possibilità di definire anche un nuovo e ulteriore itinerario che andrebbe ad arricchire l’offerta della fruizione del patrimonio sommerso di Marettimo”

Leggi la notizia

Ambiente

Il futuro del pianeta con l’energia rinnovabile. Pantelleria nel programma “Isole Minori” per l’autosufficienza energetica

Avatar

Pubblicato

il

La generazione di imprenditori del ventunesimo secolo è sicuramente quella che più di tutte le precedenti ha scelto di occuparsi dell’energia rinnovabile, dal momento che quella non rinnovabile scarseggia sempre di più, ed è questo quello che maggiormente spaventa in previsione futura.

Sempre un numero maggiore di aziende, privati ed enti pubblici ricorrono all’energia rinnovabile per alimentare impianti industriali e civili.

Conoscere l’argomento energia rinnovabile è importante per diversi motivi. Una distinzione che spesso viene fatta in tale ambito è quella tra fonti rinnovabili “classiche” (essenzialmente idroelettrico e geotermia) e fonti rinnovabili “nuove”, tra cui vengono generalmente incluse l’energia solare, eolica e da biomassa.

Impianti fotovoltaici e isolamenti termici

Nelle grandi città l’impiego di fonti rinnovabili sta subendo un forte incremento: l’installazione di impianti fotovoltaici è fra le prime forme di investimento di imprenditori e nuclei familiari assemblati che scelgono di puntare su case e capannoni che riescono a “mantenersi da sé” e nella migliore delle ipotesi a fornire un introito aggiuntivo.

Durante i lavori di ristrutturazione appartamenti molte aziende, d’accordo con i loro clienti, scelgono di eseguire lavori di coibentazione o isolamento termico in poliuretano espanso cosiddetto cappotto delle parete esterne o interne del palazzo. Un buon isolamento, unito alla scelta di rispettare l’ambiente e sfruttare la potenza “gratuita” delle fonti rinnovabili, fanno bene alla natura e al proprio portafogli.

Le fonti rinnovabili per salvare il pianeta

Il preoccupante destino della Terra e degli uomini che la vivono ogni giorno da migliaia di anni. Gli abitanti del nostro pianeta, noi compresi anche se non è così evidente, stanno consumando giorno per giorno le riserve di materiali che alimentano le nostre fabbriche, le nostre città e le nostre case (e quindi i nostri computer, i frigoriferi, gli ascensori e ricaricano smartphone e tablet). Nel giro di alcuni anni saremo costretti a cambiare le nostre abitudini o a trovare delle fonti di energia alternative.

Inoltre, petrolio, acqua, gas, carbone, risorse senza le quali la civiltà contemporanea non si sarebbe mai sviluppata, stanno iniziando a dare i primi segnali di allarme, ciò vuol dire che bisogna puntare molto di più l’attenzione sull’energia rinnovabile nel rispetto dell’ambiente e nell’attenzione alla salvaguardia delle fonti di energia limitate, utilizzate fino ad oggi.

Per cui è necessario avvicinarsi a questi argomenti: le sostanze esauribili sono anche le più inquinanti, e stanno distruggendo in maniera irreparabile il nostro ecosistema. Il motivo in più è la semplice voglia di risparmio: ognuno potrebbe produrre, in parte o del tutto, l’energia di cui ha bisogno senza prelevare dalla rete nazionale e quindi senza pagare la bolletta ogni mese. Proprio per questo nella nostra penisola stanno prendendo forma progetti volti a sfruttare al massimo le energie rinnovabili. Un chiaro esempio è quello delle isole di Pantelleria, Savino e Favignana nel programma “Isole Minori”, volto a portare a termine una serie di interventi che consentiranno alle isole di raggiungere l’autosufficienza energetica utile per abbattere costi eccessivi e sprechi di energia inutili.

Le materie prime che permetterebbero di inquinare meno, risparmiare e salvarci dal tracollo ambientale ed energetico sono a nostra portata tutti i giorni, solo il sole, l’acqua, il vento, il calore. Il modo più facile per cominciare ad utilizzare energia rinnovabile e informarsi sulla possibilità, sempre più economica, di mettere un impianto in casa con pannelli solari termici, per scaldare l’acqua in casa senza pagare gas o elettricità, o pannelli solari fotovoltaici, per produrre energia in proprio e magari guadagnare dalla vendita della stessa alla rete nazionale.

Le prossime sfide

Anche se il mondo non è finito nel 2012 come previsto dai Maya, mettendo fine al loro calendario il 21 dicembre di quell’anno, la preoccupazione verso il futuro del nostro pianeta è davvero reale.

Dopo anni di inquinamento, incidenti nucleari, aumenti della temperatura terrestre e danni ambientali irreparabili, ora è urgente porre una speciale attenzione verso uno sviluppo delle nostre società compatibile con la sopravvivenza della Terra.

Aziende come la D5 Italia e la Soltek Srls stanno già facendo la loro parte per tutelare il mondo con l’innovazione e rendere la Terra un luogo migliore in cui vivere, ma ogni azienda e privato deve fare la sua parte per garantire un futuro stabile alle generazioni future.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza

© 2021 Il Giornale di Pantelleria - Un prodotto Noùs Editore Srls | Progettazione sito: Ferrigno Web Agency