Segui i nostri social

Cronaca

I Vini Doc Pantelleria inglobati nella Doc Sicilia. Veto del Sindaco Campo (INTERVISTA)

Direttore

Pubblicato

-

E’ degli ultimi giorni la notizia di inclusione dei Vini Doc Pantelleria nel sigillo Doc Sicilia.

La proposta viene dallo stesso Consorzio pantesco, al quale tuttavia giunge il veto di gran parte della comunità e  del Sindaco Vincenzo Campo.

La proposta:

E’ quella di aggiungere alla definizione Vini Doc Pantelleria la parola Sicilia.

Il presidente del Consorzio Vini Doc Pantelleria, Benedetto Renda già Presidente dell’Azienda Pellegrino, avrebbe spiegato che l’idea raggiunge due obbiettivi:

  1. incrementare il livello di tutela della denominazione ‘Pantelleria’ avvalendosi dei servizi di vigilanza effettuati dal Consorzio Doc Sicilia, che è investito di ampi poteri di controllo. Sembrerebbe, infatti, che la sinergia con il Consorzio Doc Sicilia, comporterà una minori costi per la Doc Pantelleria”.
  2.  aprire l’opportunità per i Vini ‘Pantelleria Doc’ di usufruire del massiccio piano di attività promozionali organizzate dal Consorzio Doc Sicilia, in Italia e all’estero.

Secondo alcune dichiarazioni del Consorzio, questa diverrebbe una ghiotta occasione per la nostra isola, poiché il brand ‘Sicilia’ nel mondo parrebbe più conosciuto di quello di ‘Pantelleria’, e, dunque i consumatori sarebbero aiutati comprendere meglio l’origine dei vini di Pantelleria e a valutarne l’acquisto.

Il veto del Sindaco di Pantelleria Vincenzo Campo, in una rapida intervista, aperta con la sola domanda: “Sindaco l’amministrazione comunale è in linea con questo progetto?

L’amministrazione comunale non è affatto d’accordo con la proposta del Consorzio. Le motivazioni che esso adduce non sono importanti per Pantelleria. 

La convenzione tra le due Doc sembrerebbe rivolta ad ottenere  un risparmio sui costi di controllo.

Per quanto riguarda, invece,  il marketing con la Doc Sicilia, si sdoganerebbe Pantelleria nel mercato internazionale, oscurando la tipicità del prodotto.

Pantelleria si sta espandendo nel mondo e attrae continuo turismo anche internazionale.

Del consorzio pantesco fanno parte due delle maggiori aziende vitivinicole di tutta la sicilia: Pellegrino e Donnafugata.”

Quindi, vorremmo sapere quali siano le reali intenzioni.

La nostra isola ha conquistato, lo ricordo, ben due riconoscimenti da parte dell’UNESCO: la vite ad alberello e i muretti a secco, proprio per la salvaguardia di un patrimonio straordinario.

Inoltre, i prodotti panteschi hanno una unicità perché tipiche in esclusiva del nostro territorio.

Entrare a far parte del band Doc Sicilia sarebbe un depauperare l’isola di questa unicità, uno sdoganare quanto con millenni i panteschi hanno realizzato.”

 

Si consideri che le aziende Pellegrino e Donnafugata hanno una posizione “dominante” nei confronti dei ben 325 singoli agricoltori, loro conferitori di uve.

Ora sull’isola questo è l’argomento principale, poiché il 15 giugno si deciderà sulle sorti di una intera comunità, della sua storia e dell’esclusività del suo oro.

 

 

Marina Cozzo è nata a Latina il 27 maggio 1967, per ovvietà logistico/sanitarie, da genitori provenienti da Pantelleria, contrada Khamma. Nel 2007 inizia il suo percorso di pubblicista presso la testata giornalistica cartacea L'Apriliano - direttore Adriano Panzironi, redattore Stefano Mengozzi. Nel 2014 le viene proposto di curarsi di Aprilia per Il Corriere della Città – direttore Maria Corrao, testata online e intraprende una collaborazione anche con Essere Donna Magazine – direttore Alga Madia. Il 27 gennaio 2017 l'iscrizione al Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti nel Lazio. Ma il sangue isolano audace ed energico caratterizza ogni sua iniziativa la induce nel 2018 ad aprire Il Giornale di Pantelleria.

Pubblicità
2 Commenti

2 Comments

  1. Avatar

    Dino Solari

    11:53 - Giugno 2, 2019 at 11:53

    Semplice. Ccontrabbandare il DOC passito moscato di Pantelleria come “vino liquoroso”di Sicilia. I supermercati d’Italia sono gia’ stati invasi da questo vino (?) che non niente a che vedere con il vero moscato passito di Pantelleria.

  2. Avatar

    Dino Solari

    11:57 - Giugno 2, 2019 at 11:57

    Contrabbandare il moscato passito di Pantelleria come “vino liquoroso” di Sicilia.
    I supermercati in continente sono pieni di questo prodotto venduto a un prezzo stracciato. Bisogna intervenire subito.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Economia

Pantelleria – Vinitaly: delegazione comunale a Verona

Direttore

Pubblicato

il

IL COMUNE DI PANTELLERIA AL VINITALY

Una delegazione dell’amministrazione comunale si trova a Verona per contribuire alla promozione dell’isola al fiera del vino più importante d’Italia.

Siamo qui per ricostruire per il futuro di Pantelleria.
Non solo la parte marketing ma anche per trovare sbocchi per la vendita dei prodotti della cantina di comunità, per il frantoio e per lo stabilimento delle erbe da condimento i cui progetti stanno per essere presentati a Bruxelles. E’ la dichiarazione del gruppo politico  pantesco presente in fiera

Leggi la notizia

Politica

Pantelleria, tesseramento Forza Italia con Tony Scilla sull’isola

Direttore

Pubblicato

il

L’On. Tony Scilla si trova a Pantelleria per presenziare al tesseramento del partito Forza Italia, insieme al primo cittadino dell’isola, Fabrizio D’Ancona, e a diversi rappresentanti della compagine politica.

Il deputato ARS mazarese così ha descritto la giornata di oggi:

Dalla splendida Pantelleria un’energica Forza Italia per un’entusiasmante giornata del tesseramento.
Essere presenti e radicati nelle realtà locali, anche in quelle più piccole, rappresenta per il nostro movimento un valore essenziale.
Un grazie di vero cuore al nostro Sindaco Fabrizio D’Ancona, agli assessori forzisti Adriano Minardi, Benedetta Culoma e Massimo Boní ed ai consiglieri comunali azzurri Antonio Culoma e Giusy D’Aietti.
Forza Pantelleria, Forza Provincia di Trapani, Forza Italia.

Leggi la notizia

Economia

Giornata del Made in Italy: 16 aziende diventano musei temporanei. Tra le eccellenze siciliane Susanna De Simone

Direttore

Pubblicato

il

Parte il contro alla rovescia per la “Giornata del Made in Italy”, che si svolgerà il 15 aprile in numerose città italiane, tra le quali anche Palermo. L’iniziativa è promossa dal Ministero delle Imprese e del Made in Italy. Sedici imprese del capoluogo siciliano allestiranno le proprie vetrine, mettendo in risalto le eccellenze locali e le loro produzioni, trasformandole così in musei temporanei.

«Il prodotto siciliano – ha detto l’assessore regionale alle Attività produttive Edy Tamajo – è da sempre riconosciuto in tutto il mondo. La capacità di mescolare tradizione e modernità, attraverso le proprie creazioni, è una forma d’arte con la quale raccontare la storia e il carattere siciliano, reinterpretandoli in modo attuale. Questo è possibile grazie a quella generazione che ha avuto il coraggio di restare o di tornare, in un’Isola difficile, ma piena di energia creativa e voglia di fare. Persone che hanno deciso di mettersi in gioco per promuovere la nuova Sicilia che ha voglia di cambiare».

L’apertura delle vetrine è garantita nelle giornate di lunedì 15 e martedì 16 aprile, dalle 10 alle 17.

L’elenco delle aziende

Questo l’elenco delle aziende che aderiscono all’iniziativa:

Oreficeria 1) MARCO CUPPARI JEWELS – corso Calafafimi 136 A 2) ROBERTO INTORRE gioielleria contemporanea – via Bara all’Olivella 115 3) FRANCO PADIGLIONE GIOIELLI – via Federico Pipitone 89

MODA E ACCESSORI 1) VUEDU FACTORY – via Sperlinga 32 2) IRENE FERRARA SPAZIO IF – via Principe di Granatelli 65 3) MARIANNA VIGNERI – via Principe di Granatelli 65 4) COCCADORO – presso piano terra di Palazzo Riso corso Vittorio Emanuele Sistema casaù 1) COLORI DEL SOLE – via Vittorio Emanuele 89/91 e 262/264 – via Riccardo Wagner 11/b 2) NINO PARRUCCA CERAMICHE – Via Riccardo Wagner 16/18 3) PATRIZIA ITALIANO CERAMICHE – presso piano terra di Palazzo Riso corso Vittorio Emanuele 4) MARTINA CIACCIO – via Civiletti 12 5) SUSANNA DE SIMONE LA FABBRICA DELLA CERAMICA – via M. D’Azeglio 21

Pasticceria 1) CAPPELLO – via Colonna Rotta 68 e via Nicolò Garzilli 19 2) OSCAR DAL 1965 – via Mariano Migliaccio 39 3) BAR COSTA – punto vendita presso nuova Marina Yachting – Porto 4) BADALAMENTI – via Lorenzo Iandolino 76.

In copertina immagine da ©susannadesimone punto vendita Pantelleria, presso L’Emporio del Gusto, di Fabrizia Bonì
Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza