Segui i nostri social

Economia

Gas: l’ombra della crisi persiste, +22% di costi in bolletta

Direttore

Pubblicato

-

Ad oggi la crisi energetica non è ancora stata risolta. Questo è dimostrato dall’aggiornamento delle tariffe del gas pubblicato dall’ARERA: per gli utenti sul mercato tutelato, la bolletta aumenta del +22,4%. Non solo, adesso tutti i fornitori di luce e gas hanno adottato offerte indicizzate, eliminando i prezzi fissi. Ciò significa che se il prezzo dell’energia aumenta, l’aumento si riflette su tutti coloro che hanno un prezzo indicizzato. La spesa per il gas di una famiglia media nell’anno in corso (dal 1° maggio 2022 al 30 aprile 2023) ammonta a circa 1.532,49 euro, con una diminuzione del -3,9% rispetto all’anno precedente. L’aumento supera le previsioni di Arera, evidenziando la gravità della situazione.

Insomma, non è ancora il momento di tirare un sospiro di sollievo e revocare le tutele a vantaggio dei consumatori introdotte durante la crisi energetica. La situazione è estremamente difficile anche per gli utenti che sono passati al mercato libero: in questo caso, i prezzi sono piuttosto disomogenei, soprattutto per coloro che hanno contratti a prezzo fisso. Questi dati rappresentano un serio campanello d’allarme che dovrebbe spingere il Governo, il Parlamento (e anche Arera stessa) a valutare attentamente la prevista fine del mercato tutelato all’inizio del nuovo anno. 

Allarme prezzo del gas: 3 ragioni per tenere gli occhi aperti

Il settore del gas continua a destare preoccupazione mentre l’ombra della crisi persiste. Con un aumento del +22% dei costi in bolletta, è cruciale prestare attenzione alle dinamiche che stanno influenzando i prezzi dell’energia. Anche se i mercati globali del gas si stanno riequilibrando gradualmente si prevede che rimarranno sotto pressione. Nonostante le misure di mitigazione contro la crisi energetica del 2022, come l’aumento delle esportazioni di gas naturale liquefatto e la diminuzione della domanda, persistono preoccupazioni in Italia, principalmente per 3 motivi. 

1. GNL in crescita: quali sono gli impatti sui prezzi del gas?

Il GNL (gas naturale liquefatto) rappresenta la maggior parte delle importazioni di gas in Europa, soddisfacendo una parte significativa della domanda durante la stagione di riscaldamento 2022/23. Le importazioni europee di GNL sono aumentate del 25%, grazie al contributo degli Stati Uniti.

Tuttavia, si prevede un modesto aumento della fornitura globale di GNL nel 2023, che potrebbe non compensare la riduzione delle forniture di gas dalla Russia all’Europa. Le importazioni cinesi di GNL invece, dopo una diminuzione nel 2022, si sono riprese a marzo, sostenute dalla domanda interna. Si prevede che gli afflussi di GNL in Cina aumenteranno nel 2023. L’equilibrio tra domanda e offerte potrebbe quindi mettere sotto pressione l’Europa,

2. Volatilità climatica e il settore del gas

Nonostante le prospettive fossero positive per i mercati del gas nel 2023, secondo l’AIE, si è ancora esposti a possibili fluttuazioni future. L’offerta globale di gas continuerà ad essere limitata e ci sono diverse incertezze che influenzano l’equilibrio globale.

Tra le incertezze, un fattore significativo è il clima. Una stagione estiva caratterizzata da siccità e mancanza di piogge potrebbe colpire l’Europa, determinando un aumento delle temperature e una maggiore richiesta di gas per l’utilizzo dei condizionatori. Allo stesso tempo, la scarsa pioggia influirebbe sulla produzione di energia idroelettrica, con conseguente riduzione dei livelli di produzione.

3. Occhio all’aumento dei consumi

Durante il periodo invernale del 2022, il consumo di gas in Europa è diminuito del 16%, registrando il calo più significativo in termini assoluti mai registrato secondo l’AIE.

Tuttavia, i fattori meteorologici rappresentavano solo il 40% della diminuzione della domanda nella regione. Altri elementi che hanno contribuito includono politiche di risparmio energetico, cambiamenti nei combustibili e l’aumento dei prezzi dell’energia. Con una generale diminuzione dei prezzi, potrebbe verificarsi un aumento del consumo, esercitando pressione sulla domanda e facendo salire i costi.

Litigio sulle bollette gas: governo vs Arera, la critica di Tabarelli
La disputa tra il governo e l’Arera si intensifica a causa dell’aumento delle tariffe del gas. L’Arera ha comunicato un incremento del 22,4% delle tariffe a aprile, interrompendo una serie di tre mesi consecutivi di calo. Questo aumento è dovuto alla decisione del governo di confermare l’IVA al 5% per le bollette del gas, ma di consentire gli oneri di sistema, in particolare per le spese di commercializzazione delle aziende. Di conseguenza, i costi indicati come UG2 nelle bollette di aprile sono aumentati del 29,5%.

Secondo il presidente dell’Arera, Stefano Besseghini, si sta cercando di raggiungere un equilibrio senza il sostegno finanziario dello Stato per affrontare la crisi e si spera che i prezzi del gas si stabilizzino a questi livelli nei prossimi mesi. Le previsioni indicano quotazioni inferiori a 40 euro sulla piattaforma Ttf fino a settembre, ma si prevede un aumento sopra i 50 euro nel quarto trimestre del 2023.

Secondo Davide Tabarelli, presidente di Nomisma Energia, le fluttuazioni delle tariffe del gas sono causate dalla decisione di apportare variazioni mensili anziché trimestrali, influenzando la componente regolamentata dei prezzi al consumo.

Nonostante ciò, la riduzione precedente delle tariffe è stata compensata dalla componente non regolamentata. Le famiglie affronteranno una spesa annuale maggiore, ma saranno compensate dalla riduzione della bolletta elettrica. Le imprese sono anche colpite da prezzi più elevati rispetto ai concorrenti internazionali. Tabarelli sottolinea che l’inflazione più alta è un prezzo da pagare per un’economia in crescita.

Gas: sfide crescenti richiedono azioni decisive

In conclusione, l’ombra della crisi energetica persiste nonostante gli sforzi per affrontarla. L’aumento del +22,4% delle bollette del gas e l’adozione delle offerte indicizzate da tutti i fornitori evidenziano la gravità della situazione. Nonostante una leggera diminuzione della spesa per il gas delle famiglie medie, è ancora prematuro revocare le tutele a vantaggio dei consumatori. La situazione è particolarmente difficile per coloro che sono passati al mercato libero, con prezzi disomogenei e contratti a prezzo fisso. È fondamentale che il Governo, il Parlamento e l’ARERA valutino attentamente la fine del mercato tutelato, tenendo conto dei fattori come l’aumento del GNL, la volatilità climatica e l’aumento dei consumi. La gestione di questa crisi richiede un’attenzione costante e una valutazione accurata delle sfide che si presentano nel settore del gas.

Fonte: studio ProntoBolletta

Marina Cozzo è nata a Latina il 27 maggio 1967, per ovvietà logistico/sanitarie, da genitori provenienti da Pantelleria, contrada Khamma. Nel 2007 inizia il suo percorso di pubblicista presso la testata giornalistica cartacea L'Apriliano - direttore Adriano Panzironi, redattore Stefano Mengozzi. Nel 2014 le viene proposto di curarsi di Aprilia per Il Corriere della Città – direttore Maria Corrao, testata online e intraprende una collaborazione anche con Essere Donna Magazine – direttore Alga Madia. Il 27 gennaio 2017 l'iscrizione al Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti nel Lazio. Ma il sangue isolano audace ed energico caratterizza ogni sua iniziativa la induce nel 2018 ad aprire Il Giornale di Pantelleria.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Economia

Pantelleria – Emergenza capperi, il Capperificio Giglio/Bonomo compensa con ottima paga per mantenere tradizione

Direttore

Pubblicato

il

Il Ceo del Capperificio Giglio/BonomoGabriele Lasagni, lancia questo appello per incentivare il ritorno alla raccolta dei capperi: 13 euro al Chilo ai lavoratori

E’ emergenza capperi, più che mai, quest’anno per diversi fattori.
Vuoi la siccità che sta mettendo in ginocchio l’intera Sicilia, non di meno la nostra piccola realtà, vuoi la mancanza di braccia nei campi.

Ma ci spiega meglio la situazione lo stesso imprenditore.

Che è successo al settore del cappero, Dr. Lasagni? “E’ stato messo in ginocchio da queste due annate di siccità, per cui le produzioni sono crollate.
In più si aggiunge il problema demografico: ogni anno perdiamo sempre più raccoglitori, per avanzato stato di età e non c’è ricambio generazionale.”

Questo secondo fenomeno da cosa dipende, dalla fatica che richiede il lavoro? “Esattamente! Non crediamo sia una questione di prezzo, bensì mancanza di gioventù che venga a raccogliere.

Insomma, rischiamo che Pantelleria perda un pilastro della cultura isolana? “E’ così! Il microcosmo dell’agricoltura pantesca è estremamente in difficoltà. Vogliamo incentivarla e offriamo 13 euro al kg i capperi raccolti. 
La proposta è questa: se un contadino raccoglie una quantità esigua di prodotto, può venire in capperificio da noi. Il pagamento della somma importante, verrà fatto immediatamente sull’unghia.
Contiamo che questo valga come sprone per tornare nei campi anche l’anno prossimo e  a seguire.”

Quella che sta promuovendo il capperificio è una campagna di promozione, di sviluppo, di incentivazione del lavoro straordinario della raccolta dei capperi: si faticoso, si pesante, si tutto quello che si vuole, ma che dà soddisfazioni, ora anche economiche con il progetto esposto da Lasagni.

Tale è l’importanza di questo mestiere e della passione verso la coltura del cappero, che il capperificio ha realizzato un museo che funziona con successo, rappresentando un tassello di cultura pantesca e un richiamo turistico.

La raccolta dei capperi rientra nell’agricoltura eroica pantesca, quella che spezza la schiena, che mette anche paura, noia e che non è per tutti, solo per uomini veri, solo per eroi e gli eroi, sulla nostra isola con il nostro sangue, possono moltiplicarsi e dare nuovo vigore ad una eccellenza tutta pantesca riconosciuta a livello mondiale

Leggi la notizia

Economia

125 anni di Fiat, Spera (Ugl Metalmeccanici):”Evento che ha racchiuso storia, tappe e modelli fondamentali”

Redazione

Pubblicato

il

“Olivier Francois, CEO di FIAT, ha ospitato “Smiling to the future”, l’evento organizzato per celebrare il 125° anniversario di FIAT presso lo storico edificio del Lingotto e hanno tenuto i discorsi di apertura John Elkann, Presidente di Stellantis, e Carlos Tavares, CEO di Stellantis”

Lo riferisce il Segretario Nazionale dell’Ugl Metalmeccanici, Antonio Spera che su gradito invito ha preso parte alla Kermesse.

“Introducendo i lavori il Ministro delle Imprese e del Made in Italy Adolfo Urso ha ricordato quanto l’azienda Fiat sia stata presente nella vita dell’Italia e degli italiani. L’A.D. Fiat ha fornito nuove anticipazioni sui progetti futuri:  inaugurando la nuova ‘Casa FIAT’ alla Pinacoteca Agnelli è avvenuta la presentazione ufficiale di Fiat Grande Panda. E’ stata data  – prosegue Spera – qualche anticipazione sui futuri modelli che la principale casa automobilistica italiana lancerà nei prossimi anni: dovrebbe arrivare sul mercato anche la nuova 500 ibrida che sarà prodotta presso lo stabilimento Stellantis di Mirafiori per aumentare la produzione nella fabbrica e cosa importante, il suo debutto potrebbe essere addirittura anticipato al 2025. La strategia ‘Dare Forward 2030’ di Stellantis prevede un investimento di oltre 50 miliardi di euro nell’elettrificazione che riguarderà i prossimi dieci anni. Saremo sempre vicini a sostenere l’impresa che ha fondato l’industria italiana e tutti – aggiunge Spera – abbiamo responsabilità sociale del rilancio dell’auto italiana dove ora è il momento delle scelte e delle responsabilità. La cerimonia odierna è stata un evento importante per il nostro marchio Made in Italy – conclude Spera –: possiamo congratularci con i vertici Stellantis, oggi hanno fornito importanti anticipazioni sul futuro del brand, auspicando che tutti gli stabilimenti automobilistici italiani continueranno ad avere un ruolo di primo piano. Fiat in Italia significa anche un indotto di migliaia di posti di lavoro fatto di piccole imprese, una realtà che va oggi assolutamente salvato perché ne và a colpire tutto il sistema economico italiano”.

 

Leggi la notizia

Cultura

Safina: “Approvato DDL sulla promozione dell’artigianato di qualità”

Redazione

Pubblicato

il

L’On Safina: “Approvato il DDL sulla promozione dell’artigianato di qualità, un passo fondamentale per valorizzare le nostre eccellenze”

 

Trapani, 9 luglio 2024 – La commissione Attività Produttive dell’Assemblea Regionale Siciliana ha approvato il DDL 385 sulla promozione dell’artigianato di qualità, a prima firma dell’onorevole Dario Safina del Partito Democratico. Il disegno di legge mira a valorizzare e riconoscere l’importanza dell’artigianato siciliano, un settore che da sempre ha contribuito allo sviluppo del Made in Italy grazie alle eccellenti maestranze locali.

“La Sicilia, madre di popoli, culture e tradizioni, ha dato un contributo significativo al Made in Italy, grazie alla qualità delle nostre lavorazioni, frutto di abilità manuale, intelligenza, passione e cura dei particolari – ha dichiarato l’onorevole Safina -. Questo patrimonio è stato tramandato di generazione in generazione, salvaguardando mestieri in via di estinzione e adattandosi alle necessità delle produzioni senza mai compromettere la qualità”.

Il DDL 385 prevede, tra le altre misure, l’istituzione della Bottega Scuola, un luogo dove i Maestri Artigiani possono insegnare ai loro allievi, valorizzando uno degli aspetti più storici e importanti dell’artigianato siciliano. La qualifica di Maestro Artigiano sarà attribuita ai titolari d’impresa del settore artistico, tipico o tradizionale, trasformando le loro botteghe in luoghi di apprendimento.

“Riconoscere il lavoro dell’artigiano significa valorizzare il ruolo di artefice, creatore e Maestro. La Regione Siciliana adotterà provvedimenti diretti alla tutela e sviluppo dell’artigianato, con un’attenzione particolare all’occupazione giovanile, ai corsi di apprendimento e agli aiuti per le startup gestite da donne o disabili”, ha continuato Safina.

L’attribuzione del titolo di Maestro Artigiano non solo salvaguarderà lavorazioni di antico prestigio, ma offrirà anche opportunità professionali che, pur rispettando la tradizione, sapranno reinterpretare il passato attraverso le tendenze culturali, estetiche, innovative e tecnologiche del presente.

“Ringrazio l’ex parlamentare alcamese Valentina Palmeri che ha collaborato, partendo dal testo presentato nella scorsa legislatura, alla presentazione del nuovo Ddl e il collega Nello Dipasquale che ha architettato il documento con norme di spessore che riguardano più complessivamente l’artigianato. Adesso sarà importante puntare ad una riforma del settore, attesa da parecchi anni”, ha concluso l’onorevole Safina.

 

Questo disegno di legge rappresenta un importante passo avanti per la rivalutazione dell’economia della nostra Regione, che passa anche attraverso il settore dell’artigianato, una chiave di volta per il rilancio produttivo in un periodo di crisi economica. Ora la parola passa ora alla commissione Bilancio e poi all’Assemblea regionale per la definitiva approvazione.
 
 
 

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza