Segui i nostri social

Trasporti

Estate nera per i trasporti aerei: 25 milioni di risarcimento a giugno

Redazione

Pubblicato

-

Venticinque milioni di euro. A tanto ammonta la somma richiedibile da parte dei viaggiatori alle compagnie aeree, per il solo mese di giugno, per via dei pesanti disservizi aerei. Questa è la stima, raccolta dalla claim company, ItaliaRimborso , che, giornalmente, riceve reclami da parte di passeggeri, spesso lasciati da soli in aeroporto per via di un volo cancellato o di un volo in ritardo.

Un trend certamente in crescita nell’ultimo periodo e destinato ad aumentare nel corso dell’estate. Basti pensare che, nel mese di giugno, i disagi aerei sono triplicati rispetto al mese di maggio. Ciò è dovuto ad un aumento consistente dei voli operati da parte delle compagnie aeree, che, anche per via della pandemia, si ritrovano con un personale ridotto, rispetto alle offerte. Si stimava che il comparto aereo e turistico si sarebbe ripreso in maniera graduale nei prossimi quattro anni. Dai dati che emergono, tali studi non corrispondono alla realtà, poiché il turismo ed, in questo caso, i passeggeri aerei sono tornati ad una normalità che è andata oltre ogni aspettativa.

Ecco quindi che i disservizi aerei possono essere dietro l’angolo, considerando che luglio e agosto sono i mesi preferiti dagli italiani per partire. Il più dei casi, infatti, la responsabilità ricade proprio sulle compagnie aeree ed i passeggeri si possono rifare sul Regolamento Europeo 261/2004, ottenendo una compensazione pecuniaria che va da 250 a 600 euro. Una sorta di risarcimento richiedibile se il volo in ritardo supera le tre ore, o, se il volo viene cancellato con un preavviso inferiore a 14 giorni.

“Giornalmente – dice Felice D’Angelo, Ceo di ItaliaRimborso – veniamo costantemente contattati da migliaia di passeggeri che ricevono un disservizio aereo per richiedere la nostra assistenza. Ciò che stiamo analizzando in queste settimane è qualcosa che va fuori dal normale. Le compagnie, infatti, spesso, lasciano il viaggiatore solamente con una mail ed il passeggero, così, non si trova preparato, non conoscendo i propri diritti. I 25 milioni di euro richiedibili di risarcimento per i viaggiatori, per il solo mese di giugno, sono la testimonianza dei pesanti disservizi aerei di questi giorni. Ciò che fa rabbia è che solamente il 5% dei viaggiatori è informato dei propri diritti”.

È bene precisare che, in situazioni di sciopero, come le diverse che stanno caratterizzando questi giorni, il passeggero non può richiedere la compensazione pecuniaria, ma, può ottenere il rimborso delle spese sostenute per giungere a destinazione. Tra queste rientrano quelle per il trasporto, le eventuali notti in hotel e pasti. La voglia di viaggiare è certamente tanta, con i primi rapporti dei passeggeri, che si avvicinano costantemente a quelli del 2019, anno prepandemia. Il rischio, però, è che la domanda sia superiore all’offerta, con le compagnie che procedono con le tante cancellazioni improvvise, protagoniste a scapito di chi desidera passare qualche giornata in relax. Ecco quindi che è consigliato partire conoscendo i propri diritti.

A tal proposito ItaliaRimborso, che assiste i passeggeri gratuitamente, ha messo a disposizione un servizio di assistenza sette giorni su sette. La startup ha predisposto un form sulla home del proprio sito web www.italiarimborso.it , collegato all’innovazione brevettata che prestabilisce se al passeggero spetta o meno la compensazione pecuniaria di 250 euro.

Trasporti

Trasporti: gennaio da record all’aeroporto di Trapani Birgi

Marilu Giacalone

Pubblicato

il

Ombra (Airgest): «Superati i numeri pre pandemia. Anche per il Vincenzo Florio è boom, come scrive il Sole 24 Ore»

«Non possiamo che essere d’accordo con il Sole 24 ore che titola: “Aeroporti, boom dei piccoli scali. Passeggeri più che raddoppiati”. Anche per il Vincenzo Florio, infatti – commenta il presidente di Airgest, Salvatore Ombra -, continua la crescita da record delle attività, che a gennaio 2023 vedono transitare ben 43.293 passeggeri, con 435 movimenti, pari ad un +56% rispetto lo stesso mese dell’anno precedente. Un dato che ripaga la fiducia che la Regione siciliana e il presidente Renato Schifani hanno riposto nello scalo e che intendiamo migliorare ulteriormente per il bene del territorio».

I dati di gennaio 2023 in confronto agli anni precedenti

il dato dello scorso gennaio registra rispettivamente un +56% rispetto al 2022, + 551% rispetto al 2021, +99% rispetto al 2020 e un + 32% rispetto il 2019 con 32.773 passeggeri. Quindi è un risultato che supera persino quello del corrispettivo periodo pre pandemia.

L’aumento del traffico prescinde dalla riduzione del numero dei movimenti, pari al -5%, per la perdita delle tratte Ancona, Brindisi e Trieste che non sono più operative e di quelle Londra e Charleroi, operate da Ryanair, che torneranno insieme a tutti gli altri collegamenti nazionali ed internazionali di summer2023.

Significativo il coefficiente di riempimento medio dei voli Ryanair dell’81% circa. Nel dettaglio, Torino 85%, Roma e Bergamo 83%, Pisa 82% a seguire Bologna, Venezia (Treviso) e Malta.

Parola chiave: Trapani Birgi
Tag: 
snippet: L’aeroporto di Trapani Birgi Vincenzo Florio ha diffuso il dato di gennaio 2023 che registra un record rispetto agli anni precedenti. E’ boom

Leggi la notizia

Trasporti

Trasporto pubblico, 45 milioni ad aziende siciliane per rinnovo le flotte dei bus extraurbani

Marilu Giacalone

Pubblicato

il

Le aziende che svolgono servizio di trasporto pubblico extraurbano regionale e comunale in Sicilia potranno rinnovare le flotte di bus, con mezzi ibridi e a ridotto impatto ambientale, grazie al sostegno della Regione.
 
Il dipartimento regionale della Mobilità e dei trasporti ha emanato l’avviso per manifestazione di interesse in favore delle aziende di trasporto pubblico extraurbano regionale e comunale per l’assegnazione dei finanziamenti destinati all’acquisto di nuovi mezzi. Le risorse ammontano a quasi 45 milioni di euro a valere sul Pon “Infrastrutture e Reti 2014-2020”.
 
I nuovi autobus dovranno sostituire quelli di proprietà delle aziende da almeno cinque anni che siano stati immatricolati entro il 31 dicembre 2010 e abbiano una motorizzazione sino a Euro 5, a esclusione degli autobus Euro 0. I vecchi mezzi dovranno essere rottamati mentre la messa in strada dei nuovi veicoli dovrà avvenire entro il 30 settembre di quest’anno.
 
Il decreto firmato dal dirigente generale del dipartimento regionale della Mobilità e dei trasporti, Fulvio Bellomo, stabilisce le caratteristiche tecniche generali dei bus che le aziende potranno acquistare e il relativo prezzo e ne fissa le dotazioni minime: idonee attrezzature per l’accesso e il trasporto di persone a mobilità ridotta; conta-passeggeri; dispositivi per la localizzazione; predisposizione per la validazione elettronica; videosorveglianza e dispositivi di protezione del conducente; sistemi di areazione e climatizzazione; alimentazione a metano o ibrida. Ciascuna azienda potrà chiedere il finanziamento per l’acquisto di un massimo di 7 nuovi bus. Per partecipare alle procedure, le aziende dovranno inviare la documentazione all’assessorato regionale Infrastrutture, mobilità e trasporti entro le ore 13 del 15 febbraio 2023.
 
«L’obiettivo che la Regione persegue –  dice l’assessore alla Mobilità e ai trasporti, Alessandro Aricò – è quello di contribuire a ridurre l’età media del parco autobus circolante in Sicilia e migliorare la qualità e la sicurezza del servizio offerto, anche per disincentivare l’uso delle auto private. Così e anche attraverso la previsione di forme di alimentazione dei motori a basso impatto ambientale, possiamo dare un contributo concreto alla lotta all’inquinamento».

Leggi la notizia

Trasporti

Pantelleria, individuati al Porto posteggi per cicli e motocicli

Direttore

Pubblicato

il

PORTO DI PANTELLERIA
INDIVIDUATI POSTEGGI PER CICLI E MOTOCICLI.
L’ufficio Circondariale di Pantelleria ha accolto la richiesta di numerosi diportisti di individuare dei posteggi per cicli e motocicli nella zona del cd. Porto Vecchio sino ad oggi destinato esclusivamente ai mezzi pesanti prossimi all’imbarco o appena sbarcati dalla nave di linea.


Con la modifica al Regolamento del porto e della rada di Pantelleria e dell’Approdo di Scauri, eseguita in data 20 gennaio u.s., l’Autorità Marittima pantesca ha destinato in via esclusiva due porzioni del sedime portuale al posteggio di cicli e motocicli appartenenti ai titolari di unità da diporto ormeggiate nel bacino portuale.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza