Segui i nostri social

Personaggi

E’ morto Piero Angela il giornalista scientifico che faceva viaggiare all’interno del corpo umano

Direttore

Pubblicato

il

E’ stato uno dei più grandi scientifici di ogni tempo e ora Piero Angela all’età di 93 anni si è spento.

Lo annuncia il figlio Alberto sui social media con un saluto tenero, toccante e semplice “Buon viaggio papà”.

Il grande giornalista di viaggi ne ha fatti fare ai suoi affezionati spettatori, con i suoi straordinari documentari, nel mondo della scienza a partire dal corpo umano ai tuffi nella storia.

Il grande boom di seguaci lo ha ottenuto con la trasmissione Quark, negli anni ’80 e da lì le sue apparizioni in TV erano un appuntamento atteso dai più.

E’ stato autore di diversi libri:  Nel cosmo alla ricerca della vita (1980); La macchina per pensare (1983); Oceani (1991); La sfida del secolo (2006); Perché dobbiamo fare più figli (con L. Pinna, 2008); A cosa serve la politica? (2011); Dietro le quinte della Storia. La vita quotidiana attraverso il tempo (con A. Barbero, 2012); Viaggio dentro la mente: conoscere il cervello per tenerlo in forma (2014); Tredici miliardi di anni. Il romanzo dell’universo (2015); Gli occhi della Gioconda (2016). Nel 2017 ha pubblicato il libro autobiografico “Il mio lungo viaggio”. 

Disclaimer

Questo contenuto è proprietà intellettuale della Nous Editore srls, senza tacito consenso ne è vietata ogni riproduzione, totale e parziale di testi e immagini, anche in forma di link

Marina Cozzo è nata a Latina il 27 maggio 1967, per ovvietà logistico/sanitarie, da genitori provenienti da Pantelleria, contrada Khamma. Nel 2007 inizia il suo percorso di pubblicista presso la testata giornalistica cartacea L'Apriliano - direttore Adriano Panzironi, redattore Stefano Mengozzi. Nel 2014 le viene proposto di curarsi di Aprilia per Il Corriere della Città – direttore Maria Corrao, testata online e intraprende una collaborazione anche con Essere Donna Magazine – direttore Alga Madia. Il 27 gennaio 2017 l'iscrizione al Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti nel Lazio. Ma il sangue isolano audace ed energico caratterizza ogni sua iniziativa la induce nel 2018 ad aprire Il Giornale di Pantelleria.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Personaggi

Pantelleria, Chef Salvatore Bottaro domani a La7 in “L’ingrediente perfetto” di Maria Grazia Cucinotta

Direttore

Pubblicato

il

Domani mattina alle ore 11,00, il nostro Chef Salvatore Bottaro sarà nella trasmissione televisivo, condotta dalla bellissima attrice siciliana, Maria Grazia Cucinotta e che porta il titolo de “L’ingrediente perfetto“.

Il nostro grande cuoco, che gestisce Lo Scroscio (Hotel Cossyra – Mursia) e partecipa con Le Terrazze (Bue Marino) e Ristorante di Andrea (Gadir,) non è nuovo a partecipazioni sul piccolo schermo: infatti spesso lo si è visto, specie in Rai, con le sue pentole e padelle, portando i sapori di Pantelleria in TV con professionalità e simpatia.

Così, domani torna a presentare i suoi piatti nel format di La7, nella cucina della Cucinotta sulle rive del Tevere per mostrarci come, con un’attenta preparazione e la scelta degli ingredienti giusti anzi “perfetti”, si possano creare piatti semplici, gustosi e naturalmente sani.

Non mancheranno servizi e testimonianze sul territorio italiano alla ricerca della filiera di tutti quegli ingredienti che dal coltivatore arrivano nei mercati e nella nostre cucine e diventano prelibate ricette da condividere a tavola.

E allora domani non dimentichiamo questo appuntamento per conoscere quale sia l’ingrediente perfetto di Salvatore Bottaro e, così, carpire qualche suo segreto in cucina.

Leggi la notizia

Personaggi

Pantelleria, è morto Giuseppe Casano il Guardiano del Faro di Punta Spadillo. Il suo ricordo

Direttore

Pubblicato

il

E’ morto il 13 settembre, all’età di 77 anni, Giuseppe Casano, il Guardiano del Faro di Punta Spadillo.

Abbiamo parlato con la figlia Tiziana, per avere qualche notizia in più su quello che da molte persone veniva visto come un eroe delle favole.

Il Guardiano del Faro

Quando è iniziato il lavoro di suo padre come guardiano del faro? “Mio padre ha iniziato nel 1977,  all’età di 32 anni e ha concluso nel 2001.

A quell’epoca e fino all’automazione, il faro aveva una intensità differente e, non essendovi ancora il gps, si sapeva che il fascio arrivava a tot miglia dalla costa; così i naviganti sapevano a che distanza si trovavano dalla riva.

Ma l’accensione del faro come avveniva prima dell’automazione? L’automazione è sopraggiunta negli anni ’90; prima di questo momento era fatto a mano.  A quel tempo, l’ottica era prismatica. Il faro è unito a pesi da una corda. Saranno questi pesi a scandire la durata di illuminazione notturna. Quindi mio padre, tutte le sere, fino all’automazione, andava a tirare su la corda, per ricreare il ciclo di luce.

La vita al Faro

Lei e i suoi fratelli avete vissuto l’infanzia e la giovinezza lì, quindi per voi il Faro era casa? Si io avevo due anni, mio fratello 4 e mia sorella 7, quindi si assolutamente. In verità per me il faro è casa anche adesso che vivo a Milano. Veda, vivere in un faro è come vivere con una creatura mitologica: non si può scegliere lui, ma è lui che sceglie te.

Voi avete vissuto in un luogo pregno di storia, è così? Il Faro di Spadillo è nato durante la Prima Guerra Mondiale con una altezza di 25 metri. Durante la Seconda Guerra Mondiale, venne abbassato fino a 21 metri, dopo il primo bombardamento.
Tutte le postazioni strategiche di guerra erano lì. Immagini che dove si trova il museo vulcanologico, lì si trovava il dormitorio dei soldati. Di fronte c’era il lavatoio e  le pilette dove i militari lavavano i propri indumenti. Dove si trova, invece, l’area picnic i militari avevano realizzato un bocciodromo, dove in pratica mia madre aveva creato l’orto. Tutte le postazioni radio erano lì a Spadillo. Si immagini che la struttura davanti al faro era la caserma, su una roccia dell’edificio era scolpita l’aquila del fascio e una rosa dei venti.
Ma per noi vivere lì era un gioco continuo. 

Suo padre aveva tante passioni, ma per coltivarle, come faceva? Veniva semplicemente sostituito da mia madre. Lei era donna di casa e quindi era naturale gestire anche le dinamiche che si scaturivano al faro. Si immagini: durante la Guerra del Golfo, la zona era militarizzata a Spadillo. Lei preparava, spontaneamente, thermos di caffè per i militari e li lasciava sul davanzale della finestra. I soldati, poi lasciavano il thermos vuoto vicino ad una confezione di biscotti e una stecca di cioccolata.

Pino Casano, natio esattamente di Mueggen, era un appassionato di caccia sia su terra che in mare, ma era anche un grande raccoglitore di funghi. Un uomo infaticabile dalle tante passioni, come quella di intreccio dei panari, che eseguiva con divertimento e maestria, ormai sempre più desueta. Amava ballare ed era molto selettivo con le persone.

Con quel suo sguardo benevolo e il dolce sorriso è stato un piccolo grande eroe di Pantelleria e ai suoi meriti vanno gli onori come custode, insieme a sua moglie, di un pezzo di storia dell’isola, ma soprattutto come guardiano e protettore della sicurezza dei naviganti di solcare il nostro mare.

I funerali

I funerali, salvo condizioni meteo avverse, si svolgeranno domani mattina ore 9,30, presso la Chiesa San Francesco di Khamma.

La redazione

Le nostre più sentite condoglianze alla moglie e ai figli Maria Anna, Benedetto e Tiziana e a quanti ne piangeranno la scomparsa.

Leggi la notizia

Personaggi

Grande commozione al funerale della Regina, l’ultimo abbraccio di Londra a Elisabetta: chi è invitato e chi no

Redazione

Pubblicato

il

L’Abbazia di Westminster è in grado di accogliere fino a 2.200 persone. Tra i non invitati non solo la Russia
I funerali della regina Elisabetta II, lunedì prossimo, saranno le esequie più imponenti mai avvenute nel
Regno Unito da quelle, nel 1965, per Winston Churchill. Il Paese si fermerà perché è festa nazionale, uffici e
negozi chiusi, gli ospedali stanno già rimandando gli appuntamenti di routine. Si calcola che milioni di
persone si affolleranno lungo il Mall per assistere alla processione o guardare la cerimonia di commiato
dagli schermi allestiti nei parchi. L’ultimo addio alla sovrana verrà dato all’Abbazia di Westminster, che è in
grado di accogliere fino a 2.200 persone. È stato quindi necessario scegliere – in un mondo intero che
piange la scomparsa della sua regina – chi è ammesso a partecipare alla cerimonia e chi invece non ne
prenderà parte.
Chi parteciperà alla cerimonia funebre?
Oltre ai vari membri della Royal Family, a dare l’estremo saluto alla Regina Elisabetta ci saranno leader
mondiali, capi di Stato e vari dignitari. Ci saranno, tra i tanti politici, la premier neozelandese Jacinda
Ardern, l’australiano Anthony Albanese e il canadese Justin Trudeau così come il presidente della Germania
Frank-Walter Steinmeier, quello di Francia Emmanuel Macron, quello di Turchia Recep Tayyip Erdoğan e
l’italiano Sergio Mattarella. Dovrebbe essere assente, invece, il premier ucraino Volodymyr Zelensky. Il
Times ha svelato che i funzionari della Casa Bianca sono rimasti sorpresi quando Joe Biden ha annunciato di
voler partecipare ai funerali: quando erano morti re Giorgio VI e Winston Churchill nessun presidente
americano aveva preso parte alla solennità.
I dettagli sulla bara
La bara in cui riposa la Regina Elisabetta è in quercia inglese ed è stata realizzata per la sovrana più di 30
anni fa. Come riporta il Times l’identità del costruttore non è nota. La bara è molto pesante perché è
rivestita di piombo – scelta obbligata, visto che la monarca verrà sepoltà in una cripta e non a terra – ,
quindi sarà portata in processione da otto militari. Sul coperchio ci sono ganci in ottone per fissare la
corona dello Stato imperiale, il globo e lo scettro, vale a dire le regalie della sovrana.
Dove verrà sepolta la sovrana?
Al termine della cerimonia la bara viaggerà in processione dall’Abbazia di Westminster al Wellington Arch e,
poi, a seguire, verrà portata a Windsor. Una volta lì il carro funebre viaggerà in processione fino alla
Cappella di San Giorgio, all’interno del Castello di Windsor, attraverso la Long Walk, dove si svolgerà un
breve servizio di commiato. Lì la sovrana verrà sepolta, nello stesso luogo in cui già riposano i genitori, la
sorella Margaret e il principe Filippo.

Salvatore Battaglia
Presidente Accademia delle Prefi

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza

© 2021 Il Giornale di Pantelleria - Un prodotto Noùs Editore Srls | Progettazione sito: Ferrigno Web Agency