Segui i nostri social

Economia

Bonus per Famiglie: 3000 Euro a Sostegno dei Figli a Carico

Redazione

Pubblicato

-

In un periodo di crescenti difficoltà economiche e di incertezze, il governo italiano ha messo in atto una serie di misure volte a garantire un supporto tangibile alle famiglie italiane. Al centro di questa iniziativa vi è l’introduzione del bonus dipendenti di 3000 euro per i genitori con figli a carico. Una misura che, se correttamente applicata, ha il potenziale di offrire un sollievo significativo a molte famiglie in tutta la penisola.

Una risposta alle esigenze delle famiglie

Il tessuto sociale italiano è da sempre caratterizzato da una forte attenzione alla famiglia, intesa come nucleo centrale della società. Tuttavia, tra crisi energetica e inflazionaria, le sfide economiche degli ultimi anni hanno messo sotto pressione numerosi nuclei familiari, rendendo sempre più difficoltoso garantire un tenore di vita adeguato e affrontare le spese quotidiane. In risposta a questa situazione, il governo ha deciso di intervenire con una misura concreta: un bonus che può arrivare fino a 3000 euro per ciascun genitore lavoratore con figli a carico.

Se ciò non fosse abbastanza allettante, c’è un’ulteriore buona notizia: nel caso in cui entrambi i genitori lavorino e abbiano figli fiscalmente a loro carico, l’importo può raddoppiare, arrivando a un massimo di 6000 euro. 

I requisiti per ottenere il Bonus

Per accedere a questo beneficio, è necessario che i lavoratori dichiarino al proprio datore di lavoro l’intenzione di usufruirne, fornendo anche il codice fiscale del figlio a carico.
Ma non solo, è fondamentale che il reddito del figlio non superi i 2.840,51 euro, o 4.000 euro nel caso di giovani fino a 24 anni.

Come funziona il bonus e quali sono le agevolazioni?

La genesi di questo bonus trova le sue radici nel decreto lavoro, dove il governo ha sentito la necessità di offrire alle famiglie italiane uno strumento efficace per far fronte alle spese correnti e risparmiare. Ma come si traduce questa misura nella pratica?

Secondo quanto delineato dalla circolare dell’Agenzia delle Entrate, il bonus non rappresenta un trasferimento diretto di denaro. Piuttosto, viene erogato sotto forma di agevolazioni che possono essere applicate a specifici beni e servizi, come buoni spesa, buoni benzina e contributi per utenze domestiche come luce, gas e acqua. Questa scelta offre una doppia garanzia: da un lato, assicura che il bonus venga effettivamente utilizzato a sostegno della famiglia; dall’altro, evita eventuali abusi o utilizzi impropri.

Tuttavia, è fondamentale prestare attenzione a determinate restrizioni. Alcune voci di spesa, come le rette scolastiche e le vacanze studio, non rientrano nel perimetro del bonus. Di conseguenza, è essenziale che le famiglie si informino accuratamente prima di fare domanda, onde evitare disguidi o false aspettative.

Quando scade il bonus?

L’introduzione del bonus figli a carico rappresenta una chiara dimostrazione di come il governo stia cercando di rispondere alle crescenti esigenze delle famiglie italiane. Tuttavia, come per ogni misura di sostegno, è fondamentale avvicinarsi con un’attitudine proattiva e informativa. La scadenza del 31 dicembre per la richiesta del bonus invita tutte le famiglie interessate ad agire tempestivamente.

Al di là della pura dimensione economica, questa iniziativa può essere vista anche come un segnale di quanto le famiglie siano considerate una risorsa preziosa e centrale per il futuro dell’Italia. In un’epoca di rapidi cambiamenti e sfide inattese, avere una rete di sostegno solida e affidabile può fare la differenza. E in questo contesto, il bonus figli a carico potrebbe rappresentare un passo significativo nella giusta direzione.

Fonte: Studio ProntoBolletta

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Economia

Codici: bene la sanzione dell’Antitrust a Sei, ora rimborsi e risarcimenti per i consumatori

Redazione

Pubblicato

il

 

Dal luglio 2022 la società ha concluso contratti e attivato forniture non richieste in assenza della sottoscrizione o del consenso da parte del consumatore, peraltro richiedendo il pagamento di corrispettivi non dovuti. Sono le ragioni alla base della sanzione da 900mila euro che l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato a Servizio Energetico Italiano al termine di un procedimento a cui ha preso parte l’associazione Codici.

 

“Siamo intervenuti per dare voce ai consumatori – afferma Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – ed ora registriamo la multa dell’Antitrust per attivazioni non richieste di fornitura luce e gas. Naturalmente siamo soddisfatti, ma a nostro avviso non deve finire qui. Riscontrate le irregolarità, ora è necessario passare al rimborso ed al risarcimento dei consumatori”.

 

Come riportato nella nota diramata dall’Autorità, l’istruttoria ha permesso di accertare che, dal luglio 2022, la società ha concluso contratti e attivato forniture non richieste in assenza della sottoscrizione o del consenso da parte del consumatore, peraltro richiedendo il pagamento di corrispettivi non dovuti, in violazione degli articoli 20 e 26 lett. f in combinato disposto con l’articolo 66 quinquies del Codice del consumo. Servizio Energetico Italiano, inoltre, in alcuni casi non ha inviato o ha inviato tardivamente la documentazione contrattuale e ha imposto ostacoli all’esercizio del diritto di ripensamento, violando così gli articoli 20, 24 e 25 del Codice del consumo. Queste condotte scorrette hanno causato il mancato rispetto, a seguito dell’attivazione non richiesta di contratti di energia elettrica e gas, dell’obbligo di garantire ai consumatori sia il ripristino del contratto con il precedente fornitore, sia il diritto a rimanere indenni in relazione agli eventuali importi fatturati.

 

L’associazione Codici fornisce assistenza ai consumatori con problemi con la bolletta o con il contratto. È possibile richiedere chiarimenti telefonando al numero 065571996 o scrivendo all’indirizzo segreteria.sportello@codici.org.

Leggi la notizia

Economia

Pantelleria, entro 11 marzo domande per pazienti da ospitare in strutture extralberghiere nel trapanese

Direttore

Pubblicato

il

C’è tempo fino all’11 marzo per inoltrare la domanda di manifestazione di interesse.

Di seguito i dettagli e il documento da compilare


https://www.comunepantelleria.it/avviso-esplorativo-strutture-ricettive-extralberghiere/

Leggi la notizia

Economia

Ristori, Regione acquista agrumi siciliani da trasformare in succhi: avviso per i produttori

Redazione

Pubblicato

il

Presidenza della Regione
La Regione Siciliana comprerà sette milioni e mezzo di euro di agrumi da trasformare in succhi da destinare a scopi umanitari e di solidarietà sociale. La norma pensata per sostenere il comparto agrumicolo, prevista dalla legge finanziaria di quest’anno, entra nella fase operativa con la pubblicazione dell’avviso rivolto alle organizzazioni di produttori (O.p.), ai trasformatori di agrumi e ai singoli agrumicoltori. I produttori, per il conferimento alle industrie di trasformazione dovranno fare riferimento alle O.p che, a tale finalità, sono autorizzate ad acquistare il prodotto dai non soci.

Gli interessati devono essere in possesso, alla data di presentazione della domanda, delle seguenti condizioni di ammissibilità: essere iscritti al registro delle imprese della Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura (CCIAA); avere la sede operativa e legale nel territorio della Regione Siciliana; essere in regola con la certificazione antimafia. Ciascun prodotto e passaggio della filiera dovrà essere realizzato in Sicilia utilizzando solo ed esclusivamente materie prime prodotte sul territorio regionale. 

Le domande, dovranno essere inviate, entro il 22 febbraio 2024 all’indirizzo di posta elettronica dipartimento.agricoltura@certmail.regione.sicilia.it

Questo il link dell’avviso pubblicato sul sito del dipartimento dell’Agricoltura.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza