Segui i nostri social

Sanità

Asp di Trapani, concorso per assumere 50 collaboratori amministrativi

Direttore

Pubblicato

il

Già indetto nel 2019 per 10 posti, ma finora non è stata svolta alcuna attività selettiva. Ora una delibera del commissario straordinario aumenta i posti, modifica lo svolgimento delle prove e riapre i termini.

L’Asp di Trapani assume 50 collaboratori amministrativi professionali (categoria D). Il relativo concorso era stato già indetto a settembre del 2019 per 10 posti, ma finora non si è svolta alcuna attività selettiva. Una delibera di alcuni giorni fa a firma del commissario straordinario Paolo Zappalà (nella foto) e di cui ha avuto notizia Insanitas porta il totale appunto a 50 posti, dispone alcune modifiche nello svolgimento delle prove e riapre i termini.

 

Come partecipare

Le istanze di partecipazione potranno essere presentate entro il trentesimo giorno successivo alla data di pubblicazione, per estratto, dell’avviso di modifica del bando sulla GURI CONCORSI. Saranno considerate valide anche le oltre mille istanze già presentate alla scadenza del precedente bando oggi modificato, salva la possibilità di reiterare la domanda.

Nella valutazione del curriculum la Commissione avrà a disposizione anche l’assegnazione di un punteggio fino ad un massimo di 2 punti per valorizzare l’eventuale contributo, pure in diverso profilo professionale, profuso per fronteggiare l’emergenza COVID-19 per almeno 60 giorni continuativi. In particolare questi punteggi potranno essere assegnati per attività svolta a tempo pieno: da due mesi a 6 mesi punti 0,50- da sei mesi a dodici mesi punti 1 – da dodici mesi a diciotto mesi punti 1,50- da diciotto mesi in poi punti 2. Nel caso in cui l’attività sia stata svolta a tempo parziale i punteggi verranno ridotti proporzionalmente.

Lo svolgimento delle prove selettive viene così modificato rispetto al bando originario: – Eliminando la prova preselettiva e la prova pratica. – Disponendo che la prova scritta sia svolta esclusivamente mediante l’utilizzo dei sistemi informatici e digitali anche in sedi decentrate e anche con più sessioni consecutive non contestuali, assicurando la massima trasparenza e l’omogeneità delle prove somministrate in modo da garantire il medesimo grado di selettività tra tutti i partecipanti. – Qualora il concorso fosse espletato durante il periodo emergenziale, come deliberato dal Consiglio dei Ministri, l’Azienda si riserva la facoltà di espletare la sola prova scritta, dandone comunicazione ai candidati.

Per quanto attiene i requisiti generali e specifici di ammissione, le modalità di redazione della domanda, le riserve di legge, ed ogni altra prescrizione o notizia afferente al concorso, si rinvia al relativo bando, già pubblicato integralmente sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Sicilia-Serie Speciale Concorsi n.10 del 27/09/2019 e n.12 del 25/10/2019.

Disclaimer

Questo contenuto è proprietà intellettuale della Nous Editore srls, senza tacito consenso ne è vietata ogni riproduzione, totale e parziale di testi e immagini, anche in forma di link

Marina Cozzo è nata a Latina il 27 maggio 1967, per ovvietà logistico/sanitarie, da genitori provenienti da Pantelleria, contrada Khamma. Nel 2007 inizia il suo percorso di pubblicista presso la testata giornalistica cartacea L'Apriliano - direttore Adriano Panzironi, redattore Stefano Mengozzi. Nel 2014 le viene proposto di curarsi di Aprilia per Il Corriere della Città – direttore Maria Corrao, testata online e intraprende una collaborazione anche con Essere Donna Magazine – direttore Alga Madia. Il 27 gennaio 2017 l'iscrizione al Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti nel Lazio. Ma il sangue isolano audace ed energico caratterizza ogni sua iniziativa la induce nel 2018 ad aprire Il Giornale di Pantelleria.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sanità

Egadi, il Sindaco Forgione chiede potenziamento assistenza sanitaria

Matteo Ferrandes

Pubblicato

il

𝐄𝐦𝐞𝐫𝐠𝐞𝐧𝐳𝐚 𝐚𝐬𝐬𝐢𝐬𝐭𝐞𝐧𝐳𝐚 𝐬𝐚𝐧𝐢𝐭𝐚𝐫𝐢𝐚 𝐢𝐬𝐨𝐥𝐚 𝐝𝐢 𝐌𝐚𝐫𝐞𝐭𝐭𝐢𝐦𝐨
 L’Amministrazione comunale ha inviato una nota al commissario straordinario dell’’ Azienda Sanitaria Provinciale di #Trapani Vincenzo Spera, all’assessore alla Sanità della Regione Siciliana Ruggero Razza e al #Prefetto Filippina Cocuzza per ribadire le criticità sanitarie dell’isola di #Marettimo.

Come più volte segnalato, sia per iscritto che verbalmente, si chiede di ampliare il servizio del presidio, al momento con un solo medico e dal 15 ottobre senza infermiere. La cosiddetta “guardia medica turistica”, che prevede il raddoppio del medico, si è interrotta il 15 settembre, nonostante sull’isola di Marettimo si registra ancora una notevole presenza di turisti, amanti delle escursioni, del trekking e delle immersioni subacquee.
 Pertanto, 𝐢𝐥 𝐬𝐢𝐧𝐝𝐚𝐜𝐨 𝐅𝐨𝐫𝐠𝐢𝐨𝐧𝐞 𝐞 𝐢𝐥 𝐯𝐢𝐜𝐞𝐬𝐢𝐧𝐝𝐚𝐜𝐨 𝐕𝐚𝐜𝐜𝐚𝐫𝐨 𝐜𝐡𝐢𝐞𝐝𝐨𝐧𝐨 𝐢𝐥 𝐩𝐨𝐭𝐞𝐧𝐳𝐢𝐚𝐦𝐞𝐧𝐭𝐨 𝐝𝐞𝐥 𝐬𝐞𝐫𝐯𝐢𝐳𝐢𝐨 𝐬𝐚𝐧𝐢𝐭𝐚𝐫𝐢𝐨, 𝐪𝐮𝐚𝐧𝐭𝐨𝐦𝐞𝐧𝐨 𝐝𝐚 𝐦𝐚𝐫𝐳𝐨 𝐚𝐝 𝐨𝐭𝐭𝐨𝐛𝐫𝐞, 𝐚𝐭𝐭𝐫𝐚𝐯𝐞𝐫𝐬𝐨 𝐥𝐚 “𝐭𝐮𝐫𝐢𝐬𝐭𝐢𝐜𝐚”. Inoltre, una non secondaria richiesta, riguarda la 𝐩𝐫𝐞𝐬𝐞𝐧𝐳𝐚 𝐝𝐞𝐥𝐥’𝐢𝐧𝐟𝐞𝐫𝐦𝐢𝐞𝐫𝐞 𝐩𝐞𝐫 𝐭𝐮𝐭𝐭𝐨 𝐥’𝐚𝐧𝐧𝐨 per garantire un supporto all’unico medico che rimane sull’isola in servizio nel lungo periodo non coperto dal doppio medico.

 Con l’occasione, l’Amministrazione ha fatto anche presente che il sempre più frequente fenomeno di sbarchi di migranti provenienti dalle coste del Nord Africa rende più difficoltosa l’eventuale assistenza sanitaria di quanti arrivano in condizioni disperate.

Leggi la notizia

Sanità

Elezioni, Sanità – Diabete: in aumento complicanze come cecità e dialisi. Appello della Simdo ai candidati per potenziare assistenza ai pazienti

Redazione

Pubblicato

il

Provenzano: «Mettere sotto i riflettori delle nuove legislazioni nazionali e regionali, il contrasto della malattia sociale più importante e diffusa degli ultimi anni»

Aumento dei casi di cecità, delle dialisi, il ritorno del piede diabetico, insufficienza renale, anomalia nelle gravidanze con malformazioni tutte queste complicanze sono conseguenza delle lacune nell’assistenza ai malati negli ultimi anni in cui la priorità è stata la lotta al Covid. La SIMDO, Società italiana metabolismo, diabete, obesità, ha inviato una lettera al ministero della Salute, all’assessore alla Sanità della Regione Siciliana e ai candidati alle prossime elezioni regionali siciliane per rimettere al centro dell’agenda politica la questione e potenziare l’assistenza ai pazienti diabetici.

Il commento del presidente di Simdo, Vincenzo Provenzano

«La pandemia da Covid-19 e l’emergenza sanitaria che tutto il comparto medico ha vissuto e gestito in questi ultimi tre anni, – ha affermato il presidente di SIMDOVincenzo Provenzano – ha senza dubbio determinato gravi lacune all’assistenza dei pazienti diabetici, in particolar modo ai bambini e ai nuovi casi, con evidenti riflessi su quelle che sono le terribili complicanze del diabete stesso, determinando il ritorno del piede diabetico, all’aumento dei casi di cecità, all’aumento dei casi dialisi, insufficienza renale, anomalia nelle gravidanze con malformazioni etc.».

Le proposte di Simdo alla politica

L’appello della SIMDO, fautrice già di un documento con proposte per la buona salute del paziente diabetico inviato e presentato al Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR), è quello di ricostruire la Commissione nazionale e regionale del diabete, operante in stretta connessione con il ministero della Salute, per stilare soluzioni operative atte a risolvere il gap assistenziale creato in questi ultimi tre anni a causa dell’emergenza sanitaria.

La SIMDO inoltre, per sopperire alle lacune nell’assistenza dovute al Covid, propone di istituire da subito un programma nazionale e regionale di prevenzione al diabete e all’obesità, incrementando i fondi della digitalizzazione della cartella diabetologica italiana, per un Registro nazionale del diabete. E, ancora, di mettere in rete i centri, rafforzando la sanità territoriale in ambito diabetologico, con case di cura e ospedali di comunità, per integrare ospedali e territorio, con la compresenza medici di medicina generale, diabetologi, cardiologi, nefrologi, oculisti, associazioni di volontariato.

«Questo accorato appello della SIMDO – conclude Provenzano – nasce per mettere sotto i riflettori delle nuove legislazioni nazionali e regionali, il contrasto e la gestione più opportuna della malattia sociale più importante e più diffusa degli ultimi anni».

Leggi la notizia

Sanità

Gelato contaminato da cloroetanolo: scatta il richiamo del Ministero della Salute. Ecco quali lotti ritirati

Redazione

Pubblicato

il

Diversi lotti di un noto gelato sono stati richiamati dai supermercati italiani a causa della presenza di ossido di etilene, pericoloso per la salute dei consumatori

Il Ministero della Salute ha pubblicato in data odierna un avviso di richiamo per un noto marchio di gelato confezionato. Si tratta dei prodotti a marchio Haagen Dazs, richiamati perché nel corso di un controllo sono state trovate tracce di 2-cloroetanolo (ossido di etilene) nel gelato.

Con il nome di 2-cloroetanolo, o cloridrina etilenica, si indica un composto chimico che a temperatura ambiente si presenta come un liquido incolore, di odore etereo. Si tratta di una sostanza pericolosa per la salute, perché in grado di produrre gas tossici e corrosivi.

Ecco l’elenco di lotti e prodotti richiamati:

  • Caramel Attraction 4x95ml, scadenza 08/03/23
  • Favorite Selection 4x95ml, scadenza 08/03/23
  • Favorite Selection 4x95ml, scadenza 10/03/23
  • Favorite Selection 4x95ml, scadenza 22/03/23
  • Favorite Selection 4x95ml, scadenza 23/03/23
  • Favorite Selection 4x95ml, scadenza 25/03/23
  • Favorite Selection 4x95ml, scadenza 29/03/23
  • Favorite Selection 4x95ml, scadenza 07/04/23

Ai consumatori che abbiano già acquistato i prodotti di uno dei lotti indicati è richiesto di riconsegnare al punto vendita e non consumare.

Da Meteoweb.it

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza

© 2021 Il Giornale di Pantelleria - Un prodotto Noùs Editore Srls | Progettazione sito: Ferrigno Web Agency