Segui i nostri social

Agro Pontino

Aprilia, Grande successo per I Colori di Pantelleria. A giugno si replica – Video esilaranti

Avatar

Pubblicato

il

 

E’ stato un grande successo l’evento “I Colori di Pantelleria” che si è svolto ieri presso la Cooperativa de Le Ferriere e organizzato dall’Associazione I Giochi di una volta con il patrocinio de Il Giornale di Pantelleria.

La sala era gremita e tanto pubblico è rimasto in piedi e fuori del locale, pur di assistere alla manifestazione che portava la Figlia del Vento (come viene anche chiamata) ad essere ammirata sotto varie forme artistiche.
Una esposizione dei quadri ha affascinato e emozionato tutti i presenti lasciando molto soddisfatti gli autori, cioè: Caterina D’Aietti, Teresa D’Aietti, Katia Ferrandes, Anna Kappler, Dino Massarenti, Giuseppe Pavia, Simone Pinna e Aldo Zerilli.

Poi il divertimento assoluto si è avuto , che poi si sono divertiti con 3 piccoli sipari in vernacolo pantesco: “I capperi”, “La telefonata” e “Le comari”, con la Nuova Compagnia teatrale Le Cossyriane, composta da: Angela Belvisi, Caterina D’Aietti, Enza D’Aietti, Rosa D’Aietti, Annamaria Ferrandes e Angelina Valenza.
Tra modi di fare, soprannomi, e usanze, Pantelleria ieri è stata rappresentata in pieno con grande coinvolgimento di un pubblico che non ha mai smesso di ridere.
Tra i presenti anche l’attore Gianni Bernardo che si è complimentato pubblicamente per la realizzazione di uno spaccato dell’isola così curioso e simpatico.
E’ intervenuta anche la pubblica amministrazione di Aprilia, nella persona del Vicesindaco, Lanfranco Principi, che ha chiesto di replicare l’evento in occasione del gemellaggio Aprilia-Pantelleria.

L’idea di tutta la manifestazione, dedicata al Patrono di Pantelleria San Fortunato, è di Marina Cozzo e Caterina D’Aietti, che hanno curato rispettivamente la regia e la sceneggiatura e scenografia.
Esse hanno scelto quella location, in quella via Cossyra perché ivi risiede una piccolissima comunità di panteschi che ancora mantiene vive le tradizioni e il dialetto, che tanti tanti anni fa si è messa nella valigia e nel cuore, per non dimenticare le gloriose origini pantesche.

A giugno, si replicherà con grandi sorprese.

 

Video:

I proverbi di Pantelleria

 

I Capperi

 

La telefonata

 

Le comari

Marina Cozzo è nata a Latina il 27 maggio 1967, per ovvietà logistico/sanitarie, da genitori provenienti da Pantelleria, contrada Khamma. Nel 2007 inizia il suo percorso di pubblicista presso la testata giornalistica cartacea L'Apriliano - direttore Adriano Panzironi, redattore Stefano Mengozzi. Nel 2014 le viene proposto di curarsi di Aprilia per Il Corriere della Città – direttore Maria Corrao, testata online e intraprende una collaborazione anche con Essere Donna Magazine – direttore Alga Madia. Il 27 gennaio 2017 l'iscrizione al Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti nel Lazio. Ma il sangue isolano audace ed energico caratterizza ogni sua iniziativa la induce nel 2018 ad aprire Il Giornale di Pantelleria.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Agro Pontino

Approvato il gemellaggio Aprilia-Pantelleria, idea di Marina Cozzo e supportato dall’Assessore Fanucci

Giuliana Raffaelli

Pubblicato

il

Si è tenuto ieri mattina il Consiglio Comunale di Aprilia durante il quale si è votato a favore del gemellaggio tra la città di Aprilia e l’isola di Pantelleria.

L’idea e l’iniziativa hanno origine nel 2013, da Marina Cozzo e dal suo compianto papà l’Avvocato Giovanni Cozzo.

Le motivazioni di una proposta simile, inoltrata reiteratamente dalla giornalista all’amministrazione comunale di Aprilia, è per la moltitudine di panteschi presenti nel territorio cittadino.

Essi giungevano nell’Agro Pontino negli anni 50/60 o direttamente dall’isola o dopo un passaggio in Tunisia. Ivi, con la loro creatività, ingegno e capacità di adattamento e di trasformare in ricchezza qualsiasi cosa toccassero (tipici degli isolani) e acquisirono la coltura della vite a filare. I panteschi sono noti viticoltori, arte che meglio conoscono e l’hanno introdotta nelle campagne apriliane e non solo, cambiando la vocazione economica di tutto il territorio: da latifondi dediti agli allevamenti di bovini, a immensi vigneti a filare. Realizzarono la prima cantina della città: l’Enotria, di cui ancora persistono i ruderi.

La presenza dei panteschi nel territorio e nell’economia apriliana è stata incisiva, importante e vitale”, dichiara con orgoglio e fermezza Marina Cozzo. “Mi sono intestardita negli anni a reiterare la mia proposta di gemellaggio, dopo aver creato anche un comitato e una raccolta di firme dei panteschi ad Aprilia, e in questa città è stata accolta, sia dal Sindaco Antonio Terra, ma anche dal suo vice Lanfranco Principi, dal consigliere Federico Cola e ora dal neo eletto assessore Gianluca Fanucci, il quale al suo fianco vanta uno splendido esemplare di donna pantesca: sua moglie Caterina.”

“Spero di riuscire a coinvolgere il famoso attore di teatro Gianni Bernardo, che non perde occasione, nei suoi percorsi teatrali e cantautorali, di radicare la cultura pantesca tra gli apriliani e non solo.”

Abbiamo raccolto le dichiarazioni dell’assessore alla Cultura e Spettacolo: “Si conclude finalmente il percorso amministrativo del gemellaggio con Pantelleria, una proposta che  viene dal lontano 2013 dalla nostra concittadina Marina Cozzo, originaria di Pantelleria. Un gemellaggio che è stato accolto nei vari passaggi amministrative nelle varie commissioni perché in Aprilia vi sono tante persone di origine pantesca. Inoltre desidero esprimere tutta la mia vicinanza alla comunità pantesca per tutti gli eventi che si sono abbattuti sull’isola portando morte e danni irreparabili alle cose.”

Anche il Sindaco Antonio Terra, avallando il progetto, ha manifestato il cordoglio verso le vittime della Tromba d’aria e si è messo a disposizione per aiutare economicamente attraverso un contributo.

Giuliana Raffaelli

Leggi la notizia

Agro Pontino

Grande partecipazione al Carnevale Cossyriano 2020. Pantelleria regina dell’Agro Pontino – Video e foto

Avatar

Pubblicato

il

C’è stata una grande partecipazione, ieri in Via Cossyra, durante la sfilata dei carri e gruppi mascherati in occasione del Carnevale Cossyriano 2020.

La manifestazione è stata organizzata e ideata dall’Associazione I Giochi di una volta, che ha improntato i temi dei cortei sull’ambiente, la fantasia, l’integrazione e, naturalmente, sulla passione per Pantelleria.

I carri sono stati tutti realizzati dai soci della compagine di Loc. Le Ferriere e il coinvolgimento dei bambini delle scuole dell’infanzia ha portato quella nota di dolcezza e freschezza che a Carnevale è di rigore.

Il corteo ha percorso i 900 metri di Via Cossyra-Via della Cooperativa, per poi tornare indietro fino al circolo.

Ivi un ricco buffet è stato offerto a tutti i partecipanti e ai visitatori esterni, con intrattenimento di musica, divertimento e socialità.

Gli abiti del gruppo delle Cossyriane è stato realizzato tutto dalle mani fatate di alcune sarte volontarie dell’associazione.

Mentre gli abiti delle indiane, sono stati messi a disposizione dalle amiche straniere e naturalizzate sempre della via.

La sera precedente, secondo l’usanza pantesca, dopo la cena, gli abitanti della Little Pantelleria si sono riversati in pista da ballo per scatenarsi in valzer, marzurke e tanta voglia di fare festa.

 

 

 

Non è mancato il teatrino di gioco della morra:

 

 

Insomma la Little Pantelleria dell’Agro Pontino è sempre attiva, creativa e desiderosa di fare, ma sopratutto di dare momenti di spensieratezza e allegria tutta pantesca.

 

 

 

Leggi la notizia

Agro Pontino

I panteschi dell’Agro Pontino tutti riuniti alle esequie di Pino U’ Bollo. Pantelleria partecipa anche da lontano

Avatar

Pubblicato

il

Grande partecipazione di panteschi ai funerali di Giuseppe Rizzo, detto Pino U’ Bollo.

La triste cerimonia si è celebrata in queste ore nella chiesa di Borgo Bainsizza, nel territorio di Latina.

Tanta gente locale ma anche tante persone originarie di Pantelleria hanno voluto dare l’ultimo, affettuosi e sentito saluto ad un personaggio come U’ Bollo.

Scomparso all’età di 75 anni, il nostro compaesano aveva conquistato tutta la provincia di Latina con la sua simpatia e generosità.

La moglie Adriana è visibilmente provata e attonita del rinnovato dolore immenso che la vita le ha dato.

Ma altrettanta costernazione si legge negli occhi del cognato Armando, delle cognate e tutta la moltitudine di persone che si sono ritrovate a questo inatteso appuntamento.

Pino era giunto in quel di Bainsizza negli anni ’70.

La zona era colonia di panteschi e lui, infaticabile lavoratore, nella borgata pontina aveva seminato umanità, senso del dovere e spirito di condivisione.

Senza mai dimenticare la sua isola e i suoi paesani cui si dava incondizionatamente.

 

 

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza

© 2021 Il Giornale di Pantelleria - Un prodotto Noùs Editore Srls | Progettazione sito: Ferrigno Web Agency