Segui i nostri social

Lavoro

Anna D’Ancona Bonì era una straordinaria insegnante di Pantelleria. Una ex alunna, Elisa Silvia, la racconta

Direttore

Pubblicato

-

Fabrizia Bonì, figlia della maestra Anna, quest’oggi ha pubblicato una lettera che una allieva ha dedicato, manifestando tutto il suo grande amore e la sua stima per l’insegnante di Pantelleria.

“Condivido questa lettera – recita Fabrizia – dedicata a mia madre.

Elisa Silvia ti sono grata per questo regalo che hai reso pubblico.”

Ad Anna Bonì.

Scrivo di te solo oggi perché ho avuto bisogno di tempo. Tempo per fare ordine nelle mie emozioni, nella mia testa. In un istante ho rivissuto gli anni trascorsi ad ascoltarti, a respirare il tuo profumo, incantata dalle tue parole, dai tuoi racconti, ipnotizzata dai tuoi gesti che come riti sacri ripetevi pedissequamente ogni giorno: il tacco lasciava il posto a delle babbucce in seta ricamate, la tazzina a destra della cattedra, le calze di ricambio nella borsa, la mela per spuntino ed infine l’immancabile ritocco al makeup fatto di matita, rossetto e gloss rigorosamente rosso lacca.

Sono stata la tua ultima allieva (complice una “S” come iniziale che mi portava in fondo all’elenco!)Con te ogni momento era destinato all’apprendimento (l’attesa dei ritardatari si trasformava in una gara di verbi o tabelline!). Hai accolto una bimba timida, impaurita (Chi l’avrebbe mai detto!!), che arrossiva e si nascondeva dietro la schiena di sua madre ogniqualvolta le si rivolgeva la parola in una donna determinata, capace di affrontare la vita, di cadere e di rialzarsi con dignità, fierezza, orgoglio della bambina di ieri e della donna che oggi sono diventata.

Mi hai fatto innamorare della letteratura, della storia, della matematica, anche se la bambina di 6 anni non sempre capiva la ragione delle tue scelte didattiche. ci hai insegnato il senso critico e lo spirito di osservazione. Hai consegnato ai nostri genitori piccole donne e piccoli uomini ognuno con un proprio pensiero, una propria spiccata personalità. da diamanti grezzi ci hai trasformati in splendide pietre preziose incastonate in gioielli unici e irripetibili.

Mi hai presa per mano. mi hai infuso fiducia e autostima. Mi hai insegnato a credere in me stessa, nelle mie capacità e hai tirato fuori, valorizzandola e trasformandola in un pregio, la mia testardaggine. Mi hai insegnato a lottare per raggiungere gli obiettivi.

Hai fatto emergere il meglio di me, il meglio di noi. i miei successi, le mie piccole soddisfazioni sono stati anche grazie a te: se non ci fossi stata tu a darmi solide basi avrei vacillato. mi hai fatto innamorare ancor di più dei libri, della lettura in ogni sua forma, del sapere, “perchè se conoscete nessuno potrà mai prendervi in giro” ci dicevi. Forse non ti ho, non ti abbiamo persa.

L’inizio di questo tuo nuovo “ciclo” ci ha riportato alla memoria la fierezza e l’orgoglio di essere donne, madri, lavoratrici che devono nutrire ed esigere da chiunque un profondo rispetto verso se stesse.

Ciao Maestra!

Se vi siete perso la notizia: Pantelleria, Anna D’Ancona Bonì si è spenta all’età di 85 anni. La maestra lascia un vuoto in tutti

Marina Cozzo è nata a Latina il 27 maggio 1967, per ovvietà logistico/sanitarie, da genitori provenienti da Pantelleria, contrada Khamma. Nel 2007 inizia il suo percorso di pubblicista presso la testata giornalistica cartacea L'Apriliano - direttore Adriano Panzironi, redattore Stefano Mengozzi. Nel 2014 le viene proposto di curarsi di Aprilia per Il Corriere della Città – direttore Maria Corrao, testata online e intraprende una collaborazione anche con Essere Donna Magazine – direttore Alga Madia. Il 27 gennaio 2017 l'iscrizione al Consiglio dell'Ordine dei Giornalisti nel Lazio. Ma il sangue isolano audace ed energico caratterizza ogni sua iniziativa la induce nel 2018 ad aprire Il Giornale di Pantelleria.

Pubblicità
Clicca per commentare

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Lavoro

GIOVANNI GIARRIZZO NUOVO SEGRETARIO FAI CISL AG CL

Redazione

Pubblicato

il

“Ringrazio l’organizzazione per la fiducia ricevuta. Punterò al lavoro
di squadra nell’interesse dei lavoratori e delle lavoratrici attivi nei
settori di nostra competenza e dove siamo ben presenti”. Hind

Farah entra nella nuova segreteria.

Giovanni Giarrizzo è il nuovo Segretario Generale Fai-Cisl Agrigento Caltanissetta Enna. Lo ha decretato il
voto del Direttivo territoriale della Federazione agroalimentare cislina riunitosi a Pergusa. Perito agrario e capolega
sindacale, Giovanni Giarrizzo, 37 anni, ha maturato esperienze anche come collaboratore della Cisl territoriale in qualità
di esperto del settore primario. Farà parte della rinnovata segreteria Hind Farah, sindacalista di origini marocchine che
ha operato nell’Anolf di Caltanissetta. “Ringrazio l’organizzazione per la fiducia ricevuta – ha detto Giarrizzo – punterò al
lavoro di squadra nell’interesse dei lavoratori e delle lavoratrici di tutti i settori di nostra competenza, ben presenti nei
nostri territori. A breve completeremo la segreteria con un altro componente che verrà fuori dalla prossima fase
congressuale”.
Giovanni Giarrizzo subentra a Carmelo Cimino, prossimo al pensionamento, che ha detto: “Sono fiero del
ricambio generazionale che abbiamo innescato. Fattore necessario per continuare a crescere e radicarsi nel territorio”.
Ai lavori del Direttivo è intervenuta anche la Segretaria Generale Cisl Agrigento Caltanissetta Enna Carmela
Petralia, per la quale “Ci sono tante sfide da affrontare con il dovuto protagonismo del sindacato, a cominciare dalla
lotta al caporalato e dalle problematiche tipiche delle aree interne, le cui emergenze sono: deserto industriale e
produttivo, eccessivo consumo di suolo, dissesto idrogeologico, emigrazione giovanile. Sono certa che l’impegno e il
contributo della Fai sarà fondamentale per superare queste criticità”.
Adolfo Scotti, Segretario Generale di Fai-Cisl Sicilia ha dichiarato: “Il nostro compito è anzitutto contrattare per
migliorare la vita dei lavoratori e delle loro famiglie: alla politica regionale chiediamo di affrontare assieme una serie di
priorità, penso ad esempio alla sicurezza, alla legalità, ma anche al rilancio dei consorzi di bonifica, indebitati per 150
milioni e alla riforma forestale che costerà 48 milioni senza rispondere alle aspettative dei nostri forestali”.
I lavori sono stati coordinati dal Segretario Generale Fai-Cisl nazionale, Onofrio Rota, che nel ringraziare
Carmelo Cimino per il lavoro svolto in questi anni, ha così concluso: “Va rilanciato il ruolo del sindacato in questo
territorio complesso, con una notevole vocazione agricola, sprovvisto però di infrastrutture strategiche e servizi. Molta la
miopia politica che purtroppo riscontriamo anche nel resto d’Italia: in agricoltura, così come nel lavoro ambientale,
manca il ricambio generazionale e mancano i finanziamenti strutturali. Nelle nostre città il lavoro delle ‘tute verdi’ sarà
sempre più strategico per la sovranità alimentare, la tutela del territorio e la crescita sostenibile del Paese. Duole notare
che, dopo aver abbandonato una vera politica dei boschi, importiamo oltre l’80% del legno e non sviluppiamo
adeguatamente le filiere connesse all’agroalimentare e al lavoro della bonifica e della forestazione. Il nostro ruolo non si
esaurisce però con la denuncia, come sindacato abbiamo l’obbligo di avanzare proposte per innalzare la qualità degli
interventi pubblici e guidare le azioni delle imprese verso la massima responsabilità sociale”.

Leggi la notizia

Lavoro

Marina Militare recluta allievi marescialli. Ecco come partecipare

Direttore

Pubblicato

il

Ancora pochi giorni per partecipare al concorso per il reclutamento di 191 Allievi Marescialli, con 21 posti riservati al Corpo delle Capitanerie di Porto – #GuardiaCostiera 🌊⚓

🔎Presenta la tua domanda entro il 24 maggio 👇🏻
https://concorsi.difesa.it/mm/allievimarescialli/2024/Pagine/home.aspx

Leggi la notizia

Lavoro

Lavoro, incontro tra assessore Albano e sindacati: si punta a tavolo per sicurezza

Redazione

Pubblicato

il

Presidenza della Regione
Istituire un tavolo permanente per la tutela della salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro. Questo l’obiettivo fissato nel corso di un primo incontro che si è tenuto tra l’assessore regionale al Lavoro, Nuccia Albano, e Cgil, Cisl, Uil e Ugl. Il tavolo vedrà la partecipazione delle organizzazioni sindacali e datoriali, dei vertici dell’Inps e dell’Ispettorato nazionale del lavoro insieme con i rappresentanti degli altri assessorati competenti. L’assessore trasferirà al presidente della Regione quanto emerso dalla riunione e le necessità improrogabili di un intervento sinergico tra tutti gli attori per istituire il tavolo permanente e fissare subito i primi incontri.

Leggi la notizia

Seguici su Facebook!

Cronaca

Cultura

Politica

Meteo

In tendenza